i racconti erotici di desiderya

Secondo seguito a "ecco come fu...


Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Secondo seguito a “Ecco come fù…”

Scoprirono, così, che se stimolato nella maniera giusta e, soprattutto, se baciato da una lingua che cercasse in profondità la mia venivo erotizzato al massimo e potevo godere in continuazione, ancor più se giustamente stimolato a livello anale.

Dopo essersi presi una mezz’ora di pausa per recuperare un po’ di fiato e dissetarsi un po’, facendomi bere un Whisky & Saure, ricominciarono ad accarezzarmi e Leo iniziò a baciarmi profondamente, sì che ero di nuovo tutto un fremito anche perché, nel frattempo, Nino mi stava leccando il culo e con tre dita piene di una crema emolliente ed antidolorifica mi stava allargando nuovamente e più di prima il culo, quasi volesse entrarci con tutto il braccio. Il bacio di Leo era di una sensualità pazzesca, profondo, invadente, possessivo e, ad un certo punto, si staccò dalla mia bocca per dirmi: “ Adesso ti farò provare qualcosa che non dimenticherai mai”!!

Venne sopra di me, in ginocchio tra le mie gambe, e guardandomi negli occhi rialzò le mie gambe, tenendole sotto i ginocchi, le posizionò sulle sue spalle e, piano piano, posizionò il suo membro tra le mie gambe cercando l’anello del mio buco del culo. Piano piano lo trovò e vi indirizzò il suo cazzo che, centimetro dopo centimetro, prese possesso del mio sfintere, il tutto facilitato dalle operazioni di allargamento e lubrificazione fatte precedentemente dal Nino il quale, nel frattempo, si godeva la scena masturbandosi lentamente. Devo dire che in tutti questi frangenti, sia Nino che Leo erano stati attenti a non forzare la cosa, a cercare di penetrarmi con molta cautela. Evidentemente, con l’esperienza che avevano, avevano capito che se avessi provato dolore mi sarei contratto ed il tutto sarebbe diventato difficile.

Una volta entrato (e lo era completamente, in quella posizione) Leo si fermò, limitandosi a muoversi a destra e sinistra per allargare ulteriormente il mio muscolo anale. Un po’ alla volta il mio culo si abituò all'intrusione ed il mio sfintere iniziò ad avere delle contrazioni che fecero la felicità di Leo, che iniziò a borbottare: “ Siii… così… succhiamelo tutto…. Ancora….” E incominciò a muoversi, dentro di me, lentamente, un centimetro alla volta, sino ad arrivare quasi a sfilarlo del tutto, per poi rinfilarmelo tutto completamente e ricominciare d’accapo lo stesso movimento.

Dopo un po’ inizio ad accelerare il movimento, ma nel contempo riuscì a piegarsi a tal punto, mentre continuava ad incularmi, da riuscire a prendere in bocca il mio cazzo, che non era al massimo del suo splendore, ed iniziare a farmi un pompino con i fiocchi. Sarà stato perché non mi sarei mai aspettato una cosa del genere ma il mio alter ego ebbe una tale impennata da passare immediatamente ad uno stadio di massima eccitazione, tanto che in poche slinguate sentì che Leo, eccitato dalla mia reazione, era pronto a riempirmi il culo di sborra e ciò non fece altro che accelerare i miei tempi e riempire, ancora una volta, la bocca di Leo di sborra, che inghiottii con piacere, scaricando, nel contempo, tutta la sua nel mio culo. Davanti a tale risultato Nino, che nel frattempo aveva continuato a masturbarsi guardandoci, godette schizzandomi sul volto. Eravamo esausti, al massimo della libidine.

Guardammo l’orologio: erano passate quasi quattro ore da quando avevo suonato il campanello. Decidemmo che era ora di salutarci. Ci mettemmo sotto la doccia e, dopo esserci rivestiti, nel salutarci mi misero in mano due pacchetti di sigarette e… diecimila lire. Andai via felice, anche se il culo, nonostante tutte le pomate che avevano usato, mi bruciava un po’.

(continua)



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Bobo45sex Invia un messaggio
Postato in data: 13/05/2017 01:22:25
Giudizio personale:
mmm, giovanissimo ma profondamente troia... e come racconti bene...


Sono un/una:
Cerco un/una: