i racconti erotici di desiderya

La barca e la sex machine

Autore: Solomare
Giudizio:
Letture: 393
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
sesso) sà costruire un'atmosfera indimenticabile.

Cerco coppie oppure singole che pensino la vita come me per cercare insieme, nella massima allegria e serenità momenti intriganti di piacere.

del Posso ospitare a casa ed in barca a vela.

Disponibile ad iniziative e/o proposte intriganti e cmq finalizzate al reciproco rispetto e divertimento.

No indecisi e perditempo, no interminabili msg, sms, email, cam, skype e richieste di ulteriori foto (a cosa servono se non gli si può attribuire proprietà e data certi).

P.s.: Non sono mercenario e non ne cerco. Non sopporto maleducati che dopo contatto spariscono senza un saluto.”

Abbiamo inviato un messaggio che volevamo approfondire la conoscenza e ci è pervenuto il seguente invito:

“Mare di primavera, chi lo conosce se ne innamora, per sempre.

Tra coppie, qualche volta, il feeling non scatta, la gelosia femminile, profonda ed esclusiva, blocca la donna.

Se volete tentare l'intrigo raffinato con un super dotato di intelligenza e di buone maniere (cosi dicono) che Vi vuole far assaporare l'aria iodata del mare, il vento nei capelli nel silenzio della navigazione d'altura Vi invita per una veleggiata sul suo sail yacht o per due chiacchiere ed un aperitivo conoscitivo nei caldi e confortevoli divani della barca ormeggiata in porto.

Se volete avvicinarvi al magico mondo del Ménage à trois posso essere la vostra guida.

Se cercate sensazioni forti, qualche esperienza nella double penetration e nel fisting c’è.

Se siete curiosi ho costruito una sex machine, oggi stivata in barca, che vorrei mostrare o far provare, se gradito.

Gradirei illustrare e dettagliare il programmino e se possibile incontri diurni e/o infrasettimanali.

Massima riservatezza, molto tatto, rispettoso e consapevole del ruolo.

Nel mio annuncio più di 75 amici coppie/singole e i feedback confermano serietà, massima riservatezza, tatto, consapevolezza del ruolo, affidabilità, correttezza......

Non solo sesso ma splendida location, ambiente, raffinatezza e intrigo.”

Quello che ci incuriosiva, più a me che a Caterina, è l’idea di fare sesso su una barca a vela nonché la sex machine citata, chissà come sarà fatta, come funziona, come è alimentata, chissà se da piacere veramente.

Ci ha affascinato anche l’eleganza e la raffinatezza dell’annuncio non una parola fuori posto ne una volgarità nonostante proponga chiaramente di fare sesso a 3, doppia penetrazione e fisting.

Ne parlo con Caterina che ha qualche perplessità poi concordiamo di contattare il singolo e proporgli solo un aperitivo conoscitivo.

Il primo contatto avviene sul sito il single, Mario, ci risponde molto garbatamente si dichiara disponibile al solo aperitivo conoscitivo.

Avviene lo scambio dei rispettivi e cellulari e si fissa appuntamento per sabato pomeriggio successivo alle 17,00 presso il porto …………. ove è ormeggiata la barca.

Caterina è titubante e fino al venerdì fa un tira e molla sull’annullamento dell’appuntamento ha paura ad incontrare un singolo anche se la cosa l’affascina, io stesso sono molto eccitato al fatto di vedere mia moglie che fa sesso con un altro uomo, anche se in mia presenza, ma sento l’altra faccia della medaglia come un tradimento.

Ma tradimento di che se sono io che organizzo tutto mi dico.

La confusione non manca ne in me ne in Caterina.

Sabato mattina ultimo conciliabolo con Caterina e si decide di onorare l’appuntamento preso solo per un aperitivo conoscitivo.

Io sono abbastanza robusto e frequento da molto tempo una palestra ed un corso di arti marziali.

Ricordare questo a Caterina la tranquillizza.

