i racconti erotici di desiderya

Carla +cuck


Giudizio:
Letture: 3876
Commenti: 7
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
SIA IO CHE FRANCO,MIO MARITO, CI RENDEVAMO CONTO CHE IL LATO SESSUALE CI PRENDEVA SEMPRE PIU' E CHE NON CI BASTAVANO PIU' INCONTRI EPISODICI.

AVEVAMO ENTRAMBI SMANIA DI SEMPRE NUOVE ESPERIENZE.

CAPITO' CHE FRANCO DOVESSE ANDAR FUORI PER 2 GIORNI.

PRIMA DI PARTIRE MI DISSE CHE AVREBBE AVUTO PIACERE SE, IN SUA ASSENZA, FOSSI ANDATA FUORI DA SOLA A CERCAR DI SEDURRE QUALCUNO CHE MI PIACESSE.

VOLEVA SOLO CHE AL SUO RITORNO GLI RACCONTASSI TUTTO QUANTO SUCCESSO,NEI MINIMI PARTICOLARI.

PRESA DA GRANDE ECCITAZIONE DECISI DI USCIRE LA SERA STESSA.

MI VESTII IN MODO SOBRIO MA UGUALMENTE SEXY:TAILLEUR AL GINOCCHIO MOLTO FASCIANTE SUI FIANCHI E SUL CULO.CAMICETTA BIANCA CON SOLO DUE BOTTONI APERTI,QUANTO BASTAVA PERO'PER FAR IMMAGINARE DUE TETTE GRANDI E SODE.

MI FERMAI IN UN BAR DEL CENTRO PER UN APERITIVO E SUBITO FUI AVVICINATA DA UN GIOVANE MAGRO, BELLINO, DISTINTO,IL QUALE DOPO QUALCHE CHIACCHIERA MI INVITO' ALLA SUA CASA DI SINGLE PER MANGIARE QUALCOSA.

NON ASPETTAVO ALTRO, PER CUI ACCETTAI CON PIACERE.

DOPO DUE GIORNI TORNO' MIO MARITO AL QUALE AVEVO DETTO TELEFONICAMENTE DELLA COSA MA CHE FREMEVA PER CONOSCERNE I PARTICOLARI.

GLI DISSI CHE UNA VOLTA IN CASA, IL GIOVANE MI AVEVA SPOGLIATO COMPLETAMENTE FACENDO ANCHE LUI ALTRETTANTO.

AVEVA UN CORPO CHE,TRANNE CHE AL PUBE,ERA COMPLETAMENTE GLABRO,SENZA PELI.

CI BACIAMMO A LUNGO,GLI SUCCHIAI I CAPEZZOLI,LECCAI IL PETTO E L'ADDOME FINO A PRENDERGLI IN BOCCA IL CAZZO ORMAI GIA' IN EREZIONE.

MI CHIESE DI METTERMI INGINOCCHIATA E DI PIEGARMI IN MODO TALE DA MOSTRARGLI FICA ED ANO.

INTINSE UN DITO NEGLI UMORI DEL MIO SESSO E LO INFILO' NEL CULO ALLARGANDOLO IN MODO DA POTER ACCOGLIERE IL SUO CAZZO.

UNA VOLTA DENTRO MI POSSEDETTE CON CALMA,CON UN ANDIRIVIENI CHE DURO' ALMENO 20 MINUTI.

ALLA FINE GODEMMO CONTEMPORANEAMENTE CON GRANDI GEMITI DI PIACERE.

CI LAVAMMO ENTRAMBI ED IO PENSAVO CHE L'INCONTRO FINIVA LI'.

INVECE SI ASSENTO' UN ATTIMO ED AL RITORNO MI DISSE:ORA FAI A ME QUEL CHE TI HO APPENA FATTO.

MI PORSE UN FALLO DI GOMMA SCURA,ME LO FECE ALLACCIARE IN VITA E METTENDOSI ALLA PECORINA MI DIEDE UNA CREMA DICENDO:SPALMALA SUL MIO BUCO PERCHE' IL TUO CAZZO E' BEN PIU' GRANDE DEL MIO.

