i racconti erotici di desiderya

Maria – subito donna bidet per culi


Giudizio:
Letture: 4210
Commenti: 5
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
A 27 anni accettai, dopo mille timori e ripensamenti, la proposta di un singolo, 36 anni, alto, moro, separato, un vero porco. Mi aveva eccitato con decine e decine di mail raccontandomi di come mi avrebbe fatto sentire una vera puttana, e man mano che ci scrivevamo mi mise in chiaro tutto quello che avrei subito. Il gioco era che io ero la sua schiava, lo avrei succhiato, leccato e lui mi avrebbe rotto il culo. Inoltre, ci eravamo inviati i reciproci certificati medici per verificare che fossimo HIV negativi e sani completamente.







Sono le 22.00 di martedì. Mi dà pacco, penso, forse meglio così.



In quel momento medesimo squilla il mio cellulare: è un sms.







“Sto arrivando puttana, comincia a pregare”.



Mmmm.....eccitante, penso tra me e me. Allora è proprio vero, questa notte diventerò una vera donna!







Ero veramente strepitosa: mi guardavo allo specchio quanto ero figa, col micro tanga col pon pon di Playboy, il mio culo che fremeva di piacere, ancora memore del lunghissimo clistere di camomilla (quasi 2 ore) che avevo praticato per essere pronta. Per non parlare dell’abbondante invasellinamento...







Un trucco perfetto, da cleopatra, con la matita che mi sottolineava le labbra come se non bastassero già le mie sufficientemente carnose.



Un vestitino trasparente, e uno stivale con tacco 10 cm completavano il quadretto.











Suona il campanello: il terrore. Mi batte il cuore, non so che fare.



“Si?”



“Aprimi Troia!”



“Si Signore”



Passarono pochi minuti, il tempo di fare 2 piani di scale di casa mia, e mi sembrò una eternità.



Eccolo entrare, il mio Maschio, il mio dominatore. Non riesco a guardarlo negli occhi. Era alto, possente, un bell’uomo.



“Inginocchiati Vacca e fatti guardare.” Disse.







Obbedii.







“Sì, devo ammettere che ho scelto bene la mia puttana, ho deciso che ti userò a lungo sai?”







“Va bene Signore”







“Ora portami da bere stronza, ho sete. Un bicchiere di vino”



Gli portai un bicchiere di dolcetto.







“Bene Bene Bene...allora, mentre che io mi rilasso un pò gradirei che ballassi per me una danza sensuale, da troia succhiacazzi rotta in culo quale sei”







Per me era un invito a nozze, adoro questo genere di cose...







“Prima però fammi vedere il buco del culo: mettiti a pecorina e allargatelo con le mani”







Obbedii.







“Benissimo, sei bella spanata, allora aspetta un attimo”. Cominciò a frugare in una borsa che si era portato dietro e prese un plug abbastanza grosso.







“Allarga il buco di più e fai in modo che sia verticale al soffitto”







Fece cedere un fiotto di saliva, un altro, e poi mi infilò il plug completamente, quasi di colpo. Ebbi un sussulto.







“Cosa c’è troia? Non ti piace?” e intanto spingeva col pollice il plug, causandomi dolore.







“...a.a.a...AAHHHhhh.......h.h.”







“Si troia abituati pure, perchè da oggi tu sarai solo una lercia puttana al mio servizio e il tuo culo sarà talmente largo che cagherai 45 giri quando sei sul cesso!!!!”







Prese uno spago nero e mi legò stretti i coglioni.







“Ora balla, troia! Lo sai che mi eccita la tua vocina da puttanella?? Sei veramente fatta per essere usata come una bambola, brutta Vacca di merda!”







Feci un balletto molto sensuale, avevo messo una musichetta di sottofondo perfetta, la luce era quella giusta.







“Brava la mia schiava, voglio premiarti: ora spogliami”







Obbedii, gli sfilai lentamente i pantaloni, la maglia, le scarpe, rimase in boxer e ci spostammo in camera da letto, dove ho delle abat-jour rosse, perfette per fare sesso.







