i racconti erotici di desiderya

Così nacque alessia trav


Giudizio:
Letture: 0
Commenti: 1
Dimensione dei caratteri: [+] - [ - ]
Cambia lo sfondo
“Questa storia reale vi racconta come iniziai questo percorso di vita e di come sono stato sverginato provando delle sensazioni mai provate prima”.

Da un po’ di tempo avevo iniziato a masturbarmi eccitandomi con una candela nel culetto in modo da provare più piacere in quell’atto solitario.

La lubrificavo prima con la crema per pelli sensibili e poi la facevo scivolare lentamente dentro premendo sull’interno del mio intestino.

La candela con il calore prodotto del culetto iniziava a deformarsi leggermente arcuandosi e adattandosi dentro di me provocandomi delle sensazioni indescrivibili.

Spingevo sempre più in fondo e schizzavo nel momento cruciale tirandola tutta fuori di colpo.

Dopo un po’ però le voglie aumentavano cercando qualcosa di vero e anche di grosso dato che le dimensioni delle candele erano quelle normali.

Leggendo in giro per i siti mi attiravano i trans con quelle loro verghe penzolanti pensando che con loro avrei potuto assaggiare la femminilità di una donna ma con qualcosa di eccezionale e cioè il loro cazzo.

Deciso su questo ne scelsi una molto attraente e con un arnese degno di essere provato.

Certo, ero vergine in quel senso, e avevo un po’ di timore dato che per la prima volta mi sarei trovato davanti ad una creatura meravigliosa e che mi avrebbe sverginato dietro.

Contattata al telefono mi ritrovo davanti alla sua abitazione e, suonato il citofono e preso l’ascensore, arrivato al pianerottolo intravedo già la porta socchiusa e una voce che mi invita ad entrare.

Appena dentro mi ritrovo una donna bellissima e statuaria: capelli neri lunghi lisci, due occhi neri e le labbra con un rossetto di colore porpora.

Pensavo che forse avevo sbagliato annuncio e davanti a me c’era una donna vera.

Anche il fisico che aveva mi lasciava senza fiato: una quarta di seno, un culo da favola e due gambe slanciate avvolte da calze velate nere con reggicalze e un perizoma sempre nero di pizzo che gli entrava nel solco delle natiche.

Io ero titubante e senza dirmi altro si avvicina prendendomi per mano e mi inizia a baciare con quella bocca carnosa e dicendomi cosa volevo fare.

Tremolante rispondevo che volevo provare tutto e detto questo mi invita nella stanza da letto dicendomi di spogliarmi tutto.

Lei era davanti a me che mi guardava mentre mi spogliavo e solo allora, osservando meglio l’inguine di lei notai che aveva un pacco bello grosso ma comunque non riuscivo a capire come fosse fatta.

Ero già eccitato e lei sorridendo mi dice di sdraiarmi sul letto iniziando a spompinare il mio uccello dritto.

Con estrema naturalezza mi passa la mano dietro il culetto e inizia a toccarmi il buchetto e con un sorriso di sorpresa mi dice: “sei stretto dietro; mica sei vergine?”

Io annuendo e quasi vergognandomi le dissi che mi ero penetrato solo con qualche candelina o pennarello ma mai avevo provato qualcosa di vero.

A quel punto lei si tolse il perizoma mostrandomi quella bellezza tra le gambe e lasciandomi di stucco.

Un cazzo asinino ripiegato verso sotto e all’indietro si nascondeva tra le gambe di quella meravigliosa creatura facendomi esclamare con un sussulto.

I suoi occhi avevano cambiato espressione forse perché già assaporava la sua preda.

Non capita tutti i giorni scoparsi un ragazzo vergine e alle prime armi e io in quel momento ero ormai nel suo letto e sarei stato suo per tutto il tempo che voleva.

Non mi chiese nemmeno di prenderlo in bocca ma mi tirò per i fianchi con forza facendomi assumere una pecorina sfacciata e sempre tirandomi mi posiziono sul bordo del letto.

Era già eccitata conoscendo la mia situazione e iniziando a masturbarsi, con le dita dell’altra mano fece scolare una crema fredda sul mio buchetto dicendomi che mi avrebbe facilitato la penetrazione.

