i racconti erotici di desiderya

Un'insolita vacanza -prima parte


Giudizio:
Letture: 2254
Commenti: 8
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Dopo un anno di lavoro intenso, finalmente arrivavano le vacanze. Avrei portato tutta la mia famiglia in Sardegna: mia moglie e i miei 3 figli.

L’agenzia ci aveva avvisato che il piano superiore era occupato da un gruppo di sei ragazzi e che quindi avrebbero fatto un po’ di confusione, ma la voglia di partire era tanta e quindi ho accettato ugualmente.

In 10 anni di matrimonio non ho mai pensato di tradire mia moglie e mai avrei pensato di provarne il desiderio proprio in vacanza.

Arrivati alla casa parcheggiamo nel vialetto e sento già la musica a livelli altissimi, scambio uno sguardo con mia moglie e lei scuote la testa.. “Ci faranno impazzire” mi dice e nel frattempo entra in casa con la mia piccola ciurma. Nel frattempo comincio a scaricare i bagagli, con tre bambini tra giocattoli e vestiti di ricambio avevamo preso su mezza casa. Osservo la casa dall’esterno, è bella spaziosa e per fortuna ci hanno dato il piano terra dove c’è un bel giardino recintato, la macchina è parcheggiata ad altezza di una stanza del piano superiore… e mi accorgo che è il bagno.

La finestra però è circondata da un muretto di mattoni bucherellati, hanno una forma strana sono tutti forati e si riesce a vedere chiaramente all’interno della stanza, tra il muretto e la finestra c’è la cisterna per l’acqua.

Stavo finendo di scaricare le ultime cose quando sento la voce di due ragazze provenire dal bagno, si stanno cambiando per la spiaggia, sono giovani avranno entrambe 24 anni al massimo, sono castane e hanno le forme al posto giusto. “Ma cosa sto pensando” dico fra me e me…

Sento che escono con le macchine e si avviano a prendere la tintarella.

La giornata prosegue tranquillamente ed arriva la sera, sono fuori in veranda a fumare una sigaretta, quando sento che si apre l’acqua della doccia, il mio cervello mi impone di andare a sbirciare.. entro in casa e prendo le chiavi della macchina propinando la scusa di dover cercare qualcosa in macchina.

È li, nel bagno e si sta spogliando per farsi la doccia, è la più formosetta delle due, ha almeno una terza e un culo spettacolare. Si toglie tutto incurante dei miei sguardi, forse pensa che con i mattoncini è coperta, ma in realtà si vede tutto e benissimo. Sento una voglia crescere nei mie short, un eccitazione simile a quando avevo 15 anni e spiavo mia sorella cambiarsi in bagno.

“Papàààààààààààààààààà” mi chiama mio figlio che mi riporta alla realtà di padre, solo che ora non posso entrare cosi in casa, mia moglie se ne accorgerebbe sicuramente, apro la macchina e prendo una maglietta più lunga di quella che indosso ora e me la cambio. Per fortuna mia moglie non ha fatto domande sul cambio. È tardi è quasi l’una, in casa dormono tutti, io no ho in mente ancora le curve sinuose che lasciano cadere i vestiti e si infilano nella doccia, mi corico sulla brandina in giardino e la fantasia comincia a volare.. mi immagino sotto la doccia con quella ragazza, a stringerla e a farle sentire la mia virilità penetrandola fortemente e sorreggendola per le cosce..sento la sua bocca che si abbassa e che va a cercare il mio membro.. me lo prende in bocca e sta lavorando la punta.. riapro gli occhi e mi accorgo che l’ho tirato fuori dai pantaloni e me lo sto menando come non facevo da una decina di anni. Nel buio del giardino esplodo e l’ultimo mio pensiero è che la ragazza è sotto di me con la bocca spalancata a bere tutto. Sconvolto da quello che ho appena fatto mi ricompongo, piego la brandina e sto per entrare in casa quando mi accorgo che l’oggetto del mio desiderio è affacciata alla finestra della loro veranda chiusa, mi guarda e fuma. Sono imbarazzato ma eccitato allo stesso tempo.. temo e spero che mi abbia visto..

