i racconti erotici di desiderya

Stanza 407

Autore: MarcoBullperLei
Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 0
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Esattamente come nel racconto precedente, e lo sarà in tutti i successivi, utilizzerò nomi di fantasia perché le mie storie, anche se riadattate al fine letterario, sono tutte realmente accadute. Ma ogni riferimento ad altri fatti e ad altre persone sarà puramente casuale.

STANZA 407

“Luca ci aveva detto che Simona, sua moglie, non avrebbe mai capito le sue fantasie e assecondato le sue voglie”.

Conoscemmo Luca in un pub della capitale.

Quella sera io e Daniele eravamo li per caso.

Seduti al nostro tavolo, sorseggiavamo del buon rum, quando una donna, seduta di fronte a noi in compagnia del marito, scambiava sguardi con entrambi. Poi si alzò dal tavolo per andare in bagno e fece un sorriso a Daniele, il quale la seguì e la possedette per una decina di minuti all'interno della toilette. Poi entrambi tornarono ai loro posti e lei, con un sorriso nuovo, baciò il marito andando via.

Luca si gustò tutta la scena. Poi si avvicinò al tavolo e ci chiese il permesso di accomodarsi. Lo accogliemmo tranquillamente.

Si presentò a noi, un uomo sui 40 neanche compiuti, alto e affascinante, di buona corporatura e molto educato ed abile nel parlare. Sapeva il fatto suo e ci fu subito simpatico.

Ci disse di aver osservato tutto e ci chiese se ciò fu un caso fortuito o era frutto di organizzazione. Risposi io, Marco. Gli dissi che di solito le cose, per farle ben riuscire, le organizziamo. Ma che questa volta era venuta da se, come una schiarita in inverno o un oasi nel deserto. Rimase senza parole per un paio di minuti poi si sbottonò arrivando al punto.

Ordinammo altro rum. Non siamo grandi bevitori, ma quella sera il rum fu compagno e unico testimone delle parole di Luca.

Ci disse di aver fantasticato sul fatto di voler vedere la moglie posseduta da altri.

Le aveva detto spesso questa cosa mentre facevano sesso ma lei è sempre stata restia e gli rispondeva di piantarla. Ma un giorno, ad una festa di compleanno, una loro amica confidò a Luca che in realtà Simona, quando erano tra amiche e parlavano di sesso, parlava della cosa come una sua fantasia erotica, ridendo del fatto che il marito, Luca, ne parlava spesso, ma convinta che non avrebbe mai avuto il coraggio di metterla alla prova.

Luca ci chiese consiglio.

Gli dicemmo che Simona si vergognava di aprirsi con lui ma che sicuramente lo avrebbe fatto, solamente che ad alcune donne non piace programmare.

Ovvero se dovesse capitare … bene, se debbono organizzare la cosa si stressano e pensano a mille cose, dando poco spazio al vero piacere.

Luca ci disse che la settimana seguente sarebbero stati in un Hotel pontino per un meeting dell’azienda per cui lavora, che avrebbe portato con se la moglie, come tutti i colleghi, e che avrebbero preso una stanza vista la distanza rispetto a casa e l’ora tarda che sicuramente si sarebbe fatta trattandosi di una riunione con cena compresa.

Gli demmo piena disponibilità e organizzammo la cosa.

Arrivò quel giorno, Sabato.

Io e Daniele prenotammo nello stesso Hotel una stanza per due, cenammo in un locale limitrofo e poi tornammo a sederci al bar dell’ Hotel in attesa che Luca si facesse vivo.

Arrivò intorno alle 23:00, ci comunicò il numero della stanza, 407, e ci disse di salire al 4 piano, andare in camera e chiudere la porta. Aveva lasciato la porta socchiusa per farci entrare. Lui sarebbe arrivato con la moglie intorno alle 23:30.

Entrammo in camera e seguimmo il piano alla lettera.

Ci denudammo completamente e ci rinfrescammo viso, mani e giocattolo, nascondendo i vestiti in una sacca nell’armadio a muro.