“Succhiami Il cazzo adesso. E vedi di farlo bene se no sono mazzate!!! Hai capito lurida?”







Finalmente era arrivato il momento che sognavo da ANNI!! Gli sfilai i boxer. Mio dio!! Era un cazzo già durissimo, enorme, nodoso, direi 18 cm per 3,5 di diametro. Mi ero allenata molto coi vibratori guardando i film porno e sfogliando un pdf inviatomi via mail, scherzosamente, da amici intitolato “il manuale del perfetto pompino.







E così, sempre con quel grosso buttplug in culo, cominciai ad annusarlo, a leccare on la lingua la punta, mentre lo menavo leggermente. A poco a poco invase la mia bocca, dovevo tenere la lingua sul filetto e fare attenzione ai denti, e andare su e giù asincronamente con la mano, ruotandola.







“AAAAAHHHHHHHH........SSIIIIII.......CAZZO QUANTO SEI BRAVA.................CONTINUA!!”







Gli succhiai il cazzo per quasi un’ora. Per me è la cosa più bella del mondo, lo faccio a occhi chiusi come quando si bacia una innamorata. A un certo punto sentii un piccolo stantuffo, e un potente e copioso getto caldo mi invase la gola. Tentai di bere tutto, ma quasi vomitai e una parte della sborra fuoriuscì e finì sull sua coscia.







“Ma che minchia fai deficiente? La sborra la devi bere mica sputare!!!!!!!”







“ha ragione padrone, ma mi ha preso di sorpresa e...”







“STA’ ZITTA!!! Chi cazzo di ha detto di parlare? Tu parli quando voglio io. Capito puttana? Ora puliscimi bene il cazzo, deve essere pulito pulito.”







Ripresi a succhiare. Lui ora era completamente sdraiato. A un certo punto alzò le due gambe avvicinandole alla sua testa e tenendole con le mani.







“Ora c’è un altra cosa da pulire....sai questi culi pelosi se non ti fai per benino il bidè avanzano sempre qualche briciola di merda secca”







Dissentii. Non era nei patti, e dissi che avrei volentireri evitato.







“Scusa? COSA??? BRUTTA PUTTANA ORA TI INSEGNO IO A VIVERE!!!”







Mi fece distendere e chiudere gli occhi. Lo sentii armeggiare nella borsa.







“Allora, qualcosa mi sfugge, ora ti farò delle domande. Vedi di rispondere bene........”







Sentìì un sibilo, e a seguire un dolore fortissimo sulla schiena.



Era una frustata.







“AAAAAHhhhAHHAHHhhhhHAHhhhhH!!!!!!!!.....aaaaaa.aa............aaa...................”







“Allora, prima domanda, sei tu la mia schiava o no?”







“SiiiIIIIIIiI!!!!iiiI AAAAAHhhhAHHAHHhhhhHAHhhhhH!!!!!!!!.....”







Scudisciò una seconda frustata.







“Devi capire che se non farai TUTTO quello che voglio senza fiatare vengo da te 3 volte a settimana solo per frustarti come una bestia!!”







“AAAAAHhhhAHHAHHhhhhHAHhhhhH!!!!!!!!.....aaaaaa.aa............aaa...................”







Un’altra terribile frustata.







“Mia troia, hai fatto un errore gravissimo con me.....Mi hai fatto capire dove vivi., so il tuo nome, ora tu farai TUTTO quello che voglio senza storie o sei sputtanata a vita”







“NOoooOOOOooo!!!!AAAAAHhhhAHHAHHhhhhHAHhhhhH!!!!!!!!.....”



Un’altra frustata.







“Allora, recapitoliamo” dice lui. “ Verrò da te 1-2 volte a settimana, mi leccherai per bene il culo e dovrai lavorare molto per essere sempre più femmina. Sarai a mia disposizione e di chi voglio io”







“Si va bene accetto!!! Accetto!!!”







Smise di frustarmi.







