i racconti erotici di desiderya

Un incontro

Autore: Yin_yang_it
Giudizio:
Letture: 662
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Racconto



Ta tam… ta tam… ta tam… ta tam…

Il rumore del treno che sferragliava sul binario produceva un suono ritmico che portava la mente di GF. a vagare.

“La prossima fermata Trapani” gridava con voce tonante il capotreno.

La mente di GF. andò ad eventi lontani e come per incanto apparvero nella sua mente racconti di situazioni particolari.

Apparve un annuncio messo su Desiderya in cui una coppia cercava un’altra coppia e la proposta che GF. e Anita fecero per un incontro.

Avevano proposto anche un amico ed era stata accettata.

Ricordava perfettamente l’incontro.

Si erano ritrovati davanti al ristorante “Donna Amalia” sul lungomare di Trapani.

Anita sotto il cappotto portava un vestito attillato nero con uno spacco vertiginoso a lato da cui si intravedevano le giarrettiere nere. I suoi capelli ramati mossi dal vento mettevano in risalto i suoi occhi... “due lampadine accese dal desiderio” pensava GF che conosceva benissimo l’emozione di Anita all’evento, era veramente attraente.

Bea, la lei della coppia che aveva messo l’annuncio, portava invece un vestito bianco aperto sul davanti da cui si intravedeva il suo seno piccolo e sodo e le giarrettiere bianche.

I suoi capelli di un nero corvino mettevano in risalto due occhi vivacissimi…era alta, magra, austera …regale.

Nic, invece, l’uomo della coppia era alto, abbronzato e vestiva con noncuranza un abito costoso ed emanava un profumo di tabacco e muschio, il suo volto denotava una persona seria e schiva ma si illuminava quando sorrideva…sembrava che tutti i muscoli del viso partecipassero al sorriso tanto era radioso.

Alberto, il nostro amico vestito con un completo grigio appariva gaio e spensierato, ma

i suoi occhi tradivano l’emozione del momento.

Dopo le presentazioni ci invitarono a cenare nella loro casa.

La casa in realtà era una villa che dava sul lungomare di Trapani.

Entrammo in un grande salone semibuio un camino acceso mandava una luce fioca…

Nic, si affrettò a mettere dell’altra legna e subito la fiamma si ravvivò illuminando la stanza.

Una grande vetrata faceva vedere il mare…il mormorio dell’acqua e il frangersi delle onde creava una atmosfera suggestiva.

Bea, accese delle candele sul tavolo imbandito.

Ci accomodammo intorno al tavolo in un silenzio ovattato rotto dal crepitio della legna sul fuoco e dal rumore delle onde che si frangevano sulla spiaggia.

Nessuno aveva voglia di parlare per non rompere quel magico silenzio.

I segnaposti sul tavolo erano stati studiati ad arte infatti GF. sedeva a capotavola;

Anita aveva a fianco Nic, e Bea Alberto, il nostro amico.

GF. pose molta attenzione a come ognuno di loro consumava il cibo…ricordava che per vedere una persona come reagiva al sesso occorreva guardarla mangiare!

Anita prese una “pannocchia” la portò delicatamente alle labbra e con molto gusto la succhiò della sua carne…

Bea invece guardò attentamente il cibo, lo valutò nella sua consistenza e con fare deciso se lo portò alla bocca…

Nic era più attratto a guardare spostava continuamente lo sguardo su Bea, su Anita e su Alberto…più che mangiare giocava con il cibo…

Alberto invece era attratto più dagli intingoli delle pietanze e di assaggiare più cose possibili…

Bene! Pensava GF. …sembrano ben assortiti la serata sarà magnifica!

Per tutta la cena vennero dette poche parole e sottovoce…

Nella stanza era cresciuta una atmosfera particolare come quando in una notte estiva si preannuncia un temporale…era palpabile una carica emotiva che ormai era giunta al suo punto più alto…

GF. si alzò distrattamente dalla sedia , si avvicinò all’impianto stereo, sbirciò tra i Cd e notò il bolero di Ravel…pensò quando sarà il momento potrà essere un buon aiuto…

Dalla posizione dello stereo poteva vedere Alberto e Bea…

Vide la mano di Alberto avvicinarsi verso le gambe di Bea, toccò le sue ginocchia che si apersero immediatamente…la mano s’insinuò nella profondità delle cosce di Bea che emise un piccolo sospiro di piacere.

