i racconti erotici di desiderya

Autunno


Giudizio:
Letture: 491
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
E’ difficile descrivere un pomeriggio d’autunno nelle colline fra l’astigiano ed il casalese, ma proverò… Le tinte si diffondono con una tonalità che scivola dal giallo, al rosso, al marrone, ma se provate a guardare meglio, scoprirete che ne esistono infinite variazioni con le dominanti che si intrecciano nelle varie ore della giornata. La temperatura, quando c’è il sole, è più che gradevole, jeans e camicia con un leggero pullover per dare conforto e sicurezza. In’oltre la gioventù la faceva da padrona! Si correva fra le vigne, ridendo e sorprendendoci continuamente con sguardi carichi di sensualità e gioia di vivere.



Avevo conosciuto Aleska circa due mesi prima e l’innamoramento si era sviluppato in un rapporto carico di sensualità, complicità e gioia di vivere, non riuscivamo a passare più di due ore assieme senza fare sesso, sempre ogni giornata, ogni momento tendeva al sesso, trovavamo tranquillità solo in un amplesso continuo che si ripeteva ossessivamente alla ricerca non del piacere fine a se stesso ma del pieno appagamento dei sensi che si protrae ancora oggi ,attraverso più lustri, senza mai affievolirsi.



Ma tornando a quel caldo pomeriggio di un giorno d’avanzato autunno… non riesco a pensare a null’altro cha ad un amplesso, appagante ed irriverente. Un amplesso che sarà la fine di una fase critica, ma importante di Aleska… ma andiamo per ordine, ricordando e rivivendo la libidine di quel giorno forte ed irrecuperabile!



La vigna era oramai spoglia, ma come bambini, giocavamo ad inseguirci, nascondendoci ad ogni passo dietro ad una foglia in modo da poterci ritrovare subito e subito abbracciarci, saltarci addosso, rotolandoci nell’erba fresca, toccandoci ed eccitandoci in abbracci sempre più coinvolgenti, correndo sempre più forte, perché entrambi sapevamo che ci aspettava quel vecchio lettone in ferro battuto della zia di Agnese, dove già due ore prima avevamo scopato fino ad essere esausti.



Agnese, la padrona di casa e Francesco il mio amico che ci ospitava, erano oramai lontani, ma intanto quando sarebbero arrivati ci avrebbero trovati nudi e presi in noi stessi, non ci avrebbero disturbati anzi sarebbe stato uno spunto anche per loro…



Gli ultimi metri prima del cancelletto di ferro ci sembrarono bellissimi, ma lunghissimi, nel sole che tramonta rosso ed accecante, l’aria si era però fatta frizzante con il contrasto fortissimo del calore del sole pomeridiano ed il freddo della notte che si stava facendo sempre più vicina. Aleska mi supera apre il cancelletto e mi urla correndo sul praticello ben curato: “Prendimi!!” io mi richiudo il cancello alle spalle e mi tuffo prendendola per i jeans, me la trascino addosso in una finta lotta dove tutto è già previsto quasi scontato, l’abbraccio, la bacio, le sfilo il maglioncino lasciandola in reggiseno, il suo profumo si confonde con la voglia ed incomincio a sfilarle i jeans, ma lei scappa lasciandomi sull’erba, correndo, volutamente lascia scivolare i pantaloni, anzi saltellando su di una gamba se li sfila e li butta. La guardo senza parole, le mutandine nere, basse come si usavano in quel periodo, infilate fra le natiche, mettono in risalto la pelle bianca delle natiche, perfette rotonde e sode, insomma come diceva l’amico Francesco: “Un culo imperiale!” Teso nella corsa e nella voglia.



La raggiungo proprio davanti alla camera da letto della Zia di Agnese, mi sfilo pullover, camicia, pantaloni, tutto in un momento, come se fossi sempre stato nudo, Lei si appoggia allo stipite della porta mi guarda dritto negl’occhi mi bacia e staccando appena le labbra dalle mie, mi dice: “Inculami a secco… Fammi un po’ male… Fammi sentire la Tua troia.. Voglio esserlo da oggi per sempre!” La guardo, incomincio a balbettare, incredulo, e fra mille pensieri… la guardo e le chiedo: “A secco? Ma cosa vuole dire?” Lei risponde: “Ti spiegherò… Stai tranquillo…” Devo precisare che, come già detto, ci conoscevamo da poco, fin da subito, abbiamo fatto sesso in modo completo ed appagante, avevamo giocato più volte, sfregando la cappella bagnata sul suo sfintere, su e giu, un po’ dentro ed un po’ fuori, giocando con il buchino mentre la cappella dopo l’orgasmo diventa sempre più morbida e duttile. Ma mai avevamo fatto sesso anale, rimasi colpito ed un arrapamento mostruoso mi assalì, senza farmi capire cosa mi stesse capitando… in un crescendo parossistico non vedevo l’ora di capire di andare oltre.