Mettemmo una benda e un lettore mp3 con cuffiette sul comodino di fianco a un paio di manette felpate rosa.

Lasciammo accesa solo la lampada del bagno con la porta aperta a far luce sulla stanza.

Subito dopo ci mettemmo dietro le tende, che, fatte in velluto rosso e pesanti, nascondevano completamente le nostre figure, mentre essendo raccolte ai lati della grande vetrata la luce della luna dava un’atmosfera molto romantica.

Luca e Simona non tardarono ad arrivare, sentivamo già schiamazzare dal corridoio.

La porta si apri in maniera alquanto brusca, entrarono entrambi ridendo a squarcia gola e divertiti, prima Luca e poi Simona.

Evidentemente Luca l’aveva fatta bere più del dovuto.

Non avevamo ancora visto Simona, se non in una foto sul telefonino di Luca la sera del pub.

Sbirciammo attraverso la tenda senza far rumore e senza farci notare.

Simona era molto bella di viso e molto sexy di corporatura, magra al punto giusto, vita stretta, ma con forme generose tra seno e sedere. Alta circa un metro e settanta. Una bella bambolina come si dice.

Mora con capello lungo e raccolto in una coda alta. Era vestita con un jeans chiaro e una camicetta bianca a manica corta. Stivaletto marroncino poco sopra la caviglia, un foulard al collo celestino e lunghi orecchini che luccicavano muovendosi ai pochi raggi di luce.

Simona gettò la borsa sul divanetto e andò di corsa in bagno per una doccia.

Luca venne vicino la tenda e ci chiese se eravamo pronti, demmo il nostro consenso con un gesto, poi andò anche lui in bagno, si infilò nella doccia con la moglie per poi tornare entrambi qualche minuto dopo in accappatoio.

Si sedettero ai piedi del letto e scambiarono due chiacchiere sulla serata.

Luca: “come stai? Ti è piaciuta la serata”

Simona: “bene grazie, ho bevuto un pochino ma sto bene. Si mi è piaciuta, anche se all’inizio mi sono un pò annoiata. Non conosco nessuno”

Luca: “dai che ora ci divertiamo, ho preparato una cosa”

Simona: “cosa?” (domandò a voce squillante e sorridendo)

Luca iniziò a baciarle la spalla destra scostando appena l’accappatoio, poi le mise una mano sulla coscia accarezzandola delicatamente.

Luca: “hai un buon profumo tesoro”

Simona: “si quello del vino che ho bevuto, ahahah”

Luca: “hai anche una pelle morbida questa sera” – Luca scostò ancora l’accappatoio e iniziò a baciarle il seno sinistro, poi con la mano arrivò all’interno delle gambe e le sfiorò il pube iniziando a massaggiarlo.

Simona iniziava a gemere alternando piccole risatine di piacere.

Luca si mise in ginocchio davanti a lei e allargatole le gambe iniziò a leccarla. Simona con le mani le teneva la testa e inarcava il collo all’indietro muovendo appena la coda dei suoi capelli.

Tolse le mani e apri completamente il suo accappatoio togliendolo e lasciandolo cadere sul letto alle sue spalle. Gli si impennarono i seni mentre si sosteneva con le braccia ponendole dietro di se. Era una quarta piena con i capezzoli già irti. Noi da dietro la tenda facevamo del tutto per intravederla senza farci vedere, avevamo già il cazzo in tiro.

All’improvviso mentre già stava godendo Luca si arrestò di colpo. E alzando la testa e guardandola in viso disse:

Luca: “voglio che indossi l’intimo che ti ho fatto portare”

Simona: “ma ho appena fatto la doccia e sono già nuda, dai, che senso ha?”

Luca: “voglio che lo indossi, ti ho detto che ho preparato una sorpresa”

Simona si diresse verso il bagno sbandando un pochino tra l’aver bevuto e l’aver già assaporato la sua lingua dopo aver preso una piccola borsetta dal trolley.

