i racconti erotici di desiderya

Alessia

Autore: Petalidicandore
Giudizio:
Letture: 3077
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
"Ciao, ti va se ci vediamo alle tre a casa mia per ripetere? Dai, cerca di venire, ho bisogno del tuo aiuto, sono molto indietro..."

Anche questa mattina Alessia si è fatta sentire con un sms, come ormai puntualmente avviene da un mese a questa parte...

Mi fa piacere vederla anche se ammetto che a volte è noioso dover spiegare tutto ad una persona che di voglia di studiare ne ha ben poca, ma forse la colpa è anche mia fin dai primi esami mi sono fatto, ingiustamente direi, affibbiare l'etichetta di "secchione"!

E poi, diciamola tutta, è difficile dire di no ad una ragazza come lei. Alta 1.65, capelli nerissimi e occhio scuri da bella ragazza mediterannea, pelle liscia, forme al punto giusto e soprattutto un fondoschiena meraviglioso di quelli che catturano gli sguardi dei passanti. Una ragazza veramente fuori dl comune, molto simpatica e socievole, con una certa predilezione per le serate in compagnia passate a bere e fumare ma anche capace di trasformarsi in gonna e stivali, tiratissima quando usciva in discoteca.

Si era fatta una fama di ragazza facile, quasi ninfomane, si diceva di lei che perdesse il controllo con un bicchiere di vino, che fosse passata con disinvoltura da un ragazzo all'altro, che a letto fosse una tigre... Voci di ragazze invidiose, pensavo, non mi sembrava possibile che lei fosse proprio così, non pensavo una ragazza così bella come lei, che poteva avere tutti, dovesse comportarsi in questo modo, le malelingue si scatenano sempre quando incontrano una ragazza così carina e piena di fascino.

Ho sempre avuto un debole per lei, lo ammetto, del resto non era facile restare indifferenti di fronte ad una bellezza così.

Per un pò ho anche creduto che... fosse stato possibile avere una storia con lei, ma purtroppo non è mai accaduto, un pò per la mia timidezza, un pò perchè vederla sempre tra le braccia di qualcun altro mi faceva star male, allora ho preferito non fissarmi troppo perchè ormai mi ero convinto che era difficilissimo per me entrare nelle sue grazie se non come amico.

Eppure ricordo quella volta al parco a studiare, con i libri abbandonati sull'erba, io e lei persi in un discorso sul sesso che mi aveva eccitato fino all'inverosimile (quante volte mi ero masturbato ripensandoci!), oppure come quando le si intravedeva la peluria sotto i suoi short (mi sono sempre chiesto se lo avesse fatto apposta...) o i suoi sguardi maliziosi e i suoi continui e teneri abbracci in una serata passata in giro a scorazzare per i locali.

Niente di tutto mi aveva smosso dalla mia timidezza, avevo troppa paura di lanciarmi e di perdere, se respinto, la sua amicizia, che per me stava diventando sempre più importante. Tra di noi sei era instaurato un rapporto splendido, fatto di lunghe chiacchierate, di confessioni e segreti che ci scambiavamo reciprocamente e di pomeriggi passati a studiare insieme intervallati da un caffè e da un pò di musica. Poi un giorno lei si fidanzò.

Andrea era veramente un bravo ragazzo, lo conoscevo solo di vista ma sapevo che era un persona piena di cose da fare, sempre con il sorriso pronto.

Finalmente ha messo la testa a posto dicevano le malelingue, anche io ero conento per lei, anche se, in fondo mi rodeva, perchè sapevo che tutti i miei sogni di poter stare con lei stavano svanendo.

Con il tempo lei si faceva sentire sempre meno, anzi, ormai si poteva dire che lei mi chiamava solo quando era indietro con lo studio ed aveva bisogno di una mano con gli esami.

La cosa un pò mi dava fastidio, un pò perchè mi sentivo sfruttato, un pò perchè lei era sempre meno disposta ad ascoltare le mie disavventure amorose (da povero sfigato) e le nostre chiacchierate si risolvevano in un monologo su quanto era bello, bravo ed intelligente il suo ragazzo!