Lei si stende sul letto si spoglia completamente, mi allunga le braccia, dicendomi: “Vieni stupido!” non ricordo cosa e come sia successo all’inizio, ma ad un certo punto la stavo baciando su tutto il corpo, sulle tette, sulla schiena, la lecco e scendo…. sempre più in basso, ma improvvisamente Lei mi ferma e mi ripete: “ A secco tesoro… spingimelo dentro” Non capisco più niente, ma ubbidisco quasi automaticamente, Lei si gira e si mette sul fianco sinistro voltandomi le spalle, io mi avvicino avvolgendola con le braccia ed a “cucchiaio” mi avvicino con un’erezione che non credo di aver mai avuto. E Lei che con la mano me lo prende e lo guida, lo avvicina bene al suo buchino, mi dice: “Spingi piano, ma costantemente..” è un momento meraviglioso, sento che Le apre bene il suo sfintere, ma ancora ben lontano dal poter far entrare l’uccello turgido, anzi gonfio dall’eccitazione. Allora Lei, sempre con la mano ben salda alla base del mio uccello lo muove, un po’ in su, un po’ in giù, sfregando la cappella sempre più forte, allargandosi lo sfintere con la mia cappella, piano mi sussurra: “Non aver paura.. Spingi piano, ma spingi sempre… Spingi, su amore spingi… Entra per favore… Fammi male!” Il suo dire, il suo fare.. La mia eccitazione ha fatto il resto, ho sentito la penetrazione diventare sempre più profonda, spingevo sempre costantemente, appena cercavo un riassestamento, Lei mi incitava a spingere, sempre, sempre, fino in fondo… La mia eccitazione nascondeva il leggero dolore che provavo nella penetrazione, così continua, così avvolgente, fino in fondo, quando ho toccato con il mio pube le sue natiche finalmente, l’ho sentita respirare profondamente ed incitarmi: “Siiii! Così, adesso piano, piano, esci tutto e rientra tutto, non ti fermare mai, allargami fammi sentire che sono veramente aperta e completamente Tua!!!”



Il prepuzio mi doleva, ma sicuramente, l’eccitazione e la gioia indescrivibile mi rendeva insensibile, sempre con maggior foga uscivo completamente dal suo culo e poi la risodomizzavo completamente spingendo lentamente fino in fondo, sentivo scorrere il mio cazzo nel suo culo, sentivo che ogni volta era più morbido, più dilatato ed accogliente, non riuscivo più a distinguere la situazione circostante, Lei ansimava e mi incitava ripetutamente: “Completami, amore mio! Rendimi donna! Fammi sentire che finalmente sono libera da ogni passato… si liberami dal passato!!!!”



