i racconti erotici di desiderya

Una pizza speciale a domicilio-prima parte


Giudizio:
Letture: 1068
Commenti: 4
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Il racconto è tratto da una lunga serie di racconti scritti da me e che ho vissuto realmente,ed alcuni virtualmente.Spero che vi piacciono e vi eccitate.Mi piacerebbe rivisionarli e pubblicarli per un pubblico piu' vasto.
Accetto ogni vostro commento se vi piacciono o meno.



Talvolta o quasi spesso sono sempre sola. Sempre in mancanza del mio maschio. Visto che lui non c’è,devo sempre divertirmi,giocando da sola.Immaginando mentre lui e sotto di me,ed io gli succhio tutto dal suo corpo,tanto da renderlo che non serve più.Cosa potrei fare?Divertendomi come? Con una bella frutta…Un bel casco di banane giganti,che fanno immaginare dei bellissimi amplessi,da soddisfare per poche signore.Le banane erano molto soddisfacenti,ancora acerbe, belle lunghe,dure…
Dopo tutta questa eccitazione ,mi venne una gran fame.
Non mi scoraggiai più di tanto.Subito feci con molta disinvoltura.
Avevo telefonato alla pizzeria all’angolo per farmi portare sopra una bella pizza margherita.Ma sapevo anche che chi lavorava e la portava fino a domicilio era un ragazzo nigeriano,quindi un uomo di colore.Molto interessante per chi ci tiene a saperlo.
Nel frattempo mi ero messa reggiseni e perizoma neri,e una bella vestaglia trasparente nera che si vedeva e si immaginava di tutto,ed ai piedi tanto di zoccoli da salotto alti 150 millimetri.
Aspettavo molto follemente l’arrivo della tanto sospirata pizza!Dopo mezz’ora finalmente era arrivata…
Il ragazzo aveva bussato il cancello,lo aprii,e lui tempestivamente si inoltrò subito davanti alla porta della casa,sperando che la pizza non si raffreddasse.
Lo feci accomodare in casa.
Porse la pizza sulla tavola.
Ciao,come ti chiami? E lui rispose Johnny.
Mi guardava proprio come un degenerato.
Ci mancava poco che non gli scendeva la bava dalla bocca.
Quanto ti devo,gli chiesi,lui mi rispose cinque euro.
Aprii la borsa e gli diedi i cinque euro,più cinquanta euro per la mancia.Rimase meravigliato.Mi disse signora non ho il resto per la mancia,gli risposi è tutta tua!La puoi prendere!
Lui insisteva di non volere accettare.Io dal mio avviso gli chiesi : ‘’Quanto guadagni al giorno ?’’ Lui rispose :’’35 euro ! ‘’ Io controbattei per i miei interessi ‘’particolari’’ dicendogli : ’’Vuoi lavorare qua a casa mia per 70 euro al giorno!? ‘’
Capiva e parlava molto bene l’italiano.
Lui si fece un po’ i conti e mi chiese cosa doveva fare.
La mattina il giardino e la sera qualche ‘’straordinario’’.
Accettò subito.Aggiunsi che poteva iniziare subito a lavorare.
Mi chiese di fare una telefonata in pizzeria,per avvisare che non sarebbe più ritornato e che avrebbe cambiato lavoro.
Mi domandò cosa doveva fare,io gli risposi ‘’Intanto vai a farti una doccia !’’…Perché io ci tengo molto all’igiene!
Nel frattempo,mentre lui stava a farsi la doccia,io mi stavo degustando la pizza…altrimenti si sarebbe raffreddata,visto che la serata si stava per auspicare molto bene ed a mio favore,
tanto per intenderci,ed avrei,credo,consumata tanta di quelle calorie,che nemmeno il dietologo sarebbe stato capace di prescriverle per una dieta. Perciò gustiamoci prima la pizza e poi dopo il pesce.
Mi dimenticai di mettergli l’accappatoio in bagno.Ma comunque per asciugarsi non ci sono problemi,perché in bagno ci sono tante di quelle asciugamani,tovaglie e teli da spiaggia,tanto da riempire la Rinascente.
Dopo quasi una mezz’ora,mentre stavo mangiando l’ultima fetta di pizza,lui uscì dal bagno.Nudo.
Il suo corpo statuario e ben scolpito,come mamma natura lo aveva creato,mi faceva molto eccitare.