Non le sapevo dire di no, così quel pomeriggio arrivai alle tre in punto a casa sua per l'annesimo pomeriggio da passare suoi libri, ma la mia testa in quel periodo era altrove, preso da turbe erotiche e dal bisogno di avere una ragazza.

Mi fece battere il cuore quando la vidi alla porta, bellissima, con un vestitino corto che ne risaltava le belle gambe, un provocante smalto nero e un filo di trucco che dimostrava quanto lei fosse naturalmente bella.

"Non ci sono le mie coinquiline, oggi possiamo finalmente studiare in pace" mi disse.

Il pomeriggio passò come sempre, poi alle sette arrivò il suo ragazzo che subito la abbracciò forte e le diede un bel bacio sotto i miei occhi che, devo confessare, in quel momento fremevano di invidia.

Mi sentivo a disagio a stare lì, e anche lei notai non aveva più la testa giusta per ripetere così dissi "Io vado via, ci sentiamo domani..." Ma lei, in coro con il suo ragazzo mi invitò a restare a cena da con loro. Dopo qualche minuto di insistenza di accettare, così lei andò a preparare la cena e io rimasi con Andrea a chiacchierare del più e del meno in camera.

La cena andò bene, innaffiata da bicchieri di vino che sembravano non finire mai...

Così appena finito, ci stendemmo tutti e tre esausti ed assonnati sul divano a guardare un film.

Il film non era un granchè, lo segui distratamente, ero turbato da Alessia, che non la smetteva di fare battutine maliziose al suo ragazzo e soprattutto dalla sua posizione...

Si era infatti distesa tra di noi, tra le braccia del suo ragazzo e con le sue gambe, abbronzate e liscissime poggiate sulle mie ginocchia... Era una posizione veramente eccitante e in quel momento credo di non ricordarmi di averla mai vista così sexy e provocante.

Quando con le sue gambe mi sfiorò il membro ebbi un sussulto, credo che lei si accorse della mia eccittazione, del resto sono abbastanza dotato e il pantalone che mi ero messo quella sera non era di certo utile a contenere le dimensioni del mio "pacco".

Rosso di vergogna chiesi e richiesi di spostarmi su una sedia ma lei mi disse di no, che era scomodo e che non dovevo preoccuparmi perchè in fondo si poteva stare comodamente in tre sul divano. Più volte nel corso della serata mi sfiorò il membro, io morivo dalla voglia di tornare a casa per masturbarmi come non avevo mai fatto prima, ma, dopo il film, restai lì con loro a chiacchierare,

"Dobbiamo finire questa bottiglia di vino" disse Andrea. Così ci ritrovammo a parlare di me, complice quello che avevo bevuto, li raccontai di come stavo male a stare senza una ragazza, di come mi avesse fatto soffrire la mia ex e di come pensassi tutto il tempo a lei (per fortuna non mi feci scappare nessun imbarazzante commento sulla mia morbosa per Alessia) e di come avrei voluto farmi una bella scopata ogni tanto, perchè in fondo me la meritavo dopo tanto studio! Il mio linguaggio colorito, li faceva ridere, specialmente Alessia, che mi aveva sempre conosciuto come il bravo ragazzo della porta accanto, sempre educato e composto, il classico "amico delle donne" insomma.

Poi toccò a loro che mi rincuorarono, mi dissero di come la vita a volte prende svolte imprevedibili e che anche loro che stavano felicemente insieme ne avevano passate prima di tutte i colori.

Il vino però aveva abbassato le mie resistenze e così mi uscì qualche lacrima parlando della mia ex ragazza, di come mi aveva lasciato e di come mi mancava ora che ero sempre terribilmente solo.

Alessia si avvicinò, mi disse di non pensarci e mi diede un bel bacio sulla guancia mentre mi sussurrava che ragazzi dolci come me ce ne sono pochi in giro per sfortuna.