Il suo culo era oramai un guanto di seta, morbido, caldo e completamente bagnato dai suoi umori di libidine, la bramosia ossessiva dell’inculata: “Tutto dentro… Tutto fuori…” ripetevo ad alta voce, anzi man mano urlavo, sempre con maggior foga e tono della voce, senza fermarmi, tutto si era trasformato in piacevolezza, il bruciore, il dolore, nulla ci poteva distogliere… E Lei ad un certo punto mi urla: “Fermati!!! Non sborrare! Togliti e sculacciami!..” Allibito, abbacinato, ubbidisco senza parlare, mi sfilo piano per sentire il suo sfintere scorrere sulla mia verga, la guardo, la giro prona con gesto rapido e deciso ed incomincio… alzo il braccio destro e scendo quasi delicatamente sulla sua natica, un rumore dolce e secco risuona nella stanza, alzo il braccio sinistro e ripropongo un altro tocco, più morbido e dolce, ma Lei mi implora: “Sculacciami ti prego, non accarezzarmi… mi accarezzerai dopo!” Rimango basito ma senza dubbio l’eccitazione ha il soppravvento, ripetutamente solo di destro incomincio a sculacciarla come ho visto fare più volte dalle donne esasperate, verso i loro figli… la natica si arrossa, allora sculaccio la sinistra sempre con maggior lena e determinazione… prima lei mugola un po’ ma poi non smette più di urlare: “Godo!! Godo!! Vengo!.... Inculami fino in fondo e sborra!!!” Il cazzo mentre la sculacciavo, si era assiugato ed inturgidito in modo superbo… il suo sfintere si era richiuso a rosellina, lo appoggio, lo guido con la mano, adesso ero sopra ed il mio peso aiutava a penetrarla, ma non entrava, lei senza dire nulla, alza il culo con una mossa rapida e decisa facendomi entrare completamente, come se lo sfintere potesse essere comandato ed aperto a piacere… Entro, mi muovo prima piano.. poi velocemente.. devo ricreare il patos necessario all’orgasmo, ero talmente eccitato, che avrei potuto prolungare all’infinito il mio movimento, riesco e la inculo in un sol colpo… lei si muove nel mio esatto contrapposto, sincrona e parossitica, mi sollevo sulle ginocchia prendendola con entrambi le mani sotto il bacino la metto alla pecorina, la guardo un attimo, e poi con le mani le allargo le natiche tonde e turgide, aprendo completamente lo sfintere, è un attimo, ma infinito, il mio cazzo sa già da solo dove andare... mi appoggio ed entro, mi muovo sempre velocemente… veloce entro, lentamente esco.. poi mi muovo dentro di fianco, più in alto, più in basso, di fianco, poi sempre dentro ritmicamente, sempre più in fondo, non ho pace e tempo per pensare, devo muovermi, devo farla godere… Tanto! Veloce, veloce, sempre più veloce, Lei urla: “Si!!! Godo!!! Aprimi!! Fammi Tua!!” Con questo grido, ripetuto, ripetuto, ripetuto… raggiungo l’orgasmo eiaculando nel suo sfintere, quanto? Ma non so! A me, è sembrato immenso, continuo, infinito…



Prima mi sono accasciato su di Lei, poi mi sono spostato di fianco ed ho incominciato a baciarla, baciarla in ogni parte del suo corpo, sui seni, sulle mani, sui fianchi, sulle natiche, la giravo come se la gravità non fosse mai esistita, non mi sembrava mai abbastanza, volevo farle sentire che per me, era unica e totale!



Ma piano, piano, tutto si cheta, ed anche la mia voglia di baciarla si trasforma in grande dolcezza, la stringo dolcemente, protettivamente a me, coccolandola con quanta dolcezza io avessi potuto, Lei mi guarda e con lo sguardo soddisfatto e compiaciuto, mi dice: “Come Ti ho già detto prima di fare l’amore, ho bisogno di parlarti e di raccontarti, devo liberarmi, diventare grande. Mi vuoi aiutare? Mi vuoi ascoltare?” Subito rimango allibito, poi mi riprendo e rispondo: “Certo… Amore mio!”



“Ti ricordi di Arturo? Ma si l’amico di Piero… Ricordi? Suonava con Piero… Sono uscita per un po’ di tempo con Lui, ma poi le cose non si sono messe bene, anzi, fu per me un vero dramma che mi porto dentro fino ad oggi, ma se hai pazienza, adesso Ti racconto.”



Fuori il buio era calato ed anche Agnese e Francesco erano rientrati, li sentivo in cucina che preparavano, Francesco lottava, come al solito, con il vecchio camino che si ostinava a non tirare su il fumo.. Agnese preparava le bistecche che avevamo comperato, da fare sulla griglia, appunto nel camino… Ma la voce di Aleska mi distrae dai rumori lontani e mi rapisce, quando Le sento dire: “ …si perche Arturo aveva un uccello molto piccolo, e si incazzava moltissimo quando scopando me lo metteva in culo ed entrava senza problemi, anzi, almeno in culo sentivo qualche cosa… invece in figa… poverino era come un ditino, ma almeno, io il ditino lo so usare… e Lui, bhe non voglio essere cattiva, ma il fatto è che Lui si arrabbiava moltissimo, diceva che non era possibile che io non sentissi male… quindi ero una gran troia, e chissà quanti cazzi in culo avevo già preso!”



