i racconti erotici di desiderya

La troia che era dentro di me

Autore: Siryus
Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Mi chiamo Monica, ho trentanove anni, sono alta uno e settantacinque, bionda naturale, terza di seno un bel culetto, sono una bella donna, anche se non mi metto mai in mostra, anzi gli sguardi allupati dei maschi m’infastidisco per via di una certa educazione derivata da una famiglia cattolico/borghese molto rigida. Sono sposata con Luigi da venti anni, insieme abbiamo messo al mondo una figlia, Cinzia, una bella ragazza. La mia vita scorreva su binari di assoluta tranquillità, casa lavoro figlia, domenica in chiesa, amici assolutamente normali, al limite, del noioso. Con Luigi le cose vanno avanti tranquille, io il mio lavoro da impiegata in un ufficio di un noto commercialista, lui la sua ben avviata officina meccanica, Cinzia studio e casa. La nostra vita sessuale poi, era un tranquillissimo menage, sesso solo il sabato, pochi minuti al buio, lui che mi toccava un poco, poi dentro su e giù fin quando lo sentivo esplodere dentro di me, l’unico peccato, la pillola. Assunta all'inizio a scopo terapeutico, mi regolava il flusso mestruale, stessa cosa con mia figlia che credo illibata. Un giorno all'ora della pausa pranzo, ero rimasta solo io in ufficio, entra di corsa un signore, alto, spalle larghe, capelli scuri con le tempie bianche, occhi nerissimi.

“signora, mi chiamo Augusto, avevo un appuntamento con il signor Guido, ma sono rimasto con l’auto in panne e sono arrivato solo ora. Comprendo di avere due ore di ritardo, ma sono assolutamente nei guai, non conosco nessun meccanico per riparare la vettura, e non so a chi rivolgermi.”

Sono rimasta colpita dal suo sguardo, intenso, magnetico, mi sono sentita esplorare fin dentro me stessa, mi sentivo a nudo davanti a lui, con un filo di voce, totalmente intimorita e confusa da quello sguardo gli ho detto:

“mio marito ha un officina meccanica, forse può esserle utile.”

Mi ha guardato, ha sorriso.

“lei mi salva, lo chiami, subito la prego.”

L’ho messo in contatto con Luigi, che ha concordato di vedersi davanti all'officina.

“se vuole l’accompagno, tanto mi è di strada.”

Lui non se l’è fatto ripetere due volte, e poco dopo era seduto di lato a me. Mi ha spiegato, durante il tragitto, che era venuto da noi per una consulenza su di una separazione di una società che aveva, ma voleva che qualcuno controllasse tutta la contabilità dell’attività in cui era socio, era convinto di essere stato truffato.

“ lei mi farebbe questo lavoro?, in fondo il suo capo non mi conosce, nessuno mi ha visto, ed io la pagherei una cospicua cifra. ”

Ho riflettuto un poco, mi avrebbero fatto comodo dei soldi extra, fra poco sarebbero arrivate le feste di Natale, e poi il suo sguardo mi turbava che non ero capace di sostenerlo senza arrossire. Ha insistito fin quando ho accettato, poi con Luigi sono partiti a recuperare la vettura con il carroattrezzi, io sono tornata casa per preparare il pranzo. Dopo circa mezzora suona il telefono, è Luigi, mi dice che l’ha invitato a pranzo. Resto un momento sorpresa, non riesco a concentrarmi sul da farsi, e il rientro id Cinzia da scuola mi rimette con la mente alle mie faccende, poco dopo li vedo entrare, fatte le presentazioni noto, che Cinzia è rimasta affascinata anche lei da quello sguardo, impossibile non essere colpiti dal suo magnetismo. Durante il pranzo mi fa molti complimenti per la bravura con cui ho saputo improvvisare il pranzo, contemporaneamente lo vedo scherzare con Cinzia, lei lo trova fantastico, poi esco per tornare al lavoro, li lascio a casa, prego mia figlia di mettere ordine in cucina, lui si offre di aiutarla, tanto Luigi gli deve aggiustare la vettura, esco, sono turbata da lui, mi sento inquieta a sostenere il suo sguardo, penetrante. Dopo circa due ore, mi chiama Cinzia,

“Mamma, Augusto ci ha invitato a cena questa sera, ci porta in un ristorante molto esclusivo, ma io non ho nulla di appropriato da mettere, e neanche tu, come faccio?”

