i racconti erotici di desiderya

Un pomeriggio in studio


Giudizio:
Letture: 866
Commenti: 3
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Bologna, 10102009


Questa mattina mi sono alzata con uno strano pensiero in testa. Sono arrivata a Bologna. Avevo una strana eccitazione, non capivo il perché. Ho fatto i miei regolari giri (posta, banca, e varie cose personali) e poi sono rientrata in studio. Non stavo più nella pelle, ero agitatissima ed eccitatissima.

Guardavo sempre l’ora sperando arrivasse la pausa in fretta.

Ho iniziato a preparare la roba per tempo, non volevo arrivare in ritardo “all’appuntamento”.

Sono andata in bagno e mi sono messa le autoreggenti.

Ho fatto qualcosa per far passare il tempo, ero sempre più agitata e smaniosa.

Poi sono tornata in bagno e mi sono tolta reggiseno e canottiera. Sono rimasta solo con la maglia e niente più.

Il tempo non passava mai e i vari componenti dello studio si alternavano ad entrare ed uscire. Sempre più agitata.....

Poi alle 12.30 finalmente la pausa, potevo preparami praticamente del tutto, dovevo solo aspettare che lo studio si svuotasse.

Prima è uscito Sandro. Verso l’una meno 10 è uscito Claudio. Ero sola. Ho spento le luci. Sono tornata in bagno e mi sono tolta gli slip e mi sono messa la minigonna.

Sono tornata nella mia stanza ad aspettare.

All’improvviso è rientrato Sandro. Lo sapevo, non posso restare in pace un minuto. Per fortuna è andato via dopo 5/6 minuti. Mi sono nuovamente rilassata. L’agitazione ha ricominciato a salire, il battito ad aumentare, senza parlare dell’eccitazione.

Sento nuovamente infilare le chiavi nella porta. Eh no eh, ce l’hanno tutti con me.

Questa volta era Stefania. Ho cercato di stare il più nascosta possibile, avevo la minigonna ed i tacchi. Sandro non ci avrebbe fatto caso, ma Stefania, avrebbe notato tutto e si sarebbe insospettita. Ho approfittato di una sua telefonata per correre nello studio di Emma e rimettere i jeans. Sotto ero ancora senza slip. Ero completamente nuda ed eccitata.

La fortuna sembrava essere dalla mia parte, anche Stefania era passata solo per prendere delle cose e poi se ne sarebbe andata subito dopo.

Uscita Stefy sono nuovamente corsa a rimettermi la minigonna e a togliere gli ingombranti jeans. In gonna senza slip si sta veramente comodi, peccato che sia la stagione fredda e non è conveniente andare in giro nuda.

Non sentivo neanche il freddo da tanto ero eccitata. Pensavo, ora suona, lo so che ora suona.

Quando apre la porta non gli salto addosso, non fa per me, ma lo prendo per mano e lo rinchiudo nella stanza di Emma. Poi lo faccio sedere, gli slaccio i pantaloni e mi ci siedo sopra. Gli farò capire che sotto la gonna ed alla maglia non ho niente. Sono pronta, oggi sono pronta.

Ora suona, vero che suona?

Ma il tempo passa e nessuno suona. Peccato. Ho aspettato, ingannato il tempo e nel mentre l’agitazione e l’eccitazione salivano. Oh se oggi ero pronta, mi sarei concessa volentieri....

Le 14 sono arrivate inesorabili e nessuno è passato a trovarmi. Ripeto peccato. E ora? Ero nuda ed eccitata. Non ho resistito. Mi sono tocca, masturbata. Ho goduto. Più volte.

Quando i “calori” si sono calmati mi sono tolta la gonna e nuda ho camminato verso il mio armadietto. Ho preso gli slip ed il reggiseno e me li sono messi. Ho rimesso gli scomodi jeans, la canottiera e la maglia. Sono tornata al mio posto ed ho iniziato a lavorare.

Nessuno è venuto a trovarmi.........


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Toretto09 Invia un messaggio
Postato in data: 07/03/2011 15:36:37
Giudizio personale:
va bene giovedì? :-D

Autore: Desiderio59 Invia un messaggio
Postato in data: 07/03/2011 09:02:08
Giudizio personale:
avrei preso il primo aereo cara. Che peccato...................

Autore: Manuefranz Invia un messaggio
Postato in data: 29/01/2011 13:44:49
Giudizio personale:
CHE PECCATO......


Webcam Dal Vivo!