La guardo sbalordito, e provo a dire: “A si, si ricordo, Arturo, strimpellava la chitarra, aveva frequentato la mia stessa scuola nelle medie, Lui però non abitava vicino… si ricordo, mi aveva anche invitato qualche volta a casa sua, sua sorella la dava a tutti, non poteva vedere un ragazzo senza farsi scopare, nei posti più assurdi, io l’avevo scopata una sera nell’androne di casa loro…” ma Aleska mi interrompe, sorniona: “Non mi interessano le Tue bravate da ragazzotto, io ero al primo anno di università quando sono uscita con Lui e poteva anche essere una cosa seria, ma poi è diventata la tragedia della mia vita, stai a sentire…” “Si hai ragione, scusa, racconta pure…” “Io come anche Elisabetta. La ragazza di Piero, spesso andavamo a sentirli suonare nella cantina che avevano insonorizzato ed attrezzato per fare le prove. Qualche volta finivamo le prove scopando tutti assieme sulla moquette. Poi la situazione è diventata più pesante, ad un certo punto Lui ha incominciato a dire che siccome ero una gran troia… Che avevo già preso chissà quanti cazzi in culo… Potevo anche prendermi i cazzi dei sui amici quando avevano voglia di svuotare le palle, dopo aver suonato… Ma mi senti?” Io ero talmente allibito da quanto mi stava raccontando, che il pensiero aveva preso da solo una sua logica, stavo inseguendolo, cercando di ricordare i comportamenti di Arturo… le sue bravate di ragazzino viziato.. mi riprendo e rispondo: “Ma si certo… vai avanti!”



Aleska allora, controllando che la porta, fosse ben chiusa riprende: “Quindi l’avevo mollato! Dopo alcune settimane e sue infinite telefonate avevo riaccettato di uscire con Lui, anche se avevo grandi riserve, perchè nel frattempo, avevo anche conosciuta la sua ex, me ne aveva raccontato di cotte e di crude, anche con Lei si arrabbiava quando, sodomizzandola non si lamentava, “neanche a secco”, pensa, mi ha raccontato che l’aveva obbligata a farsi inculare davanti a tutti.”



Aleska era tesa, per quanto mi stava raccontando, si vedeva bene che ad ogni piccolo rumore che proveniva dalla cucina, distoglieva lo sguardo e tendeva l’orecchio per capire se stesse arrivando qualcuno, ma rassicurata, riprese: “Ad ogni modo alla fine mi ero fatta convincere per un cinema una sera, figurati che non ricordo neanche più che film proiettassero, ma non è importante. Al cinema c’erano anche due suoi amici che avevo visto solo pochissime volte. Subito dopo il film Arturo mi disse che era necessario andare solo una mezzoretta a provare un pezzo nuovo, che avevano preparato per la serata del sabato successivo, seppure a malincuore accettai, confortata dal fatto che c’erano anche gli altri due amici… Invece purtroppo, non riesco quasi più ad andare avanti, ma credo che solo liberandomi nel racconto, potrò superare e vivere la mia vita futura.”



Aleska, dopo una piccola pausa riprese: “Appena arrivati nella cantina, come al solito chiusero tutto per bene, per poter suonare senza problemi, nonostante l’ora tarda. Io come al solito mi tolsi il cappotino e mi avviai nella piccola cabina di registrazione per non disturbare, loro si avvicinarono alla batteria ma invece di incominciare a preparare gli strumenti, con una scusa che non ricordo bene mi chiamarono e mi fecero andare vicino a loro, appena mi avvicinai, Arturo mi passo dietro e mi abbracciò, ma in modo inconsueto, da dietro, gli altri due a quel momento mi si avvicinarono, Arturo mi teneva stretta, spingendomi in avanti con il bacino, io avevo come al solito un mini abitino, tanto di moda in quel momento, che subito nell’abbraccio, è salito a livello passera, ma non solo mentre mi teneva mi alzava ulteriormente il vestito e con una mossa veloce, mi prende entrambi le braccia dietro la schiena con una mano e con l’altra intanto incomincia a tirare giù la cerniera, in pochi secondi mi sono ritrovata in collant, mutande e reggiseno. Non avevo parole, ma gli altri due ci raggiunsero e mi abbassarono le mutande assieme ai collant, stavo per urlare, quando prontamente Arturo mi dice: “E’ inutile che Tu ti metta ad urlare, qui è perfettamente insonorizzato, quindi prepara il culo che Ti svuotiamo tutti le palle dentro!” Non riesco neanche a reagire mentre mi sento strappare il reggiseno, rimango nuda e in loro ballia. Ma Arturo non è contento della situazione e dice agli altri: “Mettiamola giù alla pecorina, così la inculiamo meglio! Prendi quella corda Mario, legale le caviglie|” Così fecero, ma non contento Arturo mi legò anche i polsi alle gambe di un piccolo tavolino, sul quale mi aveva spinto e fatto appoggiare con la pancia. Io ero li nuda, sdraiata sul tavolino, con il culo e la figa ben esposta.



