i racconti erotici di desiderya

Voyeur

Autore: Vieniqua
Giudizio:
Letture: 1360
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
C’eravamo lasciati da circa un mese, ma ci vedevamo ancora in giro, in compagnia, ed ogni volta giocavamo un po’. Battute maliziose, palpatine, sguardi e tutto ciò creava ogni volta un po’ di eccitazione, almeno da parte mia.

Quella volta arrivò a tarda serata, era sicuramente dopo mezzanotte, al bar dove io, con i miei amici stavo bevendo già da un po’ e forse un po’ troppo. Mi si avvicinò, mi baciò sulla guancia e mi disse: “sono passata a salutare, ma fra poco vado a casa, sono stanca, domani mi devo svegliare presto”.

Io rimasi piuttosto freddo e quasi non le risposi. Lei ovviamente non si accontentò della mia reazione e aggiunse: “magari prima di dormire mi tocco un po’”. Sapeva benissimo che quella era una delle cose che più mi faceva impazzire e se ne accorse: il mio sguardo cambiò, gli occhi mi si illuminarono e le feci un bel sorriso. “tu non vuoi più scopare con me” disse “ed io mi devo accontentare” Io abbozzai…non era vero che non volessi più scopare con lei, anzi scopare con lei era stato sempre bello sin dalla prima volta, circa tre mesi prima.

Detto questo si avviò all’uscita del locale ed io le andai dietro. Si volse e mi diede ancora un bacio, questa volta vicino all’intersezione delle labbra, lasciandomi sopra un po’ della sua saliva. Ci salutammo ed io le dissi “lascia acceso il telefonino, così ti disturbo un po’ mentre ti tocchi” Lei sorrise.

Passarono circa 10 minuti e mi ricordai di una cosa: in tasca avevo ancora le sua chiavi di casa. Me le aveva lasciate una mattina, lei doveva alzarsi presto ed io rimasi ancora un po’ a dormire a letto. “Tanto io ne ho un altro mazzo”. Non so se si ricordasse di questo episodio. Mi appoggiai al bancone, finì la mia birra ed uscii anch’io dal bar con tutta calma. Il mio progetto si stava sviluppando pian piano nella mia testa e stavo cercando di pianificarlo in modo tale da raggiungere il mio scopo senza creare pericoli.

