i racconti erotici di desiderya

Incontro perverso di una notte di inizio estate

Autore: Hyperfi
Giudizio:
Letture: 2372
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Era una notte di qualche giorno fa, l'estate stava per iniziare e con essa stava per giungere il momento fatidico, atteso e desiderato con un'eccitazione crescente e maturata nel giro di pochi giorni, dal momento in cui lei, “Sonia” mi aveva timidamente contattato. Sonia è una donna felicemente sposata, conduce una vita normale tra lavoro, marito ed i mille impegni della vita quotidiana. Una vita serena e tranquilla, a cui apparentemente non manca nulla e che per molti è solo da invidiare.. Ancora non so perché mi ha contattato, cosa l'ha spinta a cercare ed a rispondere ad un annuncio cosi fuori dal suo mondo ordinario. Forse la ricerca di un'emozione, di qualcosa di diverso, il gusto del proibito, o forse solo la voglia di essere scopata come una troia, di farsi dominare, sbattere, di sentirsi penetrare da un membro turgido ed enorme, ben diverso dal normalissimo cazzo del marito, oppure solo lasciarsi andare al sesso senza inibizioni, di soddisfare un suo latente e perverso desiderio. Forse uno solo di questi motivi o forse un “mix” di tutto ciò, chissà. So però per certo che il nostro “gioco” è iniziato quando ha avuto la consapevole certezza che mai avrei infranto il suo segreto, che avrebbe potuto fare le cose in modo pulito e da poter soddisfare le sue voglie senza compromettere e riprendere poi normalmente la sua vita quotidiana. Il gioco aveva poche regole: lei doveva fidarsi di me, di uno sconosciuto che forse aveva scelto solo per le dimensioni del suo membro, e fare quello che le ordinavo. Io a mia volta dovevo cercare di interpretare i suoi desideri più profondi, le sue perversioni e perché no, i suoi limiti. Il luogo dell'incontro, un casolare abbandonato lungo una strada di campagna, inagibile dall'interno ma con alcuni pertugi tra cui potevamo lasciarsi andare al nostro gioco intrigante lontano da occhi indiscreti. L'abbigliamento che le avevo richiesto consisteva di un vestito leggero, con gonna corta, senza reggiseno, perizoma, tacchi alti ed un foulard nero. La modalità dell'incontro era semplice. Lei aveva iniziato a conoscere la mia voce e sentirsi a suo agio con essa grazie a qualche telefonata fatta di nascosto dal marito nei giorni precedenti: sarebbe stato un incontro al buio, guidato solo dalla mia voce, dove nessuno dei due doveva vedere l'altro sino al momento della penetrazione che sarebbe comunque arrivata solo quando entrambi avremmo raggiunto il massimo dell'eccitazione. Dovevamo trovarci lungo la strada di campagna, in un punto preciso, dove lei si sarebbe fermata con la sua auto ed io l'avrei subito raggiunta con i fari che la illuminavano da dietro. Seguendola, l'avrei quindi guidata con il cellulare sino al luogo prescelto e poi avrei continuato a parlarle sino a che non fosse stata in grado di sentire direttamente la mia voce, della quale oramai si fidava. E cosi fu. Arrivati al casolare, le dissi di scendere dall'auto e di usare il foulard come benda per coprirsi gli occhi. Lei era li, bendata, con il vestito che le fasciava il corpo, dal quale si potevano chiaramente immaginare la forma del seno, dei capezzoli, del suo ventre, dei suoi glutei. Fui subito vicino a lei, arrivandole da dietro .. sentivo il suo profumo, la sua pelle, il suo respiro. Quasi fossi un animale, percepivo anche l'adrenalina che scorreva in lei per la situazione inusuale, intrigante, forse rischiosa, ma ancor più percepivo la forte eccitazione derivante da questo nostro gioco. Mi avvicinai sino ad intercettare il calore emanato dal suo corpo, ed iniziai a scoprirlo, ad esplorarlo sfiorandolo leggermente con la punta delle dita, percependone le fattezze, la turgidità dei suoi capezzoli, il morbido interno delle sue cosce, salendo su per le sue gambe sino a sfiorarle la fica attraverso il perizoma, per poi passare con le labbra sul suo collo e sentire il suo respiro che diventava sempre piu intenso. Prendendola per la vita, la auitai a fare due passi, conducendola contro il muro del casolare. Le ordinai alzare lentamente la gonna sino a scoprire il perizoma e lasciare nudi i suoi glutei e poi le chiesi di appoggiare le mani al muro divaricando le gambe. Senza fretta mi misi ad osservarla in quella posizione prona ... vedevo le sue gambe affusolate sui tacchi a spillo, congiungersi con un bel culo sodo e coperto solo dal filo del perizoma: la mia eccitazione iniziava a farsi sentire. Le chiesi quindi di sfilare lentamente, con una mano, anche quello. Iniziai a leccarla dal dietro entrandole da sotto con la lingua per esplorarle la fica ... la carnosità delle sue labbra ... la turgidità del suo clitoride. Mentre la leccavo passandole anche la lingua sul buco del culo, sentivo che la sua eccitazione cresceva sempre più, come il suo respiro ed il suo desiderio, mentre il suo ventre mi veniva incontro per cercare di aumentare il suo piacere. Il mio membro era