i racconti erotici di desiderya

La prima volta di giulia

Autore: Caraalice
Giudizio:
Letture: 1742
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
La prima volta…

Salve ragazzi, sono Giulia:

Adoro accettare le provocazioni, ecco perché ho deciso di parlarvi della nostra prima volta, da un punto di vista squisitamente femminile.

Vi risparmio la premessa di cui è stato così minuzioso mio marito Carlo, e vengo direttamente al momento dell’incontro in quel winebar che difficilmente dimenticherò…!?

Quella sera ero decisa carica e consapevole della mia volontà di sedurre, questo sia per dimostrarlo a me stessa, sia per dimostrarlo a Carlo, che da qualche tempo, magari solo provocatoriamente, la metteva in discussione.

Volevamo, se le persone fossero state giuste, semplicemente divertirci………………………………

Neanche per il mio matrimonio avevo avuto più cura di me stessa, negli ultimi tempi avevo intensificato i miei appuntamenti dall’estetista, dal visagista e dal parrucchiere, ci tenevo a fare bella figura e soprattutto a far fare bella figura a Carlo, e poi non volevo sfigurare nei confronti di Anna, di cui avevo la percezione essere una donna particolarmente affascinante!?

Al locale Claudio ed Anna già ci attendevano, ci salutammo in modo molto formale, una semplice stretta di mano, durante la quale gli occhi fecero tutto il resto, cercando di raccimolare più dati possibili dal punto di vista estetico ed empatico… … …!?

Claudio mi colpì subito, per la sua cordialità e la sicurezza dei modi, che nascevano sicuramente da esperienze passate ma anche da una notevole dose di libidine.

Conversammo e bevemmo senza preoccuparci tanto da quello che poteva circondarci, eravamo troppo concentrati su noi stessi, io sugli altri tre del gruppo e gli altri su di me, nulla sembrava fosse casuale.

Notavo come Carlo si prodigasse in sorrisetti maliziosi e timide avances per Anna, conosco i suoi gusti e sapevo che non gli erano sfuggiti quell’aspetto mediterraneo di Anna, la sua pelle ambrata, i suoi capelli liscissimi e soprattutto quel sedere enorme…?!

Decisi di farlo ingelosire un po’, versai da bere sia a Claudio che a me stessa, porsi il bicchiere al mio amico, brindammo e così invitammo a fare anche all’altra coppia che a ruota ci seguì, bevvi tutto in un sorso e nel sorridere, sentii la mano di Claudio sulla mia coscia accarezzarmi con sicurezza, gettai uno sguardo su Carlo, a cui non era sfuggito il gesto, gli sorrisi con malizia, poi mi voltai perché Claudio mi sussurrò qualcosa di irripetibile all’orecchio… che mi fece sorridere compiaciuta.

Di lì a poco vidi Carlo ed Anna allontanarsi nella direzione della toilette, Claudio approfitto di quella assenza per baciarmi alla gola, mi allontanai più d’istinto che per pudore. Ci domandammo cosa ci piacesse l’uno dell’altro, Claudio mi disse che gli piaceva la mia scollatura, i miei occhi la proporzione delle mie forme, mi disse che secondo lui, dovevo avere una bella fichetta, mi chiese se gliela facevo vedere!? L’insicurezza mi portò a ridere, e fu proprio in quell’attimo che sentii le mani di Claudio cingermi i fianchi per spingermi a sedere sulle sue ginocchia, stavo ancora ridendo come una sciocca che vidi arrivare Carlo ed Anna che con un AHH sembravano quasi volerci dire: :!?

Ci intrattenemmo ancora in quel locale, la serata andava avanti piacevolmente, tra ammiccamenti e provocazioni varie, sembravamo fare a gara a chi fosse più sicuro di se.

Verso le 24.00 p.m. Claudio ci invitò presso casa sua a Salerno, ci arrivammo dopo poco, mentre Carlo e Claudio si intrattennero in salotto a parlare chissà di cosa, Anna mi mostrò la casa, durante tale visita, mi chiese, se era davvero la prima volta, se avevo mai avuto un rapporto con una donna, e soprattutto cosa pensavo di suo marito Claudio…?! Gli rifeci le stesse domande…?!

Mi sentivo molto stanca, avevo bevuto oltre i miei limiti ed ero pervasa da una forte sonnolenza, mi appoggiai sulla spalla di Carlo, mi ricordo che lo baciai, poi caddi vinta dal sonno.

Non ricordo precisamente quanto dormii, ricordo che mi risvegliai di soprassalto nella semioscurità del salone, ed ero da sola, barcollante mi alzai alla ricerca di Carlo, sentii dei rumori provenire dalla stanza da letto, mi avvicinai ad essa furtivamente, sentivo dei gemiti di piacere, non sapevo cosa fare, avevo intuito cosa stava succedendo e non volevo essere invadente, ma quando tra quei gemiti individuai quello di Carlo, l’istinto o forse la curiosità mi spinse ad affacciarmi.

Vidi Anna, con la bocca alle prese con il pene di Carlo praticargli un voluttuoso pompino, mentre Claudio da dietro gli spingeva il suo pene in una figa che di lì a poco mi accorsi essere praticamente glabra.

Dopo un po’ vidi Claudio avvicinarsi “minacciosamente” a me, non ebbi neanche il tempo di razionalizzare la situazione, Carlo mio marito stava scopandosi Anna davanti ai miei occhi, che fui nuda e in meno che non si dica mi ritrovai il pene di Claudio in bocca, lo succhiai dapprima lentamente e poi sempre più eccitata da quello che vedevo, più da quello che praticavo, con esasperante volutà.

Lo devo ammettere ero eccitatissima, caddi come una foglia morta può cadere a terra, e Claudio da dietro mi penetrò con dolcezza, sotto gli occhi persi di sua moglie e quelli languidi di Carlo.

Sentii dopo diverse spinte di piacere, Claudio sfilarsi il preservativo per potermi inondare la schiena del suo caldo sperma, sfiniti giacemmo sul parquet.

Vi sembrerà strano, feci l’amore tutta la notte con mio marito Carlo, la mia non è un ‘ipocrita visione dei fatti, bensì la consapevole sensazione di non aver desiderato mai mio marito come allora, perché era stato di un’altra sotto i miei occhi, perché ero stata di un altro sotto i suoi occhi, perché non c’è tradimento quando ci sono sentimenti veri, perché lo adoro più di allora e lo seguirei e lo seguirò in ogni sua consapevole scelta, perché lo amo… … … come la prima volta… … …?!





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Puffolo Invia un messaggio
Postato in data: 16/11/2007 23:08:42
Giudizio personale:
Bel racconto ma credo saresti potuta essere + profiga di particolari circa la sensazioni mentre lo facevi, mentre lui veniva, ..anche per ciò che riguarda sapori, odori, ..quello che vedevi. Ma hai comunque ottime potenzialità nel raccontare :)


Webcam Dal Vivo!