i racconti erotici di desiderya

Ancora tua

Autore: Maja71
Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Emmanuelle stava tornando dalla segreteria del suo studio quando improvvisamente sentì le note di "minuetto" provenire dal suo cellulare lasciato sulla scrivania....le gambe le si immobilizzarono, un pugno allo stomaco le impedì di respirare....non sentiva quella suoneria da circa due anni. Un turbinio di emozioni la invase, nessuna delle quali però la avvicinò neanche per un attimo all'idea di cancellare o non rispondere al messaggio.

"Hai vinto tu". Lei sapeva bene a cosa si riferiva ma si crogiolò nell'opportunità di sentirglielo spiegare.

Lui aveva provato in tutti i modi a tenerla lontano ma alla fine era tornato a cercarla, voleva riprendersela e non aveva troppi dubbi sul fatto che l'avrebbe trovata pronta e responsiva, forse incazzata, un pò ferita, ma sicuramente disponibile. E questo lo faceva impazzire.

Tutto ricominciò.

L'attesa, le fantasie, il desiderio, la perversione di un rapporto in cui dominato e dominatore non erano chiaramente distinti.

Lui potente nella consapevolezza di avere sempre un posto caldo tra le sue gambe, lei sedotta da 30 anni di tensione sessuale. Lui che la sera fantasticava sulle possibili esperienze erotiche in cui, con un po' di pazienza, l'avrebbe potuta condurre. Lei che la notte lo sognava e si svegliava sudata e vogliosa.

Nonostante tutto ciò ci vollero mesi prima di riuscire ad organizzare l'incontro, mesi in cui ognuno per sé o insieme dedicarono moltissimo tempo a tenere vivo il desiderio reciproco.

Ma poi il momento arrivò.

Era una giornata fredda, Emmanuele sentiva rimbombare sul marciapiede il suono dei suoi tacchi e provava a sincronizzarlo con quello del cuore che batteva all'impazzata. Continuava a pensare all'incontro, a tutte le cose da dire, alle paure, poi se lo immaginò tranquillo sul treno, a leggere il giornale, a differenza di lei, assolutamente padrone dei suoi sensi e delle sue intenzioni, e questo bastò a tacitare tutte quelle voci nella mente. Si focalizzò sull'idea di tutto il godimento che avrebbe provato e buttò fuori di sé il resto. Niente avrebbe dovuto minare quella giornata.

Di conseguenza spense il cellulare.

Non sto qui a perdermi nei dettagli dei primi istanti... si rinnovò immediatamente per lei la certezza che l’attrazione nei suoi confronti fosse la più potente che avesse mai provato in vita sua, per lui il bisogno impellente d’esserle dentro.

Non ebbero il tempo di chiudersi la porta della stanza d'albergo alle spalle che già la mano di lui era in mezzo alle cosce di lei e lei....prontamente le aprì.

Subito si sentì redarguire: "ahi ahi Emmanuelle...sei proprio dispettosa, perché ti ostini a mettere gli slip? Mi sembrava fossimo d'accordo...."

"Ti sembrava male!" rispose, con un pizzico di astio.

Allora invece di sfilarli, lui se li attorcigliò intorno al pugno, facendo penetrare il filo del perizoma tra le labbra, e cominciò a strusciarli avanti e indietro, guardandola dritto negli occhi, aspettandosi un cenno di dissenso che questa volta non sarebbe arrivato. Anzi il respiro di lei divenne più ritmico e profondo, ma soprattutto, a sorpresa, sostenne quello sguardo avido fino a che lui non cedette alla fame del suo sapore.

La gettò sul letto, e una alla volta, le posizionò le gambe, piegate, aperte, poi infilò la testa sotto il vestito e andò dritto al suo recesso già infinitamente bagnato. La lingua si spinse dentro, leccando e facendosi strada tra i tessuti sensibili. I fianchi di Emmanuelle si muovevano senza posa, e il corpo implorava in silenzio di averne di più.

"Dio" rantolò lui "Ho desiderato posare la bocca sulla tua fica quasi ogni giorno, da quando ti ho conosciuta".

La sua lingua morbida e vellutata guizzò sul clitoride turgido. Lo succhiò con delicatezza e leccò con ardore. Lei si contorse mentre l’orgasmo la scuoteva. "Guardami negli occhi quando vieni per me" e lei, con fatica, li aprì e lì agganciò ai suoi.

La stanchezza durò pochi istanti, Emmanuelle si mise seduta e lo osservò in ogni più piccolo dettaglio, lo conosceva bene ma le sembrava al contempo sempre uno sconosciuto. E questa incongruenza la eccitava da morire: un volto, un corpo noto e al tempo stesso così tanto mistero da scoprire.

Lo avvicinò a sé tirando per la cintura dei pantaloni e cominciò a sbottonargli la camicia, lentamente, senza fretta. D'altra parte lei aveva già potuto godere di uno stupefacente orgasmo, poteva prendersi del tempo. Lui no invece, lui era ancora infinitamente eccitato e quel temporeggiare era una tortura. Emmanuelle lo capì non appena gli sfiorò il cazzo da sopra ì jeans e lo sentì pulsare. Ma non le bastava, voleva fottergli il cervello. Si avvicinò all'orecchio e con non poca fatica gli sussurrò: "ora mi scopi, forte, mi vieni dentro e ti riprendi ciò che è tuo: me!"

Le entrò dentro ad occhi aperti per non perdersi nemmeno un istante di quel momento, di quella connessione, di quel piacere così a lungo rinnegato. "Abbandonati a me e godi" disse con voce rassicurante. E cominciò a pompare, prima lentamente, disegnando col bacino languidi cerchi, poi sempre più rapidamente, parlandole a fatica nell'orecchio, in modo che ĺei mai avrebbe potuto scordare quella voce.

