i racconti erotici di desiderya

Fior di loto


Giudizio:
Letture: 993
Commenti: 4
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Fior di loto



Sono Roberto, autista di bus da noleggio da diversi anni, e la storia che voglio raccontare è successa circa tre anni fa. Il mio lavoro mi piace , mi porta in giro per l’Europa sempre con turisti di tutto il mondo, in genere la guida ti dice dove devi andare, tu devi solo guidare il bus, le guide in genere sono donne, ma anche tra i passeggeri a volte c’è qualche fica in caccia, quindi di avventure ne capitano a volte molte, ma la volta che conobbi Yoko fu tutta particolare. Il mio capo mi dice: “domani carichi a Roma, turisti giapponesi,vai in Toscana, Umbria e Venezia”, mi affida il programma e via. Il giorno dopo all’aeroporto di Fiumicino carico cinquanta piccoli giapponesi, e la loro guida, Yoko una fichetta molto carina mi prende in disparte e mi chiede se conosco i posti dove andremo, è la prima volta che viene in Italia, parla quasi bene la lingua,ma vuole fare bella figura e chiede il mio aiuto. Mi rimane subito simpatica e decido di stare dalla sua parte, mi fa morire dal ridere quando mi chiama Lobelto, la erre per lei non esiste,si scusa facendo inchini, tutti ti salutano sempre con l’inchino. Il resto del gruppo è composto per lo più da persone anziane, molto educati e tranquilli, tranne quando siamo il viaggio, scattano foto a tutto, e due tipette si interessano un po’ a me, ma la presenza continua di lei non lascia molto spazio. Il viaggio parte tranquillo, da Roma andiamo in Toscana, salendo lungo la via passiamo prima per Tarquinia , qui la ragazza dimostra tutta la sua preparazione teorica, tanta, ma la scarsa conoscenza pratica, ma in questo le vengo incontro io, lei fa una buona figura e io guadagno “punti”, poi andiamo su verso Viterbo, altri punti per me , mi piace, è molto simpatica, e tremendamente inesperta di trasporti turistici italiani, ma fa di tutto per imparare, e per questo non propone nulla se non mi ha consultato. Pranzo sul lago di Bolsena e via verso il nostro albergo a Chianciano, li sarà la base da cui ci muoveremo nei prossimi giorni. Arrivati quasi a sera, per le innumerevoli soste per scattare le solite 1000 foto al secondo, ci troviamo per la cena, tutti mangiano e poi vogliono girare per la cittadina, nonostante siano stanchi per il viaggio, io dico a lei “serata libera, domani avremo molto da girare e vedere”, e poi le chiedo se vuole vedere un posto speciale che io conosco li, lei mi guarda con l’aria incuriosita e poi dice ok, bene allora ascoltami , mettiti una comoda tuta e prendi un costume,accappatoio che andiamo a fare il bagno in un posto che pochi conoscono ……. Dopo pochi minuti torna, andiamo, facciamo circa dieci minuti di strada a piedi e ci inoltriamo dentro una stradina di campagna, dopo essere discesi lungo un viottolo ci troviamo sotto una rupe, dalla roccia a metà costone esce un piccolo rivolo d’acqua calda, sotto c’è un laghetto che di notte con la luna piena è tremendamente bello. Ci spogliamo, lei mi fa presente di non avere il costume, io la guardo e dico : non fa nulla, siamo solo io, te, e due coppie dentro il lago, è notte, chi vede, poi hai l’intimo, lascia quello se proprio vuoi. Ci spogliamo, entriamo dentro, la temperatura è perfetta, ne troppo calda ne fredda, lei si rilassa, mi viene vicino e mi dice: “Lobelto è stupendo, ma piace tanto, mi licolda un posto vicino a casa mia a Osaka,glazie mi ci voleva ploplio” …. Io ci rido, mi fa morire, poi le sto molto vicino i nostri corpi si toccano e quando credo che sia il momento di provare un piccolo avviamento del gioco vengo disturbato dal passaggio delle due coppie che salutano e vanno via, allora gioco la carta cascata, la porto più avanti fino al costone roccioso, passando dietro l’acqua c’è un punto dove la roccia è più in dentro e forma una specie di piccola grotta proprio dietro il flusso dell’acqua, che vista da dietro con la luna piena in controluce produce un effetto magico , lei si tiene vicino a me, la magia del posto, la voglia reciproca di toccarsi , il desiderio e ……. mi ritrovo lei fra le braccia, le nostre bocche si uniscono in un bacio dolcissimo, ma appassionato che non lascia dubbi. Le mie mani iniziano a esplorare il suo corpo,i suoi seni sono piccoli,ma molto sodi, duri, microscopici capezzoli attirano la mia attenzione, le tolgo l’intimo, è nuda mi appoggio ad una roccia piatta dietro di me, attiro il suo corpo su di me, sono in proporzione il doppio di lei, mi fa morire, le sue mani mi esplorano dappertutto, la sua bocca è inarrestabile mi bacia e succhia … le mie mani arrivano al suo sesso, la sua fica è ricoperta di un pelo liscio stupendo, le insinuo un dito dentro , è strettissima, lei intanto ha scoperto il mio cazzo …. “ma è ….. ma è enolme” …. Veramente non che io sia un super dotato, ho circa una ventina di centimetri, è una discreta circonferenza, ma a lei è sembrato grande, “non ho mai fatto l’amole con un uomo europeo, i giapponesi sono più piccoli” …. Ma io intanto ho cominciato a toccarla e la voglia le prende il sopravvento, si comincia ad eccitare, “sssssssisiisiisiisi…… isiisisiisiisisiiiii” ………. La sento eccitarsi, mi accarezza il cazzo che nel frattempo è diventato veramente grosso e duro, mi sollevo dall’acqua e le permetto di prenderlo in bocca, lei lo guarda estasiata, poi si mette a leccarlo, non riesce a metterlo in bocca, è troppo per lei, poi io la faccio alzare, le sollevo le cosce, e mi abbasso, inizio a passare la lingua su quel pelo lisci e morbido, insinuo la lingua dentro, e sento che comincia a genere di piacere, “ssssisisiisisii .. … Lobelto …….. ssisiisiisii” ….. vado a vanti fino a quando di colpo si irrigidisce e mi regala un primo stupendo orgasmo, viene scuotendosi tutta …. “godoodoooooo” ……. e pronuncia alcune parole nella sua incomprensibile lingua, ma credo fossero al piacere che provava …… mi sollevo, mi giro mi metto con la roccia alle spalle, e la faccio salire sopra me, lei si posiziona sopra il mio cazzo, inizio strusciarlo lungo il taglio della fica, lei esita, “ti plego, fai piano” …… delicatamente inizio e far entrare il mio cazzo, lei si apre, non è vergine, ma comunque entro, sento le pareti della fica aderire perfettamente al mio cazzo, stretta sembra un guanto , lei apre la bocca, la vedo quasi urlare, mi muovo molto lentamente, mi rendo conto che per lei non deve essere facile, anche per me era la prima volta che mi scopavo una giapponese e cercavo di essere più dolce possibile, lei mi guarda, sento il mio cazzo arrivare in fondo, ne rimane fuori circa meno della metà, resto fermo voglio che si abitui alla mia presenza, e difatti mi guarda, mi fa cenno con la testa di si, allora esco e rientro in lei , “ ssisiisisiisi…. piano … siisisiisi…. mi piace sisisiiiiii … . .dai” …..incomincio a pomparla di gusto, è strettissima, il mio cazzo resta mezzo fuori, se spingo oltre sento il fondo della sua fica,lei quando arrivo in fondo ha una smorfia di dolore, mi metto più basso, lascio a lei la possibilità di mettere i piedi a terra, così potrà impalarsi a suo piacimento, lei capisce, incomincia un meraviglioso su e giù bellissimo, lei viene a ripetizione, dopo l’ennesimo orgasmo si distende sfinita sul mio corpo, mi avvicina la bocca alla mia “Lobelto mi fai molile” …. la guardo, le dico: “veramente io non ho ancora cominciato” …. mi guarda stupita, ma io la giro, la metto di nuovo sulla roccia e comincio a pomparla con un ritmo continuo, lei sborra urlando, tanto il rumore dell’acqua copre i suoni, poi le scarico dentro la fica una sborrata interminabile,lei dal piacere mi conficca tutte le unghie dentro la pelle, mi bacia con passione,la sua lingua cerca la mia e restiamo abbracciati dentro l’acqua per un tempo interminabile. Siamo usciti tornati in albergo che era tardissimo, il giorno dopo mi ha detto: “glazie, ho plovato con te quello che vuole dile fale l’amole, spelo che nei giolni a venile vollai ancola il mio colpo”. Non potevo desiderare amante più calda, appassionata e vogliosa di lei, la scopai tutte le sere, e prima di partire lo volle anche nel culo, l’ho rivista due anni dopo, mi buttò le braccia al collo e mi stampò un bacio in bocca davanti a tutto il gruppo ; Lobelto mi falai molile ancola?.....