Il suo aggeggio era bello grosso,non ho mai visto nulla di simile,sembrava che stessi sognando,ma era ancora moscio.In misure relative,la cappella era sproporzionata a tutto il resto del giocattolo,molto grossa e larga,sembrava un fungo,difficile da manovrarla.Il suo membro,da moscio,aveva le stesse dimensioni dell’arnese del mio maschio quando è tutto indurito,ma in totale erezione,rispetto a lui,il mio maschio,avrebbe senz’altro fatto una bella figuraccia ( anche se il mio lui in totale stato di erezione misura ventitre centimetri ).Figuriamoci se la cappella di Johnny si sarebbe indurita allo stremo!Povera me…Mentre stò mangiando,già immagino questa bella scena prorompente.Una gran bella esperienza.Ma anche una gran bella porcata.
Con un membro così enorme,poteva comandare su qualsiasi donna.Già osservavo che dal suo prepuzio usciva una goccia filamentosa di orgasmo acquoso.
Una volta terminata di mangiare la pizza,solo a guardare quella meraviglia,eruttai molto volgarmente,ed a bocca aperta,proprio da sguaiata.Lo immaginavo già all’interno del mio stomaco.La sua immagine,mi aveva fatto digerire tutta la pizza.Adesso voglio il secondo.Lo pretendo.Voglio il pesce!
Mi alzai dalla tavola e gli andai incontro,con passo piano e seducente,come una pantera che stava per afferrare la sua preda.Una volta avvicinatomi a lui,lo facevo penare,per circa dieci minuti a toccare ed a palpare il suo corpo,ma senza maneggiargli le sue parti più intime…Doveva soffrire!
Abbracciandomi a lui,con la mia mano destra,che dalla spalla scendevo molto piano lungo il suo corpo,arrivai al punto critico,cioè maneggiargli i testicoli.Non erano normali,erano molto grandi e gonfi.Sembravano delle palle da tennis.Arcistrapiene e pesanti da manovrare.
Palpandogliele per molto tempo,sentivo che si gonfiavano sempre di più.Allora,con la mano risalii e iniziai a manovrargli la sua bella e grossa asta nera,su e giù,urtando ripetutamente con le dita della mano (masturbandolo) sotto i contorni della cappella,alternandomi sempre con le dita,sotto la cappellona,con un gira e rigira,del tipo svita e avvita,tanto da renderlo :
Induritooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Lo lisciavo sempre col suo appiccicoso liquido genitale,che fuoriusciva periodicamente dal prepuzio della cappella,per poi spalmarglielo lungo il suo arnese.
Una cosa così enorme,faceva molta impressione a guardarla,
ma allo stesso tempo era molto allettante provarla e tenersela per lungo tempo all’interno.
Finalmente mi inginocchiai davanti al suo membro,ero faccia a faccia col suo scettro.Guardandolo più da vicino,mi resi conto che era molto enorme e faceva molta paura.
L’odore mi faceva impazzire.
Anche perché gli avevo spalmato,per più di un quarto d’ora, il suo liquido seminale che fuoriusciva dalla sua prorompente cappellona.
‘’Su!Anima e coraggio!’’ Affermai..Adesso o mai più.
Alla fine riuscii ad impadronirmi della sua cappella!
Mammamia,era proprio enorme.Difficile da imboccare in un solo fiato.La sua asta era un palo di acciaio.
Sembrava un insieme di cinque gelati al cono tutti riuniti,difficile da leccarli.
Decisi di lavorarlo sia di bocca che di lingua,e con l’ausilio delle gocce del suo liquido seminale,feci in modo da renderlo pastoso con la mia saliva,tanto da creare un tipo di crema alla vasellina,tanto da farlo scivolare molto più liberamente all’interno,prima nella mia bocca,ed in seguito dentro le mie parti più intime.
In un quarto d’ora di succhiata e leccata,era diventato supersonico.
Decisi di inghiottirlo.
Lo sentii fino all’esofago.Per le sue dimensioni,sembrava di inghiottire un tubo dell’acquedotto.
La mia bocca era super allargata e dilatata.
Dovevo respirare soltanto col naso.
Sembravo di stare in totale apnea.Ma ne valeva proprio la pena!
Avevo tutta la sua tubazione in bocca,ci mancavano solo i testicoli che facevano da serbatoi a tutto il suo apparato idrico,difficile da inghiottirli,anche perchè ciascun serbatoio poteva avere pressappoco le stesse dimensioni della sola cappella.
Dentro le mie papille gustative,lo sentivo che pulsava una meraviglia,e che se non stavo attenta,mi avrebbe sfondata la gola e le tonsille!
Mi alzai dicendogli : ‘’ Te lo voglio misurare ! ‘’
Oramai il suo gioiello era al pieno del suo potere di erezione.
