i racconti erotici di desiderya

Cornuto e contento ultima parte


Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Era eccitante, ma ben presto questo gioco a rivelato i suoi limiti. Si, il dover sempre cercare un maschio che mi montava alla fine era snervante e quindi ci siamo messi a cercarne uno fisso. Non è stato facile, e solo per caso una sera Luigi è tornato dicendo che secondo lui il candidato perfetto era Francesco.

“Ma sei matto! È tuo socio, amico.”

Secondo lui era perfetto. Divorziato, bello, serio e riservato, e in più ben dotato. Da tempo mi ero spesso soffermata a guardarlo specie quando ballava, ma poi che era suo socio e amico non mi era mai passata per la mente l’idea di metterlo nel nostro letto. Come abbiamo fatto ve lo ha raccontato quel cornuto di Luigi, mentre a me piacerebbe sapere cosa ne ha pensato Francesco di questa storia.

Mi chiamo Francesco, da anni sono socio di Luigi. Lo scorso anno mi ha stupito con la richiesta di essere il bull della moglie e di renderlo cornuto e contento. Non sono nuovo a queste situazioni. Già in passato ero stato il toro di una coppia molto particolare, lui cornuto e sottomesso ai voleri della moglie. Si, mi scopavo la troia così bene che quando la figlia è tornata dall’Inghilterra addestrata da una mistress molto brava, che l’aveva resa una perfetta schiava me l’ha offerta in moglie. Non l’ho sposata, ma questo non lo sapeva nessuno, e per questo le proibivo di avere amicizie nel gruppo, e di avere sempre un atteggiamento serio e distaccato. Per lei non era un sacrificio in quanto essendo schiava adorava vedermi giocare con le altre che riteneva tutte troie indegne. Per diversi anni l’ho tenuta con me, le ho anche fatto partorire una figlia, e per questo lei mi ha sempre adorato, avevo usato il suo utero per avere una discendenza, un onore grandissimo per una schiava. Circa dieci anni fa ho conosciuto Luca e Andrea, due industriali che non vivono nelle mia città, ma hanno qui dei commerci dove necessitava la mia competenza. Col tempo siamo diventati amici. Ho scoperto che anche loro avevano sottomesso le loro mogli, ma quando hanno visto la mia Irene, si sono resi conto che lei era veramente di un altro livello di sottomissione. Ci abbiamo giocato spesso tutti insieme e una volta in casa loro ho conosciuto un signore, uno straniero che è rimasto piacevolmente colpito da come io avevo addestrato la mia schiava. Quando mi ha chiesto se gli e la prestavo per un poco io non ho avuto esitazioni.

“Puoi tenerla quanto vuoi.”

Così, per tutto il gruppo di amici ho divorziato, senza sapere come erano in realtà le cose. Avevo gia messo i miei occhi su di una nuova schiavetta che già addestro in gran segreto. È la figlia del mio vicino di casa. Una puttanelle docile e timida che lui mi ha affidato affinche io la faccia migliorare nello studio per diventare commercialista. In realtà dopo la seconda lezione la troietta stava sempre in ginocchio ai miei piedi a leccarli sparando che poi avrebbe potuto avere anche il mio cazzo. È vergine e penso che ne farò una schiavetta che mi darà grandi soddisfazioni. In tutto questo movimento sono rimasto colpito dalla richiesta di Luigi di chiavare Cristina. È una bella donna, ma è una zoccola, non va bene per essere sottomessa, è meglio aumentare il suo livello di troiaggine, mentre invece lui è perfetto per renderlo cornuto e sottomesso. Sono così compiaciuto di questa situazione che nemmeno io lo speravo. Lo conosco da anni, e non mi ero mai soffermato su di lei come donna in quanto non volevo creare dissapori nello studio che necessita della sua esperienza in materie di economia e contabilità. Invece a letto è un segaiolo che adesso ho fatto anche diventare frocio e cornuto. Si, oltre a sfondare la troia mi sono occupato anche di lui. Un giorno casualmente l’ho sentito parlare con un tizio e fissare un appuntamento in un luogo che spesso usano i gay. Incuriosito l’ho seguito e quando ho visto che si faceva inculare da un maschio, ho provveduto a invitare i miei amici, che con una scusa anche banale lo hanno portato in camera loro dove lo hanno scopato e farcito in ogni buco. Hanno anche fatto tanto di video per me che ho potuto notare come il cornuto dopo essere stato scopato da loro, adesso, anela solo di sentire anche lui il mio cazzo nel suo culo, mentre io non sono d’accordo. Il cazzo lo do solo alla troia altrimenti mi perdo il rispetto del cornuto che deve sempre sperare. Sono appagato da tutto questo e le calde labbra di Cristina che mi sta succhiando il cazzo mi riportano alla realtà. È brava, mi succhia con estremo impegno e poco dopo ho il palo bello diritto e lei ci sale sopra.

….humummm…sssiii..mi fa impazzire sentirlo fin dentro lo stomaco…sssiiii..sfondami…..

La scopo mentre penso che in fondo sono grato al cornuto per aver desiderato una moglie troia e zoccola come lei in cambio di corna che saranno sempre più lunghe e umilianti. Si una vacca così la metterò assieme alla troietta e sarà bello godere di uno spettacolo unico, loro che mi succhiano e lui che si sega. Non ha prezzo!



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Romano1967 Invia un messaggio
Postato in data: 17/03/2019 14:40:39
Giudizio personale:
Bella conclusione di una vicenda felice


Webcam Dal Vivo!