Luca si girò verso le tende dove noi davamo in silenzio segni di approvazione, la situazione era già calda e ci stavamo eccitando guardandoli.

Prese gli oggetti che avevamo preparato sul comodino e li mise sul letto e si risedette, Simona non tardò oltre ad uscire dal bagno.

Era molto sexy.

Usci dal bagno fermandosi sulla porta poggiata con il gomito e sovrapponendo le gambe l’una sull’altra.

Simona: “tadaaa, che ne pensi?”

Indossava un completino composto da reggiseno in pizzo e slip alla brasiliana, con una piccola fascia reggicalze che sostenevano delle fantastiche calze a rete, tutto in due diverse tonalità di lilla che andavano a sfumare.

Era fantastica.

Simona: “allora? che ne pensi?”

Luca: “sei bellissima e arrapante”

Simona: “io direi più che sembro una troia” – Guardando Luca negli occhi e sorridendo maliziosamente mordendosi le labbra e inarcando le sopracciglia.

Luca: “beh sei la mia troia allora?”

Simona: “si sono la tua troia” – avvicinandosi a lui con passo felpato e provocatorio.

Luca la avvinghiò da seduto, mentre lei era in piedi davanti a lui che lentamente scostava il suo accappatoio bianco.

Luca: “aspetta, è ora della sorpresa”

La scostò delicatamente e prese gli oggetti. Simona non li aveva ancora notati.

Prese in mano la benda e le disse: “ti voglio bendata”

Prese il lettore mp3 con le cuffiette e aggiunse: “ho preparato delle musiche rilassanti, senza la voce, solo rumori del mare e di tranquillità”

Poi mentre prese anche le manette fu stoppato da Simona che replicò: “e vuoi che venga ammanettata, immagino”

Luca: “esatto, sei una troia perspicace vedo”

Simona: “lo sai che sono una troia sveglia, anche se ho bevuto”

Luca: “mi lascerai fare vero?”

Simona: “certo, oggi sono una troia, trattami da troia porco”

Luca si alzò dal letto, la bendò per prima cosa, poi iniziò a baciarla sulle labbra. La girò di spalle e baciandole la schiena si abbassò su se stesso per metterle le manette, non strinse troppo ma Simona diede un sospiro di eccitazione quando le serrò i polsi.

Poi la inginocchiò e le mise le cuffiette e premette il PLAY.

Luca: “mi senti?”

Simona: “poco, ma ti sento”

Luca alzò il volume, lo alzò abbastanza da sentire lui stesso il suono di onde che si infrangevano contro gli scogli e il cantare di gabbiani. E aggiunse: “ora mi senti, troia?”

Simona non rispose.

Si poteva iniziare.

Simona era in ginocchio ai piedi del letto in silenzio, continuava a mordersi la bocca alternandola all’aprirla del tutto per poi richiuderla come in cerca di qualcosa. Le braccia unite e i polsi legati dietro di lei e il petto tirato in fuori e alto.

Luca ci fece cenno di uscire dal nostro nascondiglio.

Scostammo la tenda e uscimmo allo scoperto con il cazzo in mano completamente dritto e duro.

Luca tolse il suo accappatoio e lo getto a terra.

Si mise dietro Simona baciandole il collo e palpandole i seni. Simona continuava a gemere in silenzio. Poi prese le coppe del reggiseno e le tirò giù, mostrando un seno bellissimo a me che ero in piedi di fronte a lei. Luca si tolse facendogli intuire dal movimento della mano sulla spalla che si sarebbe posto davanti a lei che già aveva nel frattempo spalancato la bocca, e si sdraiò sul letto toccandosi il cazzo che nel frattempo era diventato duro dall’eccitazione.