Andai alla macchina e col cuore che iniziava ad aumentare la frequenza mi diressi verso casa sua. Abitava ad una decina di chilometri dalla città, in una casa di campagna. Quando arrivai parcheggiai ad un centinaio di metri e mi misi a camminare sempre più veloce e con il cuore in gola. Arrivai, vidi la luce accesa in camera sua al primo piano, mi accertai che fosse tutto spento di sotto, in cucina, e infilai le chiavi nella serratura. Girai, cercando di fare il minimo rumore possibile. Entrai, sentii la doccia andare e feci le scale in punta di piedi. La sua camera era in cima e non era separata ne da porte ne da altro, dall’ultimo scalino. C’era solo un muretto che divideva la scala interna dal suo letto. La testiera era proprio appoggiata a quel muretto e così io pensai che avrei potuto guardarla senza essere visto. Rimasi alcuni minuti accovacciato dietro il muretto e mentre sentivo il mio cazzo pulsare freneticamente e la sentii uscire dalla doccia. Rimasi ancora accovacciato: conoscevo le sue abitudini e sapevo che ora si sarebbe spalmata la crema sul corpo e sulle gambe, distesa sul letto. Sporsi leggermente la testa e la vidi, nuda e già distesa, con le lenzuola raccolte in fondo al letto. L’avevo già vista compiere quell’operazione, quella dell’”incrematura” come diceva lei, ma questa volta era tutto così diverso. Non riuscivo a calibrare il mio respiro con il battito del cuore, avevo paura di farmi sentire, non potevo: si sarebbe troppo spaventata. Intanto mi sentivo il cazzo sempre più duro che spingeva contro le mutande e contro i pantaloni facendomi quasi male. Allora scesi le scale lentamente, arrivato giù mi sbottonai i pantaloni e me lo tirai fuori, ormai durissimo e leggermente bagnato sulla punta. Risalii e mi sporsi a guardarla. Era uno spettacolo: aveva appena finito di spalmarsi la crema sulla gambe e mentre con una mano si accarezzava la pancia, con l’altra iniziò a stimolarsi il clitoride. Io trattenevo il respiro, al contrario lei iniziò ad ansimare e a velocizzare il movimento della mano destra. Sapevo già cosa avrebbe fatto…la conoscevo bene. Ed infatti in quel momento si mise di pancia sul letto e, con le gambe larghe, fece passare di dietro il braccio sinistro in modo da poter infilare la mano dentro mentre con la destra continuava a toccarsi sempre più forte. Ogni tanto si fermava, si leccava le dita e riprendeva. Io iniziai a masturbarmi e mi dovetti fermare più volte per non venire, anche se il mio movimento era lento e silenzioso. Ad un certo punto si fermò decisamente. Ebbi paura di essere stato scoperto ma continuai a tenere la mia testa sopra il muretto in moda da poterla vedere. La vidi frugare di fianco al letto, sempre a pancia in giù e tirare fuori il piccolo vibratore verde che portai a casa sua un giorno e che parecchie volte usammo insieme. Riprese a masturbarsi. Ora dentro la sua figa c’era il vibratore che andava su e giù con un movimento lento ma preciso. Più veloce e irregolare era invece il movimento dell’altra mano, con le dita continuava a sfregarsi il clitoride. Sapevo che quello era il “suo modo” di masturbarsi, me lo avevo raccontato più volte e tante volte l’avevo vista farlo davanti a me. Credo di non essere mai stato così eccitato in vita mia ed il pensiero che lei potesse masturbarsi pensando me non faceva che accrescere l’eccitazione. Ormai era vicina. Avrei voluto aggirare il muretto farmi vedere con il cazzo fra le mie mani, così duro e ormai prossimo a sborrare. Lei di sicuro si sarebbe spaventata, ma poi mi avrebbe accolto nel letto e avrebbe volentieri lasciato spazio al mio cazzo al posto di quel piccolo vibratore. Rimasi invece al mio posto, forse questa situazione mi eccitava ancora di più. Sì, rimasi al mio posto e la vidi godere. Iniziò a gemere sempre più forte sino a quando la sentii emettere un lieve urlo di piacere e capii che era arrivata. Ora era il mio turno, ci misi un attimo, mi tappai la bocca con una mano e con l’altra diedi gli ultimi colpi. Sborrai a terra, il mio cazzo non finiva più di spruzzare sperma, le gambe mi tremavano, ma il godimento che provai non aveva uguali. Scesi le scale senza neanche pulirmi. Al piano di sotto mi tirai su i pantaloni. Uscì di casa lentamente arrivai alla macchina ancora stravolto. Presi il telefonino e composi il suo numero. Mi rispose quasi subito. Le chiesi “Eh allora ti sei toccata?” “Certo” mi disse “e tu?” “anch’io” e aggiunsi “è come se l’avessimo fatto insieme, buona notte” Il giorno dopo quando la rividi mi affrettai a ridarle le chiavi di casa. Dovevo farlo…altrimenti mi sarei presentato tutte le sere a casa sua.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: DrakEva Invia un messaggio
Postato in data: 16/10/2007 01:31:01
Giudizio personale:
ok .... bel racconto, ma .... perchè ridare le chiavi, invece di usarle per incontrare la protagonista ed aiutarla nel suo \"lavoro\"??? che spreco ....

drake

Autore: Pappamo Invia un messaggio
Postato in data: 15/10/2007 21:14:09
Giudizio personale:
ma lei non ha trovato il tuo ricordo sulle scale? vorrei tanto sapere com\'è


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Bdsm
Collare manette e cavigliere nero
Collare manette e cavigliere nero
Sottili nastri antistrappo collegano tra loro il c...
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Completo erotico aperto nero pizzo
Completo erotico aperto nero pizzo
Molto intrigante Reggiseno con allacciatura dietro...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Twinz vibrator fucsia
Twinz vibrator fucsia
Vibro twinz vibrator intramontabile vibratore in P...
[Scheda Prodotto]