i racconti erotici di desiderya

La storia di franca,ex moglie per bene


Giudizio:
Letture: 3214
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Da molti anni coltivo una

fantasia: quella di vedere la mia bella mogliettina, Franca, con cui sono sposato da 16

anni, comportarsi da vera troia: intendo con questo non il fatto che si

facesse scopare con della bella biancheria, o che si lasciasse

fotografare nuda o filmare mentre mi

faceva un pompino o si prendeva un bel cazzo di

gomma: fino a lì ero riuscito a portarcela, ma il mio desiderio era che si facesse scopare

da qualcun altro:e siccome ero

convinto che se fosse stata a letto con un altro uomo sarebbe venuta fuori la

troia che, secondo me era in lei, avrei voluto che la cosa avvensse in modo da avere il racconto di prima mano,

da parte di chi se la sarebbe scopata, ovviamente a totale insaputa di

Franca: dopo velati tentativi di

incoraggiarla a prendersi “qualche distrazione” regolarmente

caduti nel vuoto, decisi di mettere qualche annuncio su siti di scambisti: in

pratica chiedevo se ci fosse in giro qualcuno interessato a tentare di

“sedurre”una 40enne bbona, (allegavo

allo scopo qualche foto suggestiva di

Franca in varie tenute sexy): la mia richiesta ottenne un discreto successo:

furono parecchi gli uomini, in età fra i 18 e i 45,che si

offrirono: dopo aver scartato quelli che mi scrivevano dicendo “dammi

il numero di cellulare e l’indirizzo, stasera dopo cena te la

scopo” e quelli che si dichiaravano disposti a tentare , ma che

abitavano a 3-400 km" da noi…comunque in qualche modo

riuscii a prendere accordi con tre soggetti che mi parevano adatti: diedi a

loro le “dritte” necessarie per avere il massimo delle

probabilità di riuscita: innanzitutto franca ama scopare nel primo

pomeriggio, dopo un breve pisolino, inoltre è molto più

“ricettiva” nei primi giorni dopo il ciclo, le piacciono i tipi

un po’ “ruspanti”, quindi niente cravat-men,

modello grande manager, meglio un muratore coi muscoli al posto giusto,

specie se sul biondo e non tanto peloso Tra settembre e novembre in casa mia ci fu tutta una serie di

“guasti” che resero necessaria la visita di tutta una serie di

idraulici, tapparellisti, elettricisti…….ma nessuno di loro riuscì a suscitare quel minimo di

simpatia apparente, tale da far scattare il meccanismo di

“interesse” da parte di mia moglie: insomma io continuavo a

“tenerla in caldo” per qualcun altro, mi trovavo a farmi seghe a

vuoto, per poi non riuscire mai ad avere la soddisfazione di sentirmi dire

“sì, me l’ha data alla grande!”Insomma ero deluso e non

riuscivo a farmi passare la voglia di sapere quanto Franca potesse essere troia…:avevo

scelto i tipi “giusti”, l’avevo lasciata a digiuno per un

bel po’ di giorni e lei….. niente: non sapevo proprio cosa fare.

Finalmente arrivammo alle vacanze di Sant'Ambrogio:

4 giorni che i Milanesi tradizionalmente , passano

in montagna a sciare: noi avevamo preso in affitto, un monolocale in Val Savaranche,

una laterale della Val d'Aosta, segnalatoci da due coppie di amici che nello

stesso immobile avevano un bilocale.

Per sfruttare la giornata al massimo, partiamo da Milano alle 6 del mattino:

in un paio d'ore siamo sul posto, andiamo subito a fare lo skipass, e poi

via, su e giù per le piste: un panino a mezzogiorno e poi di nuovo a sciare finchè si fa scuro : alle 5 del pomeriggio siamo tutti stanchi, rientriamo

a casa,doccia, pisolino, e poi ci si incontra nell'appartamento degli amici:

l'idea era quella di cenare tutti assieme: sul più bello ci accorgiamo che a

parte due bottiglie d'acqua minerale, in casa non c'è niente da bere:

nè vino nè aranciata,nèliquori: a 'sto punto io mi offro per andare a

comprare qualcosa al supermercato subito fuori dal paese: prendo la macchina

e faccio i pochi chilometri : mentre sono dentro a fare la spesa entra uno e

dice:"Attenzione, la provinciale è bloccata da una slavina!"Vabbè, lì è una cosa abituale, dopo mezz'ora arriva la

ruspa e libera la strada: in un paio d'ore il problema è risolto:io faccio i

miei acquisti, poi telefono a mia moglie: le spiego la situazione, le dico

che arriverò appena in tempo per la cena che loro proseguano pure nei

preparativi:intanto io mi metto in auto sulla strada: dopo mezz'ora arrivano

i Carabinieri e ci dicono che la ruspa al buio non lavorerà e che quindi se

ne riparla domattina:chi non ha un posto dove dormire potrà passare la notte nella

palestra della scuola che è a disposizione della protezione civile.....che

bello, invece di farmi una bella scopata mi ritrovo a dormire in un camerone......: richiamo Franca, spiego la situazione e

consiglio di andare a mangiare al ristorante: loro accolgono l'invito e dopo

un pò escono:io mangio qualcosa in un locale della

zona, poi entro in un bar e mi metto a guardare la tv con un caffè corretto davanti: mentre sono lì sento due del

posto che parlottano tra loro : sono giovani, sui 25 anni, abbronzati, hanno

la divisa dei maestri di sci, col maglione rosso e lo stemmino della scuola :

uno sta raccontando all'altro che si è scopato la madre di due ragazzini suoi

allievi, l'altro a sua volte racconta di essersi fatto la sorella maggiore di

un suo allievo : è chiaro che considerano il trombarsi

le fighe di città come un benefit scontato della

loro professione: d'estate maestri di tennis, d'inverno di sci....e il gioco

è fatto: a questo punto mi viene in mente che anch'io conosco un maestro di

sci : è quello che mi ha affittato il monolocale dove stiamo....metti

che.........lo chiamo sul cellulare, gli spiego la situazione: lui pensa che

gli voglia chiedere di venirmi a prendere con la motoslitta superando

dall'alto la slavina e cerca di tirarsi indietro, dicendo che è buio ....io

lo interrompo e gli spiego che voglio chiedergli un favore mooolto più piacevole,quello di trombarsi

Franca al mio posto: lui resta un pò interdetto,

poi capisce che ha solo da guadagnarci e accetta: gli spiego in che ristorante

la può trovare, gli consiglio di arrivare a fine pasto, quando , dopo caffè e liquorini, lei e le due coppie di amici staranno

per tornare a casa: se lui si offre di accompagnarla a casa, per via del

ghiaccio per terra la prenderà per un braccio, poi comincerà a darsi un

pò di dafare con le

mani.....insomma, se lei non lo manda a quel paese, deve tenerla un po’

sotto pressione e poi si vedrà: ovviamente l’idea non gli dispiace, per

cui accetta e mi promette di farmi sapere qualcosa più tardi.A questo punto io sono bloccato a pochi chilometri da mia

moglie,devo

dormire in un camerone

con venti letti, insieme a due camionisti che sono rimasto bloccati come me,

e intanto aspetto una telefonata……





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Comply Invia un messaggio
Postato in data: 24/04/2009 08:08:32
Giudizio personale:
il mio giudizio sarebbe ottimo se la continua ci facesse capire che...... ma insomma sei diventato cornuto anche tu?? oppure resti col desideryo ,e tua moglie continua ad essere ancora santa


Webcam Dal Vivo!