i racconti erotici di desiderya

.... un letto a tre piazze ....


Giudizio:
Letture: 1040
Commenti: 4
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Un letto a tre piazze

Con una dolce carezza mi sveglio, non apro gli occhi, so esattamente che cosa succederà, infatti la mano inizia a scendere lungo la mia spalla sinistra, sono girata di lato , rivolta verso di lui che continua a scendere verso il basso, accarezza inizialmente il mio gluteo, sento che comincio ad inumidirmi, vorrei che mi toccasse fra le gambe, ma lui esita, continua percorrere il mio corpo e quasi raggiunge il ginocchio, mi sto bagnando, ma resto ferma, lui esita, io mi eccito non apro gli occhi, ma lui continua nella sua carezza, risale il mio corpo all’interno delle cosce, voglio che mi tocchi, ma lui indugia, sembra attendere ……… ad un tratto sento una mano dietro di me, mi scosta una ciocca dei capelli e due labbra calde si posano alla base della nuca, incominciano un lento gioco fatto di baci, brevi slinguatine, fino a scorrere davanti alla ricerca del mio lobo sinistro che viene baciato, succhiato come le labbra della mia vulva che a questo punto è già bagnata, anche questa mano inizia a scorrere dietro la spina dorsale, giocando con ogni singola vertebra quasi a volerle contare. Così facendo ritarda volutamente la discesa verso il basso e questo mi stà eccitando molto, ma volutamente continua a tenere gli occhi chiusi, tanto so esattamente quello che hanno in mente. Devono essersi dati un cenno d’intesa, e infatti quasi contemporaneamente entrambe le mani ora si muovono sul mio corpo, quella davanti si insinua dentro la mie cosce alla ricerca del mio clito che viene subito accarezzato e questo mi costringe schiudere la cosce e a facilitare l’introduzione della mano che ora liberamente spadroneggia dentro di me procurandomi un piacere sottile e nello stesso tempo intenso. L’altra mano, da dietro scende lungo il solco delle natiche fino a raggiungere il fiore del mio ano, ma indugia e seguita ascendere fino a congiungersi con l’altra , quasi si fossero date appuntamento dentro la mia fica …. “ mmmmmmmhhhmmhuuuumm” ….. un lungo gemito esce dalla mia bocca, nonostante io abbia cercato di resistere il più possibile loro sanno come farmi morire, è questo il segnale che aspettavano, ora entrambi si muovono dentro di me, le loro dita entrano ed escono contemporaneamente con spettacolare sincronismo e maestria, l’orgasmo non tarda ad arrivare, cerco di resistere, ma è una lotta impari, e loro sanno bene e io poi non sono in vena di guerra ……” ….. siiiiiii ……. Uuuuuuhhmmm …… “ sono scossa dall’orgasmo, intenso, a questo punto i due uomini si scostano da me, io allungo la mia mano destra alla ricerca del membro dell’uomo davanti che trovo già quasi duro e mi piego a novanta gradi , ciò mi permette di prendere in bocca li magnifico cazzo che si stà eccitando e diventa ancora duro alla stimolazione della mia lingua. L’altro maschio si scosta anche lui da me, ma si abbassa fino a raggiungere il mio buchetto anale, lo lecca, lo bagna, lo riempe di saliva e di umori che raccoglie da davanti introducendo due dita dentro la mia ormai allagata fica, fremo , mi faccio percorrere dalla frenesia dell’eccitazione, loro se ne rendono conto, e mi lasciano rigirare. Ora mi dedico all’altro cazzo, anche lui già quasi pronto, lo lecco, lo accarezzo con la lingua, freme, sento che gli stò dando piacere e questi mi eccita ancora di più, l’altro intanto si è posizionato dietro di me, e lentamente si insinua dentro il mio buchetto che anche se ben lubrificato e allenato al gioco mi trasmette sempre intense sensazioni di piacere nel sentire quel magnifico palo infilarsi dentro di me. Ora è la volta dell’altro, si avvicina e incomincia a penetrarmi davanti, con pazienza e maestria riesce a entrare dentro di me. Ora ho tutti e due i cazzi dentro, fermi, immobili aspettano che il mio corpo assapori la doppia penetrazione alla quale mi stanno sottoponendo, io sono immobile, rilassata, ma pronta a ricevere il piacere che li ha poco loro mi daranno, e infatti insieme, partono, con perfetto sincronismo, uno esce, e l’altro entra, in un continuo sconvolgente, ricco di sensazione intense,possenti, che mi portano subito al primo intensissimo orgasmo ….. siiiiiiiiiis…… ssiiiiiiii ….. uuuuhuuhuummmmm ….. sono scossa da fremiti di piacere, loro continuano nell’incessante va e vieni incuranti apparentemente delle mie reazioni, resto ad occhi chiusi, assaporo il piacere continuo della doppia e godo, godo senza nessun freno …… vengoooooooo!!!, alla fine dalla mia bocca esce il grido che loro aspettavano, si fermano, mi lasciano assaporare il piacere intenso dell’ultimo orgasmo e poi ricominciano a pomparmi , ma questa volta in maniera del tutto autonoma, ognuno seguendo il suo ritmo e velocità, io sono sconvolta. L’orgasmo mi prende improvviso e violento …. vengooo …. vengooooo …. siiiiii …… godooooooo!!!! … il mio urlo è il segnale per loro che si abbandonano al piacere della sborrata insieme, sborrrooooo ……. siiii io pure …… ora sono io a sentire il loro grido e contemporaneamente getti caldi di sborra riempono entambi i miei buchi . Restiamo qualche attimo immobili, io mi giro verso di loro, le loro labbra mi danno un bacio e poi si alzano, uno in cucina a preparare il caffè. L’altro in bagno , li sento ridere, parlare mentre si fanno la doccia e poi rientrare in camera,vestirsi con gli abiti che io gli ho preparato la sera prima, ci tengo che siano a posto, poi mi portano il caffè a letto e mi salutano, passano per la camera accanto, e senza svegliarla salutano nostra figlia e se ne vanno al lavoro. Mi rigiro fra le lenzuola, sento ancora l’odore di maschio, di sborra che cola dai miei buchi, e ripenso a noi, a come è iniziata la nostra strana storia, mi sembra ieri, e invece sono passati nove anni, bellissimi in cui io sono stata la donna più felice del mondo. Tutto cominciò per caso, circa dieci anni fa, orfana di entrambi i genitori, all’epoca vivevo insieme a mia zia , lei era la sorella di mia madre, una mezza svitata matta del ballo e credo anche del sesso. Ero fidanzata con Cesare un ragazzo che io amavo sin dalle superiori, e con lui stavamo rimettendo a posto l’appartamento dei miei genitori per poi sposarci. Con lui avevamo incominciato comperare i mobili, cioè, mancava solo la cucina, visto che la camere da letto che da tempo avevamo cominciato ad usare c’era già. Ci recammo presso un mobilificio e una tipa dalla faccia da troia prese a mostrarci le più belle cucine esposte, anzi, io le guardavo mentre lei si riempiva gli occhio del mio ragazzo, non ci feci subito molto caso,e non mi stupì più di tanto il fatto che lei gli chiese il cellulare per prendere delle misure per la cucina. Circa tre giorni dopo, una mattina mentre ero in banca a fare la fila vedo Cesare passare con la tipa, mi sembravano così intimi che non si accorsero che io li salutavo, così li segui, e li vidi entrare dentro il portone di casa nostra. Per un poco cercai di non essere la donna gelosa, ma dopo circa dieci minuti decisi che dovevo sapere. Salì e aperta la porta di casa, trovai il corridoio era cosparso di vestiti, e dalla camera da letto sentii dei rumori, appena aperta la porta vidi Cesare disteso sul nostro letto con la vacca impalata sopra che godeva. Fu un casino, tutto finito, e poi seppi che la maiala se l’era sposato lei a Cesare, e che lo cornificava di brutto, ben gli stà!!!. Passarono circa tre mesi da tutto ciò, e una domenica d’estate, ero in centro per andare al cinema, quando un rapido acquazzone mi costrinse a ripararmi sotto un portico. Finito di piovere, uscita dal riparo nel medesimo istante una vettura passa vicino a me e da una pozzanghera alza un getto d’acqua che mi bagna dalla testa ai piedi. Rimasi per qualche attimo senza fiato, e contemporaneamente dalla vettura che si era immediatamente fermata scendono due ragazzi che si avvicinano estremamente mortificati per l’accaduto. Mi dissero che mi avrebbero ripagato tutti i danni, e che erano disposti ad accompagnarmi a casa per cambiarmi e mi avrebbero anche portato in qualunque posto fossi diretta scusandosi con le persone che mi aspettavano. Ero letteralmente frastornata da tutte quelle attenzioni, e dissi che non dovevo andare in nessun posto, e che nessuno mi aspettava, allora si presentarono, il