Vide con altrettanta celerità il volto di Nic sparire tra le cosce allargate di Anita.

Al suono del bolero l’esplosione dei sensi ebbe luogo!

Bea tirò fuori il cazzo di Alberto e chiamò Nic per fargli vedere quanto era grosso…

Dal suo canto Nic, che aveva tolto i vestiti a Anita mostrava a Bea la fica che stava allargando con le mani!

Bea prese in bocca il cazzo di alberto ed iniziò a succhiarglielo, come d’altronde Anita stava facendo con Nic.

Improvvisamente i due uomini si alzarono e misero i preservativi

Alberto iniziò a scopare Bea sulla poltrona, la prese da dietro e il suo cazzo entrò come un maglio all’interno della sua fica.

Nic, invece, portò Anita sul divano le divaricò le gambe…giocherellò con il cazzo sul suo clitoride e poi sprofondò il suo uccello nel nido…

Gesti ritmati allo stesso tempo, accompagnavano il bolero di Ravel in un crescendo di emozioni e sensazioni fino a quando come per magia tutte e due le donne all’unisono emisero il grido di piacere che ogni uomo ama sentire.

Giacevano affaticate ma con i visi raggianti sia Bea che Anita.

I due uomini invece erano in piedi con il cazzo ancora dritto…

Le due donne erano vicino e con uno sguardo d’intesa si alzarono…Bea si diresse verso il suo uomo lo coccolò e lo bacio con slancio ed intenso amore…

Anita si diresse verso Alberto, gli prese il membro fra le mani, accarezzò con la lingua le sue palle…finchè non raggiunse l’erezione voluta.

Bea abbracciava il suo uomo e lentamente lo portò in ginocchio sul divano gli allargò i glutei e invitò Anita a portare Alberto lì vicino…

Le due donne sembravano conoscersi da sempre…come se un copione non scritto dettasse i loro movimenti…

Anita poggiò il cazzo di Alberto sullo sfintere di Nic, e poi mettendogli una mano sulle natiche invitò Alberto a penetrare quel culo.

Un urlo di dolore e di piacere accompagnò l’operazione…

Le due donne rimasero per un po’ a guardare e a godere di quello spettacolo poi con fare deciso Bea aprì le gambe di Anita e infilò la lingua nella sua fica!

Nic intanto urlando di piacere e di dolore si stava masturbando…un fiotto di sperma finì sul ventre di Anita, Bea prese a leccarlo senza perderne una goccia!

Le due donne si guardarono riconoscendosi troie e porche nella stessa misura…e allora fu la volta di Anita a gettarsi con la testa tra le cosce di Bea che l’accolse con tenero abbraccio.

Nel frattempo Alberto si era tolto il preservativo ed attendeva la giusta ricompensa al suo operare…trovò la bocca di bea e…ottenne il piacere estremo.

Un grido di piacere accompagnò la sua eiaculazione.

Bea lo bevve tutto ed esausta si abbandonò sul divano.

Di nuovo un silenzio ovattato calò nella stanza…il crepitio della legna e lo sciabordio dell’acqua ritornarono a cantare nella stanza.

Restammo tutti in silenzio.

Anita tenne stretta la mia mano così come Bea quella di Nic.

Alberto seduto in disparte guardava tutti con rispettoso silenzio.



Dopo molto tempo Anita si alzò andò verso Alberto e prese ad accarezzargli i glutei, le palle e il pisello…

Il cazzo di Alberto si eresse immediatamente…

Andò verso Bea e le chiese sottovoce se voleva essere inculata.

Dopo il suo consenso Alberto si mise il preservativo, incurvò la schiena di Bea e con una spinta secca e decisa fece entrare quel grosso uccello nel culo.

Nic a quella vista si arrapò improvvisamente…guardò Alberto negli occhi e come due persone che si conoscono da anni ed hanno condiviso momenti di piacere insieme…portarono le gambe di Bea in alto, mentre la sua schiena poggiava sul divano, le divaricarono mettendo in evidenza la fica allargata e il buco nero del culo…sembravano due fiori neri in un ghiacciaio…un brivido percorse la schiena di GF. e di Anita…

GF.per la carica erotica del gesto e Anita per la consapevolezza che la stessa cosa le sarebbe toccata a breve…

Alberto introdusse di nuovo il cazzo nel culo di Bea mentre Nic la scopava nella fica con incredibile forza ed amore.

Fecero la stessa cosa con Anita.

