i racconti erotici di desiderya

Tutto è cominciato con un sms.....

Autore: Siryus
Giudizio:
Letture: 1432
Commenti: 7
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Rientro in casa, sono stanca, annoiata, tesa. Oggi in ufficio sembrava che tutte le rogne e seccature finivano per incontrare me, manco avessi una calamita. Sono scocciata, mangio qualche cosa senza nessuna fame o voglia, decido di immergermi nella vasca per un bagno assolutamente rilassante. Entro in bagno nuda, mi ammiro allo specchio. Alta uno e ottanta, capelli e occhi chiari, seno terza piena, sedere alto e sodo, bocca piccola, e labbra sottili, avrò quaranta anni fra cinque giorni e guardandomi non mi trovo niente male. Sono sposata con Piero da vent'anni, due maschi, ormai avviati nel mondo del lavoro e credo che l'unica cosa che non mi piace del mio corpo è quel dannato filo di pancia che non riesco a buttare giù, anche se mio marito la reputa molto sexy, io la odio. Il nostro rapporto è buono, siamo una normalissima coppia come ce ne sono tante, lavoriamo entrambi, lui tutto il giorno, io solo al mattino. Recentemente ha ottenuto una meritata promozione che per ora gli ha aumentato oltre lo stipendio, anche responsabilità, rogne e stress. Quando torna la sera è sempre stanco, teso e poco incline al sesso. Già, il sesso. Da circa due mesi, non abbiamo quasi più una vita sessuale appagante. Certo, io non mi lamento, fra noi non è che abbiamo mai fatto cose tremende, ma di solito le due o tre scopate settimanali c'erano sempre.

“Paola, amore, abbi pazienza, appena ho preso il via come dirigente vedrai che le cose miglioreranno.” - mi dice lui per tenermi buona.

Intanto mentalmente faccio due conti e realizzo che l'ultima scopata, appena decente risale a circa dodici giorni fa. Mi distendo nella vasca con l'acqua calda e profumata, sento il desiderio di toccarmi, improvvisamente suona il cellulare, è lui che mi chiede cosa faccio e come stò. Gli rispondo e poi vengo a sapere che, tanto per cambiare, questa sera, per scaricarsi un poco va a giocare a tennis con un suo amico. Chiudo ancora più depressa, mi distendo e sento dentro di me una profonda tristezza, vorrei piangere. Improvvisamente il bip del cellulare posto sul ripiano di marmo al lato della vasca mi comunica che ho ricevuto un sms. Resto per un istante immobile, poi lo leggo.

“ ciao bellissima.”

Guardo il numero, non è fra i miei contatti, assolutamente sconosciuto.

“chi sei?” - chiedo incuriosita.

Passano alcuni istanti e ricevo la risposta.

“Sono un maschio che vorrebbe abbracciarti da dietro, appoggiare il suo sesso duro e voglioso fra i tuoi splendidi glutei, mentre con le mani accarezzare il tuo meraviglioso seno baciandoti il collo dietro la nuca.”

Scatto seduta, nella vasca, cerco di capire chi mi sta facendo questo scherzo, ma non ne vengo a capo di nulla, mi distendo e penso alla proposta che mi ha fatto. Sento il ventre illanguidirsi all'idea di due mani che mi toccano, un prurito mi prende fra le cosce. Rifletto, poi lo chiamo. Una voce assolutamente anonima, mi risponde, non lo conosco, ma mi ipnotizza con il tono della voce, calda sensuale, simpatica. Mi dice che vorrebbe essere con me, mi farebbe impazzire di piacere, io cerco di capire se sta dicendo tutto questo per prendermi in giro, confusa decido di interrompere la telefonata, allora lui mi manda una foto. Un cazzo duro, con la sborra che cola dalla punta, e allegato l'ennesimo sms.

“ domani pomeriggio, parcheggio della Città Mercato ore sedici e questa meraviglia sarà tua.”

Guardo quel palo di carne, lo confronto mentalmente con l'unico che conosco, quello di Piero. Ne deriva che questo in foto è decisamente più grosso, sia come lunghezza che circonferenza. Mi allungo una mano fra le gambe, guardo la foto, e mi regalo, con due dita dentro la passera, un momento di piacere che calma solo apparentemente il mio desiderio. Guardo ancora quel palo, poi cancello tutto e mi dedico alla cena. L'indomani la lavoro sono tesa, nervosa, guardo insistentemente l'orologio, sembra che il tempo non passi mai. Dentro di me ho preso la decisione di non andare all'appuntamento. Mi reputo una donna morigerata, seria, e fedele. Certo in questo momento ho dei problemi, ma una scappatella non mi sembra la cosa giusta anche nei confronti di Piero che sicuramente si sta impegnando per darmi sempre di più. Quando rientro in casa sono l'indecisione fatta donna. Alla fine decido di andare a vedere chi sia questo tipo. Una doccia veloce, e nuda entro in camera, qui l'atroce dilemma: come mi vesto? Pantaloni, no, meglio una gonna, ma no, sembrerò troppo disponibile, meglio pantaloni. Bianchi o neri?, bianchi no, troppo trasparenti, ma neri sono troppo sexy, accidenti!!! Alla fine giungo al compromesso che tanto non mi faccio vedere dal lui, quindi gonna al ginocchio, con piccolo spacco dietro, camicetta bianca e stivaletti assolutamente comodi. Alla fine sono in ritardo quando entro nel parcheggio. Mi fermo e subito un sms mi dice di andare verso il grosso lampione posto in fondo, quello che ha la pubblicità di un noto profumo. Mi guardo intorno, sono irritata e stupita dal fatto che conosce sicuramente la mia auto, mentre io non so nulla di lui. Mi avvicino al posto indicato e vedo solo un grosso SUV. Non mi vorrei avvicinare, ma non riesco a vedere nulla. Alla fine mi avvicino e lui apre il finestrino. Dalla sua posizione più elevata rispetto a me mi vede benissimo, mentre io vedo solo parzialmente il suo viso.

“ Mi chiamo Mario, dai sali.” - mi dice con tono sicuro.

Senza riflettere salgo con lui. Subito parte mentre io lo guardo lui guida sicuro verso la tangenziale. Alto, moro spalle larghe sicuramente un fisico ben curato, mani grosse e curate. Poco dopo siamo davanti ad un motel, lui parcheggia e m'invita ad entrare, come un automa lo seguo senza dire nulla. Mi stupisco della mia totale passività. Appena dentro lo sento abbracciami da dietro. Sento il grasso bozzo premere fra le natiche, mi bacia sul collo e io che ho debole per essere baciata lì mi sento le gambe molli, lo lascio fare. Mi spoglia senza che io opponga nessuna resistenza, mi gira e mi fa sedere sul letto apre le cosce e si inginocchia ai miei piedi. La sua bocca inizia a baciarmi dappertutto. Scorre lungo le cosce, lo vorrei sul sesso, ma lui indugia, io mi tendo in attesa del piacere che lui mi darà leccandomi la passera, ma lui ritarda e io lo imploro.

“ dai.. ti pregooo..... ssiiiiii.....”

Improvvisamente la sua bocca si incolla al mio bottoncino, mi fa impazzire. Tremo scossa da una vera ondata di piacere, urlo e vengo stupita della facilità con cui ho goduto. Per un momento la mia mente riesce ad essere raziona. Che sto facendo? Io? Una madre di famiglia?, una moglie fedele? Ma poi le sue mani mia accarezzano il seno e il desiderio a lungo represso ha il sopravvento, mi abbandono al piacere che lui mi sta dando in maniera divina. Mentre mi lecca si spoglia, io distesa con gli occhi chiusi non me ne ero quasi accorta. Improvvisamente sale sul letto mi giro e trovo davanti a me quel meraviglioso palo che dal vivo è molto più bello e mi invita a succhiarlo. Apro al massimo la bocca e a mala pena riesco a far entrare il glande, bello duro, lo lecco con impegno.

“....ssiii brava leccalo che poi te lo pianto dentro.” - mi dice mentre allunga una mano e mi infila due dita dentro.

Godo, mi tortura il bottoncino e io godo urlano con il suo cazzo ben piantato in bocca.

,,,veeengguuuuhhmhuhuummmm.........

Sono sconvolta! Termo scossa da brividi di piacere così intenso che mi sembra un sogno. Lui mi distende supina poi sale su di me. Il suo massiccio corpo sovrasta il mio, lo sento appoggiare il glande fra le fradicie labbra della mia passera poi con un colpo secco entra!

“....aaaahhhhhhh...sssiiiii........godoooooooo!!!!”.......

Lo sento sbattere con forza in fondo, mi procura un misto di piacere/dolore che mi sconvolge procurandomi un inatteso orgasmo. Resto stupita della facilità con cui mi fa godere, mai prima nessuno c'era riuscito. Mi rilasso, decisa a godermela al massimo.

“... ti pace è puttana?...lo sapevo che dentro di te c'era una troia nascosta che non aspettava altro che di essere portata allo scoperto.... godi, dai che oggi ti faccio impazzire”......

Le sue parole mi eccitano, tremo al solo pensiero che quello che dice sia la verità. Inconsciamente forse questo è quello che volevo. Ma in passato nulla a lasciato intendere che volevo essere trattata da puttana, e ora ne godo moltissimo. La mia vita è stata sempre dentro certi canoni di assoluta normalità, mi stupivo quando sentivo parlare delle colleghe che tradivano i mariti, e ora io sono qui a farmi sbattere come l'ultima delle puttane. Mi pompa con assoluta maestria godo e perdo il conto di quante volta gli ho gridato vengo.

“... guardati puttana, guarda nello specchio, ecco il viso di una troia come te che gode, dai urla che mi ecciti di più, dai vieni che poi ti sfondo anche il culo”......

Mi cambia posizione, ora sono sopra di lui, mi fa girare volgendogli le spalle, così posso vedere la mia faccia allo specchio, devo ammettere con me stessa che vedermi riflessa mi fa godere ancora di più. Sfinita mi distendo in avanti, lui mi mette in una nuova posizione e con il culo in alto lo sento lubrificarmi la rondellina dietro. Sono un poco tesa, lui mi da una sono sculacciata.

“... rilassati troia!! … lascia che ti apro il culo, dai che ti faccio un bel servizietto anche qui!!.....”

Lo lascio fare, mi infila due dita dentro e mi sento aprire con dolcezza ma anche con decisione. Sputa delle saliva ancora sul buchetto poi mi distende di lato, mi solleva una gamba e appoggia la durissima cappella alla rondella. Mi prende la mia mano e la mette davanti sopra il mio clitoride duro e gonfio.

“..rilassati, metti due dita dentro e toccati, dai che ti faccio impazzire”....

Mi masturbo lentamente quando all'improvviso lo sento spingere con forza. Mi pianta dentro metà del durissimo cazzo che mi sembra mi stia dividendo in due.

….””hhhhaaaiiiii....pianooo..lo uso pochissimooo.....aaaaahhhhhh...”

“ ..rilassati e toccati, vedrai che ti piacerà, devi solo avere ancora un attimo di pazienza.”...

Detto ciò mi spinge tutto dentro il suo spadone. Lo sento aderire al mio corpo, sento il culo aprirsi e il dolore lentamente scemare. Prima si muove piano, poi sempre più forte, il piacere mi sommerge.

….” aaaahhhhh.....ssiiiiii.....daiiiiiii........ssiiiiii...belllooooo....spingiiiiiii......godooooo....”

mi sbatte con colpi durissimi. Sento tutto il mio corpo scuotersi sotto la sue spinte, godo e mi fa impazzire, sento che non ragiono più, sono completamente stravolta. Mi afferra per i capelli, mi costringe a girarmi di nuovo verso lo specchio.

“..guardati vacca!!.... guarda come godi nel culo..sei una troia rotta in culo..sfondata!!...sei una puttana!!!..dai gridalo..dimmi che sei la mia puttana!!!”.....

Mi guardo e convengo che a dannatamente ragione.

“....ssiiii..sfondami...si sono la tau puttanaa!! troiaaa!!..ma spaccami..fammi godereee..ssiiii....”

Sono sconvolta dal piacere, in preda a una frenesia erotica sragiono, non riesco più a capire nulla se non il fatto che stò veramente godendo. Mi sbatte ancora un poco poi si sfila, mi mette in ginocchio e mi appoggia la cappella alle labbra.

“... apri la bocca troia!! apri bene quella fogna di gola che ci voglio borrare dentro...”

Si sega velocemente poi all'improvviso in fiume di schizzi mi ricopre tutto il viso, i capelli e in parte mi riempe la bocca. Finito lo ripulisco per bene, poi stremata mi distendo sul letto. Lo guardo estasiata, lui mi dice di rivestirsi, è ora di andarcene, guardo l'orologio, mi ha scopato per più di due ore! Il giorno dopo mi manda un sms, per sapere come sto. Gli rispondo che sono meravigliosamente a pezzi. Lui mi dici di recuperare in fretta, mi vuole ancora. Due giorni dopo ci ritroviamo ancora insieme, mi sconvolge di piacere, mi scopa come un toro scatenato, mi fa impazzire. Dentro di me prende forma una specie di totale sottomissione a questo maschio che mi fa godere, lo accontento in tutti i modi, mi masturbo nel bagno dell'ufficio e gli mando la foto delle mie dita sporche del mio piacere, mi fa girare senza intimo, mi ha fatto pure esibirmi con la fica al vento dentro un bar dove almeno cinque persone si sono rese conto che non avevo le mutandine. In cinque giorni mi ha trasformato in una vacca da letto come mi definisce lui. Viene il giorno del mio compleanno. Tutti mi fanno gli auguri, pure lui, lo vorrei vedere, ma credo che mio marito mi abbia preparato una festa a sorpresa. Nel tardo pomeriggio, mentre mi sto preparando per la cena, Piero mi chiama, e mi dice che andrà a giocare a tennis. Lo ascolto furiosa, quello stronzo si è dimenticato del mio compleanno! Decido di vendicarmi. Mando un sms a Mario, dicendogli che ho la serata libera. Dopo cinque minuti mi chiama, mi dice di vestirmi da troia che mi ha preparato una bella sorpresa. Un ora dopo entriamo dentro la solito stanza del motel che poi è diventato la nostra alcova. Mi spoglia, e rimasta solo con delle bellissime autoreggenti lui fa una cosa che non mi aspettavo: mi benda! Poi mi fa inginocchiare sul letto, per un lungo momento nella stanza regna il più assoluto silenzio. Improvvisamente trasalisco quando una calda lingua mi lecca da dietro.

“... amore rilassati, e ti prometto che sarà una serata indimenticabile.”

Mi parla sottovoce vicino al mio orecchio, quindi chi mi lecca deve essere un altro! Mi bagno tantissimo all'idea di due maschi che questa sera mi faranno godere. Mario me lo pianta in bocca mentre l'altro si da da fare con la mia micetta che ora elargisce un vero fiume di umori che sento leccare in maniera sublime. Godo, lo urlo e loro mi fanno impazzire dal desiderio di averli. Si scambiano i ruoli, l'altro me lo pianta in gola, sento che deve essere meno dotato, mi entra in gola senza difficoltà ma non per questo godo di meno, mentre Mario si distende e aiutata dall'altro mi fa impalare su di lui. Incomincio un vero carosello di orgasmi sconvolgenti, mi fanno succhiare e poi ingoiare la sborra dell'altro che copiosamente mi schizza in bocca,. Per un attimo resto delusa, mi aspettavo che durasse di più, ma devo subito ricredermi, lo sento sempre bello duro in bocca. Poi Mario mi distendi di lato, mi solleva una gamba e le parti si invertono. Ora è lo sconosciuto che mi prende davanti, mi pompa mentre Mario si fa succhiare. Mi scopano insieme, godo e urlo. Addirittura per un momento li sento entrambi dentro la figa, mi fanno impazzire.

….” ssi così..dai che ti sfondiamo tutta...sei proprio una vera troia..guarda come li prende in figa tutti e due..dai vacca godiiii.... ssi che poi ti copriamo di sborra...”

Mi sbattono come due ossessi. Godo urlo e l'imploro di continuare più forte, ormai sono talmente fuori di testa che non capisco più nulla. Ad un tratto sento lo sconosciuto incularmi con forza, poi Mario entrare davanti, una doppia! Tremenda! Mi sbattono fino al limite, poi mi fanno inginocchiare e mi schizzano in viso tutto ciò che rimane nelle loro palle. Li succhio, lecco e pulisco bene, poi mentre ho ancora in bocca quello dello sconosciuto, mi sento togliere la benda.

...” Buon compleanno amore!”... - mi dice mio marito.

Piero in piedi davanti a me sorride a Mario e mi guarda con occhi assolutamente felici.

“.. Adesso finalmente hai la moglie troia che desideravi da tempo”.... - aggiunge Mario.

Li guardo avrei mille domanda da fare, ma non me ne frega niente, li abbraccio e mi sento veramente felice.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Smile75 Invia un messaggio
Postato in data: 29/11/2013 23:17:44
Giudizio personale:
bello veramente

Autore: Andre1961 Invia un messaggio
Postato in data: 13/10/2013 12:43:14
Giudizio personale:
MMMMMMM mi dai il tuo numero cosi ti faccio anche io una proposta indecente?
Mio numero 340-5089308
baci stupenda

Autore: Isabelo Invia un messaggio
Postato in data: 10/10/2013 09:02:53
Giudizio personale:
Fantastico, é proprio vero che tutte le donne sono puttane

Autore: Isabelo Invia un messaggio
Postato in data: 10/10/2013 09:01:56
Giudizio personale:
Fantastico, é proprio vero che tutte le donne sono puttane

Autore: Spiritolibero Invia un messaggio
Postato in data: 08/10/2013 19:17:28
Giudizio personale:
fantastico

Autore: Baxi18 Invia un messaggio
Postato in data: 08/10/2013 17:03:14
Giudizio personale:
tu riesci sempre ad accontentare tutti..in ogni caso bella storia. bravo.

Autore: Lilly&vagabond Invia un messaggio
Postato in data: 06/10/2013 15:00:53
Giudizio personale:
Grazie! ha raccontato questa mia fantasia in maniera così bella che mi sembra di averla vissuta realmente. Sei sempre fantastico!

Rileggi questo racconto Esprimi un giudizio su questo racconto Leggi gli altri racconti

Webcam Dal Vivo!