Il discorso poi fortunatamente cambiò e così ci ritrovammo a parlare di musica, di film da vedere, di qualche nostro amico che non si faceva più sentire e di qualche ricordo dell'infanzia.

Poi, come spesso accade quando si fuma e si beve tra ragazzi, ci ritrovammo a parlare di sesso... Io ero un pò in imbarazzo, Alessia invece con disinvoltura mi parlava di come lei e Andrea avessero una vita sessualmente molto attiva, e di tutte le esperienze che avevano già provato insieme.

Vedendola parlare di "dimensioni", di sesso sotto la doccia o di fellatio in macchina mi tornarono in mente quelle voci che molte malelingue avevano messo in giro diversi mesi prima... E se fosse stato tutto vero? Andai in bagno, ero eccittato dai discorsi e dallo sguardo sensuale di Alessia e molto stanco perchè tra l'alcool e il fumo, si erano fatte le ore piccole.

Tornai in camera deciso a prendere i libri per far ritorno verso casa ma... appena entrai mi trovai di fronte una scena inaspettata. Alessia si era infatti accasciata tra le gambe di Andrea e gli stava facendo un pompino con i fiocchi tra i mugolii del ragazzo comprensibilmente in estasi di fronte all'intrapendenza della sua ragazza.

Rimasi di sasso, e di sasso manco a dirlo, rimase anche il mio cazzo, mai mi ero gustato una scena così eccitante a così pochi metri de me. Avevo voglia di fuggire via quatto quatto ma l'eccitazione mi prendeva sempre di più così rimasi sul ciglio della porta incapace di non guardare ma anche di dire qualcosa che potesse fermarli.

Alessandra proseguiva con il suo leccellente lavoro di bocca, leccave le palle di Andrea risalendo piano piano, poi gli baciava la capella e ricominciava a succhiare vorticosamente per poi prendersi una pausa di nuovo.

Sembrava una professionista, non avevo mai visto niente del genere! Poi, temendo evidentemente che il suo ragazzo stesse per venire, si alzò di scatto, si girò i capelli dietro le orecchie e si alzò il vestitino, lasciando scoprire delle forme meravigliose che erano decisamente meglio di come me le ero immaginate in tutti i miei sogni erotici.

Aiutò Andrea a togliersi il pantalone, io, con la paura di essere visto, mi rifugiai dietro la porta, quando mi riaffacciai vidi Alessandra a cavalcioni su Andrea in preda ad una cavalcata furiosa.

Lei mi vide subito, sapeva da sempre che ero lì, io timidissimo mi feci rosso dall'imbarazzo, lei mi sorrise, rallento il ritmo e mi invitò con le dita ad avvicinarmi. Inebetito non sapevo cosa fare, colmo d'eccitazione mi avvicinai a loro, guardai Andrea ma lui non sembrava neanche essersi accorto che stavo lì.

"Stai tranquillo ...siediti..." Mi sedetti su una poltroncina sul letto lì accanto a godermi la scena, Alessandra ora prese ad urlare. "Sfondami Andrea... sono la tua puttana... ti amo".

Le sue confuse parole erano un misto di eccitazione e porcaggine, io ero sul letto, stavo venendo solo a guardare i suoi seni al vento e a sentire i suoi mugolii.

"Puoi toccarti se vuoi..." Era dura ma non raccolsi l'invito di Alessia, restai lì a godermi la scena ma l'imbarazzo mi frenava troppo per poter fare qualcosa che, fino a quel momento, avevo considerato come tipico dei cosiddetti "guardoni".

Alessia era in preda ad un orgasmo furioso e così Andrea pochi secondi dopo le venne nella fica inondandola con il suo sperma.

Lei si alzò, poi si chinò tra le guambe per raccogliere quello rimasto, fu una scena che non mi aspettavo, non avevo mai conosciuto e visto una ragazza che arrivasse a tanto.

