i racconti erotici di desiderya

Una serata

Autore: VecchioConte77
Giudizio: -
Letture: 0
Commenti: 0
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Finalmente giungeva al termine quella noiosissima cena di gala, culmine di una tremenda tre giorni di convegno aziendale, non vedevo l'ora di andare a dormire per poi ripartire la mattina presto del giorno seguente. Sulla terrazza della sala ristorante dell'albero che ci ospitava, guardavo la spiaggia e il mare sottostante sfumacchiando quella che pensavo l'ultima sigaretta della serata e sorseggiando del rhum dal bicchiere che tenevo sul davanzale. Tra un sorso e l'altro, mi accorgo di una deliziosa presenza a pochi metri da me. Una donna meravigliosa. Una folta chioma di capelli biondissimi che le scendevano lungo la

schiena, una camicetta bianca che le stringeva il corpo, gonna nera classica poco sopra il ginocchio che modellava un didietro a dir poco perfetto, gambe velate da calze nere e, per finire, tacchi neri. Rimasi incantato da quella visione, avevo difficoltà a toglierle gli occhi di dosso, ero come rapito.

Infatti, lei se ne accorse immediatamente quando lei si girò un attimo verso di me e sorrise. Un sorriso delizioso, meravigliose labbra rosse e degli occhioni intensi. Incrociammo gli sguardi e i sorrisi più di qualche volta in pochi minuti, quando di colpo la trovo al mio fianco che sta bevendo l'ultimo sorso di

rhum dal mio bicchiere guardandomi con occhi maliziosi. è davanti a me bellissima, la camicetta è quel tanto aperta da lasciar intravedere un delizioso decollette, sfiorato da un'elegante collana di perle. La guardo, sorrido, e dico: - Lo sai che hai bevuto proprio l'ultimo sorso? - e lei con occhi di quasi di sfida: -ah, sì?-. Rimango spiazzato dalla sua risposta indisponente e dico: - per farti perdonare, devi quantomeno farmi compagnia per un altro rhum, magari da bere giù in spiaggia -. Lei senza esitazione: - perché no? -.

Scendiamo giù al bar, chiacchierando ordiniamo i due rhum per poi incamminarci verso la spiaggia dell'albergo per poi sederci su una di quelle sdraio a due posti. C'era poca luce, come sottofondo il suono delle onde ed un leggero venticello che rendeva l'aria frizzante. Sorseggiavamo il nostro rhum ed, intanto, si chiacchierava simpaticamente. Dopo le presentazioni di rito, la conversazione si focalizzò sulla nostra presenza in quell'albergo ed anche lei era stata incastrata in una tediosa convention aziendale. Si rideva e si scherzava su quanto fossero noiosi questi appuntamenti. Ero molto affascinato da lei, non era

solo bella ma anche molto brillante. Ascoltarla era molto piacevole, ero incantato dal movimento sensuale delle sue labbra rosse ma, allo stesso tempo, i miei occhi non potevano far a meno di cadere su quelle perle che beatamente si insinuavano nella sua scollatura. La nostra chiacchierata, non priva di piccole provocazioni, era contornata da una serie di sguardi e sorrisi maliziosi. Si stava creando una certa tensione tra di noi. Era solo questione di attimi.

