i racconti erotici di desiderya

La sedia

Autore: Carino6423
Giudizio:
Letture: 964
Commenti: 0
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
non so bene il motivo ma direi che l'incontro è stato un vero e proprio successo.

mi trovavo al bar davanti ad un bel caffè ed il giornale, che stavo leggendo attentamente, e mi sentivo osservato, anzi direi che mi stavano puntando ......... alzai lo suardo, scostando gli occhi dal giornale e vidi due occhi neri su di me, guardai meglio, e vidi lei, Serena, una donna sulla quarantina vestita con stivali, calze velate, gonna corta, camicetta rosa leggermente aperta che lasciava intravedere il reggiseno di pizzo che tratteneva a fatica quei due seni.

Ricambiai lo sguardo, un sorriso usci dalle sue labbra e ....... ci sedemmo vicini.

scherzammo un poco, parlammo di noi ....... e ......... sembravamo amici di vecchia data.

feci alcune battute maliziose che lei ricambiò .......

ci alzammo e le nostre mani si cercarono per incamminarsi verso il mare.

il mare d'inverno è stupendo e romantico, passeggiammo un poco, le nostre mani si accarezzavano e si cercavano, i nostri sguardi si facevano desiderosi, ci baciammo.

le nsotre lingue si muovevano all'unisono, si cercavano ed esploravano la bocca dell'altro, le nostre mani si accarezzavano ed abbracciavano e cercavano lembi di pelle da accarezzare e graffiare.

la camicetta si sbottonò e le mie mani si insinuarono alla ricerca di quei seni caldi e di quei capezzoli turgidi che uscirono dal reggiseno ormai slacciato.

cercammo un posto appartato e ....... ci spogliammo nudi.

Mi misi dietro di lei ed iniziai a baciarle il collo e le spalle, baciavo e mordevo tutto il braccio ...... arrivando fino alla mano ed alle dita, mentre la mia mano le accarezzava i seni ed i capezzoli.

la su pelle si incrrespò ed i capezzoli di indurirono, la mia bocca si muoveva su quel corpo e quella pelle liscia e profumata come se stesse raccogliendo i frutti di quella passione.

ci sdraiammo e iniziai a baciarle i seni ed a succhiarle i capezzoli, mentre le mie mani cercavano il suo clitoride e le sue labbra, bagnate di umori ......... mordicchiai il ventre e mi stesi su di lei a 69.

il mio sesso era nelle sue mani, anzi entrò tutto nella sua bocca calda e la sua lingua che, inizò a leccare quella cappella dura e bagnaticcia.

la mia bocca si apri accogliendo il cito e succhiandolo vogliosamente, mentre le mie mani si insinuavano dentro alla fica e ....... al culo.

le mani si muovevano sinuose dentro di lei, mentre le bocche e le nostre lingue accoglievano tutti gli umori provenienti dai nostri sessi.

i corpi si contrassero insieme ed insieme un mugolio venne fuori dalle bocche ......... nel mentre si riempirono di sperma ed umori provenienti dai due sessi.

il piacere fu intenso e violento che i due corpi si afflosciarono uno sull'altro.

le bocche si cercarono e ....... i baci e le lingue continuavano il piacere.

da fuori solo il rumore del frangersi delle onde penetrava la quiete dell'amplesso, e i mugolii dei baci e delle voglie riempivano la stanza.

il tempo passava ed i sessi si eccitavano nuovamente alla ricerca di nuove emozioni e di appagamento.

questa volta Serena si sedette su di me e ......... prese in mano quel membro, voglioso di un posticino caldo, e lo infilò tutto facendolo sparire dentro alla sua fica.

le sue labbra trattenevano quel membro cercando il piacere nel movimento altalenante che stava facendo, quasi fosse stata seduta su una sedia.............

le mie mani si muovevano su quei grossi seni e sui capezzoli turgidi, mugulii di piacere uscivano dalla bocca di Serena che ......... nel piacere del movimento sentiva sensazioni nascoste mai provate.

si sentiva la troia di quell'uomo che le stava dando piacere ed al quale aveva dato piacere poco prima, riempiendosi la bocca del suo sperma caldo.

il ritmo cadenzato .... aumentò sempre più ed un urlo di piacere uscì dalla sua bocca.

a quel punto Carlo .......... aumentò i colpi facendole sentire tutta la voglia di darle gioia e piacere, Serena urlò di nuovo sotto i colpi di Carlo e ...... si stese su di lui che, con un colpo di reni si rigirò e ......... appoggiandosi le gambe sulle spalle riniziò quel movimento cadenzato.

bastarono pochi colpi che dalle due bocche un ennesimo urlo di piacere si elevò nel silenzio della stanza ed il fiotto caldo di sperma riempiì tutta la vagina.

passarono i minuti con i due corpi avvolti dal piacere e le bocche unite in baci languidi.

Carlo e Serena si rivestirono e ....... uscirono sulla spiaggia ........ mano nella mano ........







giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI



Webcam Dal Vivo!