i racconti erotici di desiderya

Il racconto di un amico

Autore: Efabilandia
Giudizio:
Letture: 997
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Vi racconto l'ultima, graditissima, avventura consumata in regione....

Il contatto è stato dei più classici e molti di voi conoscono bene la trafila...non avevo molto tempo per organizzarmi in questo periodo e ho selezionato tra un ragguardevole numero di avances.

Il maschione è piuttosto robusto (diciamocelo pure...generoso:-) ma la cosa che mi ha attirato in modo ipnotico erano le prestanze del suo cazzo...dalle prime foto ravvicinate pareva corto quanto esageratamente grosso, da vera scocciatrice sono riuscito a carpirgliene altre 2 dove l'arnese era incorniciato nelle proporzionate misure del corpo...altro che corto! un buon 20 cm con una largheza almeno come l'avventura avuta con il negrone...insomma indice e pollice non mi si chiudevano... per giorni prima di accettare l'incontro ho riguardato molte volte quelle foto provando delle scosse di eccitazione intense solo all'idea di averlo fra le mani.

Il ganzo ha una bella casetta in campagna che utilizza i fine settimana e per le ferie d'estate, ferie che si starà godendo in questi giorni con la famiglia...di solito si prende qualche giorno in più prima di recarvisi per sistemare un pò tutto.

la casetta non è molto grande e arredata come seconda casa ma molto accogliente e abbastanza isolata da occhi indiscreti.

Ci diamo appuntamento a un casello autostradale, lo seguo per una 20ina di minuti in aperta campagna arriviamo in una stradina e pochi metri siamo fronte casa.

Parcheggiamo, c'è molto caldo e sono un pò infastidita...lui esce dalla jeep...è ancora più alto di come sembrava in foto (almeno 1.85) ed ha una costituzione ossea notevole (non è tutta carne insomma:-P

mi invita a seguirlo, ha un'accento marcatamente veneto, è un'imprenditore, ma ha dei modi gentili seppur decisi.

Mentre entriamo mi accompagna conuna mano sui fianchi...sono già eccitata.

Vuole offrirmi da bere, gli dico che non ho molto tempo...capisce l'antifona, chiude la porta e tira le tende del soggiorno...aveva già preparato il divano letto.



Si toglie la maglietta e scopro con piacere che attiva l'aria condizionata, dopo pochi minuti l'ambiente è alla temperatura perfetta.

Durante il breve scambio email ci siamo detti già un pò dei nostri gusti, sa che mi piace la decisione e il turpiloquio...un pò goffamente prova buttarala la ma mi sembra imbarazzato...l'aiuto io dicendogli che mi sentivo tutta bagnata..tanto è bastato per metterlo a suo agio. Inizia a svestirmi e a dirmi che si è fatto almeno 3 seghe guardando le mie foto, che a lui impazzisce per il culo e che sua moglie è smorta e in tanti anni s'è sempre rifiutata (detto fra noi se una non c'ha di suo un pò di troiaggine vedendo le misure da mastino del suo cazzone una qualche problemino se lo fa).

Da lì un fiume in piena e la cosa mi eccitava tantissimo, avevo anche i brividi quando gli ho slacciato i pantaloni e calato quelli con le mutande mi è balzato fuori un giocattolone da fumetto...ho iniziato a masturbarmelo scappellandolo e massaggiandolo e poi le palle e poi cominciando un bocchino a regola d'arte...sapevo già che ci avrei perso tanto tempo a trastullarlo quel grosso coso e così fu.

Lo insalivo, gli lecco l'asta il glande insisto sul prepuzio lo batto con la punta della lingua e poi scendo sui coglioni gonfissimi e la prostata ben in evidenza, lui geme e continua a importunarmi con parole porche, iniziando con una serie di affermazioni che mi fanno fibrillare...mi dice che mi comprerebbe, che pompo come una vacca da oscar, che erano tempi che non godeva per un pompino fatto così bene e che avrebbe voluto avere una nipotina come me da potersi sbattere ogniu volta che vuole...io continuavo a pompare sul suo grosso cazzo umido bagnato e che pulsa...mi tiene su i capelli lunghi conun pugno per vedermi bene, ogni tanto alzo gli occhi per farmi vedere sottomessa cona la sua cappellona in boccca che a a malapena riesco a ingoiare e poi così inizio a muovere cadenzando bene la testa la bocca su è giù sulla cappellla stringendo ogni tanto la base del cazzo...

gode e geme, ansima forte, io sono estasiata vorrei avercelo in bocca per ore...sono in ginocchio lui mi alza di peso e mi mette sul letto si distende e io continuo a pomparlo mentre lui mi mette a 69 allargandomi le gambe e cominciando a leccarmi il culo...il mio buco ha un sussulto e freme, era già bagnato, ha una gran lingua calda e larga che mi fruga bene provocandomi intense sensazioni di godim,ento...lo starò sbocchinando da almeno mezz'ora e non smetterei perchè sento il bisogno di farmi sborrare e di berne un pò...in email scrisse che ne faceva molta (lo scrivono molti) ma poi magari è abbondnante ma niente di eclatante...l'omone diceva il vero..



a furia di pomparlo non resiste e tirando un gemito/urlo viene a gorgolìo, come una fontana che getta a intermittenza flutti cremosi e intesi di liquido bianco (molto bianco)...ho la mano che tiene il cazzo completamente piena di sborra e il viso tutto bagnato...ne bevo un pò, è corposa non riesco a berne tanta e questo sembra non smettere di venire...stavo godendo molto e lui aveva sotto di me comne dei sussulti con tutto il corpo...

Dopo un pò inizio a provocarlo dicendogli che non so se avrebbe potuto soddisfarmi come i meritavo...il cazzo fra le mani si era appena un pò sgonfiato ma in pochi minuti ha ripreso vigore..con una determinazione invidiabile mi ha apostrofato che mi avrebbe inculato a dovere e mi avreebbe riempito di sborra fino alla gola...ero completamente intorpidita dalle parole, dal suo cazzo, dalle sue braccia e mani possenti, dal suo modo di fare rozzo ma allo stesso tempo tranquillo e sicuro...

l'aveva davvero grosso ed allora provai a farmelo entrare stando accovacciata su lui e mostrandogli il culo e aiutandomi come lubrificante con la sua copiosa sborra...non bastava entrava la cappella ma l'asta aveva bisogni di più oleosità per dilatarmi...avevo a portata il tubetto di lubrificante anale che porto alla bisogna...ne metto molto in mano e un pò nel mio culo e poi nella sua asta aiuto a far entarre bene il cazzo che pulsa e che mi dilata molto provocandomi un godimento esteso che quasi mi fa venire...inizio a muovermi lentamente e mi sento pine a e aperta come non mai...e grosso grosso mi spinge contro la prostata e ho un'erezione forte, il mio cazzetto e tutto informicolato non devo assolutamente toccarlo...



Lui grida fra i denti t'inculo t'inculo...e come se m'incula...era un pò che non scopavo e la mietitura ha dato buonissimi frutti:)

lascio fare a lui che mi inizia a stantuffare un pò goffamente per la posizione e allora lo invito a stantuffarmi diu lato (una delle mie preferite) e così è stato...mi tiene aperta e alzata una gamba e mi stantuffa con decisione non velocemente e io godo molto, godo con la voce perchè mi sta davvero riempendo tutta, è una sensazione indescrivibile sentirsi completamente piena di un cazzo, con la mano vado ad accompagnare il suo cazzo e sento la dilatazione del mio buco e percepisco la tatto la pelle del pertugio farsi come canottina attorno all'asta del suo cazzutissimo bestione...di più non credo potessi accogliere (mai dire mai)...voglio chiudere le gambe e lui acconsente mentre mi friziona le tettine morbidose...mhhh....ho una bstia che mi sta pompando dietro e che mi sta inculando con decisione...stavo godendo molto così , lo invito a farmi venire velocizzando lo stantuffo...ma lui non vuole dice che mi meritavo di più e comincia a tiralo fuori per poi farmelo entrare piano fino in fondo..il mio buco è dilatatissimo e con mio stupore ed appena un pò di dolore inizale scoproi che mi sta inculando a colpi sempre più veloci...sono straeccitata e non riesco a credere che una cazzo di quelle dimesione potesse entrarmi di colpo senza lacerarmi...miracoli del sesso e della giusta lubrificazione direi...non riesce andare troppo avanti perchè iuo dopo un pò vengo e godo lascindomi andare nel letto dalla confusione cerebrale e fisica tipica dell'orgasmo...lui aspetta un'attimo e prova a rincularmi ma non è possibile non riesco sono al limite e gli chiedo tempo...lui è orgogliosamente appagato dalla sua potenza...mi ha fatto godere e lo ha ancora bello turgido...dopo un pò si mette sopra di me e comincia a stuzzicarmi l'ano con la lingua abbsandosi e poi rialzandosi facedo in modo che il cazzo si striofinasse sul mio culo bagnato...mi sto rieeccitando, non sapevo se varei potuto farcela, ma vista l'ìoccasione ci tento,



Gli dico di allargarmi le gambe e di provare...con fare deciso e con una certa forza mi mette completamente indifisa a lui mostrandogli il pertugio pulsante e dilatato...appoggia la ccapella e lntamente entra...entra bene con facilità il mio culo ormai e asua misura ma quando affonda sento poiacevoli sensazioni che si intensificano parimenti alla sua cadenza che si fa sempre più veloce...vuole sborrami dentro lo so e lo voglio anch'io ma sento chge posso venire ancora (e mi capita di raro) così lo invito a farmi godere...mi sta scopando come si scopa una femmina quando la si possiede, io in quel momento ero sua, una sua preda, i ruoli sono chiarissimi...mi pompa bene con talento insistendo con la profondità della penetrazione e facendomi sentire le grosse palle sbattere sul mio culo...il cazzetto e semi eretto e ancora infformicolato perchè sto per godere e di lì a poco vengo vengo vengo...così forte da costringerlo sotto le mie strette anali a sborrami in culo e mi sento riempire, caldamente riempire, massicciamente riempire, infinitamente riempire...come prima ne fa a getto e dopo un pò estrare il cazzone continuando a sborrami nel culo e anche nel cazzetto appeno venuto ed anche l'interno delle gambe e la pancia sono piena di sborra calda e bianca, siammo sudati e in estasi entrambi...vedo il suo cazzo affloscirsi...il guerriero è sfinito:)

E' davvero tardi vedo l'orologio della sala devo rientrare anche se mi apisolerei subito...vado in bagno prima io e poi lui a ruota...usciamo e mi riaccompagna verso il casello...un saluto di fretta lo lascio mentre esce dalla jeep come per venirmi a salutare...da troia qual sono non gli dò il tempo, m'infilo nel casello per avviarmi a casa.

Ho avuto quello che mi meritavo...(vero E...........e?)



un bacione

Vania


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Bisexentambi Invia un messaggio
Postato in data: 20/02/2013 13:19:36
Giudizio personale:
Vorrei averti con noi per farti provare altre forti emozioni, mandaci un messaggio e saremo da Te. Baci

Autore: CulorottoUD Invia un messaggio
Postato in data: 03/09/2010 08:43:24
Giudizio personale:
Che invidia:-)Voglio anch\'io quello che mi meritooo!!


Webcam Dal Vivo!