Infatti, lei si rovesciò addosso il contenuto del bicchiere, bagnando di rhum tutta la camicetta ed in un attimo la tolse via, rimanendo con un elegante reggiseno nero, poi sorridendo mi disse: - uff...che sbadata! -. La sua pancia era tutta ricoperta di rhum e, allo stesso modo i suoi seni, compresa la collana di perle che si incastonava nel mezzo, erano stati inumiditi da quel gesto maldestro. Era una visione intrigantissima alla quale non riuscì a resistere, Avvicinai la mia bocca alla sua pancia e iniziai baciarla, leccando ad una ad una tutte le goccioline di rhum. Il sapore del liquore si univa a quello del suo corpo creando un elisir di sensualità, mentre la mia bocca saliva lungo il suo corpo. Lei restò immobile, non disse nulla, solo un leggero gemito quando le mia labbra sfiorarono il seno. Poi con le labbra ancora umide, la baciai sulla bocca e dopo un intenso intreccio di lingue le dissi: - così è molto più saporito -. Lei mi guardò, sorrise e, con fare sempre più malizioso, disse: - Finalmente! -. A quel punto lei mi spinse facendomi risedere sulla sdraio e salì a cavalcioni su di me. Fu un vortice di labbra e lingue che si rincorrevano sui nostri corpi. Ormai era a petto nudo, lei aveva completamente sbottonato la mia camicia così come io avevo fatto volar via il suo reggiseno, lasciando libero il suo delizioso seno. Seno che avevo preso a baciare, completamente preso dai suoi meravigliosi capezzoli resi durissimi dal leggero venticello, da cui non riuscivo a staccarmi. Erano saporitissimi. Ad un tratto, lei si ferma, ride, afferra il mio bicchiere di rhum e versa quel che resta sul mio petto. - Voglio vedere se anche su di te è più saporito - disse e prese a leccarmi sul petto mordendomi i capezzoli. Questo mi eccitò ancor più di quanto lo ero già, cosa che a lei non passò inosservato. Infatti, ancora a cavalcioni su di me, sentiva forte la mia eccitazione crescere e, vogliosa, prese a strofinarsi lentamente su di me. La situazione era rovente ma era troppo rischioso continuare lì, avrebbero potuto vederci e poi il fresco del vento iniziava a farsi sentire quindi le sussurrai in un orecchio: - qui dietro ci sono delle cabine, perché non continuiamo lì? -. Lei sorridendo disse: - forse è meglio - . Ci alzammo, le feci indossare la mia giacca sia per coprirla che per ripararla dal freddo e poi corremmo verso le cabine. Entrammo nella prima cabina, non ricordo neanche se chiudemmo la porta tanto ce eravamo presi dall'eccitante situazione che si era creata. Lei era seminuda ormai, aveva addosso solo la mia giacca, era aperta e lasciava ammirare il suo delizioso seno con quei capezzoli drittissimi, la gonna era alzata al punto che si intravedeva il perizoma nero oltre che la balza delle autoreggenti. Io, invece, avevo la camicia completamente sbottonata ed il petto nudo ancora bagnato di rhum. In quella cabina fu immediatamente un vortice di sensazioni, lingue intrecciate che poi scivolavano sul corpo dell'altro, corpi roventi che si strusciavano, il desiderio cresceva sempre di più. Ricordo di aver, ad un certo punto, messo le mani sul suo culo e a stringerlo forte mentre continuavo a leccarle il collo. Un culo sodo e corposo, più lo toccavo e più lo stringevo quasi al punto di farle male. Poi allontanai una delle due mani verso il davanti e la feci scivolare nell'intimo, incontrai prima un leggero pelo, al tatto sembrava curato, poi sentii l'umidità della sua eccitazione che mi permise di insinuarmi con un dito dentro di lei. Lei lanciò un gemito di piacere più intenso, cosa che interpretai come un segnale a continuare. Cosa che feci fino a quando mi ritrovai con i pantaloni completamente abbassati e la sua mano che stringeva la mia svettante eccitazione. Ero così preso che quasi non me ne accorsi, era tutto così naturale ed intenso.

Appena mi resi conto di tutto, la mia eccitazione salì ancora di più. La presi di peso e la misi con le spalle contro la cabina, le alzai ancora di più la gonna, ma lei mi scivolò senza che me ne accorgessi ero rimasto immobile. Tanto ero preso dal piacere che la sua lingua mi procurava, calda e tanto umida scese sul mio petto e mi diceva: e lentamente scendeva, non avevo il coraggio di fermarla, ma in un istante di lucidità la tirai su e le nostre lingue si incrociarono ancora. In un'istante poi la persi, era di nuovo sul mio petto e mi mordicchiava i capezzoli, non capivo molto. Di lì a poco sentii un calore che mi avvolgeva il membro mi accarezzava con la lingua era un piacere così intenso che sentivo quasi mi stesse strappando l'anima, dovevo fermarla, non avrei resistito a lungo.

ovviamente lo feci e più lo stringevo e più il ritmo diventava incalzante e profondo. A questo punto le sue mani presero a toccarmi la schiena, quasi a graffiarmi, per poi stringere il mio culo. Anzi, le mani sul mio culo servivano per stringermi a sé sempre più forte, tanto che si sentivano i colpi della sua schiena alla cabina. L'eccitazione era quasi al culmine e lo si sentiva dai nostri gemiti sempre più forti ed intensi, temo che si sarebbero sentiti fin su in terrazza se non fosse stato per la musica del bar. Ormai eravamo completamente presi dall'intensità e i miei colpi sempre più incessanti incitati dai suoi gemiti. Era chiaro che arrivammo entrambi all'apice del piacere fino a venire e rallentare gradualmente il ritmo ormai sfiniti.

Ci ricomponemmo in qualche modo, lei si sistemò la gonna e si chiuse la mia giacca ed uscì fuori mentre io mi rialzavo i pantaloni e mettevo apposto la camicia. Uscendo dalla cabina, la vidi di fronte a me, accovacciata sulla sabbia, gonna alzata e quel suo eccitantissimo sorrisetto malizioso. Niente mutandine, le gambe aperte ed ancora grondante del mio piacere iniziò a zampillare il suo nettare dorato verso di me. Rimasi immobile a guardare quella scena eccitantissima. Finito, si alzò e ridendo mi disse: - scusami, ma il rhum mi fa venire sempre la pipì - e poi mi baciò sulla bocca. Ci dirigemmo subito

nella mia camera, inutile dire che la serata non finì lì, ma questa è un'altra storia.


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI



Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Abbigliamento
Corsetto blu jeans
Corsetto blu jeans
Corpetto con quattro stecche metalliche per lato e...
[Scheda Prodotto]
In: Coadiuvanti
Candela massaggio afrodisiaca spiritual 150ml
Candela massaggio afrodisiaca spiritual 150ml
Cera afrodisiaca ed olio da massaggio in unica sol...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Lucid dream viola
Lucid dream viola
Vibratore dalloriginale forma arrotondata disegnat...
[Scheda Prodotto]