ERO STUPEFATTA ED ECCITATISSIMA PERCHE'SAPEVO DELL'ESISTENZA DI QUESTI AGGEGGI,MA INDOSSARLO E SODOMIZZARE UN UOMO ERA VERAMENTE SUPERIORE AD OGNI MIA IMMAGINAZIONE.

IL SUO CULO LISCIO SI MOSTRO'MOLTO ELASTICO ED ACCOLSE IL CAZZONE CON MENO PROBLEMI E DOLORE DI QUANTO IO PENSASSI.

UNA VOLTA INFILATOGLIELO,GLI POGGIAI LE MANI SUI FIANCHI E CONTINUAI AD IMPALARLO CON COLPI SEMPRE PIU' DURI.

NOTAI CHE IL CAZZO GLI SI RIZZAVA SEMPRE PIU' MAN MANO CHE ACCELERAVO LE SPINTE ED ALLA FINE, SENZA NEANCHE TOCCARSELO, SBORRO' SUL PAVIMENTO TUTTO IL SUO PIACERE.

MENTRE RACCONTAVO QUESTI PARTICOLARI,MIO MARITO CHE GIA' DA UN BEL PO' SI TOCCAVA IL CAZZO,ACCELERO' I COLPI DICENDOMI:SEI UNA TROIA FAVOLOSA,VOGLIO PROVARE ANCH'IO IL PIACERE CHE HAI FATTO PROVARE A QUEL RAGAZZO.

E COSI' DICENDO, CON GLI ULTIMI COLPI,FECE SGORGARE FUORI A FIOTTI TUTTO LO SPERMA CHE GLI SI ERA ACCUMULATO DENTRO.

IL POMERIGGIO SEGUENTE ANDAMMO INSIEME IN UNA CITTA' VICINA DOVE,CI AVEVANO DETTO, C'ERA UN SEXSHOP MOLTO BEN FORNITO.

CI GUARDAMMO UN PO'IN GIRO FINCHE' SI AVVICINO' UNA COMMESSA PER SAPERE A QUALE TIPO DI ARTICOLO FOSSIMO INTERESSATI.

VORREMMO UN PAIO DI FALLI DI DIFFERENTE GRANDEZZA,DISSI IO SORRIDENDOLE IN MODO COMPLICE.

LA BRUNETTA' TORNO' DOPO PO' E CI MOSTRO' DUE CAZZI DI GOMMA NERI DI DIMENSIONI SUPER E RIVOLGENDOSI A ME CON UN RISOLINO:SONO DUE STRAP-ON DI GRANDE QUALITA' E DI SICURA EFFICACIA,LE FACCIO VEDERE COME SI INDOSSA.

SE LO SISTEMO' BENE DAVANTI,LO ALLACCIO' IN VITA,LO CAREZZO' LUNGO TUTTA L'ASTA E RIVOLGENDOSI A FRANCO CON UN RISOLINO AGGIUNSE:QUESTI STRAP-ONE VANNO A RUBA,PERCHE'VENGONO UTILIZZATI SIA TRA DONNE CHE DALLE DONNE CON GLI UOMINI.

RIENTRAMMO IN CASA ENTRAMBI ECCITATISSIMI.

IO MI SPOGLIAI IN FRETTA,AVEVO LA FICA BAGNATISSIMA,MI STESI SUL LETTO E MI PIANTAI IL PIU' GROSSO TRA LE COSCIE.

ERA UNA MAZZA DI DIMENSIONI ENORMI,MA LA MIA FICA ERA APERTA E LUBRIFICATA A TAL PUNTO DA ACCOGLIRLO PER INTERO.

MI SENTIVO DILATATA AL MASSIMO ED EBBI UNA SERIE DI SPASMI CHE PRECEDETTERO L'ORGASMO FINALE.

FU BELLISSIMO.

FECI POI SPOGLIARE FRANCO,LO MISI A PECORA E LO UMETTAI CON LA SALIVA E INFILAI NEL CULO L'INDICE FINO A META',INIZIANDO NELLA MANOVRA DI ALLARGAMENTTO CHE CONTINUAI INSERENDO ANCHE IL DITO MEDIO.

SI LAMENTO' PER IL DOLORE MA MI PREGO' DI CONTINUARE.

INFILAVO E SFILAVO,DENTRO E FUORI FINCHE' MI ACCORSI CHE LE DUE DITA ERANO BEN ACCOLTE.

