i racconti erotici di desiderya

Nel bagno turco

Autore: Pipppero
Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 3
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Questo è il mio primo racconto, non sono mai stato tanto bravo a scrivere ma ho deciso di provare e raccogliere i vostri giudizi.

Un pomeriggio in cui ero stranamente libero da impegni ho deciso di provare ad andare in una sauna gay.

In passato ero stato, all'estero, nella parte di sauna riservata agli uomini e avevo intuito che il livello di eccitazione era abbastanza alto, ma mai avrei immaginato di trovarmi in una situazione così eccitante come quella che sto per descrivere.

La sauna si trova alla periferia della mia città, arrivato ho parcheggiato nel parcheggio antistante l'ingresso e ho notato che c'erano poche macchine, il primo pensiero è stato "se ci sono poche persone probabilmente farò solo una sauna....".

Subito all’ingresso un ragazzo carino mi fa una tessera, mi consegna la chiave dell'armadietto, l'asciugamano, le ciabatte e mi indica lo spogliatoio.

Lo spogliatoio è deserto, io mi svesto poi, messo l'asciugamano in vita e calzato le ciabatte, mi avvio verso la zona sauna.

Il centro è piuttosto ampio con una bella piscina e una vasca idromassaggio, peccato non ci sia nessuno.

Andando verso le docce vedo che anche la sauna è vuota, solo vicino alla porta d'ingresso del bagno Turco ci sono degli asciugamani appesi.

Dopo la doccia inizio con una sauna, è veramente calda. Dopo un po’, tutto solo e sudato, decido di uscire. Faccio una doccia per cercare di smettere di sudare e decido di visitare il bagno Turco.

Il bagno Turco è diviso in due stanze. Una più piccola con al centro una piccola vasca circolare su un piedistallo e posizionata proprio sotto il getto di vapore, la seconda molto più grande con una panca tutto attorno alla stanza e al centro una grande tavolo di pietra.

Si vede poco, sia per il buio sia, come prevedibile, per il vapore.

Nella stanza c’è solo un uomo, in piedi vicino alla porta di uscita, fermo con il corpo e con la mano si massaggia un bel cazzo ancora moscio.

Io giro un po’ per le due stanze quando vedo che l’uomo si sdraia sul tavolo al centro della stanza, si posiziona per bene di schiena e continua a massaggiarsi il cazzo che piano piano sta prendendo consistenza.

Mi sembra sia sulla cinquantina, con un fisico asciutto.

Io continuo a gironzolare per vedere come evolve la situazione e nel mentre comincio anche io ad accarezzarmi.

Mentre sono intento nel capire come comportarmi, entra un ragazzo giovane, abbastanza alto, fisico palestrato.

Io ho continuo a gironzolare guardando un po’ l’uomo sdraiato sul tavolo e un po’ il bel ragazzo. Avvicinandomi noto che il ragazzo appena entrato ha un cazzo bello grande.

Anche il ragazzo comincia a girare per la stanza e mentre cammina si tocca il cazzo guardando l'uomo sdraiato. Non si sta masturbando, se lo accarezza piano piano, si accarezza le palle per poi tornare a giocare con il cazzo.

L’uomo sdraiato, che si accorto di essere al centro degli interessi del ragazzo, per attirare ancora di più l’attenzione si accarezzai con una mano il petto mentre con l’altra si masturba.

La cosa va avanti un po' e a tutti e due diventa sempre più duro.

A questo punto il ragazzo si avvicina al tavolo e accarezza l'uomo sdraiato con una mano mentre con l’altra inizia anche lui a masturbarsi. Dapprima gli sfiora le gambe, lentamente, poi piano piano arriva alle palle e comincia a giocarci accarezzandole e stringendole. La sua mano incontra la mano dell’uomo che non ha mai smesso di masturbarsi e adesso ha il cazzo durissimo e una meravigliosa cappella.

Io non riesco a non guardare, sono ipnotizzato. Ce l’ho duro come il marmo, sento anche che comincio a bagnarmi. Mi sembra di essere in un film porno.