Poi risalì tra braccia di Andrea e lo baciò con forza, si baciarono per alcuni minuti poi le si alzò in piedi, guardò il suo ragazzo come a cercare un cenno di consenso e si diresse verso di me...

"Ora tocca a te...te lo posso fare un regalo?"

Prese a sbottonarmi i pantaloni... "Non devi vergognarti, qui sei tra amici e tra amici ci si aiuta quando le cose non vanno bene..."

Lei rimase piacevolmente sorpresa dalle mie dimensioni, mi sembrò di capire che poche volte avesse preso un cazzo così tra le mani. Cominciò a farmi una sega mentre con l'altra mano mi carezzava la pancia e il torace, poi mi diede un bacio tupendo affondando la sua lingua.

Aveva uno sguardo da porca e mi maledissi perchè lo avevo già visto altre volte ma non le avevo mai colpevolmente saltato addosso.

Poco dopo staccò la sua mano e il mio cazzo scomparve lentamente tra le sue labbra quando lei cominciò a succhiare vorticosamente. Cercavo con lo sguardo Andrea ma non lo vidi, probabilmente era già da un bel pezzo che aveva lasciato la stanza.

Alessia aveva un pò di difficoltà ad infilarsi in bocca un cazzo del genere, di diversi più grosso di quello del suo ragazzo.

Mi stava facendo un pompino meraviglioso, io cercavo di resistere, ma era dura e lei si muoveva come un'assatanata su di me.

Così le presi la testa e cominciai ad assecondare il suo movimento ondulatorio, praticamente la stavo scopando in bocca, stavo trattando una delle mie migliori amiche come la peggiore puttana ma questo a lei non dispiaceva, anzi... sembrava non aspettare altro che quel cazzo infilato in gola.

Ebbi un sussulto quando vidi Andrea, "C'è posto anche per me?" A questo punto non ero sorpreso a non vederlo geloso, si mise dietro di lei e cominciò a stuzzicarle i capezzoli e il buchetto.

Quando con la mano mi prese la base del cazzo venni copiosamente bagnandole tutta la facia con il mio sperma, forse non si aspettava che io venissi in quel momento lì così gli schizzi arrivarono anche sulle guance e nehli occhi di Alessia.

Leccò tutto e con la sua lingua vogliosa cercava quel pò di sperma che le si era posato sulle labbra.

Mi fece una carezza e mi sorrise, la sorrisi anch'io, mi aveva fatto un regalo straordinario!

Andrea la girò, vedermi venire sulla faccia della sua ragazza doveva averlo eccitato non poco, così avvicinò il suo cazzo di nuovo alle labbra di Alessia.

Io mi feci coraggio, mi tolsi i vestiti che avevo addosso e mi fiondai sulla sua fica. Manco a dirla era bagnatissima, presi poco poco a risalire con la lingua l'inguine, poi la leccai dolcemente e presi a giocare con il suo clitoride.

Lei sembrava gradire, intanto continuava a spompinare il suo ragazzo, poi forzai il ritmo, la mia lingua dava dei colpi sempre più forti, la sua fica aveva un sapero splendido, avrei voluto mangiarla eccittato com'ero e sarei restato lì a leccare per ore intere.

"Come sei bravo...fai ancora più forte adesso..."

Mollò il cazzo di Andrea e smise un attimo di mugolare per sussurrare queste parole, fece poi scansare il suo ragazzo, mi prese la testa con le sue mani e, proprio come avevo fatto io prima con lei, la spinse con forza verso di me.

Io andavo giù molto forte, lei urlava la raggiunse un orgasmo pauroso proprio nello stesso momento che Andrea, che nel frattempo si stava masturbando guardandosi la scena, le veniva sulle tette e sul collo. Poi mi toccò le spalle "Scopatela...non la vedi come è bagnata questa puttana, vuole provare il tuo bel cazzone"

Mi feci strada dentro di lei, anche se era bagnatissima ebbi un pò di difficoltà ad entrare, appena lo feci lei urlò dal dolore, mi fermai, poi, ad un suo cenno affermativo, riprovai e cominciai a pompare ferocemente.