La stanza echeggiava di urla di piacere e di dolore ed era intrisa degli odori dei corpi…

Dopo una breve pausa Nic continuò a sbattere Anita nel culo…”tutti erano attratti da quel buco nero tra le natiche ben tornite” pensava GF.… quando con uno sguardo Anita lo chiamò accanto a sé… gli tirò giù la lampo e mentre era sbattuta nel culo da NIc prese in bocca il suo cazzo.

Bea vide la scena e divertita allungò la mano verso le palle di GF…

Le sue mani si muovevano in maniera gentile e decisa tanto che il suo membro divenne duro come il marmo.

GF. lo tolse dalla bocca di Anita e lo infilò nella bocca di Bea che prese immediatamente a succhiarlo…gli sbottonò i pantaloni e con fare deciso li tolse…

Bea si spostò sul divano con le gambe allargate facendo cenno a GF. di seguirla…

GF. s’inchino e prese a leccarle la fica…gli umori di Bea invasero la sua bocca, avevano il sapore e la fragranza dell’erba del primo mattino, quando è bagnata di rugiada…

Le due donne erano divertite ed entusiaste…Bea prese di nuovo il cazzo di GF. nella sua bocca, mentre Anita accarezzava il membro di Alberto e lo masturbava.

I due uomini vennero quasi in contemporanea…

Il seme di GF. straripò dalla bocca di bea, Anita le si avvicinò e le lecco le labbra senza disperderne nemmeno una goccia…

Si guardarono intensamente negli occhi e poi l’una masturbò l’altra.

La serata volgeva al termine…Alberto rivestitosi in fretta salutò tutti con grande affetto, mentre gli altri rimasero in tenero silenzio nella stanza…



“Esiste un luogo dentro di noi

dove sentiamo ciò che sappiamo.

Se seguiamo quell’intuito

Le porte si aprono e ci spronano alla crescita”



Questo era uno di quei momenti pensò GF. nel silenzio della stanza…ricordava che il canto dei nativi americani si concludeva dicendo:



“ cavalca il vento, pacifico guerriero,

insegna ai pellegrini stanchi

che l’amore è più forte del conflitto.

Il tuo fuoco illumina il sentiero,

permettendo ai nostri spiriti di vedere

il fuoco costante della Creazione

ed il nostro desiderio infinito…Di essere.”



Anita e GF. si guardarono negli occhi e d’intesa proposero alla coppia un massaggio tantrico. Passarono in camera da letto. Nic e Bea, nudi, giacevano vicini…

Anita prese dalla sua borsa dell’olio di mandorle lo sparse sui due corpi ed iniziò a massaggiare Nic, e GF. Bea.

I due corpi si rilassarono quasi immediatamente; era previsto il massaggio sul punto “g” per Bea e il punto “p” per Nic, ma i due si addormentarono…

Anita e GF., si rivestirono… baciarono quei corpi che giacevano dormendo mano nella mano con il sorriso sulle labbra, ed uscirono in punta di piedi.



Ta tam… ta tam… ta tam… ta tam…

prosegue il treno nella corsa sulle rotaie, GF. guarda divertito la città di Trapani e pensa che fra qualche ora sarà ricevuto, in una ridente città della Sicilia, da Almodovar il regista…vuol fare del racconto la trama di un film.

Si immagina il grande regista che con il sigaro in bocca gli domanda: “ ma è una storia vera? Vissuta? “

“Chissà !” “ Forse” gli risponde GF. sorridendo.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: La Danza Del Satiro Invia un messaggio
Postato in data: 22/08/2010 20:10:56
Giudizio personale:
Racconto intimo e denso di suggestioni sensuali.
Uno sfiorare la corda del desiderio consapevole per suonarne melodie di rara intensità.

Autore: Toni_roma Invia un messaggio
Postato in data: 17/12/2009 13:54:48
Giudizio personale:
Bel racconto che lascia aperta la domanda....quanta realtà quanta fantasia...ma perchè chiederselo...in ogni caso eccitante. Baci a due amanti del sesso anale


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Hydromax x30 bathmate next blu
Hydromax x30 bathmate next blu
Hydromax e lo sviluppatore ad acqua che mantiene i...
[Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Manette metallo argento
Manette metallo argento
Manette unisex in metallo con doppia chiave apertu...
[Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Sculacciatore doppia faccia
Sculacciatore doppia faccia
Dillo con un sorriso... oppure picchia con Smiley...
[Scheda Prodotto]