Il ragazzo si china sull'uomo e inizia a leccargli le palle. L’uomo smette di masturbarsi e il suo cazzo rimane dritto e duro in bella mostra mentre la lingua del ragazzo continua ad esplorare ogni parte delle palle. Poi piano piano comincia a leccare l’asta, l’uomo ha un fremito, il ragazzo indugia poi sale fino ad arrivare alla cappella.

Mi sembra che il mio cuore salti fuori dal petto, sono eccitato, sudato, incredulo e sento il sangue pulsare nelle vene del mio cazzo durissimo.

Il ragazzo inizia un pompino incredibile, lento e profondo.

Si sta gustando ogni centimetro del cazzo dell’uomo, il quale prende in mano il cazzo del ragazzo, che nel frattempo è diventato veramente grosso, e lo masturba.

Io sono pietrificato, mi accarezzo il cazzo continuando a guardarli. Aspetto ancora un po’ poi mi avvicino, tocco timidamente il ragazzo, che è chinato intento a fare il pompino, e si lascia accarezzare. Sono attraversato da un brivido anche se sono in un bagno Turco.

Ha la pelle liscia e bagnata di sudore, gli accarezzo la schiena e scendo fino al sedere. Il sedere è duro, tondo, meraviglioso.

Sono talmente eccitato che sto per venire. Poi proseguo e gli accarezzo le palle, sono lisce, morbide, gioco con i suoi testicoli mentre sento la mano dell’uomo che continua ad andare su e giù su quell’asta imponente.

Il ragazzo continua il pompino mentre gioca con le palle dell’uomo che mugola di piacere.

Intanto sento la mano dell'uomo che ogni volta che scende accarezza anche la mia, allora anche io accarezzo il cazzo durissimo del ragazzo e lo masturbiamo assieme. Ha una cappella che sembra stia per esplodere, è durissima, liscia, le vene del cazzo pulsano e posso sentire il suo odore.

A quel punto il ragazzo avvicina il suo culo fantastico a me cercando il mio cazzo. Io lo tocco solo con la punta, sono troppo eccitato e rischio di esplodere.

Non vengo ma mi devo trattenere con tutte le mi forze, non capisco più nulla.

Sono in una sauna, ho in mano un cazzo enorme, durissimo di un ragazzo che sta facendo un pompino a un uomo che lo masturba assieme a me. Sento il culo liscio e meraviglioso che sfrega contro la mia cappella. Penso sia un sogno, e che sogno.

Mi scosto quel tanto che basta a non farmi toccare, non resisterei ancora, e continuo a masturbarlo.

A questo punto l’uomo sdraiato sul tavolo in preda agli spasmi esplode emettendo un urlo soffocato, il ragazzo torna in posizione eretta e viene copiosamente. Sento il suo sperma colare lungo l’asta, sento il suo corpo tremare, rallento via via il ritmo fino a lasciare la presa.

Il ragazzo senza nemmeno voltarsi esce dal bagno Turco, poco dopo anche l'uomo si alza dal tavolo ed esce.

Io rimango solo nel bagno Turco, ho il cazzo durissimo, la mente sconvolta e piena di pensieri. In realtà credevo di essere solo, mi si avvicina un uomo, probabilmente entrato mentre ero in “trance”, si inginocchia e inizia a farmi un pompino.

Sento la sua bocca calda avvolgere il mio cazzo, la sua lingua cercare la mia cappella.

Io non capisco più nulla e vengo quasi subito.

L’uomo si alza e mi dice “questo come ringraziamento per lo spettacolo” ed esce dal bagno Turco.


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Bobo45sex Invia un messaggio
Postato in data: 19/05/2017 15:38:02
Giudizio personale:
molto molto arrapante... grazie

Autore: Cerco Una Amante O Coppia Invia un messaggio
Postato in data: 11/09/2016 10:44:24
Giudizio personale:
Complimenti!

Autore: Nevada6 Invia un messaggio
Postato in data: 15/06/2016 15:49:10
Giudizio personale:
Eccitante!


Sono un/una:
Cerco un/una: