i racconti erotici di desiderya

Alla costa dei barbari 5


Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 3
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Alla costa dei barbari 5

Qualche giorno dopo, come da accordi presi in spiaggia, il “secco” si presentò a casa nostra. Io, la sera prima, avevo preparato un pranzetto gustoso e piccantino in modo da non doverci pensare quando il secco sarebbe venuto ed essere completamente liberi di divertirci con lui, ma nel contempo avere la possibilità di rifocillarci alla bisogna.

Ci prendemmo un caffè e poi ci dirigemmo, immantinente in men che non si dica, in camera da letto per dare il via alle danze erotiche. Sia io che Monica eravamo eccitati e vogliosi,, non vedevamo l’ora di spogliarci e farci possedere da quel magnifico, grandissimo chiavatore.

Giunti in camera ci spogliammo, quasi con frenesia, e non appena il secco fu nudo Monica si fiondò sul suo cazzo, iniziando a suggerlo in maniera vorace. Io, guardandoli iniziai a masturbarmi e, inchinatomi dietro a Monica, iniziai a leccarle la fica arrivando sino al buco del culo. Il secco allontanò la bocca di Monica, si distese, l’attirò su di se e la fece impalare sul suo cazzo dicendole: “Eccolo, prenditelo e giocaci come meglio ti aggrada.” Lei si posizionò sopra di lui e si impalò, aggiustandoselo tutto con rapidi movimenti delle natiche; rimase ferma per un bel po’, gustandoselo fino in fondo. Quindi… dopo una decina di minuti… iniziò un sali e scendi su quello splendido totem che la portò, in breve, ad emettere suoni disarticolati per il piacere che provava. Io, dietro di lei, iniziai a stuzzicarle il buco del culo e, prendendo un po’ di Luan, a massaggiarglielo ed allargarlo con calma, arrivando ad infilarle tre dita nel culo che andai a divaricare per aprirla meglio. Il secco, intanto, le aveva preso in mano i seni e glieli stava pastrugnando, torturandoglieli e stringendole i capezzoli, tanto che lei iniziò, per il piacere che le stava procurando, a godere scuotendo la testa e urlando “ Sì, così,… mi fai impazzire….” E schizzò fuori dalla fica un fiotto di densa crema che sembrava quasi sperma. E si accascio sul petto del secco, una massa inerte e disarticolata. Nel mentre io non mi ero fermato dal masturbarle l’ano, pratica che, pur nella sua goduria, aveva dimostrato di gradire.

Era pronta, perciò, per il secondo atto. Il secco si sfilò da sotto a lei. La fece distendere sul letto (lei era ancora semincosciente per il piacere provato) le salì sopra e…. se la inculò. Una volta penetratala completamente, si fermò aspettando di cogliere qualche segno di vita ma vista la mancanza di reazione da parte di lei iniziò ad incularla, lentamente, con pazienza, senza fretta, colpi lunghi e successiva estrazione quasi totale, affondando nuovamente in maniera completa.

Dopo una decina di minuti di questa pratica lei iniziò a dare segni di riaversi, mugugnando parole senza senso inframezzate da qualche “Sì… così… ancora… Dio che bello..” Iniziò anche ad agitare un po’ il culo, andando ancor più incontro al cazzo che la stava possedendo. Il secco aveva iniziato ad accelerare i colpi, affondandoli ancor più, portandola a chiedere di farla godere. Infilai la mano sotto di lei ed iniziai a sgrillettarle il clitoride, e ben presto la portai a godere urlando “sìììì… mi state facendo impazzire…. Godoooo …. Ancora… continuate…. Ecco… vengoooo … o mio Dio, mi state facendo morire… “ e svenne !

Il secco uscì dal suo culo e le godette sulla schiena, spalmandole la sborra addosso ! Una quantità incredibile ! Io ero eccitato da matti e mi fiondai sul suo cazzo per succhiare e leccare gli ultimi schizzi che stava emettendo, assaporando con gusto il suo piacere, cosa che lui gradì molto. Io rimasi con il suo cazzo in bocca, cercando di farglielo rimanere turgido. In questo il secco era incredibile: non gli si ammosciò neanche un po’ e dopo qualche minuto iniziò a chiavarmi in bocca come se non avesse appena goduto. Pazzesco ! Io ero al settimo cielo: iniziai a succhiarglielo voracemente ma, ad un certo punto, lui mi fermò dicendomi: “Succhi divinamente ma non ti voglio godere così…. Devi sottostare anche tu alla legge del cazzo e… farti inculare.” Immediatamente smisi di succhiarglielo e mi posizionai spalle al letto, rialzando le gambe che lui si mise sulle spalle, e offrendogli il mio culo che lui, prendendo un po’ di crema che avevo appoggiato sul comodino, mi lubrificò per bene e quando capì che ero pronto, guardandomi fisso negli occhi, mi disse: “ Ecco, bella troietta, ora ti faccio mia…” e me lo infilò tutto dentro in un colpo solo. Poi si fermò gustandosi il mio cercare di recuperare il fiato ed il mio contrarre lo sfintere. Quando fu certo, dalle pulsazioni del mio retto, che mi ero abituato alla penetrazione e non sentivo più dolore, iniziò ad incularmi con un lento va e vieni che mi portò quasi alla pazzia poiché avevo iniziato a bramare una maggior penetrazione, ad essere posseduto come la troia qual ero. Invece continuava con il suo lento andirivieni, facendomi agognare di sentirlo godere, di riempirmi completamente con la sua sborra. Andò avanti così per una buona mezz’ora, mandandomi fuori di testa al punto che avevo iniziato a dirgli “Godi, ti prego… riempimi… fammi tua..” Ma lui, sadicamente, (d’altronde aveva goduto poco prima) faceva orecchie da mercante e continuava ad incularmi allo stesso ritmo. Monica, nel frattempo, si era riavuta e lo aizzava a continuare ad incularmi senza ascoltare le mie proteste ed aveva iniziato a torturarmi i capezzoli, aumentando così il mio stato di erotizzazione. Stavo dando i numeri. Mentre lo faceva si girò verso di lui e lo baciò, infilandogli in bocca tutta la lingua e duellando con la sua, ma così facendo provocò in lui una scossa che lo portò a godermi dentro riempiendomi con un clistere di sborra.

Finalmente !! Dovette fermarsi per riuscire a scaricare tutto ciò che aveva nelle palle. Io ero esausto ma sazio ! Come avevo sentito che si stava scaricando dentro di me avevo iniziato anch’io a godere, con schizzi lunghi ed abbondanti, che mi erano ricaduti addosso ma avevano colpito anche lui sul mento. Ci fermammo a riprender fiato e Monica andò a prendere una spremuta per dissetarci un po’.

Dopo una mezz’ora mi accorsi che il compagno di giochi del secco dava ampi segni di risveglio e lui incominciava ad essere irrequieto: aveva iniziato a palpare Monica in maniera possessiva e la stava sgrillettando.

La fece rialzare e la portò nuovamente in camera da letto facendomi cenno di seguirli. Lì giunti mi fece distendere sul letto, ordinò a Monica di farmelo rizzare e, una volta soddisfatto del risultato, la fece impalare sul mio cazzo piegandola verso di me. In quella posizione il culo di Monica si offriva in bella vista ai suoi desideri e dicendomi “Tu hai una culo splendido, ma quello della tua donna mi attizza da morire”… le umettò il buco del culo con della pomata e, una volta contento del risultato, la inculò in un’unica mossa. Mi trovai, così, ad incontrare attraverso il sottile velo divisorio tra culo e fica, con il cazzo del secco.

Una sensazione particolare che Monica sembrò gradire moltissimo. Ce la fottemo a grandi colpi, tanto da farla biascicare “Così… fottetemi…. di più… ancora…ancora… di più…. Dio che bello…. Mi fate impazzire…. Non vi fermate… continuate… più forte…. Ecco, così…. Godoooo…. Godooo…”

E le sborrai dentro, mentre il secco, come un martello, continuava a stantuffarla, a non darle tregua, infaticabile, insaziabile. Monica godette senza limiti di continuità, ululando tutto il suo piacere, senza fermarsi. Godeva e… continuava a godere, senza sosta. Quando sentì di averla portata al limite… godette anche lui, scaricandole nel culo una cascata di sborra. Ristette per un po’, ancora ben turgido dentro di lei e poi….. le pisciò nel culo facendole assaporare un nuovo piacere che la portò ad urlare “Oh mio Dio… non avevo mai provato una cosa così !” … Ma nel contempo la fece scattare e correre in bagno per liberarsi.

Al suo ritorno decidemmo che era ora di mangiare qualcosa. Pertanto ci mettemmo a tavola ad assaporare ciò che avevo preparato la sera prima, il tutto accompagnato da uno splendido vinello (un Gutturnio, un po’ frizzante, che ben si accompagnava). Prendemmo il caffè, ci fumammo una sigaretta e poi io e Monica ci guardammo negli occhi e capimmo che avevamo ancora voglia del secco. Lui si era goduto i nostri sguardi ed aveva capito perfettamente che era lui il nostro padrone, che ci aveva in pugno e poteva fare di noi ciò che meglio gli aggradava. Eravamo succubi dell’erotismo che sapeva trasmetterci e che ci condizionava.

Perciò si alzò da tavola e mise il suo attrezzo (che era già in erezione) davanti al volto di Monica dicendole: “questo è il tuo dolce di fine pasto. Assaporalo per bene !” E nel contempo mi invitava ad avvicinarmi e, una volta vicino a lui, mi metteva< una mano sulle chiappe ed iniziava a masturbarmi il culo mentre mi baciava. Come ebbi già modo di dire, pur nella sua bruttezza emanava un erotismo pazzesco e, a quel punto, baciarlo era una cosa normale. Tra l’altro… sapeva baciare come sapeva scopare. Un maestro. Monica gli stava succhiando il cazzo mettendoci tutto il suo sapere in fatto di bocchini e nel farlo, stando ancora seduta a tavola, si stava sgrillettando a spron battuto, mugugnando dal piacere.

Nel mentre, con l’altra mano, gli stava stuzzicando lo sfintere, cosa che lui dimostrò di gradire, riuscendo ad infilargli almeno un dito e portandolo a goderle in bocca senza che lei se ne facesse scappare una goccia. Il tutto lo percepii attraverso i suoi baci che mi fecero sentire tutto il suo piacere.

Una volta goduto mi lasciò andare per rifiatare ed io potei baciare Monica per assaporare un po’ dello sperma del secco. Che libidine ! Eravamo tutti ad uno stadio pazzesco di erotismo, di goduria e di lussuria. Avevamo superato ogni limite e il livello al quale eravamo giunti non ci bastava più ma…. c’era uno stadio ancor più avanzato ?

Dimostrando una volta di più di essere una vera e propria macchina sessuale, il secco ritornò, in breve, in erezione reclamandomi come sua prossima vittima sacrificale e prendendomi e spingendomi dal culo, mi riportò in camera da letto dove mi fece distendere, posizionò le mie gambe sulle sue spalle, prese dal comodino un po’ di Luan, me lo spalmò per bene dentro e fuori il mio culo, si posizionò in maniera acconcia tra le mie gambe e…. me lo infilò con un unico movimento in avanti, facendomi fare una grossa inspirazione. Dio… che bello sentirsi penetrare da quello splendido cazzo, usato a dir poco in maniera sublime. Ristette per qualche minuto dentro di me per darmi il tempo di assuefarmi all’intrusione e godermelo tutto, poi…. iniziò con un lento va e vieni, come sua consuetudine, per farmi desiderare di essere posseduto.

Dopo una decina di minuti di questa tortura ero già pronto ad urlargli di possedermi più a fondo, in maniera più energica, ma avendo capito che era questo ciò a cui aspirava (sentirmi pregare di essere posseduto, di farmi sua) mi trattenni per non dargli soddisfazione, ma era dura. Mi stava portando alla pazzia, ero una bambola di pezza tra le sue mani. Monica, nel frattempo, aveva avuto una bella pensata: visto che prima, mentre lo stava sbocchinando, era riuscita a stimolarlo ed a infilargli un dito nel retto, si era munita, senza che lui la vedesse, di uno strap-on che le avevo regalato tempo prima per usarlo nei nostri giochi e preso del Luan aveva iniziato a massaggiargli il retto, stimolandolo ed insinuandogli pian piano prima un dito e poi anche un secondo senza che lui dimostrasse fastidio. Anzi… aveva iniziato a fottermi in maniera più decisa, sembrava che la cosa lo stimolasse. Una volta che lo ebbe stimolato per bene gli si avvicinò e, pian piano, dopo avergli allargato le natiche come per guardargli il buco, gli si avvicinò, gli appoggiò lo strap-on al buco, facendo finta che fosse di nuovo un dito e poi….. glielo infilò in un colpo solo. La cosa si ripercosse nel mio culo, poiché fece un salto in avanti che quasi mi sfondò. Per un attimo respirò a fondo, fermo, poi senza dire ne “Hai… ne Bai “ riprese ad incularmi in modo sostenuto, nel mentre Monica, adattandosi al suo ritmo, lo inculava brutalmente.

Fu così che, dopo un po’, iniziò a digrignare i denti, a dire “Mi stai facendo impazzire!” e dopo qualche altro momento urlare “Godoooo… oddio come godooo…. Bestiale… non ho mai goduto tanto…” iniziando a scaricarmi in culo una sborrata pazzesca, un vero e proprio torrente in piena che mi portò a godere anch’io e schizzare tutto il mio nettare sul letto. Monica continuò a chiavarlo ancora per qualche momento finché non godette anche lei, ma rimanendo ancora ben infissa dentro di lui.

Passati dieci minuti finalmente quel groviglio di corpi si sciolse, Monica uscì da lui, lui da me e ci distendemmo sul letto a riprender fiato.

Alla fine… ci guardammo negli occhi e…. quasi contemporaneamente ci dicemmo “Cazzo… che goduta… non avevo mai goduto tanto !”

Andammo a farci una doccia e ci ripromettemmo di riprovarci quanto prima.

P.S.: Graditi commenti, anche sui racconti da me già pubblicati. Grazie



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Bobo45sex Invia un messaggio
Postato in data: 16/05/2017 00:15:43
Giudizio personale:
sono senza fiato, e senza parole... leggendo la tua storia ho il cazzo che mi scoppia... sei unico!
bravo, bravissimo...

Autore: Ladybutterfly Invia un messaggio
Postato in data: 28/01/2017 10:41:41
Giudizio personale:
A dir poco stupendo..

Autore: Coppiasicilybull Invia un messaggio
Postato in data: 26/01/2017 11:27:58
Giudizio personale:
Stupendo...


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Coadiuvanti
Multi orgasmus + anello 2pz
La giusta combinazione tra piacere e prevenzione c...
Prezzo:7.05 7.05
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Coadiuvanti
Fistan acqua e silicone 150ml
Fistan e un eccellente lubrificante intimo a base ...
Prezzo: € 18.50
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sexy party
Ricarica da 60 euro
Acquistando la ricarica limporto verra automaticam...
Prezzo: € 60.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sexy party
Cannucce da cocktail 4pz
Cannucce molto divertenti da usare per sorseggiare...
Prezzo:10.53 10.53
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Bridget big boob
Bionda super tette tre fori stretti della lussuria...
Prezzo: € 41.33
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Body aperto fasce orizzontali nero
Body molto sexy che puoi trovare solo nel nostro s...
Prezzo: € 24.70
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Nipple sucker viola
Pompette per capezzoli in morbida gomma. E suffici...
Prezzo: € 14.09
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Manette di perle bianco
Polsini elastici di perle molto pratiche da indoss...
Prezzo: € 30.88
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Parrucca corta mora
Bellissima parrucca in colore nero con taglio a ca...
Prezzo: € 46.41
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Coadiuvanti
Lick jelly ciliegia 50ml
Gustoso gel per rapporti orali. Puo essere utilizz...
Prezzo: € 14.90
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sexy party
L arma
Un romanzo Eroxe di Kolakovic. Unarma che porta la...
Prezzo:10.53 10.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Lelo tara massaggiatore intimo nero
Il massaggiatore per coppie rotante da indossare d...
Prezzo: € 129.00
[Leggi Scheda Prodotto]