È mattina e sto andando al market a fare spesa, sto per entrare in macchina quando incontro la ragazza.. sta stendendo i suoi perizomini appena lavati ed è uno splendore alla luce del sole, i nostri sguardi si incrociano mi fa l’occhiolino e mi dice “Ciao vicino!!”imbarazzatissimo alzo una mano in segno di saluto e mi chiudo in macchina, ho il cuore a mille.. ora ho la certezza che mi ha visto..

Torno carico come un asino di tutte le cose che mia moglie ha inserito nella lista della spesa, le macchine dei ragazzi non ci sono, ma si è alzato un vento fortissimo e un paio di mutandine si è staccato ed è caduto per terra.. impazzisco.. sono le sue.. mi guardo intorno e raccogliendole me le infilo in tasca.

Finalmente mi distrarrò andando in spiaggia con la mia famiglia. Torniamo che sono le sei e sono tutti fuori a farsi i gavettoni, ma la “mia” lei non la vedo, solo spostandomi più in là la noto, è sotto la doccia esterna avvinghiata ad un ragazzo, che presumo sia il suo fidanzato, e non so come mai ma mi sale la gelosia, apre gli occhi mi vede e mi fa un cenno di saluto con la mano, ricambio con un’alzata di testa.

Entro in casa mia moglie è in giardino con i bambini, mi infilo in bagno ed estraggo il prezioso furto che ho in tasca, è restato li tutto il giorno, ovviamente non sa di lei, è stato lavato.. ma il pensiero che l’ha indossato che ha contenuto quella meravigliosa fighetta e che quel filo ha avuto l’onore di essere ospitato tra quei due glutei perfetti mi provoca un’erezione fortissima e chiudendo la porta a chiave e circondando il mio cazzo con le mutandine comincio a masturbarmi, esplodo dopo poco tempo, la voglia di lei era troppa e le inondo di seme caldo. Cerco di asciugarle un po’ con la carta igienica ma l’odore di seme si sente ugualmente, le ripongo nella tasca, mi spoglio completamente e mi infilo in doccia. Mentre mia moglie fa il bagno ai bambini io mi preparo, stasera usciremo a cena, specchiandomi mi vedo affascinante, sono un trentottenne dal fisico asciutto, moro e con gli occhi neri, pensandolo mi scappa da ridere.. mi sto valutando allo specchio come un sedicenne con l’acne.

Prendo i passeggini e seggiolini e li comincio a mettere in macchina, ancora sento il rumore della doccia che si spegne mi giro… e non è lei, ma un suo amico che si è appena lavato, si mette la salvietta intorno alla vita ed esce dal bagno, “niente stasera l’ho persa” penso.. quando sento la sua voce “ce ne hai messo di tempo per lavarti Ale! Su su che ho bisogno di una doccia, fuori dalle palle” mi parte un sorriso da ebete sulla faccia e sono li con il passeggino in mano a guardarla, sono inebetito sul serio non riesco a muovere un muscolo, non so come ma lei guarda fuori dalla finestra e mi vede li cosi con quell’espressione da idiota e mi sorride sorniona. Sono incantato a fissarla e lei mi tiene gioco con lo sguardo, fa gli occhi da gatta.. in calore aggiungerei io… senza togliere gli occhi dai miei inizia a sfilarsi le ciabatte, ha dei piedi bellissimi e scalza si mette in piedi sui bordi della vasca da bagno, comincia ad ondeggiare muovendo le anche come una dea, inizia a sfilarsi la mogliettina, sotto ha il costume da bagno rosso riempito alla perfezione dal suo seno.. non stacca mai gli occhi dai miei.. ci stiamo letteralmente mangiando con gli occhi.. si sta per slacciare la gonnellina quando mia moglie mi richiama all’ordine.. che palle.. sul più bello! La guardo desolato, ma fugge il mio sguardo e chiude la finestra. Nero di nervoso carico tutti in macchina e partiamo verso il ristorante, ne facciamo ritorno verso le 10.30 avendo i figli piccoli non si puo’ stare molto in giro, scendono tutti dall’auto e si dirigono in casa mentre io procedo nella fase scarico di passeggini e giocattoli vari, mi sento chiamare “Ehy!” è in bagno sta tirando i capelli alla sua amica ed è in reggiseno e minigonna ed è un sogno. La saluto con la mano e mi fa di nuovo l’occhiolino.. la sua amica le dice “non fare l’oca Sara” si alza e chiude la finestra. Evidentemente si stanno preparando per uscire.. che stronza la sua amica!

