i racconti erotici di desiderya

Puttana sull'aurelia


Giudizio:
Letture: 836
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Sabato sera e come ormai da un po’ di tempo, momento di scegliere il “giochino” erotico che ci avrebbe accompagnato per tutto il week end; la discussione verteva sul fatto se io dovessi o meno assistere in veste di spettatrice al filmino porno che Rolando aveva girato la settimana prima, ovviamente con me quale attrice protagonista principale alle prese con tre suoi amici!!

“Non voglio vedermi mentre faccio la troia, lo sai che mi imbarazza moltissimo, anche davanti a te!” “ Eh no mia cara ti voglio qui vicino a me, molto vicina e anche agghindata, molto agghindata, anzi vai a prepararti e… mi raccomando fatti puttana, in modo esplicito e volgare, molto volgare” – “va bene lo farò, però stasera non mi dovrai scopare, sarò io a far venire te come e quando tu lo vorrai, proprio come si fa con una puttana, anzi facciamo così: perché il tutto sia ancora più realistico voglio che mi paghi come si fa con le battone vere, e io non ti deluderò!” – replicai decisa. “O.K. ma allora visto che vuoi proprio che sia tutto molto reale, pretendo che tu accetti di fare la battona fino in fondo e quindi stasera ti porterò lungo l’Aurelia e verrò a ‘rimorchiarti’ dopo un po’, è deciso!” – troncò secco Rolando – “il filmino me lo guarderò da solo mentre tu ti prepari”.

Cercai inutilmente di far cambiare idea a Rolando, rendendomi conto in fretta del vicolo cieco in cui mi ero andata ad infilare da sola con la mia uscita davvero infelice, ma fu tutto inutile Rolando rimase risoluto: “stasera farai la battona davvero!” – mi disse. Rassegnata andai in bagno a prepararmi, mentre Rolando, si gustava il filmino porno…

“No, no così non va proprio, ho detto battona non educanda!” – mi redarguì severo e deciso venendo a spiare in bagno come intendevo essere puttana, provai ad insistere ma fu tutto inutile: quella sera Rolando mi pretendeva battona davvero!

“Va bene così, capo?!” – lo interrogai sarcastica scendendo le scale un’ora dopo – “si direi proprio di si, brava!” – mi rispose esaminando ogni dettaglio con estrema attenzione – “sei una battona perfetta, e ora andiamo!”. Certo non avrebbe potuto pretendere di più: reggicalze nero, calze nere, scarpe nere con una zeppa e un tacco vertiginoso di 20 centimetri, mutandine e reggiseno assenti, minigonna nera in latex e sopra una maglietta nera di rete a maglie larghissime che mi lasciava i seni completamente in vista, il tutto completato da un trucco che era il più pesante che mai mi fossi fatta sul viso, impossibile sbagliare: solo le puttane DOC lo esibivano!

Raggiungemmo l’Aurelia verso le 11 di sera, ma sopraffatta dall’imbarazzo scartai, con varie scuse, tutte le piazzole che Rolando mi proponeva fino a quando – “ecco qui è l’ideale, dai scendi e mi raccomando non nasconderti, devi stare bene in vista sull’orlo della strada come fanno le altre battone, guarda che io ti osserverò e se non sarai ben esposta non ti verrò più a riprendere, quindi … fai la brava! Ah e … pensa anche a quanto chiedere per le tue prestazioni e mi raccomando per culo e fica usa il preservativo: te ne ho messo due scatole da venti in borsetta! Ciao e a presto” – così dicendo chiuse la portiera dell’auto e si allontanò rapidamente dietro la curva, lasciandomi lì al buio da sola.

La paura che inizialmente mi attanagliò insieme ad una sensazione di profonda vergogna e al terrore di essere riconosciuta da qualche vicino di casa o amico, lasciò ben presto il campo alla rassegnazione, e così come Rolando mi aveva ordinato, mi piazzai sul ciglio della strada in modo da essere illuminata per bene dai fari delle auto che passavano. Cominciai a passeggiare nervosamente ed ecco che un’auto rallentò, si fermò, abbassò il finestrino, due occhi mi squadrarono da capo a piedi – “fammi vedere meglio il culo” – ordinò una voce imperiosa, e io nuova a quella situazione, sollevai quell’esile striscia di gonna per mostrare bene tutto. “Quanto vuoi per una scopata in gruppo, siamo in tre e devi farcelo mettere dappertutto?!!” – “per le orge voglio cinquecento euro” – risposi quasi meccanicamente – “va bene monta in macchina troia!” – risponde quella voce da dentro l’automobile.