Era sicuramente la più bella scopata della mia vita, Alessia era un sogno che si stava realizzando, il fatto che avessi scoperto che fosse una puttano consumata non me la faceva passare dalla testa, anzi... godevo ancora di più a spingere selvaggiamente dentro di lei.

Lei mi urlava il suo piacere, io le venni dentro con lei avvinghiata alle mie spalle, subito dopo crollammo a terra esausti.

Passò un minuto forse in cui rimanemmo tutti e tre in silenzio a goderci questo momento, poi le si alzò a andò a sciaquarsi.

Incrociai il mio sguardo con quello di Andrea ma nessuno dei due sapeva evidentemente quello che dire forse perchè entrambi sorpresi dalla piega che aveva preso la serata.

Alessia tornò in accapatoio fumando una sigarette si avvicinò a noi e ci invitò a sederci tutti e tre sul divano. "Perchè non me lo avevi detto prima che lì sotto nascondevi un tesoro?"

Sorridemmo tutti e tre, Andrea versò del vino e Alessia prese a baciarmi, un bacio bello, lungo e appassionato, poi fu la volta di Andrea a cui lei non negò le sue labbra e la sua lingua. I

o presi a baciarla sul collo e piano piano le sfilai l'accappatoio, la sua pelle aveva un profumo buonissimo.

Si girò e mi diede un altrobaciò, Andrea completò l'opera da me avviata spogliandola completamente, poi la facemmo stendere a terra e prendemmo a riempirla di baci su tutto il corpo, lei ricambiava carezzando i nostri membri non appena le capitavano a tiro.

"Così mi fate morire...e voi non vorrete che io muoia, giusto?" Guardò Andrea giusto un attimo poi mi sorrise e mi disse "Ti andrebbe di provare da dietro?"

Io ebbi un attimo di smarrimento, "Non l'ho hai mai fatto?... Bhè, se vuoi ti faccio provare il mio culo..."

Le dissi che non pensavo ad altro dal primo momento che le avevo notato il suo splendido fondoschiena, poi intervenne Andrea "Alessia, ma sei sicura?" "Si certo, è la cosa che più voglio in questo momento"

Andrea la fece girare a pancia in giro e cominciò a baciarla e ad accarezzarle l'orifizio, io intanto mi ero messo davanti a lei e cominciò subito a succhiarmi il cazzo.

Il suo ragazzo prese a leccarla, doveva piacerle molto visto l'affanno del suo respiro, poi Andrea mi invitò a farlo al posto suo, non fece in tempo a dirlo che mi fiondai tra le sue cosce, non avevo mai fatto niente del genere, era sempre stato un sogno, nessuna delle mie ragazze precendenti mi aveva mai concesso l'onore di stimolare in questo modo il loro buchetto.

Credo di avermela cavata abbastanza bene, come mi venne suggerito le infilai un dito dentro, ci volle un pò per via delle sue contrazioni ma alla fine entrò dentro.

Doveva fare spesso cose del genere visto la facilità con cui mi riuscì tale operazione.

Poi Andrea prese un cuscino dal divano, lo infilò sotto la sua pancia e mi invitò a provare ad entrare ora dentro di lei.

Non ci riuscii, ero eccitato come mai lo ero stato prima ma non c'era verso, le poche volte che le cose sembravano andare meglio dovevo fermarmi pe il dolore che provava.

Alessia disse qualcosa al suo ragazzo, che andò via, io nel frattempo ripresi a leccarle il buchetto.

Andrea tornò con dell'olio solare, lo spalmò sul culetto di Alessia e piano piano con le dita la stimolo nuovamente, feci anche io lo stesso poco tempo, Andrea si mise davanti e le tenne strette le mani, io mi chinai e dopo pochi tentativi, tirai un colpo vigoroso ed entrai dentro di lei.

Urlò, le facevo male ma non riuscivo a fermarmi così le diedi altri due colpi vigorosi.

"Calma, così me la spacchi...Amore stai tranquilla, rilassati..."

