i racconti erotici di desiderya

Il maritino

Autore: Piccolapestebdsm
Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 2
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
Tra i tanti che mi avevano contattato dopo l’inserzione di quell’annuncio ben poche risposte riuscivano a interessarmi veramente; era un annuncio molto esplicito, che lasciava ben poco alla fantasia dei maschietti, oppure che la accendeva vivacemente. Certamente non mi ero posta tabù nello scrivere. Avevo ben esplicitato di avere una grande voglia di cazzo e che avevo una grande voglia di essere trattata da troia quale sono.

Mi arrivarono email su email contatti messenger a non finire ma nessuno che riuscisse ad attirare la mia attenzione; un giorno percorrendo senza speranza le nuove email che mi erano arrivate incappai in una mail ben scritta, molto intrigante. Non cadeva nel volgare ma riusciva a farmi eccitare per bene. Mi scriveva un Marco di 37 anni, componente di varie gang bang e si proponeva per farmi passare delle ore indimenticabili con lui e i suoi amici. Insieme alla mail aveva allegato un paio di foto non molto nitide che tralasciavano vedere un po’ poco del viso quindi la mia curiosità verso quest’uomo aumentava notevolmente. Risposi alla mail allegando il mio indirizzo msn chiedendogli se ci si poteva sentire velocemente li per una conoscenza preventiva…

Nella prima conversazione in msn venni a sapere che Marco era sposato, come d’altronde tutti i suoi amici che formavano le gang… gli dissi che per principio cerco sempre di non andare con uomini sposati, non mi fa sentire a posto con me stessa e con le povere mogli a casa ad aspettarli. Detto ciò sembrava quasi che la conoscenza si dovesse fermare a quella conversazione; il giorno dopo, invece, mi riscrisse in msn come se niente fosse.. parlando del più e del meno mi disse che a lui colpiva molto la voce di una persona, in quanto trasmette passione o indifferenza, e con questa scusa mi chiese il numero di cellulare. “Testa dura” pensai tra me e me, “appena 24 ore prima gli avevo ben spiegato le mie ragioni sul non andare con uomini sposati e adesso mi chiede il cellulare”.. nonostante i miei ideali scrissi nella finestra di conversazione il numero del mio cellulare come fosse un’azione naturale dare il proprio recapito telefonico ad un perfetto sconosciuto che sai perfettamente che l’unico suo interesse è quello di scoparti come una troietta in calore.

Risposi al cellulare con sicurezza senza tradire la lieve emozione che provavo nel parlare con questa persona sconosciuta molto + grande di me, tra l’altro sposata; aveva una bella voce, calma, calda che seppe tranquillizzarmi subito e iniziammo una bella conversazione prima parlando del più e del meno fino ad arrivare argomenti un po’ più piccanti.. Volle rileggere il mio annuncio al telefono con me commentandolo in ogni sua parte e facendomi i complimenti per le foto esplicite che avevo inserito: questo mi fece imbarazzare da morire, quasi mi vergognavo di aver pubblicato un annuncio così diretto e deciso.



