i racconti erotici di desiderya

I nuovi condomini


Giudizio:
Letture: 2050
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
I nuovi condomini

--------------------------------------------------------------------------------



Erano arrivati da poco nel mio palazzo, una coppia molto elegante, fine, diciamo per bene, lui posato, lei una bella donna, elegante, femmile e con qualcosa che mi smuoveva tutto dentro, si vedeva che era piu grande di me di molto, a me questo eccitava, sentirmi completamente suo a sua disposizione. Ogni notte li sentivo sotto la mia camera mentre lo facevano, sentivo i suoi gemiti, anche se molto piano, sentivo anche quando il letto sbatteva contro il muro, ed ogni mattina quando andavo a scuola facevo di tutto per scendere nello stesso orario nel quale scendeva lei e la guardavo dalla punta delle dita dei suoi piedi che avrei leccato per ore, fino al viso soddisfatto dalla notte, e facevo pensieri strani, pensieri sulle posizioni in cui l'aveva fatto, mi immaginavo lei con le gambe allargate, mi immaginavo la sua fica bagnata, il cazzo del marito che le entrava, oppure lei inginocchiata a succhiarlo...e tutto ciò mi eccitava, poi dopo tutti questi pensieri tutto finiva con un sorriso e poi un ciao. Spesso capitava di tornare allo stesso orario, un giorno prendemmo l'ascensore insieme, io e lei soli, aveva la scollatura che quasi le uscivano le tette di fuori, mi fa "Ce l'hai la ragazza?" io le risposi no e lei "Come mai?" ed io le risposi che volevo solo vivere la mia giovinezza divertendomi...lei "Bravo fai bene, mi piacciono i ragazzini che vogliono divertirsi!"...quando disse quest'ultima frase pensai "Si, sono il tuo ragazzino...fammi tuo schiavo" poi si abbasso e si tolse le scarpe perchè diceva che con i tacchi tutta la mattina le facevano male i piedi, io pensai "Poveri piedi, mettimeli vicino alla bocca che ci penso io" poi l'ascensore si apri e ando nel suo appartamento, io salii ancora un piano e poi andai a casa. Mi aveva eccitato da morire, tanto che andai subito in bagno per segarmi al pensiero dei suoi piedi. Una domenica mattina mi viene a suonare a casa e mi fa "Tu sei giovane, ne capisci di computer?" io le risposi di si e così mi portò di sotto a casa sua, mi fece vedere il problema e mi misi al lavoro...mi sentivo a disagio, avevo paura, la sentivo parlare con il marito, poi ridere, poi da uno scorcio di una porta li vidi avvinghiati contro l'armadio, si toccavano solamente...io finii, lei dopo di un pò tornò e mi chiese quanto era, io logicamente le dissi nulla, ma lei voleva ricompensarmi per il disturbo, così andò in camera a prendere il portafogli...torno dopo qualche minuto...completamente priva dei suoi vestiti con addosso i soli slip...mi fa "Ho qualcos'altro di meglio per ricompensarti"...si mise davanti al marito, si inginocchiò, gli sbottonò i pantaloni, glielo prese in mano e poi in bocca...nulla mi eccita piu di una donna inginocchiata a succhiarlo...lei mi stava eccitando, il marito la prendeva per la testa e la spingeva contro di lui...dalla bocca di lei uscivano dei rumori, io ce l'avevo duro, mentre lo succhiava al marito mi guardava e poi mi sorrideva...poi fece andar via il marito, si mise contro il muro e mi disse..."Mi piacciono i ragazzini come te...scopami"...mi avvicinai a lei mettendole con forza una mano tra le gambe sulla fica e prendendole con i denti un capezzolo, avevo paura di farle troppo male ma lei mi diceva "Di piu"...con la mano sulla fica spingevo forte tanto che un mio dito era entrato a meta insieme agli slip...il suo capezzolo lo sentivo durissimo sotto i miei denti, il marito non lo so dove fosse, sapevo che ci guardava, forse ci avrebbe ripresi con una videocamera per rivedere la moglie, ma non mi importava, ero troppo eccitato e lei mi faceva impazzire, si giro di schiena e si sposto gli slip, mi disse "Ti piace il mio culetto?" mi abbassai i pantaloni e glielo misi davanti al buco del culo, per me era la prima volta dietro e non sapevo come sarebbe stato e come bisognava spingere quanto forte..insomma dietro non sapevo farlo...si mise a pecora, con le mani si allargo il culo...e...il suo buco era gia aperto...iniziai a penetrarla dietro...poi lei tolse le mani e sentii tutto il suo culo sul mio cazzo, era stretto, lei si mise in bocca uno straccio o qualcosa per non urlare, stavo gia per venire cosi glielo tolsi ma lei si inginocchiò subito e me lo prese in bocca...con il mio bacino spingevo contro la sua testa e con le mie mani spingevo la sua testa contro il mio bacino...sapevo che non lo era ma in quel momento l'eccitazione portò a dirglielo.."Succhialo troia"...quando le dissi così era come se mi stesse risucchiando tutto, mi sembrava un pò violenta ma era la sua voglia, mi prese e mi spinse sul letto, venne su di me, me lo prese in mano e se lo mise nella fica...mi cavalcava come fossi il suo stallone, sentivo la sua fica fino alla fine, entrava tutto...lei godeva, ansimava...capii cosa voleva...la presi di forza, la stesi sul letto, poi le allargai le gambe fino a farle male, mi stesi su di lei mettendo le mie braccia sotto le sue ginocchia in modo da impedirle di chiuderle le gambe...poi glielo misi di forza tutto dentro...si stringeva alle mie braccia, ansimava e godeva forte...io andavo sempre piu veloce..la sua fica era morbidissima e bagnata, scivolavo dentro di lei...ero completamente suo o lei completamente mia...non lo so, ma quella donna mi eccitava troppo...le venni dentro prima che lei venisse...mi guardò mi sorrise e disse "è normale, tu sei giovanissimo, io piu vecchiotta di te, è normale che ci metto piu tempo ma mi hai soddisfatta ugualmente, mi sono sentita la tua troietta" mi tolsi da sopra di lei, andai in bagno a pulirmi e a rivestirmi...quando tornai in sala vidi il marito in un altra stanza...era come dicevo...si stava gia rivedendo il cassetta, ma non me ne importava, io volevo lei ma mi sentivo deluso di non averla fatta venire...mi accompagno alla porta tutta nuda...mi prese la mano, la mise sulla sua fica, me la fece toccare e ansimò poi mi disse "quando vuoi lei è qui per te"...io le risposi "certo va bene" e me ne andai...sentendola chiamare il marito e dire "Tesoro vieni a letto?" e con il cazzo nei pantaloni di nuovo duro...Racconto tratto da un'idea di Marte&Venere



--------------------------------------------------------------------------------





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Joseph62 Invia un messaggio
Postato in data: 07/08/2009 19:36:13
Giudizio personale:
Bouna la trama, un pò veloce la sequenza un pò coincitato il raccnto.............la calma è trasgressione mentale anche nalla scrittura.....


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Vibro cuscino fucsia
Vibro cuscino fucsia
Cuscino gonfiabile provvisto di fallo vibrante int...
[Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Set reggicalze e calze nero
Set reggicalze e calze nero
Un accessorio indispensabile per i momenti piu pic...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Kit glamour argento
Kit glamour argento
Set completo di 7 pezzi dal look glitterato.Contie...
[Scheda Prodotto]