i racconti erotici di desiderya

Antonietta detta


Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Antonietta detta “Cicci” – 2° seguito

E attirandomi a se per baciarmi iniziò a muovere i fianchi per incominciare una nuova cavalcata. Era una giovane puledra, piena di voglia, che scoperto il dolce ne voleva assaggiare ancora. Ero al massimo dell’erotismo, ero nel mio mondo, mi sentivo pienamente consapevole delle mie capacità e del potere che avevo raggiunto, in quel momento, su quelle due femmine. Pertanto lasciai che fosse Barbara a condurre il gioco, cavalcandomi, e fissandola negli occhi abbrancai i suoi fianchi e la indussi a muoversi sopra di me, ad infilarselo tutto in fica, a cercarlo e cavalcandolo cercare il suo piacere. Era splendida. Dopo aver goduto per la prima volta per una scopata era… Radiosa ! Una gran femmina, uguale a sua madre che, nel frattempo, un po’ frastornata dal modo di fare, dalla presa di posizione della figlia era comunque eccitata dalla situazione e dall’erotismo che il tutto emanava.

Non resistette e si inchinò a baciarmi, eccitandomi ulteriormente e…. non si staccò dalla mia bocca per almeno una decina di minuti. Pazzesco!

La Barbara iniziò a smaniare, a mormorare “ mio dio… sto impazzendo…. che bello…

Scopami ancora così…. mi piace da morire.. sì… così… ancora…. godooo…..sì… ancora così, non smettere….” Ed iniziò a godere come una fontana. E si adagiò sul fianco, facendo uscire il mio cazzo dalla sua fica e la Cicci ne approfittò immediatamente per succhiarmelo (che troia, voleva gustare gli umori della figlia) e successivamente se ne appropriò infilandoselo nella fica, iniziando a cavalcarmi in maniera forsennata dicendomi “L’hai fatta godere, ma tu sei mio ed ora fai godere me!” E si inchinò per baciarmi, sapendo che così mi portava al massimo del carico erotico. E mi scopò in modo famelico, per farmi capire che ero suo e che, anche se mi aveva concesso di sverginare la figlia, non dovevo farmi altre illusioni. Comunque… mi ero scopato una magnifica ragazza, con un corpo stupendo e ciò… mi faceva sentire un re.

E tanto per ribadire ciò che mi aveva concesso… se lo sfilò e… se lo infilò nel culo, con estrema facilità, a dimostrazione della sua disponibilità nei mie confronti, offrendomi nuovamente ciò che era stata la sua verginità che mi aveva donato!

La figlia, nel frattempo, aveva seguito il tutto masturbandosi e, vedendo questa sodomizzazione, si eccitò da matti ed aumentò il ritmo della sua masturbazione, arrivando poco dopo a godere dicendoci “Siete due porci libidinosi, mi state facendo impazzire.” La Cicci, sollevandosi in posizione seduta su di me, guardandomi intensamente negli occhi, mi disse “Sto per godere… voglio che godi insieme a me” e, torturandomi i capezzoli, iniziò a tremare e godere intensamente scatenando il mio orgasmo e facendomi schizzare dentro la sua fica una quantità di sborra incredibile, tutta quella che avevo accumulato con tutto ciò che mi avevano fatto quelle due femmine. Ero esausto. Ma come la Cicci si sfilò da me… la Barbara si fiondò sul mio cazzo iniziando a succhiarmelo per gustare la mia sborra unita ai succhi della madre. Che libidine !

Poi, rialzando la bocca dal fiero pasto, guardandomi, disse “ Mhh… che buono… mi piace… ora che ne conosco il gusto penso che…. assaggerò più spesso questo gelato !” Al che la Cicci rispose: “Non ti ci abituare…. possiamo parlarne ma… lui è mio!” … e si distese accanto a me, abbracciandomi. Lo stesso fece la figlia. dall’altra parte, abbracciandoci tutti e due, dicendoci : “Grazie! Vi voglio bene!”

La giornata, praticamente, finì lì. Dopo un po’ andammo in un ristorantino a pranzare, scambiandoci sguardi teneri ed affettuosi. Pieni, però di libidine.

Io e la Cicci riprendemmo a vederci a casa della Wanda e, una su due, partecipava anche lei con scene saffiche tra di loro di un erotismo pazzesco. Io mi sentivo un re.

Avevo a disposizione più donne contemporaneamente e non avevo che l’imbarazzo della scelta, visto che, tutto sommato, non c’erano scene di gelosia tra di loro anche perché la Cicci aveva, comunque, ribadito che anche se mi condivideva, io ero suo.

(segue)

Gradirei commenti, anche sui precedenti.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Bobo45sex Invia un messaggio
Postato in data: 01/06/2017 15:36:38
Giudizio personale:
mmm, grande! sei veramente un vecchio porco e sai come offrire ai tuoi lettori l'occasione di eccitarsi bestialmente...
Grazie... sei proprio bravo (in tutti i sensi)


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Telo impermeabile rosso vinile
Telo impermeabile rosso vinile
Telo in vinile lucido impermeabile da usare per og...
Prezzo: € 30.88
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Vibro classico argento
Vibro classico argento
Vibratore in ABS dal design lussurioso estremament...
Prezzo: € 16.90
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Gonna lunga nero viola
Gonna lunga nero viola
Gonna lunga molto particolare la parte esterna e n...
Prezzo: € 73.63
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Gonna lunga nero viola
Gonna lunga nero viola
Gonna lunga molto particolare la parte esterna e n...
Prezzo: € 73.63
[Scheda Prodotto]