Mi chiese se avevo già fatto incontri, cosa mi piaceva fare e mi spiegò un po’ come funzionavano le gang bang non avendone mai fatta una ed essendo molto curiosa di provare. Senza accorgermene iniziai a bagnarmi sentendo la sua voce calda e le sue parole molto eccitanti; mi chiese se volevo provare a prendere in bocca due cazzi insieme se mai ci fosse stata occasione di fare una gang con lui e i suoi amici.. gli spiegai che era difficile per me prenderne due, avendo la bocca molto piccola, addirittura a volte con membri molto grandi faccio fatica anche con uno. Appreso ciò iniziò a dirmi che avrebbe voluto sentire la mia bocca piccola intorno al suo cazzo per vedere di cosa ero capace, che gli piacevano molto le mie grosse tette e avrebbe voluto giocarci e sborrarci sopra ; non riuscivo a dire una parola ero eccitatissima, il mio corpo non rispondeva più alla mia volontà e senza nemmeno che me ne accorgessi mi ritrovai con un dito che mi stuzzicava il clitoride. Un gemito mi uscì dalla bocca quando sentì quanti umori mi avevano impiastricciato gli slip; Marco mi chiese se mi stavo toccando ma mi sentivo troppo in imbarazzo per ammetterlo e negai smettendo di masturbarmi per timore che mi scappassero altri mugolii. La telefonata durò almeno 40 minuti nei quali mi chiese le mie preferenze sessuali e mi disse quello che mi avrebbe fatto, tutte cose molto eccitanti ed intriganti. Mi salutò dicendo che era arrivato a casa dalla moglie e che ci saremmo sentiti il giorno successivo raccomandandosi la sera stessa di masturbarmi pensando a lui e a come mi avrebbe fatto godere. Appena finita la telefonata riportai la mano nei pantaloni per sentire in che stato era la mia fighetta: era fradicia, penso di non essere mai stata così bagnata, le dita entravano e uscivano senza alcun ostacolo, potevo inserire un dito dietro l’altro senza problemi e dopo 30 secondi esplosi in un orgasmo che mi scosse dalla testa ai piedi. Quella notte non riuscì a prendere sonno prima delle 3 di notte.. nella mia cameretta da brava ragazza mi scopai con il mio vibratore, compagno di tante notti, comprato insieme al mio ex ragazzo per movimentare i nostri rapporti sessuali e fondamentale per sopportare le lunghe astinenze della vita da single.

Il giorno seguente durante le lezioni in università ricevetti un sms di Marco che mi chiedeva se avevo passato bene la notte e se mi ero divertita; gli dissi che mi ero data parecchio da fare con “l’amico di gomma” e mi chiese se in settimana ci si poteva incontrare per conoscerci… non facendo mai incontri da sola cercai di temporeggiare rispondendogli che il mio amico che di solito mi accompagna agli incontri era impegnato tutta la settimana e quindi sarebbe stato difficile vedersi e che gli avrei saputo dire per la settimana successiva. Passarono così due giorni relativamente tranquilli, niente telefonate pochi sms presa dagli impegni di università, palestra e studio.

Il mercoledì sera verso le 7 e mezza di sera, mentre correvo in palestra in ritardo per il corso mi arrivò un sms; presi il cellulare in mano e distrattamente mentre guidavo lessi: “ciao Giulietta come stai? Sto andando a cena dalle tue parti e dovrei terminare per le 22.30. sei curiosa di vedere come sono fatto? ma giusto 5 minuti”. Un brivido. “E adesso che gli rispondo?!? Se inizio ad inventare scuse penserà che non sono convinta di fare questi giochi, ma incontrarlo da sola così tardi, non sarà rischioso?” Ero quasi tentata di non rispondergli di far finta di non aver ricevuto l’sms o rispondergli troppo tardi per mettersi d’accordo su un eventuale incontro.. ma la voglia di conoscerlo era veramente tanta! Misi questa decisione nelle mani del destino e gli risposi: “Io adesso sto andando in palestra e uscirò per le 22, 22 e mezza se riesci a passare per quell’ora si può fare.. più tardi è difficile.” Le cene di solito non finiscono mai per l’ora prestabilita, pensavo tra me e me, quindi sarà difficile che riesca a tornare per quell’ora.

Passai tutto il tempo della palestra a fantasticare su come sarebbe avvenuto l’eventuale incontro, la cosa mi eccitava e spaventava allo stesso momento. Tenevo il cellulare costantemente sotto controllo per paura di perdermi un suo sms o una chiamata che mi diceva che si era liberato.

Verso le 22 e 10 decisi che era arrivato il momento di andare a farsi la doccia anche se avevo saltato qualche esercizio.. ci avrei messo una mezzoretta a prepararmi e non volevo fare troppo tardi. Se era vero che per le 22.30 sarebbe ripassato per la mia città sarei stata pronta in tempo se avesse tardato voleva dire che non era destino che ci incontrassimo; non sapevo nemmeno io cosa desiderare. Nello spogliatoio femminile ero rimasta solamente io, mi spogliai mi avvolsi nell’asciugamano e mi diressi verso le docce: mi lavai accuratamente i lunghi capelli mori, shampoo e poi balsamo per poi passare al lavarmi il corpo. Mi soffermai a massaggiare e a lavare bene la fighetta che non era interamente depilata ma iniziava a vedersi la ricrescita: arrivavo direttamente dall’università e non avevo con me nemmeno una lametta per radermi quei piccoli peli che iniziavano a crescere. Dopo tutto in quella giornata non mi aspettavo certo di dovermi porre questo problema. Mi tranquillizzai pensando che lui stesso aveva detto che si sarebbero trattati di 5 minuti e quindi non ci sarebbe stato il tempo di fare nulla se non vedersi in viso e chiacchierare un po’ a quattr’occhi. Finii di risciacquare il bagno schiuma e stetti un altro minuto sotto l’acqua a riposare la testa che mi scoppiava a furia di farmi paranoie su questo incontro.

Uscii dalla doccia e mi sbrigai ad asciugarmi e vestirmi per il freddo terribile che c’era; mi dispiacqui del fatto che sarei andata all’appuntamento vestita in modo del tutto normale come ero andata vestita in università: un paio di pantaloni neri, camicetta bianca e impermeabile rosso con una collana a forma di fiore attorno al collo e degli orecchini abbinati. Una volta vestita iniziai ad asciugarmi i capelli con il phon messi a disposizione dalla palestra: mentre presi in mano il phon constatai che erano già le 10.20. “Non ci vediamo più” pensai “è tardi ormai.. se non si è fatto sentire fino ad adesso, dubito che riesca a sganciarsi ed essere qui entro 10 minuti”. Iniziai con calma a passare il phon sui capelli mentre mi fissavo allo specchio e non sapevo se essere dispiaciuta o contenta di ciò; quando non ero nemmeno a metà dell’opera mi arrivò un sms .. era lui.. “tra 5 minuti sono li”. Oh mamma! E quindi ce l’ha fatta ad arrivare in tempo! Guardavo inebetita il cellulare mentre continuavo ad asciugarmi i capelli quando lui decise di chiamarmi per farsi spiegare dove potersi incontrare. Cercai di fare mente locale su dove potersi incontrare in un posto comodo per entrambi da raggiungere; l’unica cosa che mi venne in mente fu il parcheggio di un centro commerciale a pochi minuti dalla mia palestra e vicino all’uscita dell’autostrada. Prima di riattaccare ci dicemmo il tipo di macchina che avevamo per riconoscerci + facilmente e ci salutammo.

Finii di pettinarmi alla bene e meglio, lasciandomi i capelli ancora umidi, mi misi l’impermeabile presi la sacca della palestra e uscii. Salita in macchina mi diedi dell’idiota.. ma proprio in un posto così isolato dovevo dargli appuntamento?!? E se poi succedeva qualcosa, che facevo? Ormai la frittata era fatta, non avevo che da andare all’appuntamento e sperare di trovare una persona per bene. Nel tragitto senti la mia fighetta che si stava bagnando copiosamente, quella situazione mi intrigava terribilmente.