guidatore maldestro era Mario, mentre l’amico Nando, io Rina, piacere di fare anche se così la tua conoscenza.” Se non hai impegni, e noi ti portiamo a casa a cambiarti perché non vieni con noi alla festa di un paesino li vicino, ti offriamo la cena per scusarci e poi si può anche ballare …..” mi dissero senza lasciarmi il tempo di rifletterci su, accettai. La serata fu stupenda, loro si dimostrarono due perfetti gentiluomini, simpatici, e poi anche due provetti ballerini di liscio, alla fine quando mi riaccompagnarono a casa vollero sapere tutto di me. Loro grazie a conoscenze e bravura lavoravano in una filiale di una grossa banca poco distante dal negozio dove lavoravo io, e al mattino successivo me li sono trovati davanti a casa, “ andiamo a fare colazione insieme “. Da quel giorno la cosa divenne consuetudine, incominciai a frequentarli e mi piacevano tutti e due, ma la cosa che mi spiazzava era che fra di loro non c’era competizione, anzi ogni occasione era buona per parlare bene dell’altro, e io non mi sapevo decidere che dei due mi piacesse di più. Quando mi resi conto che mi ero innamorata di entrambi decisi che li avrei lasciati, non volevo rovinare la loro splendida amicizia costringendoli a scegliere, o a mia volta se avessi scelto uno averi reso infelice l’altro. L’occasione arrivò quando insieme a mia zia ci assentammo dalla città per il cinquantesimo di una sua cugina, “ quando torno noi tre dobbiamo parlare”, dissi, e loro si guardarono in viso e risposero “ si anche noi abbiamo qualche cosa da dirti ”. Passai tre giorni bruttissimi, mi mancavano da morire, tutto mi mancava di loro, ma non riuscivo a capire che dei due mi mancasse di più. Quando tornai lasciai passare ancora altri tre giorni nella speranza di trovare una soluzione, poi al sabato andammo in pizzeria, una cena silenziosa come non c’era mai stata tra di noi ,” sentite ragazzi, è inutile che ci giriamo in torno, il fatto è che voi due mi piacete troppo, ma io non decidere chi mi piace di più, così per non ferire nessuno preferisco lasciarvi, siete troppo amici da sempre, e allora è più importante il vostro rapporto che la scelta che potrei chiedervi io ”. Loro si guardano in viso, sorridono, e Mario dice “ senti, che noi ti siamo simpatici, anzi di più lo avevamo capito da un po’, e anche tu a noi, ed è per questo che non vogliamo che tu scelga tra noi” . Io li guardo con l’espressione di chi non ha capito nulla , “ ascolta, noi abbiamo una proposta seria da farti, lasciaci parlare poi se non ti piacerà sarai libera di andare e mandarci al diavolo.” “ Noi è da tempo che stavamo cercando una come te, vedi fino a che non abbiamo conosciuto te noi avevamo avuto alcune ragazze, ma come hai notato tu noi siamo amici dal giorno che siamo nati, le nostre mamme, non solo erano amiche, ma ci hanno partorito lo stesso giorno nella stessa camera dell’ospedale, quindi noi siamo amici da sempre, ma tutte le donne che abbiamo avuto fino ad oggi non hanno fatto altro che cercare di dividere questa amicizia, tu sei la prima che non solo non tenta di dividerci ma si preoccupa di non fare torto a nessuno dei due.” Mario mi guarda, Nando lo invita a continuare il discorso, io non ho capito niente. “ Se tu sei d’accordo noi vorremmo che sia la donna di entrambi …..” io resto senza parole, li guardo e Nando aggiunge “ vedi noi ci abbiamo pensato bene, tu saresti la nostra unica donna, noi ti ameremo come nessuna donna è mai stata amata, saresti la nostra regina in tutto e per tutto.” “ ma , cerco di obbiettare io, ma come facciamo, voi siete due io …. e poi la gente , e poi tutto il resto ….” “ vedi a giorni la nostra banca aprirà una grossa filiale la nord. e cercano gente disposta a trasferirsi li, per noi sarebbe facile, e potremmo mettere su casa insieme, li nessuno ci conosce, tu potresti essere un’inquilina che condivide l’appartamento con noi.” Li guardai in viso, erano in trepidazione per la mia risposta, io per un momento mi dissi che era la più assurda pazzia che una donna può fare, ma li amavo troppo e decisi di si. Da allora le cose sono cambiate, abbiamo preso un appartamento, e ci siamo fatti fare un letto a tre piazze, anzi tutta la