Sentivo un dito che entrava ed usciva dentro di me; poi due dita che cercavano di allentare lo sfintere per poi sentirli strusciare ai bordi dello sfintere e sulle natiche appena fuori del buchetto.

Già mi dava un senso di fastidio le due dita e tra me e me pensavo che forse avevo fatto male a presentarmi in quella maniera.

Lei mi diceva di rilassarmi e lasciarmi andare a quel massaggio perché era un atto preparatorio prima della penetrazione e spingendomi con l’altra mano a piegare di più la schiena e quasi con la pancia sul letto.

Dopo un paio di minuti sentì che si alzava e mettendosi dietro puntava il suo cazzo tra le mie natiche.

Mi venne in mente in quel momento quando da piccolo facevo la puntura: tutto normale nel momento in cui ti massaggiavano la natica con batuffolo e alcol per farti rilassare ma dopo, quei pochi secondi dopo, sentivi l’ago pungerti.

Erano quei pochi secondi dopo quindi che aumentava il terrore e che ormai non potevi svincolarti ma eri pronto a subire.

Così lo stesso, ora, quando lei si alzò e dopo pochi secondi iniziai a sentire la cappella che faceva pressione sul mio buchetto; una pressione che aumentava e che allargava a dismisura quel muscolo come mai mi era successo.

Cercai involontariamente di buttarmi in basso con il culetto ma lei con forza sui miei fianchi mi risollevò su bloccando il mio corpo.

Un dolore dietro che faceva tremare le mie gambe ad ogni minimo movimento e urlando la pregavo di smettere e farsi indietro.

Non curante delle mie suppliche spingeva ancora di più, lentamente ma con continuità.

Iniziavo a gridare e a mordere le lenzuola piangendo e pregandola di fermarsi ma lei aveva cambiato atteggiamento e mi urlava che ero una troia in calore e che mai si sarebbe fermata davanti a un culetto vergine come il mio.

“Sei una troietta in calore; cagna; puttanella; vedi come ti faccio gridare con il mio cazzo troietta vergine; ti spacco il culo troia; ormai la cappella è entrata e già senti dolore vedi quando ti spacco tutto”.

Queste erano le parole che mi rivolgeva continuando a spingere e a tenermi fermo per i fianchi.

Ad un tratto un dolore acuto e un rumore sordo e lei affondò il cazzo dentro di me fino a metà scivolando e allargando a dismisura oltre che lo sfintere anche l’intestino.

Io gridavo e piangevo con le lacrime che mi arrivavano fino alla bocca e bagnando le lenzuola.

Per un paio di attimi, una volta spaccatomi il culetto, lei si fermò ma poi iniziò a stantuffarmi prima lentamente affondando ad ogni colpo il cazzo sempre più giù e tirandolo di colpo e velocemente verso fuori sentivo un risucchio delle budella verso fuori.

Sembrava che l’intestino venisse fuori ad ogni risucchio per poi spingere verso dentro fino allo stomaco.

Lo sentivo sulla pancia da fuori quel cazzo lungo e grosso e mi rovistava dentro come un mulinello.

Il calore aumentava per lo strofinio e avevo il culo in fiamme facendo tramutare il dolore in piacere e le grida, ad ogni colpo, erano diventate grida di piacere con mugolii sempre più evidenti.

“Visto troia? Ora ti piace il cazzo? Non mi credevi cagna? Ti sto spaccando il culo come nessuno lo aveva fatto. Cazzo non mi scopavo un culo vergine da una vita troietta che sei”; continuando a stantuffarmi e a stringermi le natiche e a tirami verso di lei.

Io non capivo più nulla ed ero come in estasi: il piacere aveva assalito il mio cervello e non sentivo nemmeno le parole e le frasi che mi diceva ma solamente un caldo dentro di me che saliva per tutto il mio corpo.

Iniziavo a tremare e a venire copiosamente sul quelle lenzuola sporcandomi la pancia e stringendo il culo.