Arturo incominciò a deridermi: “Ma guardatela la futura “architetta” che vaccona, ma lo sapete che le potete mettere in culo tutto quello che volete, intanto è già ben rotta!”



Io ho incominciato a singhiozzare, ma poi appena hanno incominciato a toccarmi, ho smesso subito, non volevo assolutamente dare la soddisfazione di vedermi vinta o tantomeno compiacente.



Il loro toccarmi è diventato ben presto un tormento, chi mi prendeva da dietro, chi mi appoggiava il cazzo in faccia, Arturo ancora non contento disse: “Così non va ancora bene… non siamo ben comodi…” Mi slegò le caviglie ed incominciò a legarmene una ad una gamba del tavolo, poi siccome non allargavo le gambe mi diede una sonora sculacciata, e mi lego anche l’altra, all’altra gamba del tavolino. Ero completamente immobilizzata, messa prona su quel maledetto tavolino con gambe e braccia legati ognuna ad una gamba, per farmi stare con il culo e la figa ben esposti, Arturo, mi infilò sotto la pancia un lurido cuscino di plastica su cui avevano scopato tutti… ancora maleodorante di sperma secco. Putroppo in quel momento non potevo fare altro che subire.



Era sempre Arturo che guidava le iniziative e di volta in volta le proposte erano sempre più pesanti. Prima mi ha fatto scopare un po’ dai due: “Metteteglielo pure dentro, tanto ha una figa come una vasca da bagno!” e poi: “Bagnatevi bene il cazzo nella figa, così le entra meglio in culo, anche se non ne ha bisogno!” A turno i due mi infilarono nella figa, poi me lo misero in bocca, anzi ci provarono ma la posizione non era favorevole, a questo punto ho sentito prima un dito che mi frugava lo sfintere, poi due dita e poi Arturo mi infilato tutto il suo misero cazzo. Pochi colpi ed ha sborrato!!



Così per mascherare la brutta figura dice agli altri: “Adesso che gli ho preparato il culo tocca a voi!” mi si avvicina uno dei due ma non riesce ad entrare, allora ci prova l’altro e devo dire che ci sapeva fare… infatti con lenti e ripetuti colpetti, prima ha fatto entrare la cappella e poi con colpo più lungo è arrivato fino a metà del suo lungo cazzo. A questo punto ho urlato dal dolore, non l’avessi mai fatto! Arturo è andato su tutte le furie: “Ecco vedi troia! Con lui urli! Non come con me! Ti faremo urlare ancora di più questa sera!” A quel punto ho capito che lo scherzo era veramente finito e che le cose si sarebbero messe molto male, ma di più non potevo fare…



Difatti appena mi ero un po rilassata e la penetrazione del primo era stata completa, subito sento Arturo che dice: “Dai Marco, manatelo bene, fallo diventare bello duro che con il Tuo cazzo le rompi per bene il culo!” Putroppo la sborra di Arturo, faceva da lubrificante nel mio culo e la dilatazione fu ancora più dolorosa, perche il suo grosso uccello mi scivolò dentro come niente. Ma non contento si tolse quasi subito e rientrò, piano per sentire bene il culo che si allarga, io a quel punto, non ho resistito ed ho nuovamente urlato, ma ottenni solo un bel po’ di sculacciate, mentre il cazzo di Marco mi sfondava, dentro e fuori, fuori e dentro, ancora e ancora, io sentivo che intanto si era ben dilatato, mi bruciava molto, lo sfintere per il cazzo dentro, le natiche per le sculacciate, ma oramai non mi faceva più neanche male per la rabbia e se devo essere sincera, anche nel dolore provai un certo piacere, che però mi passato subito, quando dopo la sborrata di Marco che è avvuta poco dopo, ho sentito una cosa fredda che si appoggiava fra le natiche.



Arturo dice: “Dai Mario, fammi vedere se il suo buco di culo adesso va bene? Allargale le chiappe, e Tu troia spingi con quel culo rotto, allargati” Mario mi teneva le chiappe larghe, Arturo, con due dita a destra e due dita a sinistra mi allargava, facendomi non poco male, anzi era un dolore lancinante e incontenibile, ma ogni tanto sentivo la cosa fredda che si appoggiava allo sfintere, mentre sono li che soffro, con il culo completamente aperto, sento un fiotto caldo, subito non capisco, ma poi realizzo… Era quel porco di Arturo che mi stava pisciando dentro al culo così dilatato, e poi ho capito che cosa era la cosa fredda, una bottiglietta di Coca Cola, perché appena finito di pisciare disse agli altri due stronzi: “Adesso gli tappiamo il culo finchè non avete voglia anche voi di pisciare, se ne deve ricordare la troia… deve avere tutto dentro sborra piscio!”