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Alexketty6169 Invia un messaggio
Postato in data: 03/07/2012 09:57:15
Giudizio personale:
sirius mi interessa sapere dove è il posto facci sapere in pvt alexketty6169@msn.com grazie ciao

Autore: Salvo1981 Invia un messaggio
Postato in data: 26/03/2010 17:10:06
Giudizio personale:
molto carina come storia e poi e\' vero che le orinentali sono molto passionali e danno tutto all\' uomo che hanno davanti se provano un vero sentimento. Complimenti scrivi molto bene.

Autore: ManzoMaturo Invia un messaggio
Postato in data: 10/08/2009 00:40:17
Giudizio personale:
bello...conoscendo i giapponesi mi sono visto la storia davanti a me come un film...è stato piacevole leggere

Autore: Bestenema Invia un messaggio
Postato in data: 15/05/2009 16:28:15
Giudizio personale:
E blavo Lobelto.... divertente e coinvolgente.


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Bdsm
Collare in pelle nero
Collare in pelle nero
Collare realizzato interamente in pelle con fibbia...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Tenga egg wavy
Tenga egg wavy
Rivoluzionari masturbatori realizzati da Tenga ogn...
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Guanti lunghi nero vinile
Guanti lunghi nero vinile
Accessorio intrigante che non puo mancare in un gu...
[Scheda Prodotto]