i racconti erotici di desiderya

Da tecnico a troia

Autore: Milena_travesta
Giudizio:
Letture: 980
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Lo so che non si addice ad una fanciulla, ma a volte mi capita che qualcuno mi chiami per sistemare l’antenna televisiva.

In genere non mescolo mai il sesso con il lavoro, ma quella volta…

Veniamo ai fatti.

Qualche tempo fa mi chiamò un uomo dicendomi che aveva avuto il numero da un amico comune e che era disperato perché da quando si era passati al digitale, in cucina vedeva tutti i canali, in salone alcuni non li vedeva, in camera non ne vedeva altri.

Mi dice che era disperato perché vivendo in campagna, non tutti i tecnici erano disposti a spostarsi fuori Roma e gli unici che erano andati avevano solo peggiorato la situazione.

Gli dico che sono disponibile, ma dobbiamo vederci di mattina e mettere in ballo tutto il giorno; lui acconsente e fissiamo l’appuntamento per l’indomani mattina.

Con non poche difficoltà giungo a casa di Mauro (nome fittizio) con tutta la mia attrezzatura.

Mauro ha ancora l’accappatoio addosso quando mi accoglie nel suo piccolo cascinale a nord-ovest di Roma, mentre prepara un caffè mi racconta che vive solo in quella che una volta era la casa dei suoi quando facevano i contadini e che lui aveva ristrutturato da qualche anno.

Dopo il caffè decido di mettermi al lavoro, così prima andiamo in salone, appoggio lo strumento a terra ed inizio a fare una serie di verifiche, durante le quali lui si allontana per tornare dopo qualche minuto, finito in salone ci spostiamo in cucina ed al termine andiamo in camera.

Entriamo in camera e noto sul letto dell’abbigliamento femminile sexy, non gli do tanto peso, ma lui con estrema calma, dolcezza e sfacciataggine mi dice “prima in sala ho ammirato il tuo perizoma ed ho pensato che forse preferisci indossare questi anziché guardare l’antenna”… un brivido mi ha percorso la schiena, rendendomi conto in quel momento che abbassandomi per guardare lo strumento avevo messo in bella mostra il perizoma di pizzo che indossavo.

Credo di essere arrossita perché Mauro mi fa “tranquilla, sarà il nostro segreto… sai a me piacciono molto le ragazze come te” invitandomi a cambiarmi gli abiti.

Per un momento non sapevo cosa fare… poi mi feci coraggio e gli dissi che dovevo andare in bagno… li trovai un set completo di trucchi, che usai non appena finii di prepararmi il buchetto… tornai in camera nuda, indossando solo trucco ed il perizoma che avevo e lui mi invitò ad indossare il completino che era sul letto, mentre mi porgeva parrucca e scarpe.

Dopo poco era completamente trasformata, perizoma, reggiseno, reggicalze e calze rossi, mini abito nero aderente, parrucca rossa lunga e decolté nere… oltre ad essere truccatissima.

Mi fece fare un giro



su me stessa… si avvicinò carezzandomi una spalla e con fare passionale mi prese con un braccio da dietro tirandomi a se ed incollando la sua bocca alla mia.

Per un po restai senza respirare, vuoi che mi teneva stratta a lui, vuoi quella sua lingua che mi vorticava in bocca… quando finalmente si staccò feci un lungo sospiro… m durò poco perché appoggiando le mani sulle mie spalle premette per farmi abbassare e facendomi davanti all’accappatoio aperto ed il suo cazzo gia duro che svettava verso di me.

Iniziai un lungo e dolce pompino… carezzavo la sua pancia, i suoi fianchi, i suoi testicoli, mentre facevo scivolare il suo cazzo dentro e fuori la mia bocca.

Ero andata per vedere un’antenna e mi ritrovavo in ginocchio con un cazzo in gola mentre Mauro mi incitava... “sapevo che eri una gran pompinara… vediamo ora come lo prendi nel culo…”.

Mi fece distendere sul letto e lui, tolto l’accappatoio, si sistemò sopra di me sollevandomi le gambe sulle sue spalle e, spostato il perizoma, senza troppi convenevoli spinse il cazzo tutto dentro fino alla radice facendomi trasalire ed iniziando a scoparmi con foga.

Il suo pistonare mi scuoteva sul letto… mentre carezzavo i suoi fianchi mugolavo di piacere e lo incitavo a scoparmi più forte… “spingi forte… fammi sentire troia…”, “si, troia… ti piace farti scopare… che troia che sei… che culo che hai…”.

Andammo avanti per una mezzora finchè mi disse “ora prendilo in bocca che voglio godere”… non me lo feci ripetere e scambiatoci di posto, lo presi in bocca e lo spompinai finchè non iniziai a sentire la sua sborra che mi riempiva la bocca, mentre Mauro irrigidendosi godeva ed io ingoiavo il suo seme.

Esausti ci accasciammo una di fianco all’altro… “avevi messo in programma tutto il giorno… allora scoperemo tutto il giorno” mi disse.

E così fu… una giornata di sesso meraviglioso…


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Lellatravpr Invia un messaggio
Postato in data: 04/06/2014 21:13:33
Giudizio personale:
troppo bello...brava

Autore: Maxale545 Invia un messaggio
Postato in data: 04/06/2014 10:11:12
Giudizio personale:
se fosse veramente così facile sarebbe bello!!!


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Abbigliamento
Completo con corpetto e calze nero rete
Completo con corpetto e calze nero rete
Tutina completamente unita composta da un corpetto...
Prezzo: € 26.68
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Anal plug celeste
Anal plug celeste
Butt plug semitrasparente vibrante in morbido jell...
Prezzo: € 23.47
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Body aperto fasce orizzontali nero
Body aperto fasce orizzontali nero
Body molto sexy che puoi trovare solo nel nostro s...
Prezzo: € 24.70
[Scheda Prodotto]