Ubbidii meccanicamente e appena dentro l’auto i due uomini che stavano seduti insieme a me sul sedile posteriore, cominciarono a palparmi dappertutto senza pietà strizzandomi violentemente le tette e spingendomi con forza la testa verso i loro cazzi già ben duri e pronti. Smisi di pensare e mi abbandonai agli istinti, così cominciai a sbocchinare entrambi senza più alcun pudore, sentendomi ormai troia davvero! Fermarono la macchina in un parcheggio e mi fecero scendere e sdraiare sul cofano ancora caldo della macchina e dopo essere stata costretta ad un pompino triplo, iniziarono a penetrarmi in tutti i buchi e in tutti i modi dandomi ordini come ad una schiava “Succhia lurida puttana, apriti quel culo rotto brutta vacca schifosa….!” e via così per una buona mezz’ora o forse più, fino a quando decisero che si erano divertiti abbastanza, così “ stai giù in ginocchio e leccaci i cazzi che ti vogliamo sborrare sulla tua faccia da battona!” – ordinò uno e io ubbidii, proprio come una docile battona, fino a farmi riempire tutto il viso e non solo del loro sperma caldo e odoroso. Mi pagarono e mi riportarono alla mia piazzola, senza permettermi di ripulirmi il viso, per cui quando scesi la sborra si era già seccata parzialmente e quando cercai in borsetta un fazzoletto per pulirmi scoprii che Rolando me li aveva tolti tutti!!

Rimasi quindi a battere così imbrattata di sborra, ne sentivo l’odore intenso su di me e pensai che così conciata non avrei avuto più clienti, e invece….

Scoprii così che conciata in quello stato ero ancora più eccitante e i clienti sempre più numerosi, si sentivano autorizzati a farmi le richieste più oscene e che io decisi avrei accontentato tutte – “Rolando mi vuole battona? Bene lo accontenterò!” - pensai.

Mi trovai quindi a prendere cazzi dappertutto e in tutti i modi e le posizioni, sempre più imbrattata di sborra e più odorosa anche del sudore e della saliva dei miei clienti, che si accanivano con particolare sadismo sulle mie tette che palpavano e strizzavano con una violenza inimmaginabile, facendomi urlare per il dolore.

Mi ritrovai accucciata ai piedi di gruppi di tre quattro uomini a succhiare i loro cazzi - “Succhia puttana, sbocchinaci per bene brutta troia, altrimenti non ti paghiamo” – mi incitavano, mentre con le mani mi serravano saldamente le tette, e io mi affondavo in bocca alternativamente prima uno e poi l’altro cazzo, mentre con le mani masturbavo gli altri.

Ancora “colante” e imbrattata mi facevo pagare e poi pronta per nuovi cazzi, così per 4-5 ore di seguito senza che di Rolando ci fosse traccia.

Finalmente la voce che provenne dall’ennesima auto che si era fermata, mi suonò familiare – “quanto vuoi battona per una notte intera, sappi che intendo sborrarti in gola e che pretendo un ingoio completo e il cazzo perfettamente pulito e voglio guidarti io la testa per darti il ritmo?!!!” – “trecento euro, ma per te farò uno sconto speciale: ne basteranno duecento” – risposi con fare professionale fingendo di non conoscere il mio interlocutore. “Monta baldracca, ti porterò a casa mia!” – ordinò secco Rolando.

Raccolta la gonna salii a bordo e rimasi in silenzio mentre l’auto ripartì sgommando – “puzzi di sborra da fare schifo, brutta troia!” – “per forza, ho appena fatto un pompino a tre uomini, mi sembra regolare, anche perché quel bastardo del mio magnaccia mi ha lasciata qui a battere, senza nemmeno una salvietta per pulirmi!”.

Appena a casa lo spogliai completamente nudo, poi mi piazzai con il culo davanti ad uno specchio, così che lui potesse vedere bene, mi piegai in avanti per succhiargli il cazzo golosamente, esponendo al suo sguardo il mio sesso sgocciolante, la sua mano mi guidò inesorabile, spingendomi con forza la testa a sé, facendo in modo che tutto il cazzo mi si conficcasse in gola ed incitandomi con parole sempre più volgari – “dai troia schifosa succhia, succhia bene l’uccello, non ti fermare sgualdrina, continua a spompinare il cazzo per bene così dai lurida baldracca, dai!” – quest’ultimo incitamento accompagnò la sua sborrata che mi finì in ampi e copiosi fiotti direttamente in gola facendomi rischiare a più riprese il soffocamento... La mia abilità di pompinara mi permise comunque di portare a termine quel bocchino con un ingoio da manuale: alla fine il cazzo era pronto per essere riposto nei pantaloni perfettamente pulito. “Sei contento?” – lo interrogai con voce roca – “Si, sei davvero una battona insuperabile, e pensare che oggi ti sei già presa una razione di cazzo impressionante” – mi rispose, mettendomi in mano due banconote da cento euro.

“Lo sai? Stasera ho guadagnato la bellezza di tremila duecento Euro….quasi quasi faccio la battona di professione, non ho mai guadagnato così tanto in poco tempo!” conclusi, prima di andare in bagno finalmente a lavarmi!



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Mysterx Invia un messaggio
Postato in data: 30/05/2014 18:42:09
Giudizio personale:
bello


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Fleshlight shower mount nero
Fleshlight shower mount nero
Comodo supporto a ventosa per ogni modello di fles...
Prezzo: € 23.95
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Fleshjack ass original rosa
Fleshjack ass original rosa
Culetto Fleshlight da penetrare fino in fondo. La ...
Prezzo: € 68.99
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Baby vibe bordeaux
Baby vibe bordeaux
Portalo sempre con te Piccolo ma potente vibratore...
Prezzo: € 15.80
[Scheda Prodotto]