i racconti erotici di desiderya

Ancora uno sprtz, grazie

Autore: Fantasypervoi
Giudizio:
Letture: 558
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Ancora uno spritz, grazie

Guardo la gonna rossa muoversi senza ritegno nel tentativo disperato di seguire i tuoi scatti nevriti.
Tutti i giorni vengo a prendere l’aperitivo in questo bar del centro per godermi la danza erotica che involontariamente provochi spostandoti per i tavoli da servire.
Un sorriso disarmante su una lieve pronuncia straniera.
Cerco d’immaginare la tua storia, mentre, t’avvicini;
- Il solito?
- Sì certo, il solito…
Sorrido al pensiero che io, non ho mai avuto un “solito.”
Tra poco tornerà con uno spritz corretto con campari e mi lascerà le solite patatine di contorno.
Quel giorno, la prima volta che l’ho vista, ho ordinato uno spritz e quello, è diventato il “ solito”
Elena di San Pietroburgo, la ragazza dell’est che si mantiene l’università facendo la cameriera.
Guardo il piccolo grembiule che cerca di proteggere le sue forme piene, mentre, torna sorridendo.
- Vuoi qualcosa d’altro?
Certo che lo vorrei, ma non credo sia il momento giusto per chiederlo: deglutisco, affogando il mio desiderio nello spritz…
- Per ora sono a posto, magari dopo…
Ho sentito un calore intenso salire dal basso ventre, quando ho detto quella frase, chissà se ha sorriso per quello, o solo perché lo fa d’abitudine.
- Allora passo dopo…
Il “tu”, è stato spontaneo sin dalla prima volta, come il desiderio d’averla.
S’accarezza con civetteria i lunghi capelli biondi e si gira verso un altro tavolo dandomi un ulteriore dolce dolore sessuale: vedere i suoi fianchi larghi e quel sedere pieno, è un colpo basso per la mia libido.
Con il bicchiere in mano sospeso a mezz’aria, cerco d’immaginarla, mentre si spoglia e s’adagia oscenamente su un letto, o meglio ancora, mentre si piega sul mio divano di pelle nera, alzando le natiche nude, con lo sguardo girato ad incrociare i miei occhi.
Niente parole…
Solo sguardi.
- Non bevi?
La realtà torna prepotentemente.
Sono ancora con il bicchiere in mano, pieno dell’intruglio che ho ordinato, il ghiaccio si è sciolto.
Gli sguardi s’incrociano: cerco d’uscire da questa situazione imbarazzante.
- Stavo pensando e mi sono perso nelle mie fantasie…
- Bello fantasticare, ma, la realtà, è più piacevole…
Questa volta gioca con le mani nervosamente e il suo sguardo e penetrante, troppo penetrante.
Lanciati Maurizio, non perdere l’attimo fuggente…
Qualcuno da dentro il bar la chiama;
- Arrivo!
Risponde contrariata;
- Passo dopo a vedere se hai bisogno d’altro…
Dio, come vorrei che quella frase lasciata cadere ad arte, possa avere lo stesso significato che voglio io...
Vorrei slacciare quella camicetta bianca che nasconde il suo seno, accarezzare piano la pelle e goderne ogni centimetro e, vorrei scendere alla gonna per farla scivolare piano per poi riportarti sul mio divano nero per ricominciare da dove ci siamo fermati…
Ti seguo nei tuoi movimenti lavorativi, mentre, fantastico su come ti possiedo.
Nessuno può fermare il mio desiderio mentale.
Mi sembra di vedere le tue labbra strette attorno al sesso: immagino i gemiti…
Sono fuso, completamente fuso…
Ingurgito un sorso di spritz per calmare i miei bollenti spiriti, ma il risultato che ottengo, è esattamente l’opposto; lei, vede il bicchiere vuoto e torna al mio tavolo a ricordarmi il desiderio.
Sfacciatamente bella nella sua innocenza, oppure, sfacciatamente provocante nella mia stupidità ottusa.
Ho l’età della ragione e la voglia del ragazzo.
- Hai deciso se vuoi qualcosa d’altro?
La guardo, entro dentro di lei, sento il ticchettio del cuore che salta qualche passaggio;
- Vorrei te, credi sarà possibile ordinarne un tot che non mi faccia male?
Sorride: un sorriso solare pieno di gioventù e simpatia, di quei sorrisi che t’ammaliano e ti stendono, qualsiasi significato abbia;
- Non c’è bisogno che ti ubriachi di spritz per chiedermi di uscire: da noi gli uomini sono molto più decisi, ma, anche molto più freddi…credevo non me l’avresti mai chiesto, eppure, ho fatto di tutto per farti capire che mi piacevi.
- Ho fatto proprio la figura del pirla, vero?
Chiedo abbacchiato e demoralizzato dalla mia deficienza mentale;
Mi guarda;
- Che carino che sei, quando arrossisci…
Sprofondo nel mio imbarazzo: vorrei sparire sotto il tavolo, insieme alla mia eccitazione nascosta dai pantaloni.
- Alle Nove smonto, se mi dai il tempo di mettermi un poco a posto, poi, vengo volentieri a mangiare una pizza con te.
Immagino la tua bocca che si apre per un pezzo di pizza, poi la immagino sul mio sesso e mi perdo di nuovo nel mio erotismo;
- Allora?
- Certe, alle nove sono qui, non vedo l’ora!
- Si, ma per ora, è solo una pizza.
- Certo, solo una pizza…
Cerco di restare impassibile, mentre, la fantasia vola sul suo corpo anticipando quello che spero sarà futuro…






giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Rotterdam19 Invia un messaggio
Postato in data: 11/02/2011 09:11:05
Giudizio personale:
Se questa è " l''età della ragione"...Sartre non aveva capito un cazzo!
Carino...e solare.


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
Galaxia smoothy probe viola
Galaxia smoothy probe viola
Doppio dildo in morbido jelly semitrasparente fles...
[Scheda Prodotto]
In: Sexy party
Cannucce sexy da cocktail 6pz vari colori
Cannucce sexy da cocktail 6pz vari colori
Cannucce divertenti per feste compleanni e ricorre...
[Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Fukuoku guanto massaggiante destro nero
Fukuoku guanto massaggiante destro nero
Fukuoku Five Finger: guanto da massaggio a vibrazi...
[Scheda Prodotto]