i racconti erotici di desiderya

Mia zia


Giudizio: -
Letture: 0
Commenti: 0
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Avevo 18 anni compiuti vivevo con i miei, al piano di sotto viveva mia zia, una bella donna molto avanti negli atteggiamenti (non si era e non si é mai sposata ma ha avuto molti "amici").

Mia zia aveva 43 anni circa, ultima figlia, sorella di mia madre di secondo letto.

Da sempre aveva dimostrato una particolare predilezione per me tra tutti i vari nipoti perché, come diceva lei, “le ricordavo lei stessa”.

Un bel ragazzo che amava il bello che si vestiva con classe a differenza degli altri cugini carini si ma sempre molto dismessi negli abiti e negli atteggiamenti.

I miei lavoravano, lei in quel periodo era senza lavoro per cui capitava spesso che, abitando al piano di sotto in una casa di soli quattro appartamenti, andassi a pranzo da lei per stare in sua compagnia.

A lei piaceva fare da mangiare per me ed a me piaceva stare con lei (oltre al fatto che mi trovavo il pranzo pronto).

Finito di mangiare mi fermavo un po' a fare due chiacchiere con lei ed a volte giocavamo a carte.

Non sono mai stato un grande amante delle carte ma a lei piaceva molto e m sembrava il minimo per ricambiare la sua ospitalità.

Spesso lei scherzava con me anche con dei doppi sensi terminando le situazioni sempre con dei sorrisetti che lasciavano aperte le cose a varie interpretazioni.

Era una bella donna e sapeva come esserlo, aveva esperienza e credo si divertisse a "scombussolare" un po' i miei piani (ammesso che ne avessi).

Giorno dopo giorno, si faceva sempre più intrigante, le piaceva investigare sulla mia vita sentimentale per scavare in profondità chiedendomi come mi comportassi con le ragazzine (avevo un discreto successo ma sessualmente non ero certo una cima).

Non so come ma un giorno mi fece: hai mai fatto giochi sexy con le carte (va detto che avevamo un po' bevuto quindi i freni inibitori erano un po' bassi).

Che tipo di giochi sexy? Intendi dire il gioco della bottiglia?

Lei con fare ammiccante mi disse: no dai con le carte.

No, le dissi io, e lei di rimando, visto che giochiamo a carte non ti andrebbe se te ne insegnassi uno?

Brevemente decidemmo di giocare a scopa con la regola che ad ogni mano si contavano i punti e chi perdeva doveva togliersi un indumento.

Lei era brava a giocare a carte, spesso frequentava con i suoi amici i casinó,…. io molto meno.

Fatto sta che in men che non si dica la mia situazione era decisamente critica: dopo poche mani ero con solo gli slip addosso (e tenete conto che ogni scarpa e calza contava un indumento)

Lei aveva ancora intimo e gonna, aveva perso scarpe, calze (autoreggenti per cui due) e camicia.

Io le chiedo se volesse fermarsi e lei mi dice: perché? Ti vergogni di me? Ma se ti ho visto nascere .....

Punto nell’orgoglio di giovane maschio dissi: ovviamente no, giochiamo ancora!

La mano gira bene e vinco, e lei mi incita dicendo: dai che forse ora è girata la sorte con le carte capita (ripensandoci credo che avesse voluto farmi vincere).

Ma ovviamente non era così ed alla mano successiva perdo.

Io imbarazzato resto un po' interdetto ma anche onestamente eccitato dalla situazione essere quasi nudo davanti a si mia zia he però, guarda caso era anche una bella donna in parte svestita davanti a me.

Lei mi guarda mi prende un po' in giro poi dice: facciamo così, ci giochiamo un'ultima mano, se vinci mi tolgo due indumenti ma se perdi devi pagare... o hai paura?

La tentazione di vedere mia zia, la bella donna, nuda mi eccitava tantissimo.....

Accetti o ti ritiri da ragazzino? Proseguì lei

Accettai ovviamente.

Mi impegnai la partita fu tirata al classico ultimo punto ma le carte non girano proprio ed alla fine persi.

Finiti i conteggi e conclamata la sua vittoria mi disse: i debiti di gioco si pagano sempre.

Io da seduto stavo per iniziare a sfilarmi gli slip ma lei: no dai vieni qui il debito si paga e si paga bene non di nascosto.