Almeno adesso so il suo nome, entro in casa e trovo mia moglie addormentata nel letto coi bambini, quindi esco in giardino sullo sdraio a prendere un po’ d’aria e a fumare una sigaretta. Metto la mano in tasca per cercare l’accendino e ritrovo le mutandine rubate e ripenso alla sensazione che ho provato prima strofinandole.. sento “Pssssss” alzo la testa e c’è lei affacciata alla finestra della veranda e mi lancia qualcosa che mi atterra tra le mani. “questo non l’ho lavato..”.. non ci potevo credere mi aveva lanciato un pizzosissimo perizoma nero ed era ancora caldo di lei. “fanne buon uso!”. Avevo il cazzo che mi esplodeva nei pantaloni non ho avuto neanche la forza di ringraziarla, sono corso in casa, ho preso la direzione del bagno e mi sono chiuso dietro la porta, stavo tremando, quella ragazzina mi stava mandando fuori di testa.. mi sono spogliato completamente e mi sono coricato nella vasca da bagno vuota, ho avvicinato alla faccia il dono appena ricevuto, sapeva di buonissimo un misto di bagnoschiuma e di umori femminili.. non volevo sprecare quel ben di dio con una sborrata.. volevo preservare il suo odore e integrità, cosi tenendole premute sul viso ho recuperato il paio che le avevo rubato io, e che avevo già usato, e con quelle ho preso a masturbarmi. Muovevo la mano sul cazzo e inspiravo la tutta la femminilità di “Sara” sul paio donatomi. Vedendomi da fuori mi sarei sentito ridicolo cosi, nudo nella vasca a sfregarmi il pene in balia di 2 paia di mutandine, ma non ci potevo fare niente aveva risvegliato tutti gli ormoni che avevo represso con il matrimonio.

Incredibile 38 anni e mi stavo ammazzando di seghe per una sconosciuta che mi faceva arrapare un casino.











giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Thexvoice Invia un messaggio
Postato in data: 08/11/2007 23:17:45
Giudizio personale:
ciao, mi chiamo Paolo. Ho vissuto esperienze simili alla tua, la prima per caso e tutte le altre le ho cercate, provocate e le ragazze o donne che fossero alla fine le ho scopate tutte ... boh ... mi sono sposato a 28 anni, ora ne ho 43, ho due figli piccoli ma continuo a far cazzate ! ... che dirti, la prima volta è strana, ti senti un pò ridicolo, stai male perchè hai tradito ... ma poi tutto diventa naturale ... ti liberi, con l\'atto sessuale trasgressivo, di tutto quello che la vita quotidiana ti fa tener dentro ... scopare con un\'altra donna mi serve per sfogarmi ! ... beh .. divertiti fin che puoi ... alla prox, ciao.

Autore: DrakEva Invia un messaggio
Postato in data: 15/09/2007 19:23:23
Giudizio personale:
Bello .... piacevolmente intrigante ... certo che con te il \"disperato erotico stomp\" di Lucio Dalla e\' cosa da dilettanti ....
Forza col proseguio!!!

Autore: AndreaIII Invia un messaggio
Postato in data: 14/09/2007 13:01:07
Giudizio personale:
non solo è davvero intrigante ma devo riconoscere che conosci benissimo la psiche maschile, brava!!

Autore: Gigilatrottola79 Invia un messaggio
Postato in data: 13/09/2007 17:27:44
Giudizio personale:
stupendo ed eccitante.. :) continua cosi.

Autore: Jokys Invia un messaggio
Postato in data: 13/09/2007 17:08:14
Giudizio personale:
bello, visualizza bene le scene nella descrizione dei luoghi e dei personaggi.
incorniciandogli attorno un po\' di vita quotidiana e snellendo un po il torpiloquio, si potrebbe fare un buon libro....

Autore: Finaz Invia un messaggio
Postato in data: 13/09/2007 15:56:57
Giudizio personale:
voglio la seconda parte!

Autore: Prince01 Invia un messaggio
Postato in data: 13/09/2007 00:31:54
Giudizio personale:
ok

Autore: Divina Invia un messaggio
Postato in data: 12/09/2007 18:58:29
Giudizio personale:
Bellissimo.... Grazia

Rileggi questo racconto Esprimi un giudizio su questo racconto Leggi gli altri racconti

Webcam Dal Vivo!