Venni un’altra volta con tutti i muscoli del corpo allentati e senza forza dopo un quarto d’ora dopo e sempre con lei che usciva ed entrava dentro di me.

Ormai ero rotto e lei aveva cambiato modo di scoparmi: lo tirava tutto fuori per poi puntarlo sul buchetto e penetrandomi con un solo colpo fino alla base.

Lo sentivo scivolare dentro nella mia galleria per tutta la sua lunghezza; aumentava ritmo e forza facendomi sbattere la palle sotto il culo e io con le mani le toccavo e stringendogliele lo incitavo a venire.

Un ultimo possente colpo che mi ha tolto il fiato e spingendomi di fianco lo toglie dal culetto e tolto il preservativo inizia a menarlo davanti al mio viso.

Due menate e un liquido bianco e caldo mi colpisce la faccia e gli occhi e con la bocca aperta ne ricevo un paio dentro la gola che inghiotto avidamente.

Con naturalezza spalanco le labbra e ingoio quel cazzo asinino che allarga a dismisura la mia bocca assaporando le ultime gocce di sperma caldo e pungente.

Solo allora mi rendo conto delle misure di quel cazzo che mi ha sverginato e prendendolo con la mano e continuando ad ingoiarlo non riesco a stringerlo e a chiudere attorno le mie dita.

“Non avevo mai scopato un culetto vergine come il tuo troietta; ti è piaciuto e vedo che ti piace anche ciucciare il cazzo a quanto pare” carezzandomi il viso e spingendo quell’ammasso di carne ormai floscio dentro di me.

Io annuendo continuai in quella manovra per rilassarlo e dopo le dissi che mi era piaciuto da matti e che sarei tornato ancora magari indossando lingerie sexy per sentirmi più troia come lei desiderava.

Dietro mi sentivo allargato: ero rotto e la strada intrapresa mi avrebbe portato ad altre eccitanti avventure con lei o altre trans; anzi ne volevo due in contemporanea.

Quel giorno era nata Alessia



giudica questo racconto

Attenzione, solo gli utenti registrati su Desiderya.it possono esprimere giudizi sui racconti

Per registrarti adesso CLICCA QUI

Se sei un utente registrato devi autenticarti sul sito: CLICCA QUI


I vostri commenti su questo racconto
Autore: Ninetta69 Invia un messaggio
Postato in data: 09/07/2017 15:00:20
Giudizio personale:
La prima volta sono stata sverginata da un travestito ma on un cazzo enorme ed ho avuto difficoltà a sedermi x tre giorni


Dal Sexy Shop di Desiderya...
In: Bdsm
Slip nero latex
Slip dal design classico impreziosito dal material...
Prezzo: € 65.42
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
X-10 beads viola
Palline anali con diametro crescente per una maggi...
Prezzo: € 15.90
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Palline cinesi bianco
Palline cinesi con laccetto in cotone vendute in u...
Prezzo:9.99 9.99
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Mannequin man
Fotomodello si ma non se la tira e non passeggia p...
Prezzo: € 58.90
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Looping azzurro
Doppio anello vibrante diametro: 25 cm ca. flessib...
Prezzo: € 25.94
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Succhia clitoride vibrante viola
Clitoral Pump e uno stimolatore vibrante dalla for...
Prezzo: € 36.13
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Diva vagina
Concediti il piacere allo stato puro Diva e la rip...
Prezzo: € 50.61
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Maschera da gatta nero vinile
Stupenda maschera da gatta realizzata in vinile co...
Prezzo: € 16.45
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Maschera da gatta - catwoman nero
Accessorio intrigante per travestirsi da Catwoman ...
Prezzo: € 17.78
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Sex toys
Glitter big vibe verde
Potente vibratore in morbido jelly glitterato. E d...
Prezzo: € 36.80
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Abbigliamento
Men s jock glutei up nero rete
Slip uomo a rete sul davanti con effetto push up p...
Prezzo: € 16.05
[Leggi Scheda Prodotto]
In: Bdsm
Pantaloncini bondage nero
Pantaloncini con allacciatura a stringa sulle cosc...
Prezzo:67.18 57.10
[Leggi Scheda Prodotto]