i racconti erotici di desiderya

Schiavo per tre giorni


Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Era la sera del 30 dicembre 2012 e tutti i miei amici erano partiti per le vacanze natalizie, per non passare l’ultimo dell’anno in solitudine, decisi di partire. Dopo circa 3/4 ore passate in macchina mi fermai dalle parti di Riccione, vidi un bar ed entrai con la speranza di fare conoscenza e di passare una serata diversa dalle altre.

Mentre ero seduto al tavolino del bar a bere un drink sentii una voce femminile e molto sensuale che mi chiedeva con voce autoritaria se volevo continuare la serata a casa sua. Capii che non era una semplice domanda ma quasi un’ordine, e visto la mia indole da schiavo, accettai di seguirla a casa.

Era una bella donna elegante sui 45 anni circa, capelli biondi, portava una 5° di seno, alta circa 1.70 mt. e tacchi a spillo. Entrammo in macchina e partimmo verso casa sua.

Una volta in macchina, per umiliarmi, mi ordinò di spogliarmi nudo e mi disse che i vestiti mi sarebbero stati ridati alla fine della mia schiavitù.

Nel tragitto verso casa sua, si fermò in un boschetto e mi disse: “Schiavo, ho la figa tutta bagnata e voglio che me la lecchi fino a quando non sarò appagata, se non eseguirai il mio ordine o se non mi farai godere, ti sculaccerò severamente e ad ogni mio ordine dovrai rispondere: Si, signora Padrona!!” e così feci……mi chinai verso il suo sesso e cominciai a leccarla fino a quando non mi venne in bocca.

Riprendemmo il viaggio verso casa della mia Padrona e dopo circa 10 minuti eravamo arrivati. Era una casa di campagna abbastanza grande, mi fece uscire, mi mise il guinzaglio, s’incamminò verso l’interno della casa e io la seguii carponi come un cane segue il proprio padrone, mi ordino di mettermi su un lettino, mi legò mani e piedi e mi cosparse le parti intime di crema depilatoria e mi depilò. Sentivo un male cane ma per il piacere della mia Padrona, sopportai!! Dopo avermi depilato, le mie parti intime erano liscie liscie come quelle di un bambino.

La mia Padrona sapeva cosa mi aspettava……e per abituarmi decise di profanare il mio culo vergine con uno strapon……..dopo avermi stantuffato per ore mi face vedere la mia camera,che sarebbe stata la mia cella per tre giorni…….era molto piccola, circa 15/20mq, aveva solo un letto e due ciotole dove, nelle mie poche ore libere, la Padrona mi metteva da magiare e da bere. Non mangiavo ne bevevo seduto ma in posizione carponi. La mia stanza non aveva neanche il water per i miei bisogni………li dovevo fare in giardino alzando una gamba a mò di cane,ovviamente con il consenso della mia Padrona.

Dopo avermi fatto vedere la mia stanza, mi legò in posizione eretta ad una sbarra di ferro, che era fissata al muro, con le mani in alto, le gambe divaricate e mi mise una benda sugli occhi.

Ero conscio che da lì a poco sarebbe successo qualcosa di molto umiliante per me ma molto piacevole per la mia Padrona; infatti dopo circa una ventina di minuti sentii suonare il campanello della porta e poco dopo alcune voci femminili e a giudicare dal mio udito erano circa una quindicina di donne o più, di qualsiasi età. Sentii dei passi avvicinarsi alla mia stanza……….entrarono e cominciarono a tastarmi per visualizzare la merce…….poi mi vollero provare per vedere se ero in grado di essere il loro schiavo. A tal punto la mia Padrona mi slegò ma non mi tolse la benda dagli occhi, mi mise in posizione supina e a turno si misero con le gambe allargate sopra il mio viso per farsi leccare le fighette tutte gocciolanti e non si trattennero di pisciarmi in bocca!!

Poi fui sbendato e accompagnato in cucina per servire la cena, ovviamente non mangiai con le mie Padrone bensì legato sotto il tavolo e in cambio di un pezzo di carne dovevo leccare i loro piedi o le loro fighe. Ad un certo punto, mi venne da fare la pipì e chiesi il permesso alla mia Padrona di poter andare a farla in giardino, Lei per puro divertimento mi disse che ci potevo andare solo dopo che gli ospiti se ne sarebbero andati……io trattenni fin quando potei e quando non c’è la feci più…...me la feci addosso, sotto gli occhi di tutte, provando un grande senso di umiliazione per me mentre la mia Padrona provò un grandissimo senso di soddisfazione!!

Poi, non contenta di tutto ciò, mi ordinò dapprima di leccare tutta la mia pipì, poi di mettermi in posizione carponi e mentre alcune mie Padrone giocavano, con uno strapon, a turno con il mio buchetto, ormai largo, le altre mi ordinavano di leccarle a turno e di farle godere.

Erano circa le 02.30 quando, dopo avermi stantuffato per un paio d’ore……….gli ospiti se ne cominciarono ad andare fino a quando rimanemmo solo io e la mia Padrona che mi ordinò di andare a letto in quanto l’indomani sarebbero venuti altri ospiti.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Joseph62 Invia un messaggio
Postato in data: 26/11/2014 06:46:12
Giudizio personale:
Un esperienza Forte!!! sicuramente interessante .............


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Tenga egg twister
Rivoluzionari masturbatori realizzati da Tenga ogn...
Prezzo:13.58 12.90
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
New oro stimulator
Stimolatore vibrante in gomma naturale per uomini....
Prezzo: € 16.55
[Scheda Prodotto]
In: Sexy party
Bacchetta sexy regina argento
Bacchetta magica per la sposa molto utile nella no...
Prezzo: € 9.90
[Scheda Prodotto]
In: Sexy party
Bacchetta sexy regina argento
Bacchetta magica per la sposa molto utile nella no...
Prezzo: € 9.90
[Scheda Prodotto]