i racconti erotici di desiderya

Vacanze.

Autore: Sibilla&pegasus
Giudizio:
Letture: 1873
Commenti: 4
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Sullo spiaggione di San Vincenzo che si perde all’orizzonte contornato dall’ombrosa pineta, soffia una dolce brezza mentre la famiglia Chiari, Sara, Alessandro, la ragazza Clio e il bimbo monello Giona, s'accomoda dopo lunga peregrinazione, in zona tranquilla.

Sara sistema la borsa frigo mentre Alessandro, sudando, conficca due spuntoni per gli ombrelloni. Il sole impavido trasforma il calmo mare in un luccicante collier di perle solcato da piccole barche dalle vele variopinte.

Giona è già in acqua a dispetto delle raccomandazioni, mentre Clio prosegue nella sua imbronciatura per la lontananza del suo fidanzatino.

Alessandro spalma l’unguento solare sulle spalle della moglie attardandosi sulle attaccature dei generosi seni mentre Clio è sprofondata nel suo I.pod.

“ Ma che fai?” gli sussurra arrossendo

“Tocco le tettone più belle del mondo” gli sussurra baciandogli un lobo e facendola fremere come una piuma.

“Ma dai che ci sono i bimbi!”, e infatti rientra a grande velocità Giona, si fornisce di pallone e secchiello e riparte, sollevando getti di sabbia, verso la battigia senza degnarli d’uno sguardo.

Clio s’alza e sdegnosa s’incammina, immersa nei suoi tumultuosi pensieri, verso il promontorio dello Stellino.

“Dove vai?” le domanda Sara

“Ma sì, lasciala andare che si sfoga con una camminata, e poi ti devo parlucchiare.” le dice con quella vocetta suadente che prelude argomenti spinosi.

“Hai pensato a quella coppia di Livorno?”

“Ancora?”

“Ma dai ciccia è così tanto pour parlez, lo sai che ci fantastico spesso.”

“Lo so, lo so ma a me non va!”

“Ma sei mi hai confessato che ti piacerebbe farti accarezzare da una donna!” ribatte l’uomo agguerrito.

“Ma sono solo fantasie; quando mai t'ho riferito questo pensiero!”

“Dai ciccia bella, bella, fatti baciare quelle belle pesche da Lucia!”.

“Lucia? Ah sai già il nome!”

“Ma certo, lo sai che ci ho chattato dall’ufficio più volte!”

“Più invecchi e più diventi un porcello!”

“Ma darling io adoro solo te, pendo dalle tue carnose labbra: è solo che mi piacerebbe vedere 2 amazzoni che si sfiorano.”

“Vabbè, vai a mettere la crema a Giona.” replica distratta Sara.

L’abbondante acqua bevuta per contrastare la calura, gli ha fatto venire un impellenza per soddisfare la quale si dirige nella fitta pineta, alle spalle della spiaggia.

Cerca, come al solito, lungamente un posto appartato e comincia ad urinare quando un leggero lamento le fa alzare gli occhi, ruotare la testa e un grido soffocato sfugge; a pochi metri da lei 3 uomini, tutti nudi, uno in piedi con il pene nella bocca d’un altro in ginocchio mentre il terzo lo penetra da dietro. Rimane paralizzata dalla visione e non riesce a fare quello che avrebbe voluto: fuggire!

Sa che poco più in là vi è una spiaggia di nudisti della quale parlano in termini poco ortodossi, ma questi devono aver sconfinato.

I tre, come se nulla fosse, continuano ad amarsi fino a che riescono, quasi in sincronia, ad avere l’orgasmo.

Sara, ancora chinata con il costume alle caviglie è inebetita.

Uno dei 3 si avvicina, un giovane sui trentanni, molto prestante, gli porge una mano per aiutarla ad alzarsi, mano che Sara rifiuta alzandosi goffamente mentre si copre con il costume.

“Scusaci se ti abbiamo disturbata, ma eravamo già qui quando sei arrivata e pensavamo d’essere ben nascosti.” dice sfoderando un sorriso dolce. Sara si sforza di non guardare più giù del viso dell’uomo anche se una frenesia a lei sconosciuta, la scuote come un relitto nella tempesta.