Quando arrivai al parcheggio del centro commerciale cercai la sua macchina con lo sguardo, passai di fianco ad un’auto del tipo che mi aveva descritto e vidi dentro un uomo seduto al posto del guidatore col motore spento. Mi affiancai e spensi il motore sperando di aver imbroccato l’auto giusta: quando mi vide scese subito dalla sua macchina e si diresse verso la mia.. ero così agitata che non riuscì nemmeno a guardare fuori dal finestrino per vedere la fisionomia del suo volto, mi attardai a spegnere la radio e mettere via il cellulare che avevo buttato sul sedile del passeggero. Aprì la portiera e Marco era li in piedi ad aspettarmi, scesi e con un sorriso mi disse “Ciao Giulietta” dandomi due baci sulle guance; le mie paure scemarono anche se la tensione rimase molto alta. Era un bell’uomo, dimostrava meno anni della sua età, poco + alto di me , capelli scuri e pizzetto. Cominciammo a parlare e lui abbassò lo sguardo verso la scollatura della camicetta e commentò “bel fiore..” riferendosi al ciondolo che avevo intorno al collo. “Si il fiore va a guardare lui..” pensavo… si avvicinava sempre di più e io iniziavo ad agitarmi.. “ma non dovevano essere solo 5 minuti? Solo una conoscenza veloce?” Indietreggiavo sempre di più, fino ad appoggiarmi alla portiera della mia automobile più indietro non potevo andare.. ora era così vicino che potevo sentire distintamente il suo profumo; era inebriante mi stava stregando da tanto era buono, scherzando gli dissi che adesso che ci eravamo conosciuti potevamo andare a casa e lui mi chiese “abiti da sola?”. “E no, magari” risposi io e mentre indagava su chi abitasse con me mi appoggiò le sue labbra sul collo, in mezzo ai miei capelli ancora umidi.. mi paralizzai.. ero un lago, eccitatissima da quel profumo e quelle labbra a me sconosciute; iniziò a baciarmi il collo per poi risalire a mordicchiarmi l’orecchio e un gemito mi uscì dalla bocca. Mi prese la testa tra le mani e mi diede un bacio appassionato che esprimeva tutta la voglia che aveva di possedermi quella sera, in quel momento; lui un uomo di 37 anni sposato e io una ragazzina vogliosa di cazzo di 22. Sentivo il suo membro che cresceva nei pantaloni e che strusciava su di me per farmi capire tutta la voglia che aveva di scoparmi.

Smise di baciarmi e mi disse di salire sulla sua auto per cercare un posto più tranquillo. Nemmeno il tempo di uscire dal parcheggio del centro commerciale che sentii le sue mani che si appoggiarono sul mio seno, iniziavano a slacciare i bottoni della camicetta e cominciò a palparli e stuzzicarli; mi diceva quanto gli piacevano le tette così grandi che avrei potuto farci di tutto con quelle. Trovammo una stradina che entrava per campi e finimmo in una zona industriale; si fermò in un parcheggio a quell’ora di sera non avremmo avuto scocciatori. Appena spenta la macchina si avvicinò e mi baciò di nuovo mentre continuava a giocare con i miei seni; dopo di che scese con le sue labbra e iniziò a baciarli e mordicchiarli, io ero in estasi non capivo più niente.

Intanto si slacciò i pantaloni e tirò fuori il suo membro: era lungo una ventina di centimetri, non molto grosso ma mi piaceva molto! Era già bello duro quindi si fece ammirare in tutta la sua bellezza. Appena si abbassò i pantaloni e boxer mi disse “fammi vedere la tua boccuccia piccola cosa sa fare”; fu come un interruttore che si accese in me.. mi abbassai verso il suo cazzo e lo presi in bocca tutto d’un colpo, aveva un ottimo sapore e presi subito il ritmo giusto per succhiarglielo a dovere. Gli prendevo tutta l’asta fino in gola per poi farla uscire dalla mia bocca e leccargli la cappella; avendo la bocca piccola mi si stanca in fretta ma nessuno si è mai lamentato dei miei pompini, anzi.. mentre ero piegata su di lui a fargli questo servizietto mi introdusse una mano nei pantaloni andando subito a giocare con lo sfintere.. mi irrigidii molto quando sentii le sue dita che cercavano di farsi spazio nel culo. Il sesso anale mi piace ma era da parecchio che non lo praticavo e riabituarsi è sempre un po’ dura. Mi fece alzare dal suo cazzo, mi diede un bacio e mi fece notare che ero troppo vestita. Velocemente mi sfilai l’impermeabile, la camicetta già mezza slacciata e i pantaloni: nel togliermi gli slip mi resi conto che ero davvero molto bagnata tantè che avevo paura di rovinare i sedili in pelle della macchina. Ma non feci in tempo nemmeno a pensarlo che mi ritrovai di nuovo il cazzo di M. in bocca mentre lui ora mi toccava la fighetta fradicia senza dire nulla.. si inumidiva le dita per poi spostarsi verso l’ano e penetrarlo leggermente; quando introdusse tutto un dito mi sollevai dal suo cazzo lanciando un gemito di dolore misto a piacere e lui mi disse “lo so che ti piace, non ti sto facendo male” a queste parole mi bagnai ancora di più e riniziai a succhiargli il cazzo con più foga di prima, e lui mi disse che voleva scoparmi e incularmi ma che avrei dovuto sedermi su di lui perché non c’erano altre posizioni alternative avendo nella macchina una gran confusione.

