i racconti erotici di desiderya

Quella sera al bar


Giudizio:
Letture: 575
Commenti: 0
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Io ho sempre "lavorato" con le coppie, fin da quando ho iniziato a cercare rapporti di sesso, prima con gli annunci sulle riviste specializzate, poi su internet. Mi piace la prospettiva di far godere una donna insoddisfatta o particolarmente viziosa, specialmente alla presenza del marito cornuto e impotente. Confesso che questa è la situazione che ho sempre preferito, quella che sopratutto mi dà un senso di gratificazione in aggiunta al piacere della scopata.
Naturalmente, mi sono capitate anche coppie con il marito partecipe e devo dire che la cosa non mi ha mai creato problemi, neanche le volte che ci è capitato di mettere la donna in mezzo a noi e scoparcela assieme contemporaneamente. L'unica cosa che non ho mai tollerato in questi casi erano eventuali "invasioni di campo": intendiamoci, io sono etero... o per lo meno lo ero fino a quella fatale sera.
Ma andiamo per gradi. Avevo contattato l'ennesima coppia: 27 anni lei e 30 lui. Le foto che accompagnavano l'annuncio erano promettenti e altrettanto furono i primi contatti via mail e poi telefonici. Alla fine ci demmo appuntamento una sera in un bar fuori città, cosa che ci avrebbe permesso di appartarci in un luogo isolato nelle vicinanze, se ci fosse parso il caso.
All'appuntamento, però, si presentò lui da solo, scusandosi che la moglie era rimasta bloccata a casa per intervenuti problemi femminili. Non avevo motivo di dubitarci, perché avevo spesso parlato anche con lei per telefono, così ce fermammo a prendere una birra e scambiare due chiacchiere. Lui mi mostrò anche le foto della sua compagna, foto alquanto "esplicite", devo dire, che mi procurarono un certo rimescolamento nelle parti basse.
Espressi il mio apprezzamento. "Sì, è una gran bella gnocca!" confermò lui con una risata. Stabilimmo di trovarci non appena lei si fosse rimessa e uscimmo dal bar, dirigendoci al parcheggio. Ma le birre bevute cominciarono a fare il loro effetto e proprio mentre stavo aprendo la portiera della macchina, fui colto da un impellente bisogno di urinare. Non avevo voglia di tornare dentro, né ce l'avrei fatta ad arrivare a casa, così mi diressi verso un angolo appartato del parcheggio, mi aprii i pantaloni e mi accostai ad un albero per la necessaria privacy. Ma il cazzo già semiduro per i discorsi che avevamo fatto prima, appena fuori all'aria me lo ritrovai in piena erezione, rendendomi difficoltoso pisciare. Mentre me ne stavo lì, concentrato nello sforzo, mi accorsi di una presenza al mio fianco. Mi voltai: era lui, che mi fissava con interesse l'uccello duro. "Non ce la fai?" disse.
Io ridacchiai imbarazzato. "Beh..." mormorai. "Sei eccitato. Devi scaricarti", continuò lui e allungò la mano. "Che fai?" dissi io, sentendo la sua mano che mi prendeva l'uccello e cominciava a menarmelo piano piano. "Sei eccitato... ti faccio una sega." ripeté lui "Se ci fosse Laura ti farebbe un pompino, è molto brava a succhiare." Io cercai di tirarmi indietro, ma lui mi passò un braccio sulla spalla e continuò il suo lavoro. "Non preoccuparti, sono bisessuale, mi piace far godere gli amici di mia moglie." mi disse lui.
Beh, per quanto mi imbarazzasse il fatto di vedermi segare da un uomo, devo ammettere che il piacere cominciò a prendere il sopravvento e lo lasciai fare, finché i coglioni mi si rattrappirono e raggiunsi l'orgasmo. Lui continuò a menarmelo finché non ebbi finito di sborrare, poi ridacchiando prese un fazzoletto e si asciugò le dita bagnate del sperma. Finalmente il cazzo prese ad ammosciarsi e la pressione della vescica riuscì ad aprire l'uretra, così con un brivido lancinante iniziai a pisciare. "Meglio di una sborrata, vero?", commentò lui in risposta al mio gemito soffocato.
Come andò a finire? Andò a finire che ci trovammo la settimana successiva per un incontro estremamente gratificante, in quanto ebbi modo di godermi le grazie di entrambi, di lui e di lei, e francamente non saprei dire chi dei due fu il più bravo a farmi godere.


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI



Webcam Dal Vivo!