i racconti erotici di desiderya

Al cine, storia assolutamente vera.

Autore: Robysxtv
Giudizio:
Letture: 2494
Commenti: 4
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Avevo 25 anni allora, ero giovane, spensierato, ingenuo e comunque desideroso di scoprire la vita. Avevo già frequentato quel cine a luci rosse ma, nonostante avessi notato dei movimenti strani dietro l’ultima fila della platea, non avevo mai avuto il coraggio di girarmi e guardare esattamente cosa succedesse, e tantomeno non avevo mai pensato di fermarmi li, appoggiato a quel muro, aspettando che succedesse chissacchè. Anzi, a dire il vero, il solo pensiero di essere avvicinato da uno sconosciuto mi spaventava o mi suscitava ribrezzo.

Quella sera non sapevo cosa fare, era un mercoledì di primavera, non avevo voglia di stare a casa e quel maledetto esame di diritto mi stava stremando, così decisi di fare un salto al cinema. Ricordo che non guardai nemmeno come si intitolava il film, tanto...che differenza faceva. Erano le 20 o 20.30. Entrai in sala e non c’erano che poche persone. Il film era già iniziato. Restai seduto per circa 10 minuti ma non trovavo pace allora decisi di salire al piano superiore. Una volta sopra mi sedetti in ultima fila, tanto, non c’era nessuno. Così mi rilassai e cominciai a sognare di essere il protagonista del film. Le attrici erano belle, bei corpi, belle labbra e prendevano il cazzo in tutte le posizioni possibili. Ma la cosa che mi eccitò di più fu che le vicende narrate dal film, o meglio, le situazioni, erano verosimili. Ecco perche’ gli ormoni cominciarono a circolare ad una velocità straordinaria e in men che non si dica mi ritrovai con l’uccello in tiro. Ad un tratto una coppia si sedette sulla fila davanti alla mia, un pò a destra. La posizione era tattica, ma io ero ancora innocente e non ci feci caso. In modo apparentemente naturale, la figura, che poi scoprii essere la lei di coppia, appoggiò la mano sullo schienale della poltrona esattamente davanti a me, come se volesse rilassarsi. Ma io ero concentrato sul film, troppo concentrato e non interpretai in nessun modo quel gesto!! Succedesse ora non resterei inerte. Ma forse fu proprio la mia inamovibilità che spinse la coppia a prendere coraggio. Fatto sta che la mano finse di cadere accidentalmente all’indietro, e nel cadere si appoggiò “casualmente” sul mio ginocchio. Io non potei non accorgermi del fatto ma chissà perche’ non ritrassi il ginocchio. Ricordo solo che il cuore cominciò a battere a 100000. La mano tornò ad appoggiarsi sul mio ginocchio, ma questa volta non accidentalmente perchè comincio a giochicchiare col dito sulla mia gamba, toccandola, sfiorandola e accarezzandola in modo sempre più deciso ed audace. Ricordo ancora come, la mia reazione fu di agevolare le “carezze” e avvicinai il mio ginocchio allo schienale della fila di fronte, cosicchè la mano comincio’ ad esplorare la mia gamba sempre più in alto fino ad arrivare alla patta. Avevo il membro di cemento e non chiedeva altro che essere liberato, ma io non avevo il coraggio di muovermi e non sapevo veramente che fare. All’improvviso la mano si retrasse e vidi le due ombre confabulare. Dopo qualche secondo si alzarono entrambi ed individuai che dovevano necessariamente essere una coppia etero, poichè la figura più bassa portava una minigonna. Non so ancora quanti anni avessero i due ma dal passo agile di lei e dalla loro figura longilinea capii che erano abbastanza giovani. Quando si alzarono ebbi l’impressione di aver perso un’occasione e mi maledissi per non essere stato più deciso nel fargli capire che mi piaceva. In realtà dopo essere usciti dalla fila di sedie, la lei di coppia venne a sedersi proprio accanto a me, mentre lui sparì dietro le mie spalle. Una volta seduta, lei si adoperò immediatamente per toccarmi la patta. Mi slaccio la cerniera, cercò il mio membro e subito dopo partì con lo slacciarmi la cintura. A me sembrava un sogno. Il cuore pulsava a dismisura, le guance erano incandescenti e non capii più nulla. Agevolai l’operazione e in un battibaleno mi trovai con i calzoni e gli slip alle caviglie, le gambe aperte e la sua bocca che mi succhiava. Insomma, il paradiso!!! Le immagini del film, i gemiti delle attrici e degli attori, l’atmosfera di un cinema al buio, la consapevolezza che qualcuno potesse vedere tutto, il profumo di lei, la sua chioma che mi copriva le parti intime e il suo saliscendi mentre mi succhiava, insomma tutto era fantastico. Quando lei si fece spazio tra le mie natiche e comiciò a titillarmi l’ano chiusi gli occhi e piegai la testa all’indietro dal piacere. Non era possibile, troppo bello per essere vero! Ad un tratto sentii qualcosa appoggiarsi sulla mia guancia. Era liscio, caldo e odorava di sesso. Scivolò sulla mia pelle, tra le guance e le labbra. Istintivamente socchiusi le labbra e estrassi la lingua e, non certo per caso, immediatamente il sesso di lui mi si appoggiò sopra. Lui non era sparito, si era semplicemente appostato dietro di noi due – in piedi – per godersi meglio lo spettacolo, e quando io piegai la testa indietro per il piacere lui interpretò il gesto come una ricerca del suo membro. La coincidenza non poteva essere per me più gradita , anche se, lo confesso, era la prima volta che toccavo un membro maschile. Lui si fece spazio tra le mie labbra e cominciò a entrarmi in bocca. Era grosso, liscio, profumato di sesso e mi riempì la bocca da subito. Lo afferrai con la mano destra torcendo un pò la testa ed iniziai a leccarlo, giocando con la punta della lingua sulla sua cappella turgida. Lo succhiai tutto, fin giù sulle palle. Non aveva peli. Lui mi fece capire che gli piaceva perchè con la mano guidò la mia testa in su ed in giù così da procurargli il massimo piacere. Io ero come drogato. Di sicuro ero in completa balia di questi due sconosciuti che stavano facendo di me quello che volevano. E a me piaceva come non mi era mai capitato prima. Non so quanto tempo passò, forse 10 secondi o forse 10 anni, ma io ero felicemente schiavo dei miei sensi e delle loro volontà. Ricordo ancora che feci appena in tempo di sentire il gemito di un attore che raggiungeva l’orgasmo che anch’io cominciai ad ansimare prima di esplodere. Il mio cazzo diventò improvvisamente d’acciaio e il ditino di lei nel frattempo si era fatto pieno spazio dentro di me. Godetti come non mai, mi mossi ritmicamente subendo gli spasmi del mio corpo e con l’uccello di lui in bocca emisi un gemito soffocato ma intenso. Estrassi l’uccello di lui dalla mia bocca per respirare tenedolo comunque in mano e lo sentii pulsare stranamente. Subito dopo un fiotto caldo di sperma mi inondò le labbra socchiuse e le guance e anche il corpo di lui fu preso dagli spasmi del piacere. Non ebbi l’istinto di allontanarmi, ma continuai a leccare quel suo membro turgido e pieno di sperma. Il gusto salato del suo seme mi ubriaco’. Immediatamente dopo sentìì la bocca di lei allontanarsi dal mio cazzo ed emettere un gemito di piacere. Anche lei stava avendo un orgasmo. E che orgasmo!! Aprii gli occhi e scoprii che mentre io venivo preso da lui e da lei contemporaneamente, un’altro sconosciuto era sopraggiunto e aveva cominciato a chiavarsi la lei, sollevandole la gonna e approfittando della sua posizione alla pecorina. Insomma il gioco, che io pensavo all’inizio fosse solo tra me e lei, si era presto esteso a 4 persone, ognuno che approfittava a modo suo della situazione. Ma la cosa esaltante fu che tutti raggiungemmo l’orgasmo contemporaneamente.

I tre sconosciuti si ricomposero subito e si allontanarono senza proferir parola , mentre io rimasi li, fermo, con i calzoni calati e lo sperma in viso per un pò. Non riuscivo a riprendermi. Alla fine anch’io mi risistemai alla meglio e uscii dal cinema. Non avevo mai avuto un rapporto con una sconosciuta prima di quel giorno ma soprattutto non avevo mai toccato un membro maschile fino a quel momento. Da allora non disdico qualche rapporto con maschi anche se, devo ammettere, sono molto selettivo e comunque preferisco le donne. Tante volte ho sognato quella sera, ma non ho mai avuto un’altra occasione così. Ancora oggi mi chiedo se non sia stato solo un sogno.





giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Marc741 Invia un messaggio
Postato in data: 12/09/2014 23:47:05
Giudizio personale:
Complimenti scritto bene coinvolgente e eccitante....molte volte mi e successo di fare del sesso al cinema...ma mai con una donna

Autore: Cp_fusion Invia un messaggio
Postato in data: 01/08/2012 18:06:43
Giudizio personale:
complimenti ben scritto

Autore: Cp_fusion Invia un messaggio
Postato in data: 01/08/2012 18:06:03
Giudizio personale:
complimenti ben scritto

Autore: Lore71 Invia un messaggio
Postato in data: 21/02/2008 16:59:52
Giudizio personale:


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sexy party
Coppa trofeo per il migliore oro
Coppa trofeo per il migliore oro
Coppa a forma di pene color oro su piedistallo ner...
[Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Body pelle uomo nero
Body pelle uomo nero
Imbracatura in cuoio per lui con anelli in acciaio...
[Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Maglietta bondage nero
Maglietta bondage nero
Canotta in cotone di ottima qualita con cinturini ...
[Scheda Prodotto]