Poco alla volta il mio movimento divenne più fluido lei assecondò quello che io facevo così in breve tempo raggiungemmo un buon ritmo. Andrea le diceva di rendersi conto di quanto era puttana ma che la amava anche per questo e che con un cazzo di quelle dimensioni nel culo sarebbe stata a posto per un bel pò.

Le dissi che volevo aprirla come una mela, il suo respiro era affannoso, cercava di stimlarsi il clitoride ma aveva delle grosse difficoltà per via degli spasmi che l'orgasmo le stava procurando.

Poi Andrea provò a tirarla un pò su per provarci lui, io la presi per le ascelle e premetti fortemente più volte sul suo culo, il mio cazzo era praticamene tutto dentro di lei.

Venni così, tra le sue urla di dolore e piacere, mentre Andrea, eccitatissimo, non potette far altro che guardarsi la scena. Di nuovo ci trovammo stesi per terra, chiacchierammo un pò su come meravigliosa era stata questa serata, mentre Andrea asciugava amorevolmente il sudore dal vso di Alessia.

"Forse i regalo me lo hai fatto tu..." disse lei, mentre si contorceva per il culo che a suo dire le faceva un male cane. Fumammo una sigaretta nella camera che era dappertutto cosparsa di odori di sesso. Poi decidemmo di andare a fare una doccia tutti insieme, prese mano nella mano sia me che il suo ragazzo ed entrammo nel box.

Fu un'altra esperienza eccittante, Alessia era tra di noi in tutta la sua bellezza, le spalmavamo il sapone dappertutto e lei faceva lo stesso con noi, anzi, soprattutto con i nostri cazzi.

Poi sotto l'acqua l'abbracciamo entrambi, lei baciava prima uno e poi l'altro, le nostre lingue non facevano che intrecciarsi, eravamo di nuovo tutti e tre eccitati con la differenza che lei aveva un rossore sul fondoschiena per via dell'amplesso di prima.

Cercava i nostri membri, li desiderava più di ogni altra cosa al mondo e si vedeva, spegnemmo la doccia, lei si accascio, si mise sulle ginocchia e comincia a spugnettarci entrambi.

Era fantastica, mentre succhiava il cazzo di Andrea toccava il mio e viceversa. Ci stava facendo impazzire, ci sapeva veramente fare, cercò anche di metterli entrambi contemporaneamente in bocca.

Mi prese a fare un pompino stupendo, poi una sega, poi di nuovo un bacio sul cazzo, stavo per venire come intuivo stesse facendo Andrea, così smettemmo.

Io la presi per i capelli, le tirai la testa indietro e mi masturbai velocemente, lei era lì, con la bocca aperta che aspettava il nostro seme. Le cospargemmo la faccia, sembrava la peggiore puttana, lei mandò giù i fiotti che le erano entrati in bocca e poi continuammo la nostra doccia insieme.

Mano nella mano andammo tutti e tre a letto, con Alessia rigorosamente al centro pronta a regalare un bacio prima ad uno e poi all'altro.

Quella notte non riuscii ad addormentarmi, ero abbracciato ad Alessia, e pensavo e ripensato a quella che avrei poi definito come la serata più bella della mia vita.

Quando la mattina mi alzai, mi rivestii mentre loro ancora dormivano intensamente.

Mi avvicinai ad Alessia, ancora eccittato da tutto quello che era successo in quella notte magica, le diedi un bacio sulla bocca, lei si svegliò, mi sorrise, io la salutai e le sussurrai "Grazie..."











petalidicandore@hotmail.it


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Mentapeperita Invia un messaggio
Postato in data: 28/11/2005 22:33:02
Giudizio personale:
Sono daccordo con Red, quell\'Alessandra che a un certo punto fa capolino nella storia distrae dalla lettura e, insieme ad altri errori sparsi qua e là, fa puzzare troppo di fantasia questa storia che, nella trama, è molto eccitante e coinvolgente.


Webcam Dal Vivo!