“Bene, ora rimettiti a pecorina”







Obbedii. Tirò fuori dalla borsa un enorme vibratore nero, me lo mise in bocca e io lo leccai da vera troia, lo accese al massimo poi me lo spinse in culo. Faticò ad entrare, era più grosso di tutti quelli presi finora. Cominciò a menarlo, prima lentamente poi con violenza.







““AAAAAHhhhAHHAHHhhhhHAHhhhhH!!!!!!!!.....aaaaaa.aa............aaa...................



Siii.....lo voglio..... padrone lei è un dio.....siiii mi sfondi il culo..............Aahhhhhhhh”







Intanto lui rimise sdraiato.







“Bene. Ora fammi il mio bidè, mentrè che questo cazzone fa il suo lavoro con la tua figa posteriore...”







Cominciai annusando, sentivo in effetti un misto di umori tra il sudore e l’acre sapore della merda sui peli del culo. Comiciai con dei bacetti e con dei leggeri colpi di lingua, ma lui mi spinse la testa dentro che quasi non respiravo e solo quando infilai tutta la lingua dentro e cominciai a leccare con grande foga allentò la presa. Intanto mi prese la mano, mi accarezzava le unchie lunghe laccate di bianco, lo eccitavano, e anche la pelle liscia e resa morbida dalla crema. Me la mise sul cazzo, in modo che lui si mise le mani dietro la schiena mentre io gli facevo una sega limonandogli il buco del culo.







Andai avanti a lungo, intanto quel palo in culo mi faceva impazzire, e stava cominciando a farmi godere come una pazza.







““AAAAAHhhhAHHAHHhhhhHAHhhhhH!!!!!!!!.....aaaaaa.aa............aaa...................



Siii.....lo voglio..... padrone lei è un dio.....siiii mi sfondi il culo..............Aahhhhhhhh”







A un certo punto mi spostò la testa e si alzò, mi prese per il collo e mi si piazzò dietro, con me a 90 gradi.







Mi appoggiò la cappella sul culo e iniziò a incularmi.







FINALMENTE!! Il mio sogno si era realizzato, ero finalmente Donna, un maschione mi stava fottendo, e alla grande anche. Mi diede dei colpi spaventosi, e la sensazione era diversa da qualsiasi vibratore avessi mai usato, i colpi mi davano alla testa, eranò allo stesso tempo più dolorosi e più piacevoli, un godimento incredibile che saliva dalla prostata fino allo stomaco e al cervello.







Continuò per circa 15 minuti, e mi sborrò nel culo, urlando.







A questo punto mi disse: “Ora accucciati, come se dovessi pisciare puttana!”







Obbedii.







Mi mise sotto il culo un bichiere di Whisky preso dalla solita borsa, a 2 centimentri dal mio buco ormai dilatatissimo.







“Piscia dalla tua figa anale la sborra, stronza, così cominci ad abituarti a pisciare in questa posizione!!” Disse.







Petando e fialando, uscì fuori lo sperma che il mio padrone mi aveva iniettato nel culo pochi minuti prima, misto a umori del mio ano, non completamente lavati dal clistere di qualche ora prima.







“Bene, ora Bevi il tuo drink!!!!!!!”







Bevvi tutto, con gusto, consapevole che nulla sarebbe più stato come prima nella mia vita.





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Peter_Ray Invia un messaggio
Postato in data: 11/05/2010 15:39:11
Giudizio personale:
ecco un\'altra cosa da non leggere....

Autore: Joseph62 Invia un messaggio
Postato in data: 19/02/2010 06:28:03
Giudizio personale:
che schifo!!!!!

Autore: Graceland979 Invia un messaggio
Postato in data: 13/07/2007 18:28:10
Giudizio personale:
DIO MIO CHE TROIA

Autore: Deciso043 Invia un messaggio
Postato in data: 23/09/2006 09:59:25
Giudizio personale:
Mi piacerebbe averti a disposizione..... con il mio bel c......

Autore: Vel2 Invia un messaggio
Postato in data: 19/08/2006 22:11:45
Giudizio personale:
è una cacata.


Webcam Dal Vivo!