Credevo di aver fatto un ottimo lavoro.
Presi il metro dei sarti,misurai la sua totale lunghezza.
Ero spaventata.
‘’ Trentacinque centimetri di lunghezza!
Dodici centimetri di circonferenza dell’asta!
Diciotto centimetri di circonferenza della cappella!
Complimenti!’’
Che gran bel membro da oscar!
Mi sdraiai sul divano a gambe aperte per riceverlo.
Chissà come sarà.Sarà senza dubbio una magnifica esperienza.
Finalmente mi penetra.E’ quello che aspettavo.
Però…………………………………………………………..
Fai attenzione a spingere,perché vedo che sei molto ben fornito ! Gli reclamai.Temevo per le mie ovaie e per le Tube di Falloppio.Che con le sue dimensioni,sarebbe stato capace di sfondarmele senza accorgersene.
Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!
Nel mentre mi pompava,mi sfilò lo zoccolo destro e mi leccò tutto il piede,sopra e sotto la pianta,che porco.
Guardavo lui che faceva queste porcate mentre mi spingeva sempre di più all’interno,ed io mi eccitavo come una gran porca.Capivo molto bene,che se io lo volevo,sarei stata il suo oggetto del desiderio più sfrenato.
Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!
Dentro di me lo sentivo che si ingrossava sempre di più.
Ed ero super soddisfatta.Nemmeno il mio lui era stato capace di soddisfarmi fino a questo punto,fino allo stremo.
‘’Guarda che ce l’hai tanto grosso e tanto pieno…così mi sfondi…Aaaaaaaahhhhhhhhh!!!!!!!!!!!!!! ‘’ Inutili le mie parole,oramai col suo arnese già si era fatto molta strada dentro il mio corpo.La mia vagina era totalmente bagnata fradicia.
Mi fece girare mettendomi a pecora.Mi leccò per bene il buco,perché era strettissimo.Il suo uccellone era completamente bagnato,sia del suo liquido sia che del mio.
Che splendida sensazione,traforata nel mio didietro da un bellissimo trapano.Lo sentivo trapanarmi fino a dentro l’intestino,fino a dentro lo stomaco.Che bello!
Oramai mi sentivo tanto troia,quanto tanto femmina.
Nel mio buco sfilava molto bene.Anche se me lo aveva sfondato!
Mi bombardò di sperma caldissima…Sembrava una inondazione…Uno tsunami!!!
Mi aveva riempito tutto l’intestino col suo liquido,lo sentivo ben caldo dentro il mio stomaco.
Da supersfondata e da supereccitata gli dissi:
‘’Bastardo!Ma da quanto tempo il tuo c...o non vomitava sperma?!?!?!’’
Lui mi rispose da più di un anno,che non vedeva ne figa e ne si era toccato da solo.
Mmmmmmmmmmmm!Che bello::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Certo che gli africani,tra le gambe hanno i migliori uccelli del mondo,complimenti per il loro primato.
Era automaticamente assunto,e gli dissi:
‘’Rinforzati bene la sera,perché di notte c’è da lavorare molto…Specialmente con me!’’
Anche se ho fatto molta fatica,ho provato tantissima eccitazione.


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Galante8 Invia un messaggio
Postato in data: 25/03/2011 14:55:53
Giudizio personale:
buciardaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Autore: Mcurris Invia un messaggio
Postato in data: 21/03/2011 11:20:39
Giudizio personale:
.................ciao.........sicuramente potresti descrivere meglio il rapporto sessuale.....Mc

Autore: Il Chimico Invia un messaggio
Postato in data: 21/03/2011 10:21:08
Giudizio personale:
non vorresti anche un vicegiardiniere aggiunto? :))

Autore: Rotterdam19 Invia un messaggio
Postato in data: 20/03/2011 14:47:57
Giudizio personale:
Per la simpatia...l'italiano lo scrive meglio Johnny !!!! :-)


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Abbigliamento
Catsuite aperta rosso rete
Catsuite aperta rosso rete
Catsuit trasparente a rete a maglia media elastica...
[Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Morso elastico con pallina rosso
Morso elastico con pallina rosso
Solo le vostre voglie contano e voi non volete sen...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Sesto senso cyber vibe
Sesto senso cyber vibe
Fallo rosa in jelly con sei funzioni di vibrazione...
[Scheda Prodotto]