Io le misi il pollice in bocca e le feci tirare fuori la lingua, Simona era a bocca aperta con la lingua completamente fuori, presi il mio cazzo per la base e lo passai sulla sua lingua. Passai il glande rosso e gonfio sulla sua lingua. Lo passai un paio di volte, poi ci passai l’asta, lei lo cercava e al contatto lo leccava. Avrebbe voluto prenderlo tutto in bocca, me lo fece capire più volte. Ma non volevo che si accorgesse che non era quello del marito, mettendolo dentro e facendola pompare se ne sarebbe sicuramente accorta. Allora mi scostai, venne Daniele, che fece la stessa cosa. Le fece solo leccare il cazzo per bene. Poi venne Luca, che le mise di colpo il cazzo in gola.

Simona inizio a pompare mentre io le tenevo la testa per la coda dei capelli.

Luca si scostò di nuovo ma perché stava per venire. Presi il mio cazzo e lo strusciai sui suoi seni, stessa cosa fece Daniele subito dopo.

Luca tornò a sdraiarsi sul letto.

Mi misi davanti a lei e le leccavo i capezzoli mentre Daniele le massaggiava la fica.

La tirai su, in piedi e la misi col petto poggiata sul letto.

Le sue gambe leggermente piegate dalla poca distanza del ventre dal pavimento mi davano accesso al suo culo meraviglioso.

Presi gli slip e li tirai giù, facendoli strusciare piu volte sul reggicalze. E li tolsi, gettandoli via.

Le allargai il sedere e iniziai a leccare entrambi i buchi che oramai erano fradici di umori.

Lei gemeva moltissimo e raggiunse un primo orgasmo.

Poi misi un preservativo e entrai dentro di lei, dal gemere passo al silenzio per qualche secondo, mentre io la pompavo delicatamente e a tempo costante. Le presi di nuovo la coda dei capelli e la tirai a me. Si inarcò moltissimo, facendo dondolare i seni ad ogni mia spinta e inizio di nuovo a godere, con sospiri sempre più veloci.

Luca era sdraiato di fronte a lei, l’avrebbe voluta baciare o toccare, ma gli facevo cenno che ancora non era ora.

Poi all’ennesima spinta, mentre il mio cazzo era tutto dentro di lei, mi tolsi delicatamente.

Era il turno di Daniele, cazzo in tiro e preservativo già messo. Daniele la prese nello stesso modo e iniziò a scoparla.

Simona tornò di nuovo nel silenzio di poco prima, sempre per qualche secondo, poi, alle pompate di Daniele, riprese a godere e a respirare più velocemente.

Dopo qualche minuto, che Daniele la scopava da dietro, Luca si segava soddisfatto e io tenevo in tiro il mio cazzo in piedi accanto a lei, Daniele tolse il suo cazzo, la girò e la rimise in ginocchio. Simona era di nuovo sul pavimento, con la bocca aperta, sudata in volto e cercava ancora il cazzo con la lingua.

Luca dietro di lei le tolse le manette e le gettò sul letto, si mise seduto ai piedi del letto e le mise il cazzo in bocca.

Simona con molta calma, sicuramente aveva le braccia indolenzite, tirò su il braccio destro e iniziò a segare e a succhiare il cazzo di Luca. Era ancora inginocchiata a terra e con l’altra mano, carezzava il letto alla sua sinistra, come in cerca di qualcosa. Capimmo che si era, giustamente, accorta della situazione. O forse stava ancora cercando di capire.

Luca le tolse le cuffiette, ma ci fece cenno di stare in silenzio.

Simona come ebbe le orecchie libere disse: “ma quanto sei duro questa sera?”

Luca: “perché me lo domandi?”

Simona: “non lo so, ma sei strano”

Luca: “non ti piace?” – mentre Simona continuava bendata a segarlo e a succhiarlo tra una frase e l’altra.

Simona: “moltissimo, non mi hai mai presa cosi”

Luca: “sei molto eccitata?”

Simona: “mmmm, certo che lo sono, sono una troia eccitata vero?” – disse mantenendo il cazzo in bocca

Luca: “certo che lo sei, una troia eccitata”

Simona: “dimmelo di nuovo”

Luca: “sei una troia eccitata che sicuramente vuole altro questa sera vero?”

