i racconti erotici di desiderya

Avventura veloce

Autore: Luisatroia
Giudizio:
Letture: 1076
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Sono Ivano e faccio il tassista a Milano, questa sera verso le 21 transitavo per via Padova, vedo due ragazzi sudamericani, rallento per vederli meglio, visto che a me piacciono molto e le mie avventure ultime le ho avute solo con loro; anche loro mi vedono e mi chiedono un passaggio, li faccio salire e ci presentiamo, quello davanti a me è giovane, moro, capelli corti su un viso sbarazzino, mi dice che si chiama Ivan ed è venezuelano come il suo amico dietro che si chiama Cristian, questi è altresì giovane, piuttosto effeminato, molto, ma molto carino e da un viso dolcissimo; mi chiedono di portarlo un in viale Sarca e l'altro in monte S:Genesio, parto e quello davanti mi mette subito il suo braccio sinistro sul mio collo, poi la mano destra sulla mia gamba, ci sorridiamo a vicenda e lascio fare, quello dietro si sposta dietro di me, mi abbraccia e poi, inizia a leccarmi e baciarmi, poi ricomincia a leccarmi intensamente il mio orecchio destro, quello davanti a me appena possiamo inizia a baciarmi sulla bocca, comincio seriamente ad eccitarmi, a lasciarmi, andare, ad illanguidirmi, poco dopo sento le mie forze abbandonarmi, sono in viale Sarca, allora mi porto vicino la stazione di Greco, lì c'è un vicolo cieco, mi fermo, scendiamo dalla macchina ed il ragazzo che mi stava dietro mi è subito addosso, sento le sue braccia intorno a me, stuzzicarmi i capezzoli e poi ricominciare a leccarmi le orecchie, Ivan intanto ha estratto il suo uccello, me lo mette in bocca ed io inizio subito a leccarlo per bene con la lingua, poi succhio, lecco, l'uccello aumenta ad ogni mia leccata, Ivan si conmplimnta con me, intanto sento che Cristian mi ha slacciato il pantalone, sotto vede che indosso una mutandina rosa da donna, comincia così subito a darmi della puttanella, mi lecca il culetto, mi entra dentro con la punta, sento che mi lascia molta saliva, l'uccello di Ivan ora è diventato un bel cazzo di 24cam, e abbastanza largo da far fatica, ma ho le sue mani sulla testa obbluigandomi a tenerlo tutto dentro, Cristian intanto mi è entrato dentro con un colpo solo, secco, piuttosto doloroso, ma non posso urlare, ho un cazzo in bocca e molto grosso, Cristianmi è fermo dentro, aspetta che l mio culo si adegui a quel corpo estraneo, difatti piano piano sento che mi entra sempre più senza alcun dolore, anzi.

Ora completamente farcito vengo usato per dar piacere, sono un oggetto erotico, l'uccello di Ivan ormai è al limite, sento chiaramente sotto il naso che la sborra è li a venire, è li, lì, lì, e finalmente la mia bocca accoglie dell'ottima sborra calda buonissima, 6, 7 fiotti caldi che la mia bocca accoglie felice e golosa, Cristian intanto mi stà scopando con unritmo fremente, le sue mani sui miei fianchi, sento il suo respiro farsi sempre più difficoltoso, l'uccello è dentro, tutto, fino allo stomaco, il mio culo ormai eccitato al massimo si è allargato ulteriormente e così ora quellì'uccello mi scivola dentro molto facilmente, tutti e due si complimentano con me, sono felici di avermi trovato, sono e sarò sempre di più la loro troietta, mi dicono che mi faranno diventare la loro femmina, mi presenteranno ai loro amici come la loro femminuccia, maaa Cristian è pronto, ancora pochi colpi ed eccolaaa, anche il mio culetto è inondato da calda sborra, Cristian mi mette della carta nel culo, in modo che mi rimanga dentro per bene; alla fine mi siedo, loro due davanti a me coi loro cazzi ed io li ripulisco perfettamente come nuovi.

Ora porto Ivan a casa sua, Cristian è a fianco di me, il suo braccio sul mio collo, mi sorride e mi bacia, mi sorride e mi bacia, sembra felice di avermi trovato; una volta a casa sua, mi abbraccia e ci scambiamo un ultimo sensualisimo bacio, una volta sceso si mette al finestrino,"Tu ora per noi sarai Ivana, la nostra fanciulla, la nostra piccola e dolce troietta, tu ci piaci, mi piaci tantissimo, e dentro di te c'è un pò di me, quindi sei un pò mia, mia soltanto, Ivana, guarda che io e Ivan ti vogliamo veramente bene, questa nostra conoscenza vorremmo che durasse per sempre!", "Caro Cristian, sono stata anch'io bene con voi e sono felice di tenere dentro di me la tua sborra, sono felicissima di avervi conosciuti e adesso sono unicamente vostra, ciao amore mioi":



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Bestenema Invia un messaggio
Postato in data: 26/05/2009 09:31:00
Giudizio personale:
Al racconto manca qualche cosa, la storia poteva svilupparsi meglio, ecco, mancano i particolari, direi troppo dozzinale. Inoltre sarebbe stato meglio rileggere quanto scritto, forse ti saresti accorto dei molti, troppi, errori di battitura.
Ah, dimenticavo.... mi serve una troia taxista in C.So Buenos Ayres....


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Nexus o g-spot nero
Nexus o g-spot nero
Il nexuso e stato creato per gli uomini che vogli...
[Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Slip fodera pene nero latex
Slip fodera pene nero latex
Slip in latex aderente con guaina che avvolge il p...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Lady finger argento
Lady finger argento
Vibrostimolatore in PVC abbastanza piccolo per por...
[Scheda Prodotto]