Farfuglio qualche cosa, ma sono frastornata, mi sembra che stia succedendo qualche cosa che non mi so spiegare, mi fa un pò paura. Dopo circa venti minuti anche Luigi mi chiama, mi chiede se ho un vestito molto elegante per la serata, gli rispondo di no.

“allora ci penserà tua figlia, tanto stanno andando a prenderlo per lei, gli dico di pensare anche a te, Augusto si è offerto di accompagnarla mentre finisco di aggiustare la sua auto.”

Lavoro, ma non combino nulla, alla fine me ne torno a casa in preda a un vero e proprio stato confusionale. Quando entro sento Cinzia canticchiare nel bagno, entro e la vedo che ha finito di farsi la doccia, è nuda, il suo corpo mi provoca una strana reazione, poi noto anche che si è depilata.

“ti piace?, mi ha depilato Augusto, lui è bravissimo, e fantastico, vedessi che belle cose abbiamo comprato, anche per te. ”

Sono sconvolta, guardo mia figlia senza avere il coraggio di parlare, lei intuisce il mio disappunto e replica:

“Mamma!!! .. non sono più una bambina, ho diciotto anni e non è certo la prima volta che stò con un maschio, se mai è stata la prima volta che sono impazzita di piacere!, è stato meraviglioso, mi ha preso per più di un’ora facendomi godere da matti.”

Resto sbalordita dal linguaggio di Cinzia, ho sempre creduto che i valori morali che le ho insegnato la facessero riflettere su queste cose, ma non ho il tempo di replicare, mi prende per meno e nuda mi trascina in camera sua, mostrandomi quello che ha comprato. Sul letto c’è un vestitino rosso fuoco, cortissimo, un completo intimo nero, con una mutandina inesistente, calze nere velate con pizzo alto almeno quindici centimetri, reggicalze finissimo, quasi invisibile, un paio di stivaletti con un tacco da dodici.

“non è meraviglioso?, e devi vedere per te, ma vai a fare la doccia, poi te lo mostro, dai sbrigati che papà e Augusto stanno tornando.”

Inebetita, senza nessuna reazione vado in camera mia, sul letto ci sono alcune buste, mi spoglio e come un automa vado a fare la doccia. L’acqua mi bagna, sono senza idee, non riesco a pensare a nulla, mi lavo veloce, voglio vedere e capire cosa sta succedendo alla mia famiglia. Cinzia entra in bagno come un ciclone,

“come immaginavamo noi, ti devi depilare anche tu, dai, mettiti qui dentro la doccia che ti aiuto.”

Non ho nemmeno il tempo id obbiettare che lei m’insapona l’intimo e con il rasoio di Luigi m’incomincia togliere il pelo dalla figa, sono sconvolta, sento le sue meni che mi toccano, mai fatta una cosa del genere, da lei poi mai! La cosa che poi mi lascia veramente stupita è che mentre mi lascio depilare provo un insolito piacere nel sentire il contatto della sua mano cosi delicata e nello stesso tempo mi accarezza procurandomi dei brividi di piacere mai avuti prima, mi sento lo stomaco languido, come se avessi fame, ma ho piacere, e questo mi sconvolge. Pochi gesti e sono liscia come lei, tranne un piccolo ciuffetto in alto, lei dice che a lui piace così. Mi trascina velocemente in camera mia, disteso sul letto, c’è tutto quello che dovrò indossare io. Intimo rosso bordeaux, reggicalze dello stesso colore, reggiseno a balconcino, che aumenta notevolmente la mia terza, facendola sembrare una quarta, uno string per mutandina, capisco ora la depilazione, indispensabile, calze nere con pizzo alto come le sue, gonna di velluto nero, e camicetta di tulle assolutamente trasparente che mostra sia il reggiseno che quello che dovrebbe contenere, scarpe con tacco da quindici. Sto vestendomi, sono alla gonna, quando sento il portone di casa che si apre e Luigi e Augusto entrare, Cinzia che corre loro incontro, i commenti veramente molto compiaciuti dei due maschi, poi la porta della camera si apre e Luigi entra ammirandomi.

“ finalmente ti vesti da donna, era da qualche tempo, che volevo che tu cambiassi look.”

Si spoglia velocemente, per fare la doccia, lo vedo eccitato, si avvicina con il suo cazzo all'altezza del mio viso, poi che io sono seduta sul letto, senza dire nulla lo infila di colpo nella mia bocca.

“succhia che lo volevo da tempo, devono cambiare molte cose in questa casa.”

Sono soffocata dal suo membro, mai, ho fatto una cosa così sporca, lui lo sa ma mi tiene il capo fermo deciso, mi pompa in bocca il cazzo fino a soffocarmi, ho coniati di vomito, ma lui non demorde, subisco e succhio a malapena come posso, esplode improvviso il suo orgasmo lasciandomi sconvolta.

“…. Bevi ….manda giù!!! …..”

Mi tiene ferma, sono costretta sentire i suoi schizzi in bocca, vorrei vomitare ma lui mi tiene il capo fermo, poi mi lascia di colpo, mi alzo e corro in bagno, sputo tutto nel lavandino, mi sciacquo la bocca, sono schifata, mi lavo i denti mentre entra Cinzia con il rossetto sbaffato, un pelo attaccato alle labbra, mi guarda e ride.

“non mi dire che non ti è piaciuto, io ho quasi avuto un orgasmo mentre oggi pomeriggio Augusto mi schizzava in bocca!”

Si aggiusta il rossetto, mi lascia sbigottita, esce, mi guardo allo specchio, cerco di riflettere: se mia figlia a fatto, un bocchino ad Augusto sapeva che io lo avrei fatto a suo padre significa che loro avevano deciso tutto! Mi sento montare dentro una rabbia, che decido di dominare, voglio vedere fino a che punto andrà avanti questa storia, e poi mi confesso guardandomi allo specchio, che sono ancora una bella donna, e che se questo è quello che vuole anche Luigi ora lo accontento io!. Torno in camera, mi vesto e quando faccio la mia comparsa davanti a loro, li vedo scambiarsi uno sguardo d’intesa, felici, prendo Cinzia sotto braccio e usciamo. Dopo circa un’ora entriamo in un ristorante molto esclusivo, i maschi ci fanno camminare davanti a loro, io e mia figlia non passiamo inosservate. Lei con i suoi capelli neri e lunghi, il vestito rosso che le stà benissimo con gli stivaletti alla caviglia con il tacco alto, che le slanciano il corpo, io con il completo nero che fa da cornice ai miei capelli biondi, il tacco esagerato delle mie scarpe m’inarca ancora più il culo mettendolo ancora più in mostra, siamo davvero un piacere per chi ci guarda. La cena scorre via benissimo, ci mettono a nostro agio. Mio marito poi asseconda tutto quello che dice e propone Augusto, io dal canto mio sento dentro di me il desiderio di conoscere più a fondo questo maschio che ci sta dominando tutti. Usciti dal ristorante, sta quasi nevicando, Luigi invita Augusta a casa nostra per “il bicchiere della staffa,” io invece credo che abbia in mente altro, e francamente ora lo spero vivamente. Arrivati in casa Cinzia, si siede in poltrona accanto a Augusto, poi incomincia a baciarlo sulla bocca mettendo la mano sulla sua patta dei calzoni gia bella gonfia, mi sento a disagio, non so cosa fare, ma Luigi mi toglie dall'imbarazzo.

“inginocchiati davanti a lui, e impara come si succhia, vedrai che tua figlia te lo mostra, lei si che ha imparato bene, dai, non esitare.”

Come un automa eseguo, vedo Cinzia sfoderare il cazzo di Augusto e resto senza parole, a bocca veramente aperta, io che fino questo momento ho visto, e poco il cazzo di mio marito mi trovo a guardare una meraviglia della natura, sicuramente più di venticinque centimetri di carne perfettamente in tiro, con una cappella esageratamente grossa, tremo solo al pensiero di averlo dentro. M’inginocchio affascinata da quel membro, sento bagnarmi fra le cosce, lui mi porge la cappella da succhiare, lo metto in bocca seguendo i consigli di Cinzia che ora si sta toccando mentre Luigi ci ammira appoggiato al tavolo con il suo cazzo, la metà di quello che sto succhiando io, si sega lentamente. Lo ignoro e mi dedico a quello che si sta rivelando un vero capolavoro della natura: un magnifico palo di carne pulsante!

“ brava mamma, succhialo bene, sentirai quando lo avrai entro, ti sembrerà di essere squartata e godrai come non mai.” Mi dice mia figlia affascinata da quel membro durissimo.

“ dai Augusto fa che lo senta, prendila, scopala bene.” Lo incita mio marito.

Io non mi rendo conto di quanto mi sto bagnando sotto, mi sembra di avere un lago fra le cosce. Augusto me lo toglie dalla bocca, mi fa inginocchiare sul divano con il culo esposto, mi sento tremare dall'emozione e dal desiderio di averlo dentro. Cinzia s’inginocchia dietro di me e mi lecca.

“…uhnuunn mamma sei un lago, stai sbrodolando, dai amore sfondala fa che lo senta fino in gola…. “

Lo invita pure lei. Lui si mette dietro di me sento l’enorme cappella appoggiarsi alle labbra della mia passera e di colpo entra.

“……aaaaahhhhhhh……nnnnooo!!!!...mi spacchiiiiii!!!!!..... nnoooooo…….”

Urlo, ma lui inesorabile lo spinge dentro di me. Sento l’enorme cilindro raschiare le pareti della vagina, mi apre, dilata e lo spinge fino a sbattere conto il fondo dell’utero, urlo di nuovo, scossa da improvvisi fremiti di puro piacere.

…….aaaaaAAAHHHHHiiiiiii……siiiiiiisiiiiii…..daiiiiii..vennGGGGOOOOOooo…

Quasi svengo dal piacere. Lui mi afferra per i fianchi, estrae il cazzo e di colpo lo affonda di nuovo. Il dolore e il piacere si fondono insieme procurandomi un tremendo orgasmo.

………..ssssssssiiiiiiiiii….vengo!!....veGGGOOOooo!!!...daiiiii…sfondami!!!!

Mi pompa con colpi tremendi, mi tiene per i fianchi e vedo mio marito sborrare nella sua mano.

“ dai sfondale anche il culo, non me l’ha mai dato!”

L’esorta Luigi. Tremo e impazzisco solo al pensiero di avere dentro l’ano un simile mostro.

….ssiiii… bella troia…sei strettissima, ti pompo, senti che ti sfondooooo…

Mi sbatte con impeto sempre maggiore. Cinzia si distende di lato a noi e mette una mano fra le mie cosce, mi accarezza il bottoncino facendomi urlare ancora di più.

“ dai amore falla godere, sborrale dentro riempi questa vacca, dai che non ha mai goduto cosi.” Lo incita lei mentre continua torturarmi davanti.

I suoi colpi sono sempre più forti, lo sento ora entrare e uscire con molta facilità, mi sembra di avere una trave dentro il ventre, urlo un ennesimo orgasmo.

….siiiii---vennngoooo….siiiiiii..oddioooo..mi fai morireee……

Lui intensifica il pompaggio e viene urlando dentro di me.

….sssisisisii……ecccomiiii..SBOORRROOOO!!!!!..... siiiiiiiiiiiii……….veeennnggggoooo..

Tii……….RIEMPOOOO…vacca.. sentimiiiii..tuttoooo……. siiiiiiii….orrrraaaa…………

Tremendi getti caldi inondano il mio utero. Resto immobile mentre lui esce da dietro e mi sembra di avere una caverna fra le cosce. Lui si siede e subito mi figlia s’inginocchia davanti e gli pulisce il cazzo infilandolo in bocca. Mi alzo, vado in bagno. Seduta sulla tazza del bagno sento colare il seme di quel maschio che ora sento ridere di là, in sala. Mi lavo, e torno con passi malfermi da loro. La scena che ho davanti mi lascia di nuovo basita. Cinzia ha preso il mio posto, si sta facendo montare da dietro come me prima, ma ha il cazzo di Luigi in bocca. Stupita, mi avvicino. Augusto mi attira se, mi bacia e mette una mano dietro la mia testa, infila la lingua dentro la mia bocca, mi lascio fare, senza reagire, ormai sono succube di una personalità così forte. Mi fa inginocchiare, si sfila da Cinzia, mi fa leccare il cazzo sempre duro.

“brava, così, leccalo bene che poi ti faccio il culo!” mi dice procurandomi un brivido di puro terrore.

Poi rimette dentro il cazzo e sfonda mia figlia che gode come una pazza.

…….ddddaiiiii……miiii faiii impaazzireeee…siiiiii……daaiiiii….

Di nuovo si sfila, si siede sul divano fa girare lei e la fa impalare su di lui. Lei lo prende tutto dentro, lui l’attira e se, poi le solleva le gambe aiutato da Luigi.

“ troia, vieni a leccare la figa di tua figlia!” mi ordina con un tono che non ammette replica. M’inginocchio davanti alla patatina di mia figlia oscenamente riempita di lui. Lecco un poco, senza troppa convinzione, lui mi osserva.

“ vacca, che fai??!!!. La devi far godere!!. Lecca bene!”

Dopo un attimo di sgomento riprendo a leccare, sento Luigi inginocchiato dietro di me, mi sta leccando il culo, mi da un brivido sentire la sua lingua dietro, mi eccita stranamente, non credevo fosse così bello. Cinzia raggiunge l’ennesimo orgasmo e lui dopo la solleva e la fa sedere di lato. Vedo il suo svettante membro diritto davanti a me, lui mi trascina vicino, mi fa leccare le palle poi l’asta, mentre dietro Luigi appoggia il suo cazzo al mio fiore anale, Augusto lo blocca.

“no, non toccarla, ora ci penso io.” Gli dice perentorio.

Mi solleva, mi fa girare e mettere come stava mia figlia prima, mi appoggia la cappella sul buchetto dietro, faccio un respiro forte, mentre lui, lentamente mi fa sedere su quel palo.

…..nnnnnooo…piannooo…nnnoooo..mi fa male!!!... mi divincolo cercando di evitare l’introduzione.

Mi solleva, mi fa girare e mi assesta due sonore sculacciate sulle chiappe.

“ vacca che fai? Mi neghi il culo??..come ti permetti? Inginocchiati.” Mi ordina facendomi mettere come prima. Lo sento appoggiarsi di nuovo dietro di me, e con un colpo secco entra dentro squartandomi il culo.

..aaaaahhhiiiiii….nnnnnooooo!!!!.....nnnnooooo…….Miiispacchiiii….noooo…..

Cerco di divincolarmi, ma le sue mani forti mi tengono ferma per i fianchi. Entra come un ariete, mi sfonda, resta immobile per un momento poi mi pompa senza pietà. Un dolore atroce mi sfonda le reni, lo supplico ma lui non demorde. Mi pompa senza tregua fin quando sento i muscoli anali rilassarsi e incomincio a godere aiutata dal fatto che Cinzia si è inginocchiata davanti a si è messa a leccarmi il bottoncino. Godo.

…sssiiiii….piannooo….ssisiiii…miipiacee…ssiiiiii…torooo…siiii..sssssiiiiiii…eccccommmiiii….vengggooooo…ssiiiii………

Sono di nuovo scossa da un piacere sconosciuto. Godo e lo incito a sfondarmi anche il culo. Non che ve ne sia bisogno, mi ha dilatato l’ano in maniera decisamente preoccupante, ma ora voglio solo godere. Godo e lo sento prossimo all'orgasmo pure lui. Cinzia gli chiede di venire nella sua bocca, lui mi schizza dentro un getto poi esce.

….. eeccommiii beviiiii….sboorrooooo……siiiiiiii…………….siiiiiiiiiiiii……….

Urla e si scarica nella sua bocca che non ne perde una goccia. Dopo averlo ben ripulito lei, mi si avvicina e incolla la sua bocca alla mia, sento la semenza che credevo, aveva ingoiato trasferirsi dalla sua bocca alla mia mi fa tremare tanta porcaggine in mia figlia. Esausti ci sediamo. Luigi è al settimo cielo dalla contentezza, sorride e porta da bere per tutti.

“ propongo un brindisi a questa sera, dove, finalmente ho visto mia moglie godere come una vera troia.” Dice esultando. Augusto tiene Cinzia abbracciata a se, mi guarda, sorride mentre alza il calice.

“ brindo a una donna meravigliosa che voglio sposare, e a sua madre che è diventata una troia fantastica.”

A quelle parole Cinzia lo abbraccia forte e lo bacia con passione.

“ nei prossimi giorni preparerò tutto quello che serve poi, dopo, sposati, t’ingravido subito perche devo avere un figlio, io comincio a essere un po in là con gli anni, e durante la gravidanza tua madre sarà la nostra amante così potrai controllare che nessun’altra femmina si prenda il mio cazzo.” Dice baciando Cinzia. Sono passati due anni, lui ha sposato mia figlia ed io ancora oggi sono la loro amante, mi fa godere e mi ha insegnato tante cose, provato tante esperienze uniche, ma questa è un’altra storia.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Baxi18 Invia un messaggio
Postato in data: 29/10/2014 23:12:32
Giudizio personale:
molto eccitante, scorre bene, un piacevole racconto che necessita di un seguito. bravo!


Webcam Dal Vivo!