i racconti erotici di desiderya

La festa di laurea

Autore: Birdhot
Giudizio: -
Letture: 0
Commenti: 0
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Era la sera della festa di laurea di una nostra amica, serata iniziata tranquilla e finita alla grande.... Tutto come al solito è iniziato per casa, senza che nessuno dei due cercasse l'altro.

Eravamo in auto e stavamo rientrando dalla festa e io e il mio amico eravamo seduti dietro, io al lato destro, lui al centro e un altro amico alla sinistra. Il tempo di mettere in moto e il mio amico inizia a sonnecchiare e dato che per rientrare a casa dovevamo fare un percorso con molte curve, inizia a dondolare a destra e sinistra. Sarà stata la strada mista all'alcool bevuto e alla stanchezza, inizio a sonnecchiare anch'io e senza accorgermene per tenermi la mia mano finisce sotto il culo del mio amico e d'istinto inizio a carezzare le sue natiche; all'inizio lui niente, poi all'improvviso, mette il giubbotto sulle sue e sulle mie gambe, e la sua mano inizia ad accarezzarmi il cazzo. A quel punto ho capito che la serata sarebbe iniziata da li a poco e cosi cerco di infilargli la mano dentro il pantalone per poter toccare meglio. Lui si allarga un pò la cinta per permettermi di infilare la mano e così faccio e tra una toccate e l'altra infilo il medio nel buco e cerco di stuzzicarlo e stimolarlo il più possibile; sento lo sfintere che si apre e si chiude e il mio cazzo sembrava esplodere.

Arriviamo in paese e scendiamo dalla macchina, salutiamo e chiedo se vuole accompagnato a casa e lui risponde di si. Nemmeno ci siamo guardati che già sapevamo la strada da fare e ci dirigiamo in un appartamento che abbiamo affittato per trovare un pò d'intimità.

Mentre guido si fionda sull'uccello e inizia a succhiare, leccare e tastarmi le palle fino a farmi venire e lui ingoia tutto e continua a succhiare senza sosta.....

Finalmente arriviamo e appena entrati e nonostante ero venuto non meno di 10 minuti prima, il mio cazzo era in tiro. Il tempo di spogliarci e siamo già sul letto e inizia a succhiarlo ma stavolta con calma, lo inghiotte tutto e poi lo lecca e ripete questa cosa non so quante volte, e io ad ogni affondo impazzivo e lui mi guardava e sorrideva.

Ad un certo punto bussano alla porta: io salto e lui con calma mi dice di stare tranquillo, era una sorpresa e va ad aprire e dopo qualche secondo entra con il nostro amico Said, un ragazzo del marocco conosciuto all'università. Io li per li rimango ma con lui oramai avevo imparato a non esitare più quando un altro ragazzo entrava in quell'appartamento. Ci salutiamo e mi dice che la situazione in auto lo aveva eccitato e una semplice scopata non gli sarebbe bastata cosi ha mandato un messaggio a Said per fare una cosa a tre.

E che devo dire, Said si è spogliato e lui si è fiondato sul suo cazzo e dopo un minuto ho visto un palo di 22 cm grosso e lucido e mentre lo succhia mi fa segno di scoparlo e io inizio a leccargli il culo e inizio a penetrare quel buco che oramai non aspettava altro che questo. Lo scopo per un dieci minuti quando si gira e piazza il suo culo davanti la cappella gocciolante di Said mentre la sua bocca ingoia il mio cazzo: appena la cappella entra vedo i suoi occhi che si spalancano ma continua a succhiare e inizia lui a muoversi avanti e indietro e in pochissimo tempo l'intero cazzo era nel suo culo.

Si va avanti per una buona oretta, a scambiarci di posizione e mentre sbocchina il marocchino e io lo scopo veniamo insieme io nel culo e lui in bocca: io avrò sborrato non so quanta sborra nel culo ma pure Said ne avrà buttata tanta in gola......finita la scopata siamo sdraiati tutti e tre sul letto e lui ci chiede se lo vogliamo sborrare addosso e sul viso e mentre parla le sue mani sono sui nostri cazzi, ancora unti di sperma e abilmente a colpi di mano prima e di lingua poi eccoci di nuovo pronti; e cosi ce lo riscopiamo di nuovo e stavolta la doppia venuta è tutta per il suo viso e per la sua bocca.

Da quella sera, con Said abbiamo iniziato una bella esperienza che è durata per quasi dieci anni, fino a quando non è dovuto trasferirsi per lavoro.



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI



Sono un/una:
Cerco un/una: