i racconti erotici di desiderya

L'amica di mia moglie in ufficio.........


Giudizio:
Letture: 2531
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
F. era una ragazza carina, ha quasi quindici anni meno del sottoscritto, lineamenti meditterranei ma corpo esile... è molto amica di mia moglie, si confidavano su tutto anche sul sesso...
La mia lei mi parla delle sue confidenze, commentiamo insieme il fatto che F. e il suo compagno hanno una vita sessuale trieste.... F. finge gli orgasmi da sempre perchè lui è interessato solo a svuotarsi....

Io e la mia lei eravamo decisamente più disinibiti e amanti del sesso, io per mio desiderio mi dedicavo tantissimo ai suoi orgasmi, e questo F. lo sapeva.

Mese di agosto, pomeriggio caldo in ufficio, sento bussate e vedo F. entrare... rimango sorpreso, non è la prima volta che ci incontriamo senza i nostri consorti ma è la prima che F. viene nel mio ufficio....

F. indossa uno di quegli scamiciati di jaens con le spalline e con i bottoni davanti fino ai piedi, mi saluta con un bacio sulla guancia e si siede di fronte a me, chiacchieriamo del più e del meno, lei accavalla le gambe e per farlo apre alcuni bottoni da sotto fino al ginocchio....

Mi dice se può confidarsi, se può chiudere la porta a chiave che si vergogna se entra qualcuno, io acconsento "i soli problemi con quello zucconne del suo uomo" penso....

Si risiede e quando accavalla le gambe la gonna lascia scoperta quasi completamente la cosia che io ammiro.... "dai, cosa mi guardi così mi hai già vista in costume al mare che c'è di strano?"

Leggo la provocazione "una cosa è il costume, un'altra è la sensualità di mettere in mostra così le gambe, sei molto sexy" F. arroscisce ai complimenti non è abituata, sorride nervosamente...... "ma dai non sono sexy io" "ma che dici, vedere la coscia così fa immaginare cosa c'è più in su, fa sperare che i tuoi movimenti lascino vedere qualcosa in più, tu sei femmina e queste cose le sai...."

"allora se faccio così cosa immagini?" aprendosi due bottoni in altro, lasciando intravedere dalla scollatura che probabilmente non porta il reggiseno....

"immagino che non hai reggiseno e che hai i capezzoli duri dall'eccitazione"

Lei diventa rossa rossa in viso, si alza, si mette in piedi davanti a me e con aria di sfida mi dice "sei sicuro?" prendo i due lembi della gonna e con gesto deciso le sbottono tutto.....

Sotto è completamente nuda, un boschetto di pelo nero compare difronte a me, due piccole tettine con dei grossi capezzoli duri davanti a me.....

"sono stato a casa tua e tua moglie mi ha fatto vedere le vostre foto, hai un cazzo che sembra un vibratore lo voglio" mi prende la testa e la porta sulle tette per farsi succhiare i capezzoli duri. Non mi faccio pregare mentre mi alzo e mi apro i pantaloni...

"che fai e se viene qualcuno?" "Bussa e se ne va, non possono aprire!"

"e se aprono? mi vergogno" mentre la mia mano sente la fighetta fradicia....

"sei bagnata come un lego, hai le goccie che scendono tra le coscie e ti fai problemi...."

La metto a sedere sula scrivania, le allargo le gambe e infilo la bocca tra le sue coscie... ha un profumo forte, che sale direttamente al cervello, deve essere proprio in calore....

Neanche due minuti e vibra tutta "sei già venuta?" "erano mesi che non avevo un orgasmo con qualòcuno, sempre a menarmela da sola.... mio dio che lingua, ancora... ancora..."

Credo abbia avuto altri due o tre orgasmi nel giro di cinque minuti sempre con la mia lingua, il suo piacere mi colava dalla bocca, una fontana in astinenza....

"dammi il cazzo ti prego, ho voglia di sentire quel manco dentro"


Le sue gambe sulle mie spalle, Le appoggio la puntatra le labbra depilate e vengo quasi risucchiata in quella figa fradicia e piena di scopate arretrate.

Si tiene sulla scivania mentre la sbatto, "che bello... che cazzo.... godo..." sono le parole che escono dalla sua bocca mentre continua a sbrodolare.....

"ho voglia di gridare...." le devo mettere una mano sulla bocca mentre gode tremando quasi in preda alle convulsioni "Non smettere... non ho mai avuto un cazzo dentro così tanto tempo.... sborrami dentro... sborrami dentro..... rienpimi!"

A quella richiesta non resisto più e le scarico dentro quatro cinque schizzi di sborra calda mentre la vedo stesa tutta sudata, con i lunghi capelli bìneri medidi di sudore....

Alcuni secondi e mi sfilo.... lei ancora in calore con la mano si accarezza la figa raccogliendo lo sperma con la mano e succhandosi le dita.... "queso non l'ho mai fatto a Toni ma come mi hai scopato meriti..."

Allora è una sfida, con le mani le tengo le gambe aperte e inizio a leccarle la figa con la mia borra che cola, prima cerca di fermarmi popi mi prende per i capelli e mi tiene premuto il viso mentre arriva l'ennesimo orgasmo....

Ci riprendiamo, ci vestiamo quasi imbarazzati... ci ricomponiamo e lei mi saluta dicendomi "adesso vado a casa tua a bere il caffè, avevo detto a Toni che passovo da voi...."

La lingua in bocca per un bacio e se ne va....."proprio una gran zoccola la ragazza" il mio pensiero....


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Joseph62 Invia un messaggio
Postato in data: 06/01/2015 20:25:03
Giudizio personale:
Racconto Intrigante!!!
La mancanza di buon Cazzo fa diventare zoccola qualunque donna............

Autore: Stilettox Invia un messaggio
Postato in data: 02/03/2012 10:14:01
Giudizio personale:


Webcam Dal Vivo!