i racconti erotici di desiderya

che bello vivere da donna

Autore: Lunapass
Giudizio:
Letture: 1220
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Ancora, oggi, non smetter˛ mai di ringraziare Nunzia per l'aiuto che mi ha dato nel farmi essere me stessa.



Mi aiut˛ molto come mi aiuta ancora oggi, nel consigliarmi ad essere si zoccola, come lei e la mamma e forse pi¨ di loro , ma di non accettare nessun compromesso con me stessa.



Quindi partiti i nostri genitori, per casa e fuori, iniziarono a girare due



splendite fanciulle; due veri bocconcini da Re come scherzosamente tutti ci dicevano nel vederci insieme belle e sicure di noi stesse.



Io, ovviamente la aiutavo nei mestieri di casa e devo confessare che anche questo lato della femminilitÓ mi piaceva.



Naturalmete vivevo solo al femminile e pure la notte indosavo baby Doll e pantofole coi tacchi alti nn ne potevo pi¨ fare a meno di calzare scarpe coi tacchi.



Dopo una millesima scenata di gelosia assurda di Salvo lo manda via e cosý usci dalla mia vita colui che mi aveva fatto fare i pompini per la prima volta e fatto capire che ero donna.



le due settimane volarono ed un bel mattino mentre noi due tutte pimpanti eravamo intende al riordina della casa arrivano mamma e papÓ. Mamma nel vedermi sorrise e disse: " brava hai seguito il mio consiglio e sei proprio come me e Nunzia figlia mia".



PapÓ nel vedermi non si infuri˛ ma anzi sorrise e disse: " sai che sei sul serio un vero bocconcino da Re io e Nunzia sorridendo ed insieme dicemmo: " eccone un'altro, ecco l'ennesimo corteggiatore!" Poi io fisando papÓ mormorai che peccato che sono tua figlia se no chi sÓ un pensierino con te lo farei..................................



Mamma scoppio a ridere e non appena si calmo disse: " se ti piace



fatti avanti che tanto lui nn Ŕ tuo padre ma.................... fece il nome del primario del'ospedale dove mio padre era suo aiuto.



Ugo ( diciamo, per l'ultima volta) mio padre mi disse: "sul serio tu verresti a letto con me?"



Non gli rispodi ma con fare civettuolo mi avvicinai e lo baciai sulle labbra da fargli mancare il respiro. Lui mi sollevo tra le sue braccia e normorš: "Non ci aspettate per il pranzo " e rivolgendosi alla mamma disse: tu stasera dormirai nel suo letto:



Io al settimo cielo mormorai: " Sai sono bravissima con la bocca ma ho il culetto vergine........................ aspettavo uno che ti somigliasse ma

visto che ho l'originale!"



Mamma e Nunzia rideva di gusto e sentii mamma dirmi: " Stai attenta figlia mia che il porco ha un bel Cazzo, soffrirai ma vale soffrire!"



"E' il dedstino di noi femmine soffrire la nostra prima volta!" Esclamai



tutta contente che mi sarei fatto Ugo.































continua.....................................





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Majinbu75 Invia un messaggio
Postato in data: 03/10/2008 14:45:28
Giudizio personale:
A me sembra una bella stupidata, scritta anche in pessimo italiano

Autore: Lunapass Invia un messaggio
Postato in data: 05/05/2007 17:53:42
Giudizio personale:
che favola


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Fantasy island spirale rosso
Fantasy island spirale rosso
Particolare vibratore a forma di spirale con ampi ...
[Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Miniabito nero pelle
Miniabito nero pelle
Morbida nappa di agnello nero con cerniera a doppi...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Vibro punto g viola
Vibro punto g viola
Lo specialista della stimolazione Vibratore in ABS...
[Scheda Prodotto]