E purtroppo così fu, un’attimo dopo mi sento infilare la botiglia di Coca Cola dentro fino a metà, dove la bottiglia stessa si restringe e diventa impossibile espellerla, e mi lasciano li con la bottiglia dentro proprio come un grosso tappo, ma ciò che ho visto dopo, in qualche modo mi ha ripagato di quanto avevo subito, perché a quel punto, nel silenzio più totale Arturo si è messo sopra di me, appoggiandomi il suo piccolo cazzo sopra la bottiglia, anzi la bottiglia stessa gli dava fastidio e l’ha tolta, ho sentito strani movimenti, ritmici era il suo amico Mario che gli stava allargando con le dita il suo culo poi piano ho sentito che spingevano entrambi sopra di me, un lungo gemito e sospiro di Arturo e poi: “Dai pompami, pompami bene, fai sentire a questa troia come ci si incula bene!!! Falle sentire che non ci frega niente delle donne!!! Dai più forte!!!” Questa situazione si prolungò per molto tempo… tanto da tramutare la situazione. Ebbene si! Sembra incredibile ma la loro inculata tramutò tutto il dolore tutta la rabbia in un parossismo incredibile, fino quasi a raggiungere l’orgasmo, non capivo più niente, ma ad un certo punto si è tolto Arturo e ho sentito nuovamente un cazzo che mi sfondava, era quello di Mario che mentre si prendeva il cazzo di Marco in culo mi aveva infilato il suo cazzo dentro al mio, sentivo le spinte di Marco che si ripercuotevano dentro le mie viscere, sempre più forte… fino alla sborrata finale di tutti e si con grande stupore devo ammettere, si anche io ebbi un orgasmo, un orgasmo incontenibile e parossistico all’unisono con il loro, in una triplice unica sborrata.”



Aleska alza lo sguardo di scatto e non parla più, sulla porta c’erano Agnese e Francesco che ci guardavano, allibiti e rossi per l’eccitazione del racconto, erano venuti a chiamarci per andare a cena, ma ad un nostro cenno si avvicinarono e si sedettero anche loro sul letto entrambi visibilmente eccitati, bastò una carezza di Aleska ed un dolce sussurro: “Su dai Agnese spogliati anche Tu, mangiamo dopo…” Fu un tutt’uno dirlo e farlo, un attimo dopo eravamo tutti e quattro sul letto nudi che ci accarezzavamo e ci baciavamo, le bocche si univano a due a tre a quttro… senza mai smettere di accarezzarci ci siamo trovati uniti in un amplesso completo ed appagante, in cui il rapporto si dilata in un orgasmo multiplo ed incontenibile, ripetuto, ripetuto ed ancora ripetuto, le penetrazioni dolci e continue portano alla fine del rapporto con un’eiaculazione di entrambi i maschi, unito all’urlo dell’orgasmo delle due donne.



Esausti siamo rimasti tutti e quattro ad accarezzarci per almeno un’ora semza mai dire una parola, ma compiacendoci della nostra perfetta sintonia e gioia.



Fu Aleska che per prima parlò: “Grazie, ragazzi, mi avete liberata da quest’incubo che mi porto dentro, oramai da troppo tempo. Con il vostro dolce affetto mi avete ridato la gioia di vivere e di essere donna, completa, appagata, e sicura che gli uomini non sono tutti stronzi… Potervelo raccontare, poter ricevere il vostro amore, il vostro affetto, mi rassicura e mi ha liberata dall’incubo.”









giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Zeus_Luna Invia un messaggio
Postato in data: 17/12/2009 01:59:59
Giudizio personale:
Leggervi è sempre fantastico. Baci


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Coadiuvanti
Sexy fruits aromatizzati 3pz
Sexy fruits aromatizzati 3pz
Profilattici Secura addolciti da tre diversi aromi...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Morpheus
Morpheus
Vibratore realistico con scroto venature e glande ...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Glitter big vibe verde
Glitter big vibe verde
Potente vibratore in morbido jelly glitterato. E d...
[Scheda Prodotto]