Non ci fu niente di gentile nei loro movimenti, niente di romantico, solo istinto puro e sfrenato. Tutta la tensione accumulata in quei mesi, scaricata in respiri affannati. Il godimento così intenso da togliere il fiato, le fronti imperlate di sudore, i loro movimenti aggressivi e scomposti, come se non potesse essere mai abbastanza, mai troppo profondo, mai troppo intenso. L’asta strizzata dalle ondate di piacere di lei. I testicoli contratti, schiantati contro la sua carne morbida e calda. Emmanuelle venne gridando e lui la seguì, affondando nel suo ventre come se volesse seppellirsi in lei, riversando tra le sue gambe il fiotto caldo di sperma.

Rimasero stesi, sporchi dei loro fluidi appiccicosi, a parlare per diverso tempo. Quasi la fame si fosse saziata e potessero dedicarsi a ricostruire anche l'intimità emotiva tanto minata dai recenti trascorsi. Ma anche con le parole non riuscivano ad allontanarsi troppo dalla tensione erotica che li coinvolgeva.

E poi ricominciarono. Lui la penetrò ancora e ancora.... Scivolava dentro di lei, come fosse il suo rifugio e lei, ogni volta, lo accoglieva con entusiasmo. A volte la trovava già abbondantemente bagnata, altre volte la allargava con le dita e la masturbava sapientemente. Accompagnava l’intrusione ritmica dell’anulare e del medio con piccoli cerchi precisi sul clitoride, piegato su di lei, mentre con la lingua giocava con i seni esposti. Non smetteva finché non vedeva il suo viso, di solito composto, stravolgersi di piacere e finché non l'aveva fatta gemere, chiedendo più o meno esplicitamente di entrarle dentro e scoparla nuovamente.

Emmanuelle guardò l'orologio, sapeva che a breve si sarebbero separati nuovamente per chissà quanto tempo, mesi....forse anni. Non amava fare la prima mossa per cui la prese alla larga. Gli accarezzò a lungo le cosce e poi afferrò il suo membro ora morbido, lo prese in bocca, lo assaporo ' con voluttà, sapeva degli umori di entrambi.

Iniziò a giocare con la punta turgida, seguì la grossa vena inferiore con la lingua, dolcemente, attentamente. Dalla base alla punta, lo leccava e accarezzava, tremendamente alimentata dal suo godere. Era estasiata dal sentirlo crescere rapidamente ad ogni passata di lingua. Aveva le guance rosse, e lo leccava ansimando, chiudendo la bocca lateralmente sull’asta, sensuale, appassionata. Lui le afferrò la testa con entrambe le mani e cominciò a muoversi nella sua bocca accogliente, sempre più veloce. Solo un attimo si fermò, godendosi lo spettacolo della bocca piena del suo cazzo. Emmanuelle sapeva che stava per venire, in altre occasioni si sarebbe scostata ma...in quella no, lo volle prendere completamente, bere il suo seme. Lui s’inarcò per spingersi meglio nella sua bocca e la riempì, guardandola ingoiare a occhi socchiusi.

Quando ebbe finito, Emmanuelle prese un fazzoletto bagnato e glielo passò sul membro che piano piano si stava rilassando, lo fece con delicatezza, con la solita paura di sbagliare, magari di infastidirlo o fargli male. Lo fece con estrema dedizione, pensando "sono venuta al mondo per soddisfarlo" e su questo, invece, non nutriva alcun dubbio.

Fu con quest'ultima consapevolezza che lo lasciò alla stazione, con questa e con i tanti nuovi ricordi che l'avrebbero svegliata di notte, vogliosa e sudata da lì in poi.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Ladybutterfly Invia un messaggio
Postato in data: 26/01/2017 14:18:57
Giudizio personale:
Molto bello e stimolante


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Bdsm
Miniabito rosso vinile
Trasgressivo il miniabito in vinile con ampie stri...
Prezzo: € 47.52
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Lelo luna beads mini celeste rosa
LUNA Beads e il sistema di pesi di Kegel piu vendu...
Prezzo: € 54.90
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Vestito angioletta bianco trasparente
Malizioso e trasparente il costume da angelo impre...
Prezzo: € 67.81
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Smartballs teneo duo viola
Bellissime Palline vaginali di altissima qualita p...
Prezzo: € 34.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Calze a righe nero
Calze autoreggenti a righe nere nella parte superi...
Prezzo: € 16.05
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Jockstrap master push up glutei nero
Sospensorio da uomo con una forma a conchiglia sul...
Prezzo: € 18.52
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Copricapezzoli burlesque nero
Coppia copricapezzolo tondi da indossare per spett...
Prezzo: € 17.40
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Coadiuvanti
Fistan acqua e silicone 150ml
Fistan e un eccellente lubrificante intimo a base ...
Prezzo: € 18.50
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Coadiuvanti
Lick jelly fragola 50ml
Gustoso gel per rapporti orali. Puo essere utilizz...
Prezzo: € 14.90
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Vac-u-lock 8 set 1
Kit con sistema di aggancio Vaculock composto da u...
Prezzo: € 65.42
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Pantaloni lampo nero vinile
Pantaloni lucidi in PVC leggermente svasati ed ade...
Prezzo: € 42.43
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Triplo stimolatore fucsia
Stimolatore ano vagina e clitoride realizzato in m...
Prezzo: € 54.37
[Leggi Scheda Prodotto]