ALLORA MI LEGAI IN VITA IL FALLO MENO GROSSO.

PENSAI:QUESTO NON GLI ENTRERA' MAI E,SE PURE DOVESSE SUCCEDERE, GLI ROMPERA' IL CULO NEL SENSO PIU' LETTERALE DELLA PAROLA.

PRESI ALLORA DELLA POMATA ANALGESICA PER ATTUTIRE IL DOLORE E GLI LA SPALMAI IN ABBONDANZA.

POGGIAVO IL GLANDE,FORZAVO UN POCHINO,MA DOVEVO FERMARMI,METTERE ALTRA POMATA E RIPRENDERE CON ACCORTEZZA.

DOPO UNA DECINA DI TENTATIVI,MI ACCORSI CHE L'ANO,ORMAI APERTO AL MASSIMO,RIUSCIVA A FARNE ENTRARE LA PUNTA.

TIRA IL FIATO, GLI DISSI,E CON UN COLPO SECCO GLIE NE AFFONDAI DENTRO MEZZA ASTA.

EMISE UN URLO BESTIALE PER IL DOLORE .

MI FERMAI PENSANDO FOSSE MEGLIO RINUNCIARE,QUANDO LUI MI DISSE:NON TI MUOVERE,FAMMI CALMARE UN ATTIMO LA FITTA E POI RIPRENDI CON CALMA SENZA FERMARTI,PERCHE' LO VOGLIO TUTTO.

RIPRESI DOPO QUALCHE MINUTO,ORA MUGOLAVA DI PIACERE OLTRE CHE DI DOLORE,SPINGEVO GIU',LO RITIRAVO QUASI TUTTO FUORI LASCIANDOGLI DENTRO SOLO IL GLANDE E,VIA,DI NUOVO TUTTO DENTRO.

VEDERLO COSI' IN MIA BALIA,IL SODOMIZZARLO COME MEGLIO CREDEVO,MI DAVA UNA ECCITAZIONE INCREDIBILE.

LUI DEL RESTO AVEVA UN CAZZO IN MASSIMA EREZIONE PRONTO A SBORRARE DA UN MOMENTO ALL'ALTRO.

NON TARDO' CHE IO EBBI UN ORGASMO INASPETTATO E DOPO UN PO' ANCHE LUI VENNE SUL PAVIMENTO EMETTENDO SOSPIRI DI GODIMENTO MAI SENTITI.

A QUEL PUNTO ESTRASSI IL CAZZO DAL SUO CULO E DISSI:LO HAI VOLUTO,TE L'HO DATO,HAI GODUTO COME UN PORCO,ORA PRENDILO E PULISCILO CON LA BOCCA.

NON INDUGIO' UN ATTIMO,SI AVVICINO' ANCORA INGINOCCHIATO,LO PRESE IN MANO E LO SPOMPINO'.























------------------------------------------------------



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: AlexLazio Invia un messaggio
Postato in data: 30/07/2015 17:25:54
Giudizio personale:
bello

Autore: Iltromba Invia un messaggio
Postato in data: 30/08/2007 11:14:14
Giudizio personale:
very good

Autore: Casanova1956 Invia un messaggio
Postato in data: 14/07/2007 19:11:19
Giudizio personale:
come vorrei essere al posto di suo marito

Autore: Iovalerio Invia un messaggio
Postato in data: 15/04/2007 21:03:06
Giudizio personale:
complimenti x la scarsa fantasia...potevi inventarne un\'altra

Autore: Fenomeno70 Invia un messaggio
Postato in data: 14/04/2007 16:30:58
Giudizio personale:
bella cosa.............

Autore: Lolalove_2006 Invia un messaggio
Postato in data: 14/04/2007 14:39:23
Giudizio personale:
bella storia anche a me l\'hanno fatto le lei delle coppie

Autore: Rhumepera Invia un messaggio
Postato in data: 14/04/2007 10:24:05
Giudizio personale:
il finale non mi è piaciuto, mi sarei aspettato che dopo aver goduto lui, avrebbe voluto godere lei!!!!!!!!!!!!!!!

Rileggi questo racconto Esprimi un giudizio su questo racconto Leggi gli altri racconti

Webcam Dal Vivo!