diventato duro quasi stesse per scoppiarmi ... iniziai ad appoggiarlo, strofinandolo attraverso i miei pantaloni sul suo culo nudo, del quale sentivo il calore ... e lei si dimenava per cercarlo e sentirne meglio la turgidità. La sua voglia cresceva sempre più... ma ancora non era il momento. Le dissi di togliersi il vestito, liberando i suoi seni che iniziai a palpare delicatamente, e quindi di girarsi e di inginocchiarsi davanti a me, sbottonando la mia cerniera e tirando fuori il mio membro duro e pulsante, prendendolo in mano e passandolo sui suoi seni e sui suoi capezzoli. Poi, trattenendo la sua testa tra le mie mani, le ordinai di aprire la bocca e di iniziare a succhiarlo facendomi sentire il suo calore, la sua lingua esplorare la mia cappella, girandole intorno mentre il mio cazzo le riempiva la bocca. Sentivo il suo gusto nel succhiarlo, la sua eccitazione crescere come la sua voglia di avermi dentro ed il suo desiderio aumentava percependo ad occhi bendati la durezza e le dimensioni del mio cazzo. L'eccitazione era giunta al massimo, le ordinai di alzarsi e di appoggiare la schiena al muro. Era giunto il momento di toglierle la benda... un attimo... ci guardammo ed iniziammo a baciarsi... appoggiando leggermente la sua schiena al muro le alzai le gambe, incrociandole attorno ai miei fianchi. In quella posizione usai prima il mio membro come uno strumento per stimolarle il clitoride e quindi lo feci scivolare lentamente dentro la sua fica che era già completamente bagnata. Il desiderio di averlo tutto dentro, di sentirsi riempire da un grosso membro turgido, caldo, fatto di carne pulsante, era grande, ma il piacevole dolore che provava nel sentirsi sfondare un po' la tratteneva. Iniziai a pomparla per farglielo assaggiare gradualmente, un po per volta, penetrandola sempre più profondamente e poi tirandolo quasi tutto fuori per farglielo sentire meglio e quindi penetrarla di nuovo sino a che poteva riceverlo dentro di lei. In questo movimento sentivo i suoi gemiti ed il suo corpo che si divincolava per far si che la mia cappella le stimolasse parti profonde che non aveva mai sentito stimolare da un pene, e che le procuravano un piacere enorme... le chiesi di urlarmi quanto le piaceva farsi riempire da un cazzo, duro e grosso .. quanto farsi scopare cosi come una porca, come suo marito non l'aveva mai scopata... quanto si si sentisse troia in quel momento ... e mentre lo faceva il suo piacere esplodeva in un orgasmo prolungato ed intenso. La feci girare di schiena, con le mani nuovamente al muro per prenderla dal dietro, mentre con le mani le allargavo le grandi labbra per meglio sentire il calore della sua fica mentre lei sentiva il mio, penetrandola profondamente con il mio membro. Mentre la pompavo il mio cazzo era durissimo, con una mano alla bocca le facevo succhiare il mio pollice, mentre con l'altra stimolavo il suo clitoride per farla godere ancora di piu. Lei esplose in un orgasmo intenso, non riuscendo a trattenere alcuni schizzi mentre godeva come una troia. Ed io continuavo a pomparla alternando il ritmo e cambiando direzione, sentendo i suoi orgasmi che si susseguivano mentre la sentivo gemere, divincolandosi dal piacere per ricevere il mio cazzo sino in fondo ... più la sfondavo più urlava di piacere. Fu a questo punto che iniziai a stimolarle l'ano per vedere se riuscivo a penetrarla anche dal dietro... ma come iniziai a farci passare la cappella mi fermò, dicendomi che per questo non era ancora pronta e che nonostante l'eccitazione le avrei fatto troppo male .. peccato. Le chiesi allora di inginocchiarsi e sfilandomi il preservativo le feci nuovamente succhiare il mio cazzo che oramai era pronto ad esplodere inondandola ovunque di sperma caldo e schizzando sul suo seno, sul suo viso e sulla sua bocca.



Il nostro gioco di quella sera era finito, lei doveva ripulirsi dallo sperma che aveva ovunque, ricomporsi e tornare alla sua vita di tutti i giorni, da suo marito che la aspettava ignaro e magari quando rientrava le avrebbe chiesto pure di scoparla. Non so se questo è stato solo il gioco di una sera, ma posso dirvi per certo che, se vi capita l'occasione, è un'esperienza che vale la pena di vivere.







A Sonia







Alex





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Takrat Invia un messaggio
Postato in data: 08/04/2010 21:04:14
Giudizio personale:
Che boiata

Autore: Hyperfi Invia un messaggio
Postato in data: 27/06/2007 17:56:00
Giudizio personale:
Ma come sei bravo


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Abbigliamento
Competo 3 pezzi abierta fina bianco
Competo 3 pezzi abierta fina bianco
Raffinato set pronto a togliere il sonno...Bretell...
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Boxer finestra pene nero rete
Boxer finestra pene nero rete
Boxer dal look stravagante con inserti in rete sui...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Easy rider strap on nero
Easy rider strap on nero
Elegante pene in materiale morbido e liscio linter...
[Scheda Prodotto]