i racconti erotici di desiderya

Come ho scoperto il mio lato femminile.

Autore: Fc4040
Giudizio:
Letture: 2109
Commenti: 4
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
come ho scoperto il mio lato femminile.



salve a tutti al momento ho 40 anni e il racconto che vi illustrerò risale alla mia gioventù di studente.

avevo 16 anni frequentavo la scuola superiore e come in tutti i gruppi si stringono le amicizie più forti, io ero

molto amico con altri 2 ragazzi: Luca e Marco, a dimenticavo io mi chiamo Giovanni.

Quasi tutti i giorni Luca veniva a casa mia per studiare mentre marco abitando dalla parte opposta della città aveva

difficoltà ad arrivare da noi, eravamo sempre soli perchè i miei genitori erano al lavoro.

Un giorno Luca portò un giornalino porno e ci mettemmo a guardarlo, sentivo un tale eccitamento e pensavo che per

lio fosse la stessa cosa, ad un tratto iniziamo a toccarci, si siamo segati reciprocamente e quel giorno finì tutto lì.

la sera ho pensato tantissimo la fatto che avremmo potuto fare di più avendo le immagini del giornalino stampate in tesat

il giorno seguente abbiamo ripetuto la cosa senza giornalino, eravamo al settimo cielo, al punto che io come

lo prese in mano sono venuto. lui rimase male anche per il fatto che il suo non era ancora duro completamente, mi feci coraggio

mi abbassai e iniziai a leccarglielo lo vidi ingrossare fino quasi ad esplodere era bellissimo tempo 10 secondi e anche lui

eruttò una quantità abbondante di seme nella mia bocca, non ingoiai, era la prima volta che sentivo il

sapore del seme maschile, ma ne trassi la conclusione che mi piaceva, quel giorno finì tutto li, lui mi confidò che aveva

gradito tantissimo e che avrebbe voluto rifarlo. ci ritrovammo il giorno dopo, subito facemmo un 69 da favola e nel

frattempo le nostre dita giocavano con i nostri bucanini vergini, avemmo l'orgasmo quasi assieme e io questa volta ingoiai

tutto è stato favoloso, mentre lui non ingoiò ed ebbe qualche coniato di vomito subito placato.il giorno dopo fui solo io

a fare un pompino a lui mi impegani tantissimo succhiavo come avevo imparato nei giornali e nei film porno, venne a fiumi,

non ne andò sprecata nemmeno una goccia, dopo circa un ora di studi, replicai e lui gradì tantissimo. venne il fine

settimana sapevo che non lo avrei visto se non prima di lunedì a casa mia per studiare, ho viaggiato tantissimo con la mente

sognavo di essere penetrato iniziai a giocare con le dita con il mio culo bello stretto e vergine ma mi fermai subito volevo

che fosse lui ad aprirlo a sverginarmi volevo che lo sentisse stretto e che si godesse a pieno il mio diventare donna.

Il lunedì durante l'intervallo gli chiesi se voleva farlo e mi disse che non aspettava altro, appena arrivato

ci mettemmo subito a nostro agio presi il burro per lubrificare e dopo averlo spompato a dovere e diventato di sasso

mi misi a pecora lui era eccitatissimo mi appoggiò la cappella al fiorellino e iniziò a spingere con forza io urlavo dal dolore

ma spevo che appena finito il dolore sarebbe iniziato il piacere, diede un colpo deciso e mi entrò dentro io strinsi forte

il cuscino urlando e mi scese qualche lacrima sulla guancia, si fermò per permettere al mio buco di adattarsi, diede

qualche pompata e mi venne dentro, sentivo lo sperma caldo che mi riempiva era bellissimo, per tutta la settimana non lo

facemmo più mi bruciava e non poco, riprendemmo il lunedì dopo, nel frattempo nel fine settimana mi sono allenato con

qualche oggettino per aprire e fare abituare il mio culo. lunedì iniziammo a scopare sul serio, a volte in un pomeriggio

mi scopava anche 2 volte era bellissimo mi piaceva fare la donna, poi mi confessò che gli sarebbe piaciuto vedermi con

intimo femminile, andai nel cassetto di mia madre presi calze reggicalze le indossai e si eccitò da matti, scopate pazzesche.

Sabato e domanica a riposo e il lunedì disse che al suo arrivo voleva trovarmi già con intimo e pronto sul letto, la cosa mi eccitava

e così feci, appena i miei erano usciti indossai l'intimo assieme ad un bel completino in pizzo nero lasciai la porta aperta

sapevo che sarebbe arrivato dopo poco, lui entrò venne in camera da letto ed con tanta mia vergogna era con marco, provai

ina vergogna tale che quasi mi misi a piangere, lui venne e mi consolò e mi disse che ne aveva sempre parlato con marco e che

avrebbero voluto farlo in 3, io ero li sul letto con intimo da troia, loro che mi guardavano eccitati a bestia vedevo i loro

cazzi che stavano quasi per scoppiare, mi lasciai andare e iniziai a spompare luca, marco si spogliò e vidi una gran bella dotazione

anzi diciamo super e luca mi dice: vedrai come ti apre quel bel tronco brutta troia. dopo poco li stavo succhiando entrambi,

ad un certo punto luca dice a Marco: ora rompigli il culo come se fosse una zoccola da marciapiede. mi misero a pecora luca

mi scopava in bocca, marco si mise dietro sentii che mi sputò due volte nel culo, luca mi mise le mani dietro la schiena e

me le legò con uno straccio, ebbi un brivido, riprese a scoparmi in bocca, sentii la cappella di marco appoggiata e con un

colpo secco me lo fece sparire dentro, provai un dolore allucinante, maggiore di quello che mi sverginò urlavo a squarciagola

ma avevo il cazzo di luca fino in gola, dovevo solo subire, iniziò subito a pompare con foga senza neanche un attimo di pausa

il dolore era tremendo sentivo gli insulti che mi dicevano, mi piaceva, il dolore iniziò ad essere piacere, ero in balia di quei

due maschi non potevo ribellarmi, legato inerme dovevo solo subire per il loro divertimento ma mi piaceva, iniziai a godere

ebbi 2 orgasmi senza neanche toccarmi il cazzo, sentii il cazzo di luca ingrossarsi, stava per venire, mi riempì avevo ricevuto

un megaclistere di sborra, lo tolse e me lo fece pulire con la bocca, nel frattempo mi stava inculando luca, diceva che

ero aperto il culo era slabbrato ma gli piaceva, anche lui mi venne dentro, ero pieno ma felice, ero la loro donna, la loro troia

mi piaceva la situazione, da quel giorno si scopava quasi tutti i giorni, parlavamo tra di noi a scuola senza vergogna, a volte

mi dicevano cosa avrebbero voluto fare nel pomeriggio e io li assecondavo. da quel momento quando vedevo un bel maschio

lo immaginavo che mi scopasse, tanto che confessai a loro che mi piaceva il professore di educazione fisica, aveva la fama

di play boy, vero macho bel fisico palestrato 28 anni e vedendo il rigonfiamento bella dotazione, lo confessai a luca e marco

che me lo sarei fatto volentieri, tutte le volte che lo vedevo mi correvano i brividi lungo la schiena e delle vampate paurose,

tutte le volte che parlavo con lui non potevo fare a meno di guardargli la patta, e lui se ne accorse, da quel momento

i miei sguardi erano solo per il suo cazzo, da quel momento iniziò ad essere gentile con me e a non arrabbiarsi più quando sbagliavo

qualcosa, capii che poteva nascere qualcosa, nel frattempo tutti i giorni mi prendevo una bella razione di cazzo dai miei

compagni, un giorno dopo la lezione di educazione fisica mi feci coraggio e dopo esserci cambiati nello spogliatoio aspettai

che tutti fossero usciti e rimasi solo con il prof. con la scusa di qualche delucidazione sul gioco della pallacanesto, parlavamo

e nel frattempo li si spogliò nudo per andare sotto la doccia e io non tolsi più gli occhi da quella bella verga attaccata

ad un maschio veramente da favola, lui mi disse: ti piace è? io risposi : si moltissimo. lui ribattè: so di quello che fai con

Marco e luca. arrossì e provai un po di vergogna, lui mi rassicurò dicendo che non era grave e altre cose che non ricordo

perchè ero concentrato sul suo cazzo si avvicinò e lo presi in mano, lui non si tirò indietro iniziai a leccarlo e ad un

certo punto disse: no non qui non è il luogo ideale potrebbero nascere casini, vieni stasera a casa mia se ti vuoi divertire

la sera andai con una tremenda eccitazione, ma questa è un'altra storia.. nel frattempo per i restanti 2 anni di scuola io marco

e luca abbiamo sempre studiato assieme a casa mia e tutti i giorni mi prendevo la mia razione di carne, e con una frequenza di una

volta a settimana andavo la sera a casa del prof ma come ho detto questa è un'altra storia.

ora ho 40 anni e in privato con gli uomini so come farli godere e sono sempre aperto a nuove conoscenze..

per commenti scrivete a: fc4040@hotmail.com


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Nikole Invia un messaggio
Postato in data: 05/06/2012 19:39:28
Giudizio personale:
mi piace molto, gli inizi in gioventù sono i più belli, l'incoscienza e l'ingenuità sono ottimi ingredienti per godere.
Baci nikole

Autore: Pig_one Invia un messaggio
Postato in data: 13/11/2011 11:36:41
Giudizio personale:
coplimenti molto ben scritto e molto eccitante!!! ho sempre avuto il cazo duro fin dalla prima riga!!!

Autore: Mirabeau2 Invia un messaggio
Postato in data: 29/10/2010 23:58:18
Giudizio personale:
ti farei provare anche il mio, bella zoccolona!

Autore: Stromtravle1971 Invia un messaggio
Postato in data: 28/01/2010 21:18:19
Giudizio personale:
mi hai eccitato moltissimo............... sto gocciolando..........


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
El toro vibrante celeste
El toro vibrante celeste
Questo anello ti fara diventare un toro da montaIn...
[Scheda Prodotto]
In: Coadiuvanti
Oral dam beffy dental dam 2pz
Oral dam beffy dental dam 2pz
Oral Dam elastico e un lenzuolino 15 x 15cm ed off...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Vibro punto g viola
Vibro punto g viola
Lo specialista della stimolazione Vibratore in ABS...
[Scheda Prodotto]