Simona: “si, questa troia vuole altro questa sera” – e continuava a leccare l’asta di Luca come a verificare le differenze sentite precedentemente. D'altronde i nostri erano tre cazzi totalmente diversi e con odori e sapori diversi.

Luca: “e cosa? … dimmi cosa vuole di più questa troia? vuole altri cazzi? Non le basta quello del marito?”

Simona: “no non mi basta, voglio altri cazzi, altri uomini che mi scopino”

Luca: “ne vuoi altri? Altri cazzi duri a scoparti?”

Simona: “si, li voglio” – senza staccarsi dal cazzo di Luca.

Daniele si sedette pianpiano accanto a Luca, io mi misi dietro di lei chinato e le massaggiai il seno e la fica, che era fradicia.

Luca le prese la mano libera e la indirizzò sul cazzo di Daniele.

In un attimo Simona si ritrovò con due cazzi in mano e io che la palpavo e massaggiavo.

Si azzittì immediatamente, mentre le sue mani si fermarono anche se impugnava stretti i due membri, e disse: “Luca, cosa succede?”

Luca: “come cosa succede? Si stanno avverando le tue voglie … non ne volevi altri di cazzi duri per te?”

Simona non rispose, era ancora zitta e con le mani ferme, ma la sua fica si dimenava toccata dalla mia mano.

Poi in preda ad un fremito e ad un picco di godimento, procurato dalle mie mani, disse ad alta voce sospirando di piacere: “no, non voglio” ed iniziò a segare entrambi i cazzi che aveva in mano.

Luca: “come non vuoi? Stasera sei la mia troia e io ti ho portato i cazzi che mi hai chiesto”

Simona: “si, ma non voglio” - iniziando a succhiare il cazzo di Luca

Luca: “si, tutti per te sei la mia troia questa sera”

Simona iniziò ad alternarsi tra il cazzo di Luca e quello di Daniele anche con la bocca, io la tirai su dai fianchi e la scopai di nuovo.

Simona era chinata su di loro e lavorava alla grande, mentre io la pompavo sempre di più.

Ogni volta che si staccava da uno per andare al secondo ribadiva: “non voglio, non voglio” ma era eccitata e presa dalla situazione come non mai.

Mi tolsi, uscii da lei e mi misi seduto con Luca e Daniele, Simona succhiava Daniele, segava Luca e segava anche me.

Poi la prendemmo la sdraiammo sul letto. Luca la baciava in bocca, mentre Daniele la penetrava.

Luca: “ti piace Simona?”

Simona: “si mi piace” – con tono affannato

Luca: “ora proviamo una cosa nuova”

Simona: “si, cosa?” – sempre in affanno

Daniele la girò su un fianco mentre continuava ad essere dentro di lei, Luca la baciava in bocca e io mi misi dietro di lei.

Delicatamente, molto delicatamente, mentre il suo profumo saliva ai miei sensi, le poggiai il cazzo ancora duro dietro. Al contatto Simona cercò di spingermi via con la mano poggiata sulla mia coscia, ma più spingeva lei più entravo io.

Simona: “no, ti prego Luca, lì no”

Luca: “questa sera si, le troie lo fanno e te sei la mia troia, vero?”

Alla pressione del mio cazzo dentro di lei e a quella di Daniele davanti, Simona rispose: “si, si, le troie lo fanno e io sono la tua troia, si, si, lo voglio”

Iniziammo a pomparla in due a tempo. Ci alternavamo costantemente dentro di lei.

Simona era all’apice della goduria, si dimenava cercando di non fare uscire nessuno di noi.

Poi prese in mano il cazzo di Luca e lo portò alla bocca.

La scena era stupenda, Simona aveva due uomini dentro di lei e succhiava il marito. Lasciandolo uscire dalla bocca solo per prendere aria, respirare e godere a gran voce.