A pomeriggio avanzato iniziamo a vestirci, Caterina indossa la migliore e più sexi biancheria intima in suo possesso nonché un bellissimo paio di calze autoreggenti ed una gonna sopra il ginocchio con un profondo spacco, io indosso una bellissima camicia firmata con un giacca.

Come sempre a causa traffico ed altri motivi arriviamo in ritardo alle 18,30 arriviamo al porto telefoniamo allo skipper che ci da indicazioni per raggiungere la barca e che nel contempo ci sta viene incontro.

Ci incontriamo in banchina, ci salutiamo cortesemente e ci avviamo verso il pontile ove è ormeggiata la sua barca.

Lui è una persona sui cinquanta e forse più con capelli grigi e radi di corporatura normale e statura normale, si muove con eleganza usa termini raffinati, parla in modo pacato come chi ha avuto molte esperienze, un lupo di mare nei flutti e nella vita.

Arriviamo alla barca, è quella che si scorge nella foto dell’annuncio, un bellissimo sloop lungo 12 metri che si dondola lentamente nel suo ormeggio causa una leggera risacca, si toglie le scarpe e le lascia su un cestino sul pontile, sale sulla barca e ci da il benvenuto a bordo come è d’uso.

Noi ci togliamo le scarpe e le lasciamo nell’apposito cestino ed iniziamo a salire sulla passerella dove lui ci tende la mano per eventuale difficoltà.

Caterina è titubante, passando sulla passerella sembra che stia attraversando un ponte tibetano poi si fa coraggio ed attraversa il ponte levatoio, io la seguo.

Tra una cosa è l’altra si è fatto quasi buio il comandante ci illustra la il pozzetto e la tuba della barca e ci invita ad entrare all’interno.

Caterina ancora titubante si avvicina al tambucio aperto guarda le 4 scalette che deve scendere per accedere nel quadrato (tutti termini nautici che il comandante ci spiega quando li incontriamo) poi si decide e scende scalza ma la spacco della gonna fa fuoriuscire tutta la coscia non allo slip.

Nel quadrato il comandante ci mostra le tre cabine matrimoniali, il bagno con doccia calda, il tavolo da carteggio, la cucina ed il relativo forno, il frigo a pozzetto, il doppio lavandino ed i divani del quadrato che contornano il tavolo centrale.

Ci accomodiamo in tali divani, il comandante estrae dal frigo un prosecco ghiacciato lo stappa e lo mesce in 3 calici, sul tavolo c’è un vassoio a più scomparti con nocciole, arachidi, chips, cubetti di parmigiano, olive e dolcetti per accompagnare il prosecchino.

Iniziamo a scambiare i soliti convenevoli, il tempo, i figli, il lavoro per rompere il ghiaccio non si parla di sesso ne del sito.

I convenevoli hanno funzionato specialmente quando si è parlato dei figli il tempo e fuggito velocemente e le 20,30 l’aperitivo conoscitivo è più che concluso il comandante si è rivelato come una persona educatissima, raffinata giovanile, fantasioso, trasgressivo , molto riservato, intelligente.

Non è issimo ( un bel fico giovane tutto muscoli) ma un raffinato lupo di mare che vive in un'atmosfera indimenticabile.

Stiamo per salutarci quando il comandante ci dice che gli farebbe piacere continuare la conversazione e avrebbe avuto piacere se ci fermassimo per la cena ma non aveva previsto questa eventualità in quanto l’appuntamento era per un aperitivo alle 17,00 ma ha delle fave fresche, pane e pecorino per la sua cena ma si potrebbe cuocere un spaghetto all’arrabiata e mangiare le fave con pecorino come è usanza a Roma.

Guardo Caterina che non manda alcun segnale negativo con gli occhi allora gli chiedo se aveva preso impegni con figli o amici perché a me farebbe piacere rimanere.

Caterina mi conferma l’assenza di impegni presi allora ringraziando il comandante accetto l’offerta.

Continua.....................



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Geometrichevasioni Invia un messaggio
Postato in data: 20/02/2014 21:33:01
Giudizio personale:
Banale


Webcam Dal Vivo!