i racconti erotici di desiderya

Per colpa del mare ii

Autore: Jamaicanxxx
Giudizio:
Letture: 716
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Arrivai con il cuore in gola al cancelletto della villa fuori dal paese,bussai e parcheggiata l'auto nel vialetto brecciato mi avviai a piedi lungo la stradina piastrellata illuminata dalle luci basse del giardinetto per la testa si affollavano i pensieri ero incerto se proseguire o tornare indietro, quando mi si fece incontro il marito vestito con un lungo caftano ed infradito. Mi accolse con un gran sorriso e mi fece strada fino al soggiorno della casa molto ampio con pochi mobili, tipico delle case in affitto, ma che aveva un grande balcone su un patio ed un piccolo giardinetto isolato fronte mare, dal balcone aperto completamente potevo vedere il patio attrezzato con grandi stuoie di cocco sul pavimento in cotto , ricoperte da parei colorati ed illuminato da candele di vari colori tutte diverse e consumate, reduci di altri anni, ci sedemmo su dei cuscinoni e ci versammo del porto rosso in attesa di lei. La visione che mi apparve da li a poco fu favolosa , scese con in dosso solo un caftano di lino chiaro semitrasparente , dalla scollatura profonda impreziosita da pietrine facevano capolino i cpaezzoli turgidi ed in risalto bianchi rispetto al resto del corpo scuro.Dai profondi spacchi laterali potevo apprezzare la morbida curva delle gambe all'attacco con il sedere, e particolare era scalza e camminava leggermente sulle punte, si adagiò per terre mostrando di non avere nulla in dosso oltre al caftano, iniziammo a parlare ed a ridere, non ricordo chi prese l'iniziativa, ricordo solo di essermi ritrovato con la bocca pressata contro la sua , mentre le mie mani frugavano sotto il leggero lino alla ricerca dei suoi già abbondanti umori.Lui era lì di fianco seduto che ammirava quando si alzè di scatto per sparire nel buio della casa , quando ritornò aveva in mano una videocamera e si apprestava a riprendere, chiesi di evitare il viso e senza avere il tempo di aggiungere altro lei raccolse da terrà un foulard e mi bendò quasi completamente la testa, spingendomi poi a terra e mettendosi a sedere su di me.

Sentivo il calore della sua eccitazione sul mio torace mentre offriva alla mia bocca i suoi seni , iniziava a mugolare e lentamente le sua mani scesero a cercare il mio membro eretto. lo afferrò e lo guidò dentro di lei dando il ritmo lento e poi via via più veloce, senza dire un parola mi sentivo avvolta da lei i suoi umori si fondevano ai miei ed i nostri respiri affannati sempre più facevano contorno.Non potevo apprezzare tutta la scena ma la sua maestria di donna era favolosa nei gesti lenti e nei movimenti sinuosi , sapeva davvero come far impazzire un uomo.Il ritmo si fece sempre più forte ed impetuoso e finìì con inondarla come un fiume in piena, sudata si accasciò su di me e mi baciò sulla bocca salata , mentre sfilavo la benda le sentii chiedere amore come sono andata e lui risponderle sei bellissima , mentre spenta la telecamera si avvicinava e cominciava a ricoprirla di baci, mentre si stringevano in un abbraccio serrato raccolsi i miei vestiti, li accarezzai su una spalla e mi accomodai a godere lo spettacolo,la notte continuò per molte altre ore fino a quando un leggero bagliore illuminava i nostri corpi ancora distesi ,lei addormentata fra le braccia di lui, scivolai in silenzio salutai con un occhilino il lui e me andai lasciandoli con un saluto al giorno dopo ...forse!


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Lolalove_2006 Invia un messaggio
Postato in data: 29/06/2007 09:22:51
Giudizio personale:
scrivi ancora,ti leggo


Webcam Dal Vivo!