Tirò il sedile indietro il più possibile e io lo scavalcai e mi sedetti su di lui.. gli presi il cazzo in mano e Marco mi invitò a infilarmelo dentro da sola; non me lo feci ripetere due volte e me lo infilai in figa tutto, fino alle palle e iniziai a cavalcarlo. Mi bloccò quasi subito dicendomi che se lo scopavo così sarebbe venuto subito, mi fermai e mi strinsi a lui con le braccia intorno alle sue spalle.. sentiva che ero impaziente, avevo il respiro affannato e una voglia di godere incredibile. Mi tranquillizzò dicendomi che quando passava la prima fase “critica” poi durava per ore avrei solo dovuto avere un po’ di pazienza per pochi minuti e poi avrei potuto fare ciò che volevo; a quelle parole inconsciamente riniziai a strusciarmi sul suo cazzo ancora tutto dentro di me e lui mi sussurrò in un orecchio “secondo me appena inizi a muoverti sborri!” era vero! Mi sono bastati due colpi ben assestati di cazzo che sono esplosa in un orgasmo furibondo.. ma ne volevo ancora! Ero in astinenza da più di un mese e avevo un porco sposato di 37 anni che mi stava scopando come una troia e avevo tutta intenzione di godermela fino in fondo quella scopata.

Ancora scossa dal primo orgasmo Marco mi prese per i fianchi invitandomi a cavalcarlo di nuovo dandomi il ritmo, mi disse che voleva anche incularmi in quella posizione, mi bagnai ancora di più riversando tutti i miei umori sul suo cazzo. Marco capì che sentirmi dire queste porcate mi eccitava da matti e iniziò a dirmi cose oscene, chiedendomi se volevo altri cazzi o se avrei voluto(sapendo delle mie tendenze bsx) che da fuori la macchina una ragazza si mettesse a massaggiarmi i seni mentre lui mi scopava. Ero in estasi sapevo solo dire “si,si” ad ogni domanda mentre continuavo a scoparmi quel cazzo divino; mi disse che ero una troia, senza nemmeno rendermene conto mi ritrovai a dirgli “si, sono una troia, mi piace il tuo cazzo”. Non nascondo che non è una novità, non era la prima volta che mi davano e mi davo della troia mentre mi si scopava, ma con uno sconosciuto che conoscevo da un quarto d’ora non mi era mai successo ad arrivare a certi limiti, avevo perso completamente ogni freno inibitorio!

Di li a poco mi ritrovai a raggiungere un secondo e un terzo orgasmo… mi chiese se lo volevo sentire anche nel culo ma il terzo orgasmo mi aveva sfinita e il dolore alle gambe per la posizione scomoda iniziava a farsi sentire. Mi disse di non preoccuparmi e di tornare pure a sedermi sul sedile del passeggero se non riuscivo più a stare seduta su di lui, così a malincuore mi sfilai quello stupendo cazzo che mi aveva fatto godere per ben tre volte e tornai a sedermi sul sedile del passeggero. Mi passò delle salviette per pulirmi onde evitare di sporcar tutto visto la notevole quantità di umori che avevo perso. Ero davvero sfinita e non riuscivo nemmeno a tenere gli occhi aperti a causa anche dell’ora tarda che s’era fatta. Marco mi si avvicinò e baciandomi mi chiese se avevo voglia di assaggiare il suo sperma; a quella domanda riacquistai le mie energie e mi buttai a capofitto sul suo cazzo per ricevere il prezioso nettare. Mentre succhiavo mi disse che voleva schizzarmi in bocca si prese il cazzo in mano, e smettendo di spompinare, accostai la mia bocca spalancata alla sua cappella in attesa dei fiotti di densa e calda sborra che non tardarano arrivare.. un grido di piacere lacerò il silenzio che si era creato da quando avevo smesso di cavalcarlo e dopo il primo schizzo ce ne fu un secondo e poi un terzo.. deglutì tutto e presi in bocca il suo cazzo per non perderne nemmeno un goccio e ripulirlo per bene. Nel frattempo i suoi spasmi si stavano calmando e il suo membro ancora nella mia bocca iniziava a perdere di consistenza.

Restammo nudi e sudati ancora per qualche minuto poi con calma iniziammo a rivestirci.. ormai erano le 23.20 era passata quasi un’ora da quando c’eravamo visti nel parcheggio; “alla faccia dei 5 minuti” pensai.

Ci incamminammo verso il parcheggio del centro commerciale dove avevo lasciato la mia macchina con la promessa che mi sarei fatta sentire per un incontro insieme al mio amico ed eventualmente ad un incontro con i suoi amici che compongono la gang ai quali, mi ha detto, aveva già accennato di me. Un bacio frugale prima di scendere dall’auto con la consapevolezza che questo era solo l’inizio di un gioco molto piacevole!


giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: La Sposa Invia un messaggio
Postato in data: 13/09/2014 16:05:25
Giudizio personale:
... mi ricorda qualcosa...

Autore: Nespolino61 Invia un messaggio
Postato in data: 01/09/2014 12:42:03
Giudizio personale:
Bellissimo......


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Coadiuvanti
Sex gel lunga durata 110ml
Gel lubrificante con perle blu alla vitamina E. In...
Prezzo: € 14.90
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Coadiuvanti
Deodorante riduzione peli 50ml
Riduce la crescita dei peli fino al 75% Basta semp...
Prezzo:14.16 11.33
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Romantic charmer
Vibratore realistico di medie dimensioni in materi...
Prezzo: € 31.86
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Lelo lily ricaricabile rosa
Lily e il perfetto minivibro dedicato a tutte le d...
Prezzo: € 109.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
One night in bangkok
Copiata dalla natura Imitazione reale di una vagin...
Prezzo:52.82 52.82
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Coniglio vibrante trasparente
Anello vibrante in silicone.La particolarita e il ...
Prezzo: € 16.63
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Le reve mini g stimolatore fucsia
Risveglia i tuoi sensi con Le Reve Mini G il celes...
Prezzo: € 39.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Smile pearl vibrator bunny rosa
Questo oggetto del piacere si avvita con la sua te...
Prezzo: € 62.98
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Polsiere nero
Coppia di polsiere imbottite a fascia larga unite ...
Prezzo: € 16.50
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Boxer coulotte ricamata nero pizzo
Pants da uomo elasticizzato e ricamato in pizzo co...
Prezzo: € 21.00
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Lacey vagina e ano
Vagina ed ano vibranti afro americani e non a caso...
Prezzo: € 70.62
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Abito bretelline nero lucido
Per una serata elegante questo e quello che ci vuo...
Prezzo: € 66.35
[Leggi Scheda Prodotto]