i racconti erotici di desiderya

Moglie pudica


Giudizio:
Letture: 10612
Commenti: 8
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Dopo aver infranto il muro dell’inibizione di mia moglie, ero un uomo felice.

Ogni volta che facevamo l’amore era una cosa nuova e bella, ed io non ero più costretto a sognare di nascosto ma rendevo Anna partecipe delle mie voglie e delle mie fantasie. E, cosa incredibile, lei partecipava attivamente a questo gioco, eccitandomi ed eccitandosi.

Il giorno del mio 30° compleanno festeggiammo alla villa dei miei genitori, sul mare, e lei per l’occasione aveva acquistato un vestitino terribile, cioè fantastico !!! Aveva una bella scollatura che lasciava intravedere molto, quasi tutto, ed anche il più santo dei miei amici era incapace di non guardarle le tette. Anche la minigonna non era niente male, attillata abbastanza da mostrare in pieno le sue belle forme. Insomma, ero eccitatissimo e non riuscivo a nasconderlo. Mia cognata (sua sorella) mi avvicinò e mi disse : “tua moglie è oscena “ , io gongolavo e le dissi che ero contento di ciò: lei si allontanò scuotendo la testa. La sera, nel letto, mentre la possedevo con passione , le confessai che mi sarebbe piaciuto sfilarle la camicetta, slacciarle il reggiseno e liberare la sua fantastica quarta misura, esponendo quei seni eccitantissimi alla vista di tutti. Insomma, le confessai che mi ero molto eccitato all’idea che tutti potessero vederle il seno. Mi disse che ero matto, ma poi volle venire lei sopra ed iniziò una cavalcata sconvolgente. Furiosa ma dolce, veloce e poi lenta, accompagnandola con gemiti e sospiri che mi facevano pensare di essere un superdotato ! La guardavo e morivo dal piacere nel vedere questa splendida donna dimenarsi su di me, guardandomi intensamente con occhi appannati dal piacere. L’orgasmo fu lungo e potente, e subito dopo si accasciò su di me coprendomi di baci. Era fantastica, bellissima, ed io ero orgogliosissimo di lei. E proprio per questo non temevo, anzi desideravo che altri potessero vederla nuda.

Ogni volta che capitava l’occasione, le dicevo che le sue tette erano da infarto (giuro, è la pura verità!) e che era veramente uno spreco che le potessi vedere solo io. Lo dicevo per eccitarla e anche perché mi eccitava tantissimo l’idea che lo facesse veramente, non perché volevo davvero che altri la vedessero , ma perché mi eccitava proprio il pensiero che lei volesse farlo.

Passò del tempo ed iniziammo ad andare in maniera assidua al mare, sempre in compagnia dei nostri 2 figli, quindi senza velleità di alcun genere. Un giorno mia sorella ci offrì l’occasione di passare la mattinata da soli, e noi decidemmo di impiegarla per andare al mare in un posto che non era il solito, era un po’ più distante ma siccome non ci eravamo mai stati giudicammo che fosse il caso di dare un’occhiata. Era un giorno infrasettimanale, quindi c’era poca gente, per la maggioranza famiglie con figli. Ci sistemammo nei pressi di una giovane coppia di fidanzatini, lei biondina , carina, lui non me lo ricordo! Dopo tutta la mattinata trascorsa tra bagni , partite a carte e chiacchere, arrivò l’ora di andare via. Il costume non si era ancora asciugato, ed Anna manifestò l’intenzione di recarsi in uno spogliatoio per mettersi il costume asciutto. Con sguardo malizioso le dissi “perché non ti cambi qui?” e lei, guardandomi con aria di sfida, rispose “pensi che non ne sia capace?” – “No” replicai tranquillo, ed era vero, non la ritenevo assolutamente capace di spogliarsi in pubblico. Mi guardò divertita, e, senza proferire parola, si guardò intorno. Scelta la direzione in cui non c’erano bambini (cioè quella dei fidanzatini ) , con noncuranza si slacciò il laccetto che le passava sul collo, e la parte superiore del suo costume intero nero (…non lo dimenticherò mai quel costume…) scivolò via, lasciando in una frazione di secondo lei col seno al vento e me senza fiato.

Sorridendo mi disse :” Allora, signor scettico, che ne dice? Valgo il prezzo del biglietto? Vuole che me lo tolga completamente, o le basta che quel bel moretto mi mangi con gli occhi solo le tette?:

Ero pietrificato : mia moglie sembrava perfettamente a suo agio in quella situazione, anzi avrei giurato che le piaceva proprio! Se si stava eccitando solo la metà di quanto mi stavo eccitando io, era una gran troia! Guardandola, sentivo il cazzo uscirmi dal costume , lei se ne accorse e mi disse : “ehi, non rubarmi la scena! Allora, cosa vuoi che faccia, mi rivesto o vuoi che stia così per un po’?”. Più la guardavo, e più ero incapace di staccarle gli occhi di dosso, proprio come il ragazzo che avevo alla mia sinistra il quale si sforzava di far casualmente cadere lo sguardo su Annalisa. Le porsi entrambe le mani, nella sinistra avevo un asciugamano e nella destra un reggiseno. Dissi “ voglio che faccia quello che ti senti : se prevale l’imbarazzo vestiti , se invece ti eccita fatti guardare ancora asciugati per bene ”.

Facendo finta di nulla si guardò di nuovo un po’ in giro, poi lanciandomi un’occhiatina arrapantissima afferrò delicatamente l’asciugamano, cominciando a passarselo voluttuosamente sul seno e sulla pancia. “sei eccitato?” mi chiese. “Da morire” risposi con la voce rotta dall’emozione. Il fatto che mia moglie si stesse eccitando nel farsi guardare da sconosciuti mi sembrava la cosa più arrapante del mondo, si stava comportando da vera porca. “Allora guardami, porco. Osserva come la tua mogliettina si mostra a tutti questi sconosciuti……mi sto bagnando!”

“Sei una vera troia – le dissi – ora che torniamo in macchina mi farai un bel pompino con ingoio, così impari ”. Lei, incurante delle mie minacce, continuava a mostrarsi tranquillamente ormai in tutte le direzioni. La minacciai “guarda che non resisto più, ho il cazzo che mi esplode, se non ti copri ti tolgo anche il resto…”. “si, ci credo proprio…” mi rispose ridacchiando. Stavolta toccava a me sorprenderla, ero talmente eccitato che non pensai ad eventuali problemi legali e, avvicinandomi lentamente, la accarezzai sui fianchi e tranquillamente ( per modo di dire : quasi tremavo per l’emozione ! ) le tirai giù tutto il costume. Ero fuori di me, non solo mia moglie era completamente nuda su una spiaggia con un sacco di persone che la guardavano, ma ero stato io a mostrarla in tutta la sua bellezza !!! Notai che per l’occasione si era depilata in maniera veramente perfetta, (chissà che non ci avesse fatto un pensierino già da casa…) e le dissi “ sei una bellissima puttan!

a, ora che tutti ti hanno vista come mamma ti ha fatta , sei pronta per vestirti e andare a far sfogare il tuo maschio preferito? ” Mi guardò sorridendo e disse, infilandosi le mutandine “andiamo a scopare, marito mio. Vedrai come ti combino !!! “

Andando via , ci sentivamo accompagnati dalle occhiate di rimprovero delle donne e di approvazione degli uomini. Giunti alla macchina , non riuscimmo ad evitare di toccarci ovunque come due ragazzini che scoprono l’altro sesso per la prima volta. La toccavo e lei gemeva come se la stessi cavalcando , ed anch’io mi rendevo conto di sospirare forte quando me lo afferrava senza molti complimenti. Dovemmo accontentarci di questo , altrimenti alla fine una denuncia per atti osceni in luogo pubblico non ce la toglieva nessuno. Purtroppo bisognava andare a prendere i bambini , ma io ero sicuro che non avrei MAI potuto resistere fino a sera. Glielo dissi, ad Anna guardandosi intorno mi disse : “ sai che facciamo ? ….parcheggiamo ! “ – “ tu sei completamente pazza – risposi subito – dove vorresti farlo ? “. Mi fece notare che c’erano tantissime macchine ammassate nel parcheggio di un ristorante annesso ad un famoso lido : “ è ora di pranzo , quanti andranno via ? “. Notando la mia titubanza , decise di essere convincente. Si tolse velocemente gonna e mutandine , rimanendo nuda sotto , ed iniziò a toccarmi tra le gambe. “ Vorrei che mi scopassi furiosamente. Trattami come una vera puttana , ho una voglia matta di vederti godere. “

Parcheggiai al volo trovando giusto un posticino tra due camper, sistemai due parasole sul lunotto anteriore e posteriore e mi spogliai anch’io. Non feci neanche in tempo a girarmi che sentii una splendida sensazione di caldo-umido sull’attrezzo che si era ingigantito a dismisura nel corso della mattinata. La mia mogliettina iniziò un pompino dolcissimo, fantastico , ma io avevo voglia di penetrarla e le dissi di smetterla che non avrei resistito niente. “Ho detto che ti voglio veder godere “ – rispose decisa – ed in modo deciso incrementò il movimento della sua testa. Venni subito copiosamente , ero troppo eccitato per resistere anche solo 5 minuti. Lei non si fermò , ma continuò a spompinarmi riuscendo a non farmelo ammosciare , ed io mi sentii un divo del cinema porno.

Le dissi “ adesso ti faccio vedere io…” e lei rispose “ ecco, bravo , proprio quello che volevo ! “

Le sollevai le gambe e la penetrai subito con vigore , facendola ansimare così forte da preoccuparmi che qualcuno potesse sentirci (i vetri erano un po’ aperti per il troppo caldo). Lei mi chiedeva di trattarla come una bambola gonfiabile, voleva che pensassi solo al mio piacere, ma era impossibile per me non pensare anche al suo godimento. Ciononostante, stantuffavo come un matto, mi sentivo un martello pneumatico, e Anna mi supplicava di godere a piu’ non posso. Alla fine decisi di accontentarla, e grugnendo come un animale iniziai a godermela sul serio, senza prestare attenzione a non venire troppo presto. Questo mio cambiamento ebbe un effetto immediato su di lei, che rispose ai miei grugniti godendo in maniera animalesca, come non le avevo mai visto fare. Ebbe un orgasmo incredibile, che non finiva mai, e lo accompagno’ con versi e gemiti ad alta voce che portarono anche me sull’orlo dell’abisso : lei capì e mi incitò a darci dentro più forte, e quando mi sentì irrigidire disse :”vieni fuori” , io lo estrassi e lei mi masturbò sulla sua pancia (aveva ancora le gambe sollevate) dicendo : ” sporcami tutta amore mio !! “.

Fu fantastico, e quando terminammo ci ripulimmo e corremmo via (arrivava qualcuno) senza sapere se avevamo dato spettacolo o no.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Mario7282 Invia un messaggio
Postato in data: 16/05/2014 02:21:46
Giudizio personale:
Davvero eccitante. Mi conferma che le donne sono timide fino a che non si riscaldano. Poi ..... possono sorprendeci......

Autore: Conte_maxy Invia un messaggio
Postato in data: 07/02/2014 12:12:45
Giudizio personale:
.

Autore: Silvana26 Invia un messaggio
Postato in data: 10/06/2008 07:47:41
Giudizio personale:
Suuper

Autore: Thexvoice Invia un messaggio
Postato in data: 01/02/2008 13:40:43
Giudizio personale:
... certo che tua moglie \"è una donna da sposare !!!
Complimenti a tutti a due per la passione con cui vivete il vostro rapporto.
Paolo

Autore: Thexvoice Invia un messaggio
Postato in data: 01/02/2008 13:40:20
Giudizio personale:
... certo che tua moglie \"è una donna da sposare !!!
Complimenti a tutti a due per la passione con cui vivete il vostro rapporto.
Paolo

Autore: Army740 Invia un messaggio
Postato in data: 25/04/2006 19:17:18
Giudizio personale:
fate bene

Autore: Yales Invia un messaggio
Postato in data: 02/03/2006 02:23:45
Giudizio personale:
peccato non ero presente........me la scopavo davanti al maritino...

Autore: Caliente80 Invia un messaggio
Postato in data: 28/02/2006 17:43:53
Giudizio personale:
complimenti per la descrizione delle sensazioni provate.davvero eccitante!!bravi!!!!!!

Rileggi questo racconto Esprimi un giudizio su questo racconto Leggi gli altri racconti

Webcam Dal Vivo!