Giungono gli altri uomini e i 3, dopo averla salutata, si allontanano chiacchierando come nulla fosse; ad un tratto quello dal sorriso candido si volta e le dice:”Domani, se vorrai, saremo ancora qui.” e sparisce tra i tronchi dalle fragili cortecce.

Sara torna sconvolta all’ombrellone dove l’attende Alessandro preoccupato:

“Stavo per venirti a cercare!” le dice accigliato

“Nulla caro, mi sono spaventata perché qualche animale deve essere passato nelle vicinanze.”

Il sole s’abbassa all’orizzonte e le tinte s’imporporano; Giona corre ancora come un cavallino sul bagnasciuga, Clio è tornata più sorridente; è ora di tornare a casa.

Una cena rilassante al Podere Tuscanio, un gelato in paese e tutti a dormire:

tutti tranne Sara, che fissa il soffitto, solcato dalle travi d’abete, fino a notte fonda!

L’indomani Alessandro vorrebbe fare una gita a Livorno e Sara capisce bene perché; Giona però, supportato validamente da Clio che deve aver conosciuto qualcuno in spiaggia, costringono Alessandro ad un mesto ritiro. Sara, combatte aspramente contro sé stessa, giungendo perfino a perorare, con poco trasporto, l’itinerario del marito, ma i figli vincono e tutti raggiungono la spiaggia dove erano il giorno prima.

Alessandro, ringalluzzito dall’appoggio di Sara sulla gita a Livorno, pregusta già momenti a luci rosse e, nel pieno del sua allegria, stringe amicizia con tre giovani che solcano le onde con le loro tavole da Kitesurfing mentre Giona scorazza con dei bimbi di una famiglia romana poco distante.

La madre, una ragazza molto attraente, lasciata sola dal marito accorso al forum intorno ai surfisti,

si avvicina e con molta disinvoltura si mette a chiacchierare.

Sara, solitamente molto socievole, prova un moto di stizza che si riverbera nella sua espressione e nelle sue risposte lapidarie che, fortunatamente, non scalfiscono la parlantina della romana.

Sara è combattuta tra spettegolare con quella simpatica ragazza e sparire tra le chiome dei pini marittimi.

Fissa l’orologio che segna il momento e, rossa in viso, annuncia alla sua interlocutrice che gli scappa la pipì: questa, in ossequio alla regola ferrea che non vede mai una donna recarsi alla toilette da sola e che Sara ha scordata, le risponde:

“Vengo anche io!” e senza aspettare urla al marito di curare i piccoli!

Sara ormai non può più agire e si dirige a capo chino verso la pineta seguita dalla pimpante ragazza.

Prende il sentiero a destra anziché quello a sinistra del giorno prima; è infuriata con quell’impicciona ma, soprattutto con sé stessa, a causa di quella frenetica curiosità che la pervade e che non riesce a controllare. Dovrebbe essere contenta di questo disguido che, come un segno esoterico, le impedisce di raggiungere il trio, ma non lo è!

Raggiungono una piccolissima radura circondata da cespugli di lentisco odorosi e Sara domanda:

“Vai tu?”

“Perché non possiamo farla insieme? Non avrai vergogna?” esclama sorridendo, con quella faccia da cabarettista, la ragazza.

Sara, ormai in balia degli eventi, entra nello spiazzo e attende; l’altra si sfila il costume intero mostrando una piccola striscia di peluria bionda sull’inguine e un seno piccolo ma bello.

Si china e fissandola inizia a orinare.

“Non ti scappa più?” le chiede sorridendo

Sara, sforzandosi, si abbassa il costume ponendosi di fianco rispetto alla vista della ragazza e si china senza riuscire a fare nulla.

La ragazza finisce e si accarezza le labbra vaginali come rapita da un rito dionisiaco mentre Sara finge di non accorgersi; lei si passa le dita sulla lingua ansimando, poi si alza si inginocchia dietro Sara e le scopre i seni accarezzandogli i capezzoli.

Il suo respiro accelerato pulsa nelle orecchie di Sara che cade sulle ginocchia inerte. Le mani della ragazza le accarezzano la base del seno per poi giungere a pizzicargli i capezzoli.

Una mano percorre il ventre ansimante di Sara e giunge tra le cosce mentre lei, completamente abbandonata, inizia a orinare. La ragazza sembra impazzita; le affonda le dita nella vulva facendosi inondare la mano dal getto caldo che poi succhia avidamente vicino al viso di Sara. Quest’ultima gronda sudore e la sua vulva sembra ormai una enorme caverna; ruota il corpo immergendo le ginocchia tra gli aghi di pino bagnati e accarezza il seno alla giovane che si masturba con veemenza. Tutto sembra ormai destinato al trionfo della poetessa Saffo fintanto che un saluto ironico non le distrae.

Dietro i lentischi brilla il sorriso dell’avvenente uomo che scusandosi dell’intrusione esclama:

“Rumori interessanti hanno prevalso sulla mia riservatezza”

La ragazza, per nulla spaventata, si alza e gli tende la mano; lui entra, nudo, e si sorridono.

Come se si conoscessero da anni si abbracciano e, mentre lui le massaggia le natiche, lei gli succhia i capezzoli.

Sara, ancora in ginocchio, sembra paralizzata; tenta di riconquistare la posizione eretta coprendosi i seni con le braccia quando s’accorge che sono giunti anche gli altri due uomini.

La ragazza lancia gridolini di gioia mentre si abbassa a guardare da vicino il pene del ragazzo, gli altri due si avvicinano a Sara.

Il bivio!

Abbandonarsi o fuggire?

S’abbandona!

Un uomo si sdraia stoicamente sugli aghi di pino mentre l’altro gentilmente invita Sara a sedersi sopra; il suo pene è già eretto, violaceo, pulsante; le entra facilmente provocandogli degli scossoni di piacere; l’altro le accarezza i seni che vibrano sulle spinte del coito mentre lei ad occhi chiusi continua a spingere. La ragazza è presa da dietro e ansima come un mantice; Sara, sente il membro del secondo uomo sulla schiena e chinando all’indietro la testa lo invita a mostrarsi. Gli sugge il prepuzio con voluttà, come fosse una delicata madeline, mentre l’uomo si contorce.

La ragazza sente l’orgasmo del giovane arrivare e si prepara con il viso mentre il secondo uomo, sempre con estrema delicatezza si è posto dietro di lei. L’intesa è tacita e Sara si china verso il viso dell’uomo sdraiato scoprendo le terga che vengono penetrate facilmente. Tutto dura poche decine di secondi e la voluttà di quei corpi esplode in migliaia di cellule di piacere sublimandosi con la bellezza del creato loro intorno.

Si puliscono con dei fazzolettini mentre i 3 si congedano con inchini; tornano sulla spiaggia in silenzio, barcollanti, mentre i mariti stanno imparando il Kitesurfing con esiti esilaranti.

I bimbi stanno benone e loro anche.

Quella sera, alla domanda:

“Quando andremo a Livorno amore?” Sara, sorridendo risponde.

“Presto caro, presto.”





Sibilla&pegasus.





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Rotterdam19 Invia un messaggio
Postato in data: 21/02/2011 19:11:05
Giudizio personale:
Lessico di alto registro .....garbatamente erotico. Mi garba !! :-)

Autore: Carino6423 Invia un messaggio
Postato in data: 26/06/2008 17:54:03
Giudizio personale:
Molto coinvolgente ed eccitante, di vera intensità e da far toccare con mano il lento bagnarsi del proprio sesso durante la lettura, per un\'esplosione generale finale, grazie.

Autore: Ibiscogiallo Invia un messaggio
Postato in data: 26/06/2008 01:53:53
Giudizio personale:
finalmente un racconto sensuale ed intrigante, davvero ben scritto, complimenti.

Autore: Fulmine969 Invia un messaggio
Postato in data: 25/06/2008 10:50:12
Giudizio personale:
magari capitasse questa estate di incontrarvi....bellissimo


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Abbigliamento
Guepiere calze e perizoma bianco rete
Guepiere calze e perizoma bianco rete
Sexy coordinato in rete a maglia piccola composto ...
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Reggicalze nero vinile
Reggicalze nero vinile
Reggicalze in vinile lucido fascia alta in vita co...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Vibro gonfiabile
Vibro gonfiabile
Dildo dalla forma realistica gonfiabile e dilatabi...
[Scheda Prodotto]