i racconti erotici di desiderya

Giovedì


Giudizio:
Letture: 900
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
L’appuntamento è per le 11.30. Avremo tempo sino alle 15.30 circa.

Le istruzioni prevedono che, prima di ricevere la Padrona, io indossi il “collarino” col campanello ai genitali, il collare, ed il guinzaglio.

Sono sempre agitato ed eccitato prima che arrivi la Padrona.

Ho pensato di farLe una sorpresa (a volte le gradisce): la aspetterò nella casetta. Gli accessori indosso, nudo, in ginocchio. Le farò le feste quando arriverà.

E’ all’uscita dell’autostrada. Vado e mi preparo.

Dopo un attimo suona il telefono. E’ Lei, ci sarà il portone chiuso.

Mi saluta allegra, affabile come sempre. “Ho voglia di un caffè”.

Cazzo!!!! Mi sfugge un “ma non posso…….” E mi becco un “COME NON PUOI. NON ESISTE NON PUOI”.

E’ vero, ho detto una cazzata. Posso. Certo.

“Ci vediamo sotto i portici, 5 minuti e arrivo”.

“NON FARE ASPETTARE LA TUA PADRONA”.

Mi sbrigo. Tolgo collare e guinzaglio. Mi rivesto ma naturalmente tengo indosso il collarino e non metto l’intimo. La Padrona non vuole che io indossi l’intimo quando ci vediamo.

Un sorriso cordiale. “Ciao, tutto bene?”

Ci avviamo al caffè e conversiamo del più e del meno.

Poi si va.

La chiave del portone non funziona. Mi fa disperare sta chiave. Mi girano i coglioni a suonare ancora a qualcuno. L’avevo già fatto prima. Ma non posso permettermi di andare a procurarmi un’altra chiave in questo momento. Scelgo un altro condomino e suono. Nessuno. Suono un altro campanello. Apre ancora prima di chiede “chi è”, e ci intrufoliamo di corsa senza dire nulla.

La prima cosa da fare è spogliarsi. Almeno per me. Non posso stare vestito davanti alla Padrona.

E’ splendida vestita di bianco. Sandaletti bianchi (quelli che ho sul cell come sfondo) e calze a rete bianche. Minigonna bianca. Maglietta con zip bianca. Non credo abbia il reggiseno, ma non ne ha bisogno, sinceramente.

Nudo, la saluto come si deve. La abbraccio e Le do qualche bacio. Si ritrae. “Siediti” e mi indica la solita sedia.

All’improvviso compare una benda in seta. Non ci vedo più. Le mani vengono legate alla spalliera della sedia. Abbiamo appena iniziato e sono già inoffensivo; inerme.

Mi passa dietro la schiena, le sfioro le gambe. Lei mi accarezza il torace. Qualche bacio sfiorato.

Si allontana, ma non vedo cosa fa.

Le chiedo. Non risponde.

Sento che toglie le scarpe (peccato, penso io). Ma poi le rimette. Ha tolto le calze e la gonna.

Sento la zip. Toglie la maglietta.

Ora dovrebbe essere nuda.

Mi sfiora, si siede sulle mie ginocchia. E non è nuda. Cosa indosserà? L’avrei scoperto solo molto tempo dopo. Non so come si chiama, ma è una specie di vestaglietta in pizzo. Nera. Sexyssima da vedere e anche da sentire a pelle.

Il cazzo è durissimo. E non potrebbe essere diversamente.

Si side sul tavolo mi porge piedi e sandaletti da baciare e leccare, ed io non risparmio la lingua. Succhio, avido. Infilo la lingua fin dove posso. Mi accarezza i genitali e i capezzoli con i sandaletti. La suola è fredda. Mi manda in visibilio.

Mi “lamento” per il fatto che non posso vederla. Ma non importa.

Usa il mio uccello. Ci gioca. Ci si siede sopra. E’ bagnatissima. Mi bacia. Si alza. Lo succhia e mi fa assaggiare le goccioline che fuoriescono.

“Grazie Padrona”.

Mi accarezza, ma sento che il contatto è diverso dal solito. Con cosa mi tocca? E’ morbido…… non capisco.

Anzi capisco: è un guanto!! Glieli ho visti quei guanti. Li usa per guidare, talvolta. Sublime il tocco con il guanto.

Mi toglie la benda. Si siede sul tavolo davanti a me. 50 centimetri ma non posso toccare né leccare. Soffro.

Si tocca. Col guanto. Si masturba. Si infila dentro un dito guantato. Lo succhia. Me lo fa succhiare. Non resisto più. Credo di non resistere più, perché la tortura è appena iniziata.

Si fa leccare la fica, è molto umida (la fica della mia Padrona secerne molto nettare regale).

Mi slega. Ho le braccia indolenzite, ma non importa: ho potuto leccare e tanto basta.

Mi ordina di mettermi in ginocchio, ed obbedisco. Ma non ho capito: devo mettermi carponi.

Mi sento un po’ ridicolo. Carponi, col guinzaglio al collo……..

“Vieni Bubi, andiamo” Le parole della Padrona mi riportano alla realtà. Sono il Suo cagnolino, e devo seguirla a quattro zampe verso la camera da letto.

Saranno 45 anni che non mi muovo a quattro zampe. Sono un po’ fuori allenamento ma sarà meglio che mi sbrighi. Le ginocchia fanno male, il collare “tira”, ed è bellissimo vedere la Padrona che cammina sui tacchi a spillo davanti a me.

Purtroppo la macchina fotografica fa le bizze. Ha scattato solo due foto (seduto, legato e bendato, stavolta non ancora imbavagliato) poi è andata in tilt. Pazienza. Useremo la camera dei cellulari, anche se la qualità delle foto sarà sicuramente inferiore.

Giunti in camera devo inginocchiarmi ai piedi letto. La Padrona si siede comoda, e mi porge ancora piedi con sandaletti da adorare.

Poi se alza. “Sta lì, fermo, non ti muovere. Ho detto non ti muovere”.

Va in soggiorno e torna con i legacci.

Devo sedermi in fondo al letto. Ai piedi del letto, ovviamente. Non capisco cose vuol fare ma mi adeguo prontamente. Il guinzaglio ce l’ha in mano Lei.

Vengo ancora legato, stavolta a braccia larghe. Almeno sotto il sedere mi ha consentito di mettere un cuscino. Mi vuole bene la mia Padrona.

Mi sono poi rivisto in quella posizione nella foto che mi ha scattato: ero davvero ridicolo ma ……

Si avvicina mi mette la fica a portata di lingua. Capisco e mi ci fiondo. Lecco più che posso perché so che tra poco me la tirerà via.

Mi guarda dall’alto verso il basso (come è giusto che sia).

“Chi sei tu?”

“Il Tuo schiavo, Padrona”

“Chi?!”

“Il Tuo UMILE schiavo, Padrona”.

Sono un verme, ma mi piace e pare piaccia anche a Lei, che è la cosa più importante.

Certo fuori dal letto (eufemisticamente) sono ben altra cosa. E forse anche per questo piaccio alla mia Padrona. Ma lì………

Mi abbandona. Se ne va. Resto solo. “Padrona ci sei?”

Torna e si siede sul comò. Mangia un pezzetto del dolce che ho comprato per il pranzo. Mi guarda. Soffro perché è lontana da me.

Non ha ancora tolto la vestaglietta, ed è bellissima. Le scatto un paio di foto col suo cellulare (che ha lasciato lì vicino ed il legaccio mi consente ancora qualche movimento), nella speranza che poi me le trasmetterà.

Vorrei masturbarmi e con qualche contorsione riesco a prendermelo in mano. Me lo meno. Mi guarda e ride. Ed io sono eccitato (anche la Padrona è eccitata).

Mi slega e mi indica il letto. Ora ci posso (devo) salire e stendermi a pancia (e uccello! Ma non mi diventa mai molle? Mah…) in su.