Venne un’altra volta e disse “basta, non ce la faccio più”.

Daniele rispose: “come non ce la fai più? Davvero? Ci dobbiamo fermare?”

Al “fermare” io spinsi più velocemente e lei rispose “si, no, no … continuate, continuate”

Continuammo a scoparla ancora. Poi mi tolsi e usci da lei anche Daniele.

Simona si girò a pancia sotto sul letto intenta, a gomiti puntati, a succhiare Luca.

Luca le disse: “vuoi togliere la benda?”

Simona: “no, non la toglierò finche non saremo soli, io e te”

Daniele si mise sopra di lei e disse: “ne vuoi ancora?”

Simona: “certo che ne voglio ancora, sono una troia mai sazia, tanto troia quanto mio marito cornuto”

A quelle parole Daniele le diede un piccolo schiaffo sul sedere, io le presi la testa e la spinsi sul cazzo di Luca che era ancora più duro a quel linguaggio.

Daniele: “ora allora godi e fallo cornuto, dai”

Marco: “sei un cornuto Luca, stiamo fottendo tua moglie davanti a te”

Simona: “si fottete la moglie troia del cornuto dai” – soffocata dal cazzo di Luca e piena dietro da quello di Daniele.

Quelle parole furono l’apice della serata, Luca le venne in bocca subito, la riempi e lei mandò giù tutto.

Daniele la prese, la rimise in ginocchio ed entrambi le godemmo sulla benda, bagnando completamente il suo viso, che tracciando linee verticali precise con le guance scese sul suo seno bagnando anche i capezzoli e le calze.

Simona ripulì per bene i nostri giocattoli, poi sospirò pesantemente. Si gettò sul letto a pancia in su e gambe larghe dicendo: “buona notte ragazzi”

Luca ci fece cenno col capo di andare, prendemmo la nostra sacca dei panni, ci rivestimmo di corsa e, uscendo dalla porta facendo silenzio, sentimmo Simona dire: “cornutone?! fatti lasciare il numero di telefono perché se dovessi tornare troia ti servirà”

Luca: “vuoi che prima ti tolgo la benda?”

Simona: “no, anzi … comprane altre perché di certo non la lavo”

Sorridemmo e uscendo dicemmo: “grazie e buona notte”

Ancora oggi, li sentiamo e giochiamo tutti e quattro….. Simona, negli incontri, non ha mai tolto la benda … nemmeno una volta.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI



Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Sex toys
X factor nero
Oltre a mantenere a lungo lerezione questo anello ...
Prezzo: € 21.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Tenga egg assortimento
Rivoluzionari masturbatori realizzati da Tenga ogn...
Prezzo:77.40 73.53
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Maglietta bondage nero
Canotta in cotone di ottima qualita con cinturini ...
Prezzo: € 79.95
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Soft wave vibratore viola
Voglia di ondate di orgasmoVivete il piacere piu i...
Prezzo: € 16.99
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sexy party
Tette gonfiabili celibato 53cm
Tette esplosive gonfiale fino al raggiungimento de...
Prezzo: € 16.90
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Manette peluche love cuffs nero
Manette in metallo rivestite con soffice peluche c...
Prezzo: € 19.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Completo con corpetto nero
Corpetto ultra resistente con sei stecche per lato...
Prezzo:72.59 58.07
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Mini stimolatore a tubo blu
Copia esatta di una vagina color carne portatile r...
Prezzo: € 22.95
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Perizoma farfalla rosso
Particolare tanga a forma di farfalla con strass e...
Prezzo: € 14.16
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Bacchetta di canna rattan nero
Bacchetta in legno ricavata dalla canna rattan mol...
Prezzo: € 23.96
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Guepiere rose nero
Guepiere che sottolinea la silhouette reggiseno co...
Prezzo: € 49.50
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Palline cinesi argento
Palline cinesi con laccetto in cotone vendute in u...
Prezzo: € 10.99
[Leggi Scheda Prodotto]