Madre natura mi ha dotato bene ed uno slip non poteva certo mascherare la mia eccitazione, mi alzai dalla sedia, feci il giro attorno al tavolo in modo che lei potesse vedermi togliere quegli slip che poco celavano la mia evidente erezione.

Senza nessun apparente sguardo da parte sua che palesasse sorpresa o interesse mi chiese di avvicinarmi a lei e poi: su paga.

In quel momento ricordo ancora ora che tutto mi passo per la mente: che faccio? Scherza? Dice sul serio? Ma poi chissenefrega, si è mia zia, ma mi ha visto nascere.....

insomma confusione, eccitazione ed un po' di vino.

Attimi poi la decisione: mi trovato davanti ad una bella donna che mi chiedeva di abbassarmi gli slip.....

Con fare deciso quasi a mo di sfida le chiedo di mettersi comoda, e mi abbasso gli slip.

La mia erezione era evidente gli slip fecero quasi resistenza nel superare la mia asta dura tesa come un bastone puntato verso di lei.

Ecco, ero nudo con il mio cazzo in erezione; il mio imbarazzo lasciava il posto alla "fierezza mascolina".

Lei che di cazzi immagino ne avesse visti abbastanza lo rimirò con compiacimento facendomi i complimenti e dicendo: a dimensioni sei molto ben messo ma le dimensioni sono si importanti in un uomo ma non sufficienti se non si sa usare la macchina a dovere non trovi?

Li successe che forse io mi avvicinai a lei o lei si protese verso di me fatto stà che, come in un sogno, la sua mano stava accarezzando il mio cazzo.

Si quella mano con le belle unghie laccate di rosso sono ancora impresse nella mia memoria, mani che lo sfiorano dolcemente poi lo afferrano salde ed iniziano a muoversi in su ed in giù.

Io ero nudo con lei che iniziava a masturbarmi con dolcezza e con sapienza, ero inebetito dalla situazione.

Mi fece una sega con calma o almeno con quello che per me era una sega fatta da una femmina che sapeva il fatto suo rispetto alle ragazzine avute fino ad allora.

Con una mano andava dolcemente e lentamente su e giù mentre l’altra accarezzava il mio scroto i testicoli aumentando le sensazioni di piacere in me.

Non si tolse il reggiseno non volle che la toccassi.

La sentii stringere il mio cazzo con decisione e quando intuì che stavo per venire lo indirizzo sul suo decolté.

So che feci talmente tanti schizzi che lei si mise a ridere dicendomi: non avrai mai problemi ad avere figli e, aggiunse, con questo arnese se lo saprai usare, farai contente molte donne.

A quell'incontro ne seguirono altri per circa un anno e mezzo, non tutti i giorni ovvio (lei riprese a lavorare) ma ogni tanto mi invitava a cena e decideva di dare delle lezioni di sesso al suo nipote speciale.

Dico subito che non ho mai scopato con lei, tante seghe e pompini (di cui lei era veramente abile ed avida) nulla di più.

Lei non volle mai che la scopassi, diciamo che per quel periodo mi usò come un suo giocattolo.

Capirete bene che per un giovane uomo quella fu una situazione veramente forte, trasgressiva, avere una zia con cui fare pratica, imparare ad apprende come masturbare con mani e lingua una donna ricevendo in cambio masturbazione di mano e di bocca da lei.

Ricevere indicazioni su come far godere una donna, su cosa farle e cosa farsi fare, non avere problemi, insomma una vera maestra.

Credo che in quel periodo maturó in me la consapevolezza che il sesso fatto tra persone adulte e consenzienti non fosse nulla che potesse fare del male a nessuno.

A lei devo la mia evoluzione sessuale ed anche se é mancata tanti anni fa serbo di lei un bellissimo ricordo, mi ha voluto bene e mi ha aiutato a diventare sessualmente un uomo.

Immagino che chi avesse avuto il piacere di arrivare a leggere fino in fondo questa storia possa pensare che sia tutta inventata per sorprendere, apparire …..ma è così, questa è stata una storia vera che mi è capitata tanti anni fa di cui vado orgoglioso perchè nessuno come lei mi ha mai insegnato come potermi comportare con una donna, farla godere e ricevere piacere.

Da giovane uomo arrapato divenni un esperto uomo e grazie a lei ebbi un crescente successo con le mie amiche.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI



Webcam Dal Vivo!