Si mette a cavalcioni sopra di me. Sta sempre sopra. Una volta l’ho scopata un po’ da “uomo”, non si era sottratta ma avevo notato che mi guardava con un certo sogghigno. Non capivo cosa significasse ma poi me l’ha detto.

“Ora sei contento? Credi di avermi scopata?”

La guardavo e non capivo.

“Certo che Ti ho scopata e mi sembrava che Ti piacesse anche”, risposi.

“Beh, tranquillo. Ho trattenuto l’orgasmo. E adesso leccami e fammi godere”.

Ci sono rimasto di merda.

Tornando ai nostri tempi.

Mi cavalca un po’, su e già. Dentro e fuori. Bello.

Poi si rialza, e si mette in posizione perpendicolare alla mia faccia. Si abbassa e capisco che devo leccare.

Miodiochebello.

“Lappo” come un cagnolino in lungo e in largo, mi soffermo sul clito. Lo succhio.

Gode.

Mi pizzica i capezzoli, li massaggia, li sfiora, li strizza.

Le parlo, e mi zittisce

“Lecca”.

“Sta zitto e lecca”

Godo. Forse la prossima volta aggiungerà “Lecca, schiavo!. Lecca, cane! Etc etc etc” Se vorrà, lo farà. Potrà farlo, se vorrà e se Le piacerà.

Scende a fare un 69 e si rialza.

Gode.

Mi pizzica ancora. Le piace e mi piace. Fa male ma mi piace da morire.

Mi fa ricordare quando, non avendo una Padrona, mi masturbavo mettendo due mollette da biancheria ai capezzoli: Ma così è molto più bello.

Torna a cavalcarmi. Si infila nuovamente l’uccello. Non lo sapevo ancora, ma sarebbe stata un cavalcata lunghissima. E avrei dovuto impegnarmi molto per non venire. Guai se fossi venuto senza ordine della Padrona.

Non sarebbe tanto difficile trattenere l’orgasmo, se Lei non mi torturasse i capezzoli e non mi frustasse col guinzaglio!

Il problema è che mi tortura e mi frusta con molto piacere (prima Suo e poi mio, ovviamente), e ciò mette a DURA prova la mia capacità di resistere.

“Sfrutta il mio uccello. Goditelo. Usami. Sono il Tuo umile schiavo, il Tuo oggetto di piacere”.

Sembra apprezzare le mie parole e mi chiava ancora più forte.

Gode, si vede e si sente.

Chiedo se posso venire ma non ottengo risposta.

Mi chiava ancora, mi pizzica, mi frusta.

Chiedo se posso godere.

“DEVI godere. Ti ordino di godere”.

E godo.

Siamo (sono) stanchi(o). Facciamo sesso da quasi tre ore.

Si stende sul letto. E’ sudata anche Lei.

Due coccole. Un bacino.

Mmmmmmhhhhh come si sta bene.

Confermo.

“Ora puliscimi”.

Cerco i fazzolettini. Assurdo. Basta un’occhiata e capisco: la Padrona va pulita con la lingua, non con i fazzolettini.

Devo ancora imparare, ma imparerò. La Padrona dice di essere anche Lei una principiante. Non ho motivo per non crederLe, ma devo dire che sta imparando molto alla svelta.

Dobbiamo ricollegarci al mondo. Sono le 15.00.

Mangiamo insieme la pizza che ho comprato e quel che resta dei dolcetti.

Si torna in ufficio.

Speriamo che mi mandi le foto. E me la ha mandate.

Un messaggio mentro sto scrivendo. E’ Lei. “Stai bene?”

“Sto facendo il compitino”.

“Bravo. Ce l’hai duro?”

“No, Padrona. Ma a sentirTi così vicina…..”



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Sissi69 Invia un messaggio
Postato in data: 25/06/2007 18:03:35
Giudizio personale:
Bello!!!
...ehm... invidio un po\' la tua padrona!

Autore: Belgioco Invia un messaggio
Postato in data: 25/06/2007 13:33:47
Giudizio personale:
Non ho parole.


Webcam Dal Vivo!