nostra casa è a tre piazze, il bagno con una doccia e un lavandino dove ci si possono lavare tre persone contemporaneamente. Ma la cosa più bella è il sesso. insieme loro mi scopano, senza gelosie. Sempre molto attenti a far si chi io e loro ne traiamo il massimo piacere, col tempo hanno affinato tecniche e modi atti a far si che io non resti mai insoddisfatta, e come potrei, mi scopano sempre sia al mattino che la sera quando andiamo a letto. Le vacanze sempre in posti dove se tre persone stanno insieme non da fastidio a nessuno come quando siamo stati in Grecia, Corsica o Francia. Così sono passati alcuni anni senza che nemmeno ce ne siamo resi conto, poi due anni fa ci venne il desiderio di avere un figlio, già, come fare senza che appartenga a uno e non all’altro?, la soluzione ci venne vedendo video porno sul pc, una donna si faceva scopare contemporaneamente da due maschi, e fino a qui nulla di speciale, ma il fatto era che entrambi i maschi gli mettevano il cazzo dentro la fica, e questa era la soluzione che andavamo cercando. Da quel giorno ci siamo allenati a fare sesso con loro due che mi mettevano il cazzo entrambi in fica, accidenti che sensazione bellissima. All’inizio è stata dura in tutto, loro hanno una bella e ragguardevole dotazione, e io mi sono dovuta rilassare molto per ricevere quei due pali davanti, ma con pazienza e tenacia ci siamo riusciti. Poi la mossa successiva è stata far si che loro sborrassero allo stesso momento, lo sperma doveva assolutamente mischiarsi,e su questo loro hanno dimostrato una capacità di sincronizzazione perfetta. Quando siamo stati pronti è arrivato il gran giorno di provare a fare sul serio, mi ricordo che eravamo molto emozionati tutti, nonostante le prove ora si faceva sul serio. Cominciammo con toccarci molto, poi loro mi portarono ad un livello di eccitazione altissimo, poi si guardarono negli occhi ed appoggiar non le loro cappelle all’imboccatura della mia bagnatissima fica ….. li ho guardati e….”siete sicuri di volerlo?.... poi non si torna indietro …. ” per tutta risposta ho sentito i loro cazzi farsi strada dentro di me ……… siiiiiiii ….. spingete …….. siiiiiiiii …… è bellissimoooooooo ….. allora sono entrati, mi hanno lasciato qualche secondo per abituarmi e poi sono partiti in perfetto sincronismo …… tutti e due dentro, tutti e due fuori ….. roba da restarci secca si sono sincronizzati e quandio io ho preso a sborrare allora si che si sono scatenati …. Ssiiiiiii …. Sbattetemmiiiiiii ….vengoooo …. Vengoooooo …….. venggggOOOOOOOOOO!!!!!!!!!! …. Ho urlato con tutta me stessa, e in quel momento li ho sentiti riempirmi l’utero di calda sborra ….. godoooo ….. godooooo … entrambi nel medesimo momento sono venuti … abbiamo ripetuto la cosa per un mese intero, tanto che mi pareva poi di godere di meno. Come ovvio sono rimasta incinta, e quando è nata nostra figlia loro sono letteralmente impazziti di gioia, l’abbiamo chiamata Marina, dalle prime due lettere dei nostri nomi MArio, RIna,NAndo. Oggi lei ha quasi un anno, e io sto pensando di riprovarci, certo sarà dura spiegarle che ha due padri, ma con due maschi così al fianco il futuro non mi spaventa.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Ilmirto47 Invia un messaggio
Postato in data: 08/01/2022 21:12:52
Giudizio personale:
eccitante ,non trovo niente di impossibile un rapporto stupendo come questo. Se non è frutto di fantasia erotica e' una possibilità di variante pensata e goduta pienamente.

Autore: Chinableu Invia un messaggio
Postato in data: 29/08/2009 16:13:48
Giudizio personale:
erotico erotico erotico...bel racconto direi...

Autore: Carino6423 Invia un messaggio
Postato in data: 28/08/2009 10:17:21
Giudizio personale:
E\' un racconto stupendo; non mi ero mai immedesimato in una storia così intrigante; riesci a eccitare con le parole in qualsiasi momento; dire Ottimo, non ti rende merito, aggiungerei la lode e ...... l\'eiaculazione che mi hai fatto avere. Grazie.

Autore: ManzoMaturo Invia un messaggio
Postato in data: 28/08/2009 02:27:28
Giudizio personale:
vedo che tu ne hai di fantasia...MArio Rina NAndo.....bello il racconto, eccitante la doppia penetrazione


Webcam Dal Vivo!