i racconti erotici di desiderya

La cena

Autore: Salentocarpediem
Giudizio: -
Letture: 0
Commenti: 0
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Questo è il resoconto di una serata organizzata e trascorsa in un locale

sul lago maggiore, in prov. di Novara. Avevo conosciuto Lory e Alex,

per ovvie ragioni nomi di fantasia, attraverso un'amica comune, con la

quale avevo imparato a conoscere il mondo degli scambisti. Lory e Alex

erano soliti frequentare questo locale, dove, con la complicità del

proprietario, organizzavano le loro serate, in una saletta riservata.

Dopo qualche incontro avuto presso la loro abitazione e quando il nostro

rapporto ha assunto i connotati della reciproca fiducia, un giorno Alex mi

telefona e mi dice che stava organizzando qualcosa di molto speciale e che a

Lory avrebbe fatto piacere la mia presenza. Naturalmente non potevo che

accettare ben sapendo che la serata avrebbe preso la piega da tutti voluta:

sesso e divertimento allo stato puro. Alex mi dà appuntamento presso la

trattoria XXXXXXXXXXX in un paesino che si affaccia sul lago. Tra me e me

ho pensato: una bella cenetta e poi si va da qualche parte a divertirsi.

Arrivo puntuale all'appuntamento e trovo fuori ad aspettarmi Lory e Alex e

dopo i saluti e i convenevoli di rito Lory mi dice di aver organizzato qualcosa

di molto speciale, si aspettava l'arrivo di un'altra coppia loro amica e che io

non conoscevo. Bene il tempo di gustare un aperitivo in terrazza quando

arriva la coppia. Immediatamente ho pensato che quella coppia, invitata

da Lory, non praticava lo scambio. Una coppia bella in tutto, lei Giusy di

una bellezza mozzafiato, un corpo da favola e due occhi che sprizzavano

simpatia a 360°, lui Roberto un bell'uomo sulla quarantina molto elegante.

Lory provvede a presentarci dopodichè ci avviamo in una saletta molto intima

con moquette blu e apparecchiata con classe con tante candele sistemate

in vari punti della saletta che davano un'atmosfera molto particolare e

sotto certi aspetti misteriosa. Lory da brava padrona di casa aveva pensato

anche alla sistemazione dei posti: lei in mezzo tra me e Roberto e Giusy tra

Roberto e Alex. Il cameriere a noi dedicato ha iniziato a servirci le prime

portate di antipasti e la discussione tra di noi è partita dalla curiosità di

Giusy e Roberto di sapere qualcosa di me. La situazione non era per niente

imbarazzante, tutt'altro, e mentre parlavo la mano di Lory ha iniziato a

sfiorarmi da sotto il tavolo. In quel momento ho capito che quella location

era per quella sera la meta del nostro divertimento e la consapevolezza che

Giusy e Roberto non fossero li solo per cenare l'ho avuta quando Lory ha

detto al cameriere di aspettare con le altre portate perchè nel frattempo

aveva iniziato a toccare anche Roberto. Era l'inizio delle danze, perchè Giusy

ha spostato la sedia ha aperto le gambe concedendo alla mano di Alex di

iniziare a frugarla dappertutto. Lory ha fatto alzare me e Roberto e

inginocchiandosi tra di noi ha iniziato a lavorarci di bocca come lei sa ben fare.

Giusy non le era da meno e aveva iniziato a spompinare Alex. Mi sembrava

un sogno, non tanto per Lory che già conoscevo, quanto per Giusy vederla

era uno spettacolo per gli occhi. Poi si sono scambiati i ruoli con la differenza

che Giusy ci ha messo tutti e tre in mezzo, e avidamente a turno succhiava

con maestria, Lory le si è piazzata sotto tra le gambe ed ha iniziato a leccarla

tutta, i gemiti di piacere di Giusy facevano il paio con i nostri. Oramai era

una festa senza freni. Facevo molta fatica a controllarmi per non venire.

A un certo punto Lory e Giusy si sono affiancate supine e porgendoci tutte

quelle grazie ci hanno invitati a scoparle, mentre loro si baciavano con passione

prima e succhiando il cazzo a turno poi. Ma stava per arrivare il momento che più

desideravo, Giusy mi ha invitato a sdraiarmi per terra e mettendosi a

cavalcioni se lo è infilato tutto dentro muovendosi come per sentirlo tutto

ancheggiando e spingendo. La posizione era invitante anche per il secondo

buco e Alex non si è fatto di certo pregare per infilarglielo. Era uno spettacolo!

Roberto nel frattempo si stava inculando Lory che gemeva come non mai.

Siamo andati avanti fino a che non ce l'abbiamo più fatta a trattenerci e

rivolgendo i nostri cazzi verso le signore le abbiamo inondate ed hanno

continuato a succhiare fino a spremerci. Dopo esserci rimessi a posto abbiamo

continuato con la cena consapevoli che da li a poco sarebbe iniziato un altro

round. Round che è difatti iniziato anche con la presenza del proprietario

del locale e che è andato avanti fino alle 4 del mattino. Fortunatamente il

giorno dopo era di sabato, quindi niente lavoro, ma che serata ragazzi.


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI



Sono un/una:
Cerco un/una: